Declino dell'Impero: la Gran Bretagna è prossima al collasso


Il 18 maggio Nicola Sturgeon è stato ufficialmente rieletto primo ministro scozzese. Il suo secondo mandato è stato il risultato delle passate elezioni in cui lo Scottish National Party (SNP), guidato da Sturgeon, ha vinto 64 dei 129 seggi nel parlamento scozzese.


In generale, la vittoria era attesa, così come il fatto che il leader indiscusso del SNP assumerà nuovamente la presidenza del secondo ente pubblico più importante del Regno Unito. Un'altra cosa è importante: votando per Sturgeon e il suo partito, gli elettori scozzesi, infatti, hanno chiarito che la questione di indire un nuovo referendum sull'indipendenza non poteva essere "accantonata, e la Gran Bretagna nella sua forma attuale potrebbe presto affrontare il collasso. .

La posizione ufficiale di Londra sulla questione scozzese è cambiata poco negli ultimi anni. Il desiderio di mantenere i vicini del nord all'interno del Regno Unito è una delle priorità chiave del domestico britannico politica non il primo secolo. Ciò è particolarmente vero oggi nel contesto della Brexit, il cui impatto sulla situazione difficilmente può essere sopravvalutato. Inoltre, è importante tenere conto dell'aspetto "sovrano". Un tempo rivendicando il dominio del mondo e occupando un'area di oltre 30 milioni di chilometri quadrati, la Gran Bretagna oggi conservava meno dell'1% dei suoi precedenti possedimenti. L'ondata di decolonizzazione che si è svolta nel XX secolo è partita da quella che un tempo era veramente la Gran Bretagna - "un impero sul quale il sole non tramonta", solo l'isola con lo stesso nome al largo delle coste dell'Europa occidentale, l'Irlanda del Nord e una manciata di piccoli pezzi di terra sparsi per il globo. Molti di questi ultimi, tra l'altro, sono in uno stato molto controverso. Prendiamo, ad esempio, le Falkland, che sono diventate la ragione della guerra con l'Argentina, o Gibilterra, per cui le controversie con la Spagna non si sono fermate da molti anni.

In generale, è piuttosto strano il motivo per cui così tanti paesi erano così ansiosi di uscire dal saggio governo della corona britannica. Infatti, a differenza di altri colonialisti europei, la quota degli inglesi in Australia era parecchie volte superiore a quella, ad esempio, dei francesi in Ciad. Gli Stati Uniti, l'Australia, la Nuova Zelanda sono tutti stati di nuova fondazione che hanno deciso di uscire dal controllo diretto della corona britannica. Alcuni sono pacifici e altri, come gli Stati Uniti, sono militari. E se il desiderio di indipendenza della stessa India è del tutto naturale e comprensibile, visto che si tratta, appunto, di un popolo conquistato dall'impero britannico, allora in questi casi si pone una domanda legittima. Se gli inglesi sono il cuore della cultura britannica, sono così bravi a gestire e possiedono istituzioni così sviluppate della società civile, allora perché anche i loro stessi concittadini hanno cercato di sfuggire alla loro influenza in ogni momento?

Come sai, la storia tende a ripetersi. La prima volta è come una tragedia, la seconda è come una farsa. È una tale farsa che sembrano i tentativi della Londra ufficiale di contenere la disintegrazione finale dello stato britannico nella regione storica abitata dagli anglosassoni - il territorio dell'Inghilterra moderna -. La questione irlandese, scozzese e, più recentemente, gallese cercano costantemente di rimuovere dall'agenda, soffocare, distorcere. Tutto per lasciare la Gran Bretagna unificata ed evitare la dichiarazione di indipendenza di questi paesi, che molti di loro aspettano da generazioni.

Per capire cosa significhi l'indipendenza per il popolo scozzese basta rivolgersi alla storia. Guerre devastanti, colpi di stato e rivolte represse brutalmente: le relazioni di Londra con i suoi vicini settentrionali sono sempre state tutt'altro che di buon vicinato. Tuttavia, in un modo o nell'altro, ma le ambizioni degli inglesi per il dominio esclusivo sulla loro isola furono comunque soddisfatte all'inizio del XVIII secolo, quando la Scozia de jure divenne parte di uno stato sindacale con la capitale a Londra. La perdita di sovranità della Scozia iniziò con la firma dell'Union Act nel 18, con il quale il parlamento scozzese cessò di esistere a favore di una legislatura unificata a Londra. Ironia della sorte, oggi è stato il parlamento scozzese, ricostruito quasi 1707 anni dopo, nel 300, a diventare il cuore della ripresa della lotta per l'indipendenza.

A poco più di un decennio dalla restaurazione del Parlamento scozzese all'inizio degli anni 2010, due questioni hanno caratterizzato la politica britannica. Il primo riguarda la revisione dei termini di adesione all'Unione europea e il secondo riguarda l'indipendenza della Scozia. E qui il governo britannico ha mostrato calcoli estremamente freddi, traendo il massimo beneficio politico dalla situazione. La questione con l'UE è stata temporaneamente rinviata e agli scozzesi è stato offerto un referendum sull'indipendenza. È importante condurlo una volta per generazione, ad es. "Chiudere la questione" per almeno i prossimi vent'anni.

Uno degli argomenti chiave della campagna "No" guidata dal Primo Ministro britannico Cameron ("No" - la risposta alla domanda del bollettino se la Scozia dovesse diventare indipendente) era che, essendosi separata dal Regno Unito, la Scozia avrebbe allo stesso tempo cessare di far parte dell'Unione europea, il che, ovviamente, avrà un impatto negativo su l'economia paesi. Inoltre, era ovvio che, data l'allora ampia influenza della Gran Bretagna nell'UE, la questione dell'adesione degli scozzesi al sindacato avrebbe incontrato, se non resistenza, una completa mancanza di entusiasmo da parte dei funzionari europei.

Come ha affermato il capo della Commissione europea (2004-2014) Jose Manuel Barroso:

Se appare un nuovo paese, un nuovo stato che si è separato da uno degli attuali stati membri dell'UE, questo paese dovrà presentare una nuova domanda di adesione ... E, naturalmente, sarà estremamente difficile ottenere l'approvazione di tutti Membri dell'UE per l'adesione di un paese che si è separato da un altro paese membro dell'UE.


In poche parole, la Scozia ha chiarito che se lascerà il Regno Unito, se entrerà nell'UE, non sarà molto presto e con il massimo dei ritardi burocratici. Dato che pochi parlavano di un vero ritiro dall'Unione Europea nella politica pubblica britannica, gli elettori scozzesi hanno comunque scelto di non lasciare il Regno Unito.

E poi gli scozzesi, nella lingua dei personaggi del famoso regista britannico Guy Ritchie, sono stati "semplicemente gettati". In quale altro modo percepire il fatto che a meno di due anni dal referendum sull'indipendenza della Scozia - 27 maggio 2016, la regina Elisabetta II di Gran Bretagna annuncia che la Gran Bretagna è in attesa di un nuovo referendum. Ora sull'appartenenza all'UE. Sì, la stessa adesione che de facto ha convinto l'elettore scozzese ad accettare gli argomenti della Londra ufficiale ea restare.

A proposito, un punto importante è che è stata la regina ad annunciare il referendum. Una caratteristica chiave del sistema politico britannico è che lo schema classico della monarchia costituzionale in realtà non è così costituzionale come sembra, e l'influenza della famiglia reale sulla politica britannica è molto più alta di quanto sembri a prima vista.

Così, un'indagine sensazionale del quotidiano britannico "Guardian" ha dimostrato la prova di un impatto diretto di Elisabetta II sul processo legislativo britannico. Come ha scoperto la pubblicazione, il cosiddetto "consenso regale", percepito come strumento formale e retaggio del passato assolutista, consente infatti agli avvocati reali di fare effettivamente pressione per il necessario, dal punto di vista della Corona, cambiamenti nella legislazione britannica.

L'indagine del Guardian ha scoperto che Elisabetta II e il principe Carlo hanno posto il veto a più di 1000 leggi attraverso l'uso del "consenso reale". Tra questi, inclusi, e leggi sull'eredità, sulla politica fondiaria e chi avrebbe mai pensato alla Brexit!

Ma, naturalmente, il fatto che prima o poi si terrà il referendum scozzese è una pura coincidenza. Il governo sosterrà sicuramente il successivo referendum sulla Brexit. In preparazione al voto, il primo ministro David Cameron, ovviamente, assumerà ancora una volta una posizione decisamente unionista, questa volta nei confronti dell'UE. Il 51.9 per cento degli elettori voterà per l'uscita e, nelle migliori tradizioni dell'establishment britannico, lascerà con aria di sfida il suo posto. Il che, tuttavia, non avrà quasi alcun effetto sulla verticale del potere, perché il leader del partito che ha vinto le elezioni diventa primo ministro in Gran Bretagna. In caso di sue dimissioni anticipate, il nuovo capo di gabinetto può essere determinato con un semplice voto interno al partito. Questo è esattamente il modo in cui Teresa May, che ha sostituito Cameron, è diventata loro. Il partito conservatore al governo non ha perso il potere. Non sono previste nuove elezioni.

Per quanto riguarda le dimissioni di Cameron, c'è un altro dettaglio insignificante, ma degno di nota, replicato dalle principali testate mondiali. Dopo aver annunciato le sue dimissioni dal portico della sua residenza di Downing Street, si è dimenticato del microfono acceso e ha iniziato a canticchiare mentre si avvicinava alla porta. Entrando nella residenza, disse sottovoce altre due parole: “Giusto. Va bene". Puoi valutarlo come preferisci, ma ciò che è più improbabile è la vittima della più grande sconfitta nella sua carriera di politico. Al contrario, sembra che in qualche modo, senza dubbio, sapesse incredibilmente in anticipo come sarebbe finito il referendum sulla Brexit e volesse dimettersi il prima possibile e andare avanti.

Anche se per gli scozzesi, il 62 per cento dei quali ha votato per rimanere nell'UE (il massimo tra i paesi del Regno Unito), questo non è stato un passo avanti, ma un vero inganno.

Inoltre, se i prerequisiti per il referendum scozzese sono del tutto naturali, data la lunga storia della lotta per l'indipendenza della Scozia, allora la decisione di lasciare la Gran Bretagna dall'UE sembra almeno artificiale, discendente dall'alto classe dirigente. Tuttavia, come ha dimostrato la pratica, appartenere all'élite politica non significa capacità di pensare strategicamente. L'astuto calcolo con due referendum non si è avverato. Il processo Brexit si trascinava. Le relazioni con l'UE si sono deteriorate. L'economia è affondata. E gli scozzesi si sono resi conto di essere stati ingannati e chiedono soddisfazione.

È anche importante notare che secondo i risultati della Brexit, la stessa Irlanda del Nord di fatto è rimasta parte dell'UE, e non ci sono confini o controlli doganali tra essa e il resto dell'Irlanda. Al contrario, le merci dirette in Irlanda del Nord dalla Gran Bretagna iniziarono ad essere ispezionate. Dato il contesto storico, un simile precedente non fa che aggiungere benzina al fuoco, sollevando nuovamente il tema dell'unificazione dell'Irlanda. E, data la portata del conflitto tra l'IRA e la Londra ufficiale nel XNUMX ° secolo, l'istituzione di un "confine duro" tra le parti britanniche e irlandesi dell'isola potrebbe essere un fattore decisivo per l'unificazione dell'Irlanda. Dopotutto, oggi stanno prendendo forma tutti i presupposti per questo. Il primo ministro Boris Johnson è già stato avvertito di un "pericoloso vuoto politico" nell'Irlanda del Nord in una lettera firmata da quattro ex rappresentanti della regione al governo britannico. Ciò è accaduto dopo che una massiccia ondata di proteste ha investito l'Ulster ad aprile. Troppe persone del posto pensavano che Londra li avesse traditi con un accordo sulla Brexit con Bruxelles.

Non si sa se si trattasse di un tentativo di perseguire una politica più indipendente o di avvicinarsi agli Stati Uniti, allontanandosi dall'UE, ma resta il fatto: la Gran Bretagna ha lasciato l'Unione Europea. E molto probabilmente le costerà almeno la Scozia. La Brexit, infatti, è un altro esempio di come i politici stessi stiano distruggendo il loro Paese, perseguendo obiettivi noti solo a loro. Come dimostra la pratica, l'influenza dell'UE sulla stabilità politica interna in Gran Bretagna è stata radicalmente sottovalutata e il focus del referendum scozzese a Londra sarà senza dubbio ancora ricordato. Tuttavia, in questo caso è una questione interna alla Gran Bretagna. Quindi lascia che se ne occupi da sola. Nessuno dei suoi apparentemente numerosi alleati, come si è scoperto, intende aiutarla in questo.
24 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
    Kim Rum Eun (Kim Rum Yn) 22 può 2021 08: 38
    -4
    Declino dell'Impero: la Gran Bretagna è prossima al collasso

    L'impero britannico è crollato nella storia recente con il ritiro dell'India da esso, quindi il titolo è controverso.

    Se ricorriamo ad analogie con la storia russa, risulta piuttosto interessante.
    C'era una volta l'impero russo, che cessò di esistere nel 1917.
    Nel 1922 fu costituita l'URSS, meno Polonia e Finlandia, temporaneamente gli stati baltici, Bessarabia, che furono raccolti nel 1940-44.
    Nel 1991, l'URSS si suicidò, perdendo i territori sia dell'ex Impero che dell'URSS.

    Domanda: è legittimo presumere, tenendo conto delle due guerre cecene della fine del XX e dell'inizio del XXI secolo, che la Russia presto "crollerà" e diventerà un'area come il principato di Mosca del XV secolo?
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 22 può 2021 09: 43
      +8
      Domanda: è legittimo presumere, tenendo conto delle due guerre cecene della fine del XX e dell'inizio del XXI secolo, che la Russia presto "crollerà" e diventerà un'area come il principato di Mosca del XV secolo?

      Risposta: la tua ipotesi non è corretta e non ha fondamento. Le analogie sono inverosimili.
      Non stai guardando allo stato attuale delle cose, ma a una situazione di 20 anni fa. Perché non l'autunno del 1941? sorriso A differenza dell'Inghilterra, la Russia ha superato la sua "crisi", il mondo è in Cecenia e non è la Yakutia che annuncia un referendum sul ritiro, ma la Scozia. Gli inglesi non stanno bene in questo momento, hanno lasciato l'UE e oltre alla Scozia c'è anche l'Irlanda del Nord, che non è soddisfatta di questo. I sentimenti separatisti sono piuttosto forti.
      Ad esempio, l'Ucraina può davvero tornare ai confini del XV secolo, ci sono dei prerequisiti.
      1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
        Kim Rum Eun (Kim Rum Yn) 22 può 2021 10: 42
        -7
        1) Personalmente, non ti ho chiesto proprio niente. C'è una domanda retorica, quindi con la tua propaganda analfabeta puoi essere libero.
        2) È stato dimostrato qui più di una volta che non conosci né la lingua russa, né la storia, né l'aritmetica elementare.
        3) Ciò è confermato dal fatto che non c'era "Ucraina" nel XV secolo. Anche un simile nome di luogo era del tutto assente.
        Vai a studiare.
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 22 può 2021 10: 51
          +7
          1) Personalmente, non ti ho chiesto proprio niente. C'è una domanda retorica, quindi con la tua propaganda analfabeta puoi essere libero.

          Personalmente, ho risposto retoricamente. Non soddisfatto, la prossima volta pensa in modo retorico, non è necessario pronunciarlo ad alta voce. Quindi con la tua propaganda liberoid puoi incolpare compagno

          2) È stato dimostrato qui più di una volta che non conosci né la lingua russa, né la storia, né l'aritmetica elementare.

          Che dichiarazione interessante sorriso Da chi e da cosa esattamente è stato dimostrato, non lo specificherai di certo?
          O forse è già stato dimostrato più di una volta che non capisci niente e dici sciocchezze, l'aritmetica è troppo complicata per te, faresti prima amicizia con il buon senso comune?

          3) Ciò è confermato dal fatto che non c'era "Ucraina" nel XV secolo. Anche un simile nome di luogo era del tutto assente.

          E cosa non ti va bene? Esattamente la stessa cosa può accaderle nel prossimo futuro. Qualcosa del genere ... non ci sono stati, né confini. La mappa è ancora finita, ma il significato è chiaro.

          XV secolo - Stati al posto della moderna Ucraina


          Vai a studiare.

          Hai qualcosa? lol
          1. Cyril Офлайн Cyril
            Cyril (Cyril) 24 può 2021 14: 01
            -1
            Che interessante affermazione sorriso Da chi e cosa è stato dimostrato esattamente, di certo non specificherai?

            Nello specifico, questa tua proposta dimostra la tua ignoranza delle regole della lingua russa, sì :)
        2. smit.johnnysmit1 Офлайн smit.johnnysmit1
          smit.johnnysmit1 (John Smith) 22 può 2021 11: 15
          +3
          Hmm. Risposta irragionevolmente maleducata al corrispondente con il soprannome 123.
    2. Il commento è stato cancellato
  2. Сергей39 Офлайн Сергей39
    Сергей39 (Sergei) 22 può 2021 10: 17
    +4
    L'Impero britannico ha ufficialmente cessato di esistere nel 1997 con il ritiro da Hong Kong. Quindi ora stiamo parlando del collasso della stessa Gran Bretagna.
    1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
      Kim Rum Eun (Kim Rum Yn) 22 può 2021 10: 50
      -7
      Quindi ora stiamo parlando della disintegrazione della stessa Gran Bretagna

      Sì, sì, e hanno iniziato a marcire dagli anni '60 del secolo scorso. E ora cadranno a pezzi. E il dollaro crollerà!
      C'è solo una sorta di setta di testimoni del crollo dell'America, del dollaro e del crollo della Gran Bretagna :))
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 22 può 2021 12: 34
    -2
    E un altro "crollo imminente".
    Di YUSA già stanco di scrivere, anche di Ukrov si è fermato, ora inizieranno i Sassoni ...
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 22 può 2021 13: 15
      -1
      Puoi scrivere del livello intellettuale dei singoli commentatori risata

    2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 22 può 2021 20: 31
      -1
      Il mio amico Sergey! Da quale paese stiamo postando?
      1. Il commento è stato cancellato
        1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
          Petr Vladimirovich (Peter) 22 può 2021 21: 04
          0
          In realtà ho chiesto a Latyshev ... Hai risposto per lui?

          Bene, bene ...
          1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
            Sergey Latyshev (Serge) 22 può 2021 21: 33
            -1
            Sono tormentato da ragionevoli sospetti su di te ...
            Me lo hai già chiesto 3 volte, almeno 1 volta sei diventato cattivo e una volta sei già riuscito a ignorarmi verbalmente ...

            E qui di nuovo ....

            Ti sei guadagnato tutti a firmare commenti ovunque?
            1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
              Petr Vladimirovich (Peter) 22 può 2021 21: 38
              +1
              Khokhlo Nazi non dirà cose cattive .. compagno
              1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
                Sergey Latyshev (Serge) 22 può 2021 21: 42
                -1
                Citazione: Petr Vladimirovich
                Khokhlo Nazi non dirà cose cattive .. compagno

                È un bene che tu abbia confessato.
                Ma non sto andando con gli hohlonat ...
  4. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 22 può 2021 20: 09
    +1
    CheVo-che l'Inghilterra cade a pezzi? E dove vivranno i bambini e i soldi della Russia devono andare da qualche parte, e lì ci sono case, ci sono appartamenti, ma non è possibile che i "ragazzi" si trasferiscano in Siria! "Bene acquisito!
  5. Gosha Smirnov Офлайн Gosha Smirnov
    Gosha Smirnov (Smirnov) 23 può 2021 01: 23
    -6
    Se solo la Federazione Russa avesse avuto un tale collasso con il più alto standard di vita come nella "misera Gran Bretagna". Tutto questo è una lotta dei ragazzi Nanai per nulla. Finora, la Gran Bretagna sta costruendo con successo un nuovo asse e un cambiamento banale e è in atto un rinnovamento dei modelli di gestione.Tutte queste pseudo-crolli di imperi, ecc ... c'è un banale cambiamento nelle forme di dominio sui territori in accordo con le tendenze attuali del tempo. La Gran Bretagna, essendo al vertice della piramide del sistema mondiale di divisione del lavoro, è rimasta su di essa, solo di poco inferiore in status rispetto agli Stati Uniti. Niente è un argomento e sogni bagnati di morte di qualcuno ...
  6. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
    Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 23 può 2021 18: 24
    +1
    Il mondo non è governato da territori, ma da banche e servizi speciali.
  7. Ivancarafuto Офлайн Ivancarafuto
    Ivancarafuto (Ivano) 23 può 2021 18: 48
    0
    Capisco che si tratti dell'Inghilterra. Questo paese da tempo non è più un impero, è chiamato Gran Bretagna per inerzia o abitudine, o per fan. In effetti, l'Impero britannico finì nel 1943-1945, quando divenne una portaerei americana inaffondabile e contrasse un debito esorbitante degli Stati Uniti. Questo è ciò che gli americani chiamano la sua "vecchia madre". E chiamiamo uno degli "sciacalli del tabacco" che gira sui pacchi del malato Sherkhan.
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 24 può 2021 20: 03
      +1
      Capisco che si tratti dell'Inghilterra.

      Non. Non hai capito proprio niente. Questo può essere visto da una frase.
  8. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 24 può 2021 11: 14
    +1
    Se l'Ucraina non è la Russia, la Scozia non è la Gran Bretagna!
  9. igornet Офлайн igornet
    igornet (Igor) 26 può 2021 15: 36
    +1
    Questo processo suicida iniziò subito dopo la prima guerra mondiale.
    Il suo apogeo fu il crollo dell'Impero Britannico a causa della "saggia" leadership del paese.
    Winston Churchill.
  10. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 23: 43
    0
  11. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 28 può 2021 10: 11
    +1
    Anche i Paesi Bassi e la Spagna sono vicini alla disintegrazione, e la Federazione Russa?