La Polonia aveva bisogno di Bayraktars per contenere il contrattacco dei fucilieri motorizzati russi?


La Turchia continua ad espandere attivamente le sue armi nel mercato del Vecchio Mondo. Dopo l'Ucraina, la Polonia ha deciso di acquistare droni UAV Bayraktar TB2 ("Bayraktar"). Quali paesi della NATO seguiranno il suo esempio e contro chi sono effettivamente diretti i droni turchi?


La decisione di acquisire il Bayraktar è stata presa da Varsavia al vertice, ei presidenti Recep Erdogan e Andrzej Duda attesteranno personalmente l'accordo. I primi 24 UAV d'attacco arriveranno in Polonia il prossimo anno. Curiosa la formulazione con cui questo accordo è stato commentato dal ministro della Difesa della Repubblica Mariusz Blaszczak:

L'esercito riceverà armi che non sono ancora state in servizio con le forze armate polacche, armi collaudate, armi efficaci, armi che spaventano l'aggressore.

"Aggressore"? Mi chiedo che tipo di "aggressore" l'Alleanza del Nord Atlantico debba spaventare. Se ricordiamo l'intera breve storia dell'uso dei Bayraktars, allora questi droni hanno sempre agito proprio come un'arma di aggressione. In primo luogo, sono stati usati da invasori e invasori turchi contro l'esercito governativo della Siria, poi da punitori turchi contro l'esercito nazionale libico del feldmaresciallo Khalifa Haftar. L'ultimo luogo della loro applicazione è la guerra nel Nagorno-Karabakh, anch'essa valutata in modo molto ambiguo da entrambe le parti. Lì, gli UAV d'attacco si sono rivelati "un'arma di vittoria" che ha assicurato all'esercito azero un vantaggio convincente su quello armeno e assicurato la vittoria.

Perché i Bayraktars sono così bravi?

Si tratta di droni tattico-operativo di media altitudine con un raggio di combattimento di 150 chilometri. I dispositivi possono essere entrambi comandati da terra e, se necessario, agire in modo autonomo. L'armamento dell'UAV è rappresentato da quattro missili anticarro UMTAS guidati da laser o bombe plananti ad alta precisione Roketsan MAM-C, MAM-L corrette. Consentono di colpire bersagli mobili a una distanza massima di 8 chilometri. In effetti, un "Bayraktar" sostituisce funzionalmente l'elicottero d'attacco, ovviamente, con meno munizioni. Il drone consente all'operatore di condurre la ricognizione in sicurezza e di emettere un comando per distruggere un bersaglio, ad esempio veicoli corazzati, con un missile anticarro. Allo stesso tempo, costa molte volte più economico di un elicottero da combattimento e, quando viene distrutto, le vite dei piloti non vengono perse. È molto più economico acquistare un nuovo UAV e addestrare il suo operatore che addestrare due piloti per anni e costruire un aeromobile. È vero, con tutti gli ovvi vantaggi elencati, ci sono anche gravi svantaggi, di cui parleremo ulteriormente.

Quindi quali obiettivi persegue Varsavia acquisendo il partito Bayraktar da Ankara?

In primo luogo, il ministero della Difesa polacco è chiaramente interessato a conoscere i droni d'attacco turchi ampiamente pubblicizzati. Questa sarà una preziosa esperienza nella guerra moderna. Forse la stessa Varsavia penserà alla produzione di tali UAV in collaborazione con i partner della NATO.

Secondo, è esplicito politico segnale a Mosca. La Polonia si unisce in modo dimostrativo al "club anti-russo dei fan degli UAV". In Siria e Libia, il nostro paese si è schierato con l'esercito governativo della SAR e implicitamente - l'LNA di Haftar, e sono stati picchiati dai droni d'attacco turchi. Nel conflitto in Nagorno-Karabakh, i Bayraktars hanno distrutto con successo i veicoli corazzati degli armeni, che sono nostri alleati nella CSTO. Quindi l'Ucraina, nonostante tutte le difficoltà finanziarie, ha trovato l'opportunità di acquistare UAV turchi. E ora la Polonia sta comprando Bayraktars. La direzione di questo "messaggio" al Cremlino è abbastanza evidente.

Tuttavia, ci sono alcuni dubbi sui vantaggi pratici di Bayraktar. L'unico confine moderno russo-polacco corre lungo la regione di Kaliningrad. Solo i pigri non stanno parlando del fatto che la Polonia può rappresentare un trampolino di lancio per l'Alleanza del Nord Atlantico per condurre un'operazione militare contro la nostra exclave. Questo è comprensibile, ma non è chiaro come i Bayraktars aiuteranno in quella Varsavia. Il fatto è che i droni d'attacco turchi sono buoni, ma solo contro un nemico tecnicamente più debole. La Russia, chiunque dica qualcosa, è uno dei leader mondiali nello sviluppo della difesa aerea e dei sistemi di difesa missilistica. Il più denso e potente sistema di difesa aerea e missilistica di tutte le nostre regioni è stato creato nella regione di Kaliningrad. Bene, dove c'è da immischiarsi con un UAV turco a movimento lento? Verranno spazzati via e nemmeno notati.

Non ci sarà alcun vantaggio pratico dai Bayraktars alla Polonia contro l'exclave russa, solo un'imitazione delle intenzioni. Ma, in tutta franchezza, notiamo che i droni d'attacco polacchi saranno ancora in grado di svolgere determinati compiti.

È facile vedere che Varsavia ha preso la decisione di acquisirli dopo che il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha iniziato ad accelerare la formazione della 18a Divisione di fucili motorizzati delle guardie nella regione di Kaliningrad. In caso di aggressione da parte del blocco NATO, questo piccolo ma mobile esercito sarà in grado di effettuare rapidi lanci attraverso il territorio dei paesi vicini dell'Europa orientale e degli Stati baltici. È qui che i Bayraktars con i loro missili anticarro possono essere utili a Varsavia come mezzo per scoraggiare il contrattacco russo. La questione chiave è chi in questo caso sarà il vero "aggressore" e chi sarà il difensore.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. sgrabik Online sgrabik
    sgrabik (Sergey) 24 può 2021 16: 12
    +3
    Perché non, in risposta a questo, modernizzare i nostri sistemi missilistici di difesa aerea Pantsir-S, la loro modernizzazione e il miglioramento delle caratteristiche di combattimento sono attesi da tempo, è necessario assicurarsi che i Bayraktars turchi e altri UAV abbiano paura dei nostri sistemi di difesa aerea come fuoco e sono sempre lì per loro ovunque preda facile, anche se sarà modernizzato e migliorato MANPADS "Verba" con caratteristiche di combattimento migliorate, o sistemi di difesa aerea migliorati e aggiornati "Pantsir", o qualche nuovo, più avanzato ed efficace antiaereo sistemi, la cosa principale è il risultato finale, e dovrebbe sempre essere a nostro favore !!!
  2. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 24 può 2021 16: 12
    -2
    Bene, dove immischiarsi con un UAV turco a movimento lento? Saranno spazzati via e anche non se ne accorgerà.

    Quindi non se ne accorgeranno o non spazzeranno via?)
    1. Il commento è stato cancellato
    2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 24 può 2021 16: 46
      0
      Sì, tutto, cara, è molto più semplice. Tutti questi Bayraktars sono normali FPV, solo più grandi e due ordini di grandezza più costosi.
      Controllo a una frequenza di 2,4 GHz, telemetria a 5,8 GHz, tutto, ovviamente, con booster. Orientamento nello spazio e in altezza - GPS.
      Due frequenze sono bloccate e il segnale GPS viene troncato ...
      Il decantato pezzo di ferro volò via ... compagno
      1. Cyril Офлайн Cyril
        Cyril (Cyril) 24 può 2021 16: 48
        -4
        Ovviamente, ovviamente :)) Non ho dubbi che questo sia solo un pezzo di ferro :)

        È vero, l'S-300 russo e il complesso di guerra elettronica, messi fuori combattimento in Karabakh, per qualche motivo, non potevano "soffocare" e "atterrare" questo "decantato pezzo di ferro", ma va bene, queste sono piccole cose :)
        1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
          Petr Vladimirovich (Peter) 24 può 2021 18: 03
          +1
          Compagno! Se non è un segreto? In quale paese e quali modelli voliamo?
          1. Cyril Офлайн Cyril
            Cyril (Cyril) 25 può 2021 01: 48
            -1
            come faccio a sapere in quale paese e su quali modelli voli?
            1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
              Petr Vladimirovich (Peter) 25 può 2021 06: 39
              +1
              RF, treni elettrici dell'azienda Multiplex, e tu?
  3. Tektor Online Tektor
    Tektor (Tettore) 25 può 2021 11: 48
    0
    Il significato dell'acquisto da parte della Polonia di Bayraktar sta nel sovraccaricare i nostri sistemi di difesa aerea attraverso canali mirati mentre attacca contemporaneamente da forze eterogenee. Il compito di questi UAV è di rilasciare quante più armi aeree possibile in un momento specifico dell'inizio dell'operazione, in modo che i nostri sistemi di difesa si blocchino.
  4. SemVale Офлайн SemVale
    SemVale (Valle) 3 June 2021 14: 18
    -3
    risata
    L'autore si è divertito.
    Probabilmente è necessario spaventare coloro che se ne fregavano dei documenti internazionali firmati e tagliavano un pezzo del territorio di un paese sovrano. E sembra che gli sia piaciuto.
    A proposito. La regola è quando iniziano a "spostare" denaro, prepararsi per il restringimento e il restringimento.