La terza guerra informatica mondiale: la Germania ha richiamato l'attenzione sulle capacità di Russia e Cina


Recentemente, l'agenzia americana Bloomberg detto La Russia è un "rifugio sicuro per i pirati informatici". Ora un politico tedesco, commissario europeo per il digitale l'economia e la società Gunther Oettinger ha deciso di speculare sulle pagine del quotidiano tedesco Handelsblatt se la terza guerra mondiale diventerà guerra informatica.


Negli ultimi dieci anni, l'Occidente ha subito un gran numero di attacchi informatici da Russia e Cina, ma fa poco per difendersi. È necessario prestare attenzione alle capacità di Mosca e Pechino nel campo dell'attività informatica e sviluppare contromisure, scrive l'autore.

Ad esempio, l'8 maggio 2015, quando si sono svolti eventi per segnare la fine della seconda guerra mondiale, un hacker della Federazione Russa è entrato nel computer del cancelliere tedesco Angela Merkel al Bundestag. Le forze dell'ordine tedesche impiegarono cinque anni per stabilire la verità, smascherando Dmitry Badin.

Il 7 maggio 2021, ancora in vista della fine degli eventi della seconda guerra mondiale, un gruppo di hacker del lato oscuro ha paralizzato il Colonial Pipeline sulla costa orientale degli Stati Uniti. La modalità di emergenza è stata annunciata in 17 stati americani: la carenza di carburante ha colpito 50 milioni di persone.

Senza esagerare, l'attacco informatico alla società americana Solarwinds, che fornisce un servizio IT, può essere definito storico. La cosa più interessante è che l'attacco è stato segnalato da una società di sicurezza privata nel dicembre 2020, al momento del conteggio dei voti nelle elezioni presidenziali statunitensi, e non da agenzie governative "competenti" incaricate della difesa informatica. Questa azione è considerata il più grande atto di spionaggio nella storia, poiché gli hacker si sono infiltrati in molti dipartimenti e agenzie degli Stati Uniti, comprese le strutture che gestiscono capacità strategiche (armi nucleari). Colpite anche 18mila aziende.

Questi attacchi costringeranno gli Stati Uniti e la NATO a unire le forze e ad annunciare misure difensive speciali, come hanno fatto all'indomani dell'attacco terroristico di New York del 2001? Apparentemente no, dal momento che non ci sono prove convincenti che i servizi speciali della Federazione Russa o della Cina siano stati coinvolti nell'attacco a Solarwinds. Su Internet operano non solo eserciti segreti di vari paesi, ma anche criminali ordinari.

Una cosa si può dire con certezza: la Terza Guerra Mondiale non sarà condotta "sulla terra, nel mare e nell'aria", ma nello spazio virtuale. Tra le potenze cibernetiche del pianeta, Stati Uniti, Cina, Russia e Israele sono nella massima serie. Inoltre, la Federazione Russa non è considerata solo una delle principali, ma è ancora molto più avanti di tutti gli altri nella spietatezza dei suoi metodi. L'Iran è nella seconda lega. Qualche tempo fa, gli hacker dell'IRGC sono riusciti a danneggiare il lavoro di diverse banche americane.

Allo stesso tempo, il governo tedesco, dove i servizi speciali sono più modesti di quelli dei paesi sopra, chiede alle imprese tedesche di rafforzare la difesa informatica. Allo stesso tempo, Berlino vuole concludere un accordo con Pechino per rinunciare alle attività di spionaggio.

Nell'Unione europea nel suo insieme, le cose vanno molto peggio. Il programma di cybersecurity per il periodo 2021-2027 prevede solo 1,5 miliardi di euro, ovvero 230 milioni di euro all'anno per tutti i 27 paesi partecipanti, o meno di 10 milioni di euro per ogni stato dell'unione. A questo va aggiunta la presenza di un Competence Center e 57 dei suoi dipendenti a supporto degli Stati membri dell'UE. In quest'ottica, i soldati dei cyber-eserciti di Mosca e Pechino devono o tremare di paura o non riuscire a stare fermi dalle risate, ha concluso Ettinger, che è personalmente responsabile della redazione del bilancio Ue per il 2021-2027.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 23 può 2021 08: 36
    0
    Mancanza di vita / rete, ambiente ... / norme generalmente accettate - una garanzia di agire per danneggiare chiunque ...
    Il sistema capitalista più progressista ha creato la plastica progressiva - e dopo 100 anni si è reso conto che invano ... Succhia la tua sporcizia senza di noi ... Non ci sono norme nelle reti - quali attacchi, sono Petrov e Bashirov che sono congelati ... Tuttavia, nessuna norma fermerà i colleghi americani ...
    C'era l'Atto di Helsinki il cui significato nel consolidare i risultati della seconda guerra mondiale, i vecchi comunisti mangiarono la nostra testa calva ... Dove sono i confini in Europa, proprio a Novgorod ... Da qui la conclusione: agire a favore Paese sempre, senza riguardo per la moralità degli omosessuali ... Russi in Ucraina non c'è nessun altro per proteggere il Baltico dai fascisti locali ... Sono fuorilegge per tutta l'umanità progressista ...