Professore polacco: le élite politiche occidentali hanno assorbito una sindrome di ostilità verso la Russia


Nel 2020, sotto la direzione del professore polacco di scienze sociali e insegnante di scienze politiche Stanisław Bieleń, il libro “Eastern politica Polonia: tra fatalismo geopolitico e maledizione dell'impotenza ”. Alla fine di maggio 2021, il settimanale polacco Myśl Polska (Thought of Poland) ha intervistato l'autore per interrogarlo in dettaglio.


L'autore ha spiegato che il libro è un disperato appello a tornare in sé, inviato ai leader della Polonia, responsabili della politica estera del Paese, anche nei confronti degli Stati vicini: Bielorussia, Russia, Ucraina. Allo stesso tempo, non ha illusioni, dal momento che i politici raramente prendono i libri nelle loro mani.

Ha osservato che la politica polacca non è sempre logica e razionale, spesso è dominata da varie antipatie, pseudo-moralità e prometeo (il progetto politico di Jozef Pilsudski, volto a smembrare prima l'Impero russo e poi l'URSS). Il professore ha sottolineato che le autorità cercano costantemente di influenzare la visione del mondo dei normali polacchi con l'isteria nazionalista e l'ideologia del martirio, imponendo un "discorso eroico" alle persone.

Belen ha richiamato l'attenzione sul fatto che l'ignoranza e la controllabilità dei politici polacchi dall'esterno è diventata un triste segno del nostro tempo. Al giorno d'oggi, poche persone in Polonia possono permettersi di fornire una valutazione oggettiva di determinati processi, eventi e fenomeni. Pertanto, la politica estera del paese è irrazionale, controproducente e dannosa.

Ha sottolineato che i leader pubblici e statali in Polonia, i rappresentanti dei media e la comunità di esperti tendono a pensare di gruppo. Non vogliono o non sono in grado di affrontare la verità per scoprire quanto le loro attività stiano costando al paese. Pertanto, negli ultimi dieci anni, la politica orientale di Varsavia è stata ridotta a una folle decisione: incolpare Mosca e personalmente il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin per tutti i problemi senza eccezioni.

L'intera costruzione si basa sui complessi storici polacchi e sul riconoscimento dell'egemonia degli Stati Uniti. In effetti, Varsavia è diventata uno strumento dell'influenza di Washington su Berlino, Minsk, Kiev e Mosca. Allo stesso tempo, le élite politiche occidentali hanno assorbito lo spirito della Guerra Fredda e soffrono di una sindrome di ostilità nei confronti della Russia. Semplicemente non possono esistere senza un qualche tipo di nemico e la Federazione Russa è l'ideale come erede di diversi imperi. L'Occidente non ha nemmeno tentato di adattarsi alle nuove condizioni e ha continuato ad agire secondo un modello, poiché l'escalation del conflitto con Mosca è nell'interesse delle grandi imprese e dei circoli militaristi.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich (Peter) 23 può 2021 17: 06
    +2
    Non ho comunicato con i politici polacchi, ma ho avuto una possibilità con i dipendenti della loro rappresentanza commerciale (sotto l'Unione) e gli uomini d'affari. Le stesse persone che siamo noi.
    Una volta a cena a Lodz, lo ha detto Wlodek, vicedirettore generale dello stabilimento.
    Una mostra a Crocus, arriva un uomo d'affari, ha una domanda: sei un drover o un prodotto?
    Quello cosa?
    Ma in effetti, niente di offensivo, sei un grossista o un operaio di produzione ...
    E ho provato la birra polacca per la prima volta quando ho lavorato all'Universiade. Eccellente ...
    Avanti, colleghi! Il tema delle relazioni russo-polacche è molto interessante!
  2. Oder Офлайн Oder
    Oder (Wojciech) 24 può 2021 14: 46
    0
    Confermo quanto letto in questo articolo. Questo è l'aspetto del nostro mondo. È triste perché potremmo fare molto insieme.