Lavrov ha dato delle definizioni al comportamento degli Stati Uniti e dei paesi baltici


Le azioni apertamente ostili degli Stati Uniti e dei paesi baltici nei confronti della Russia sollevano sempre più domande nella società russa. Il 21 maggio 2021, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, durante la maratona della Nuova Conoscenza, ha definito il comportamento russofobo di questi paesi.


Il ministro ha osservato che quando Lituania, Lettonia ed Estonia sono state trascinate nell'Unione Europea e nella NATO, i leader occidentali hanno spiegato a Mosca che la russofobia dei Baltici era collegata all '"occupazione" sovietica. L'Occidente ha promesso che non appena Vilnius, Riga e Tallinn si uniranno ai ranghi dell'Europa unita e degli euroatlantici, i loro complessi scompariranno da soli, si calmeranno, dopodiché arriverà la calma al confine della Federazione Russa.

Lavrov ha chiarito che durante l '"oppressione" gli stati baltici non solo sono riusciti a preservare le loro lingue, ma anche ad acquisire un grande potenziale industriale. Tuttavia, dopo la sua entrata nell'Alleanza e nell'UE, Lituania, Lettonia ed Estonia divennero i leader della minoranza russofoba. Ora chiedono più sanzioni contro la Russia e non si fermano all'isteria per l '"aggressione di Mosca", sperando nella protezione degli Stati Uniti. Il capo della diplomazia russa ha trovato un adeguato confronto per quanto sta accadendo.

Nel cortile, quando stavo crescendo, probabilmente anche adesso, non ci sono stato da molto tempo, i ragazzi sono usciti - alcuni sono più grandi, altri sono più piccoli, e c'era il più grande bullo. Sedeva lì, mordicchiando semi di girasole, fumando una sigaretta. E intorno a lui - come attaccare un pesce in uno squalo. E così corsero dal nuovo arrivato: "Dammi dieci copechi", e quando ricevettero una risposta negativa, il ragazzo principale uscì già, come se già assicurasse la sovranità del suo territorio

Ha detto.

Il diplomatico ha aggiunto che il periodo in cui Mosca perdonò tutto è passato. Secondo lui, "gopnik" e teppisti nei vicoli sono sempre stati e probabilmente lo saranno. Allo stesso tempo, il compito principale del governo russo è "non la pace e non un trattato", ma la difesa degli interessi dello stato e dei suoi abitanti. Ha sottolineato che il trattato è solo uno strumento che può essere esclusivamente uguale nei diritti. Il ministro ha riassunto che la Russia è un paese amante della pace, ma non porgerà l'altra guancia.

Vi ricordiamo che un mese prima, il presidente russo Vladimir Putin nel suo messaggio all'Assemblea federale della Federazione Russa suddettoche "I tabacchi si aggirano intorno a Sher Khan, che ulula, cercando di placare il proprietario."
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. SHVN Офлайн SHVN
    SHVN (Vyacheslav) 22 può 2021 22: 04
    0
    Se Lavrov era lo stesso nelle sue azioni come nelle parole ... Ma la Russia non aveva più le guance - tutti applaudivano.
    1. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 22 può 2021 22: 21
      0
      E la Russia non ha più guance - ecco tutto, b .... di, schiaffeggiato.

      L'anno scorso (2020) i principali porti della Lettonia - Riga, Ventspils e Liepaja - hanno perso un terzo del loro carico. La perdita del transito russo li spinge a cercare nuove fonti di guadagno. buono
      Secondo i risultati dello scorso anno, 23,7 milioni di tonnellate di merci sono state movimentate nel porto di Riga, 12,9 milioni di tonnellate a Ventspils e 6,6 milioni di tonnellate a Liepaja. Il transito dei porti lettoni è diminuito di quasi il 30%.

      PS E le nuove fonti sono stupide. richiesta
  2. Alexander Pankov Офлайн Alexander Pankov
    Alexander Pankov 24 può 2021 16: 37
    0
    Non importa come e cosa pensa la Russia. La russofobia si è sviluppata nel corso dei secoli ed è parte integrante della mentalità dei suoi vicini occidentali. Come può essere cambiato? Per diventare un'economia potente, inondarli di merci russe, creare tendenze culturali influenti, in breve, sedurli proprio come fecero gli yankee dopo la seconda guerra mondiale.