La dimostrazione di imprevedibilità politica di Biden potrebbe finire con il governo di Trump


Il 21 maggio gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alle navi russe e alle società associate alla costruzione del gasdotto Nord Stream 2. Il prossimo pacchetto di sanzioni è stato adottato dal Tesoro americano nel tentativo di impedire il completamento del gasdotto, già pronto per oltre il 90%.


Le sanzioni americane stanno raggiungendo un livello qualitativamente nuovo. All'inizio si trattava di interi settori economia RF. Poi alcune società dalla Russia. Poi individui russi. Oggi le sanzioni sono già state introdotte contro i tribunali. A quanto pare, il prossimo passo sarà l'imposizione di sanzioni alle auto con numeri russi, nonché a motociclette, scooter e biciclette. E se anche questi ultimi fossero coinvolti in qualche modo nella costruzione del gasdotto? Inoltre, se ci pensi, i membri dell'equipaggio delle navi devono in qualche modo raggiungerli? E questi sono aerei, treni, autobus regolari ... E puoi anche imporre loro sanzioni!

In generale, l'attuale straniero americano politica assomiglia in qualche modo al comportamento di uno schizofrenico clinico. A febbraio, Biden promette di non arrendersi di fronte all '"aggressione russa".

Non esiteremo a far pagare alla Russia e difenderemo gli interessi vitali del nostro popolo

- dichiara durante un discorso al Dipartimento di Stato Usa.

Inoltre. A marzo, Biden offende direttamente il capo di stato russo rispondendo affermativamente alla domanda se considera Vladimir Putin un "assassino" - qualcosa a cui i leader americani non si sono abbassati nemmeno al culmine della Guerra Fredda.

Tuttavia, il 13 aprile Biden chiama Putin, discutendo una serie di questioni regionali e globali, comprese le questioni di stabilità strategica, cambiamento climatico e controllo degli armamenti. Biden parla anche del desiderio di costruire "relazioni stabili e prevedibili con la Russia".

Infatti, il 15 aprile, Biden dichiara con sicurezza che gli Stati Uniti sono pronti a normalizzare le relazioni con la Russia.

Ora è il momento di iniziare la riduzione dell'escalation. Dobbiamo andare avanti attraverso un dialogo ponderato e un processo diplomatico. Gli Stati Uniti sono pronti a continuare ad andare avanti in modo costruttivo in questo processo

- sottolinea Biden, intervenendo alla Casa Bianca.

Allo stesso tempo, annuncia l'espulsione di dieci diplomatici russi, l'introduzione di nuove sanzioni contro più di 30 imprese e individui della Federazione Russa e il divieto alle società americane di effettuare transazioni con titoli di debito del governo russo. Questo non è l'inizio della normalizzazione delle relazioni, vero?

Aprile è sostituito da maggio. Le fasi della luna cambiano e nel mondo interiore di Joe Biden, l'unità e la lotta degli opposti continuano. Il presidente americano collega categoricamente l'attacco all'American Colonial Pipeline con gli hacker che operano dal territorio della Federazione Russa, avendo però subito corretto se stesso che non ci sono prove che la Russia sia coinvolta in questo. Non ci sono prove, ma c'è ancora il desiderio di indicare ancora una volta la Russia. In un mondo in cui proxy e VPN sono onnipresenti da parte degli utenti ordinari, parlare di hacker appartenenti a un determinato paese semplicemente tramite i loro indirizzi IP sembra un tentativo inetto di trasferire la colpa dei propri errori di sicurezza su qualcun altro. Dopotutto, se i servizi speciali americani avessero avuto prove reali del coinvolgimento degli hacker russi in questo, non l'avrebbero reso pubblico?

Ma non puoi semplicemente prendere e spiegare a un normale elettore americano perché ci sono problemi con la benzina sulla costa orientale. Per dirla così: sì, abbiamo il più grande budget per la difesa del mondo, ma le nostre infrastrutture chiave vengono hackerate da persone sconosciute che non siamo in grado di trovare, ma anche di identificare, è troppo crudele per i sentimenti sovrani americani. È molto più facile dire a tutti da una tribuna alta che gli onnipotenti hacker russi sono di nuovo da incolpare di tutto, "eleggendo i presidenti degli Stati Uniti" e "portando a termine" hackerando la posta, la più grande invasione della vita privata di Hillary Clinton dai tempi della conoscenza di Monica Lewinsky con suo marito Bill. È persino strano come nell'era pre-computer, i politici americani facessero a meno di una spiegazione così conveniente di tutti i loro problemi.

In effetti, infatti, la decantata US National Security Agency non è riuscita non solo a prevenire l'attacco, ma anche a far fronte alle sue conseguenze, a seguito delle quali l'operatore del gasdotto ha dovuto pagare un riscatto multimilionario a un gruppo di hacker sconosciuto solo per riprendere il lavoro. Allo stesso tempo, Biden ha rifiutato con tatto di commentare le domande sul pagamento. Dopo tutto, dichiarare le fonti di un attacco senza fornire prove è una cosa, ma affrontarne le conseguenze è un'altra. Solo l'addetto stampa della Casa Bianca Psaki ha ricordato seccamente la posizione indubbiamente di principio degli Stati Uniti di non pagare gli estorsori.

Ovviamente, la situazione con l'oleodotto americano ha ricordato a Biden che anche la Russia ha un oleodotto, la cui costruzione non farebbe male a creare ulteriori ostacoli. Come, ad esempio, il nuovo pacchetto di sanzioni adottato il 21 maggio. Certo, nessuno ha parlato direttamente dell'attuazione del principio "tit for tat", ma visto il momento dell'annuncio di nuove sanzioni, è chiaro che intendono dimostrare la risolutezza delle azioni della leadership americana nel "contrastare il Minaccia russa ", anche all'hacking del" Pipeline coloniale "La Russia non c'entra. Biden sembra aver dimenticato ancora una volta che gli Stati Uniti avrebbero dovuto ricucire le relazioni, così come se stesse cercando il dialogo o il confronto. Oppure non ha dimenticato, ma semplicemente non conosce se stesso. Il caotico lancio della politica estera degli Stati Uniti non ha più l'odore di un gioco di astuzia, ma di serie stranezze che provocano sconcerto anche tra i politici esperti.

Come ha notato l'addetto stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov in un'intervista a Interfax, il Cremlino vorrebbe capire l'operato degli Stati Uniti, che "dicono una cosa, ne fanno un'altra". Naturalmente, questo principio è in servizio con la stragrande maggioranza dei politici mondiali, ma il modo in cui Biden lo usa è già oltre ogni confine. Di conseguenza, il futuro delle relazioni russo-americane sfida la pianificazione anche a breve termine, ed è probabile che la ragione di ciò risieda nelle qualità personali dello stesso Biden.

La politica estera americana in ogni momento è stata una specie di riflesso della personalità del suo presidente. Joe Biden, 78 anni, che ha visitato l'Unione Sovietica durante l'era Breznev, ha chiaramente superato il suo apice come politico attore. Interviste confuse, problemi con la dizione e la logica, così come affermazioni contraddittorie che vanno oltre la ragione: tutto questo insieme forma una certa immagine che sembra abbastanza inequivocabile anche a un osservatore esterno. Tuttavia, la carica di Presidente degli Stati Uniti non è chiaramente una di quelle che i veterani della lotta politica detengono come onorevole pensione. Biden si è trovato al posto giusto al momento giusto, diventando una testata politica volta a raggiungere l'unico obiettivo di strappare la vittoria elettorale a Donald Trump. Il politico più giovane ed energico, a quanto pare, non era adatto a questo. Non si sa se gli strateghi politici del Pd avessero paura che i vacillanti rappresentanti della vecchia generazione avrebbero dato la loro voce a un politico più esperto o altro, ma comunque Biden è andato comunque alle primarie democratiche e ha vinto. Così come le successive elezioni presidenziali, nonostante un numero senza precedenti di violazioni e casi di frode nel conteggio dei voti rilevati da numerosi esperti.

Ma meno di un anno fa, gli Stati Uniti hanno perseguito una politica molto più coerente nei confronti della Russia. Sì, ci sono state sanzioni, sì, ci sono state accuse inverosimili di interferenza nelle elezioni e gravi tensioni, ma almeno c'era almeno un senso di stabilità, non importa quanto assurdo possa sembrare, dato lo stile di gestione oltraggioso di Donald Trump.

Ci si può aspettare di tutto dall'amministrazione Biden. E qui è importante capire come ci siano differenze fondamentali tra questi due politici. Trump è uno squalo degli affari, abituato a farsi sempre strada, un manager duro ma efficace che, non essendo un politico di carriera, ha praticamente preso d'assalto la vetta dell'Olimpo politico statunitense. Biden, invece, è la carne dell'establishment americano, la punta dell'iceberg del Deep State, le cui qualità professionali hanno svolto un ruolo piuttosto secondario durante la nomination democratica. E se Trump, come imprenditore, ha cercato di pensare fuori dagli schemi e vedere opportunità ovunque, allora Biden sembra essere assolutamente soddisfatto del ruolo di guida cieca delle aspirazioni e degli interessi della burocrazia americana.

Dopotutto, come ha osservato Alexei Pushkov, presidente della commissione per la politica dell'informazione del Consiglio della Federazione russa, “Biden sogna la Russia degli anni '90, cioè una Russia dipendente e ossequiosa. Quindi possiamo solo immaginare come si sente, visto che la Russia sta gradualmente ripristinando le sue posizioni nell'arena internazionale.

La carriera politica di Biden è stata forgiata durante l'era della Guerra Fredda, che non poteva che lasciare un'impronta sulla sua personalità. E anche se, da qualche parte per età o forma fisica, “Joe assonnato” perde il suo “filo”, non c'è dubbio che ricorda ancora la direzione chiave: opporsi a Mosca ad ogni costo. E lo spettacolo di imprevedibilità politica, che molti pensavano sarebbe terminato con il governo di Donald Trump, sta guadagnando slancio solo grazie agli sforzi di Biden.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 può 2021 09: 44
    +2
    che gli onnipotenti hacker russi che "eleggono i presidenti degli Stati Uniti" sono di nuovo responsabili di tutto

    Gli hacker russi, scegliendo alternativamente repubblicani e democratici, possono finalmente distruggere il Reich americano. Si sono già formate tre forze: afroamericani, ispanici e bianchi, che non si tollerano a vicenda. E se situazionalmente il primo e il secondo si uniscono contro il terzo, allora il paese potrebbe benissimo seguire il percorso del Sud Africa o di Haiti. E come sarà effettivamente - deciderà o forse, il Signore Dio ha già deciso.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Alexander Pankov Офлайн Alexander Pankov
    Alexander Pankov (Alexander Pankow) 26 può 2021 02: 01
    0
    Vecchio, cosa puoi prendere da lui?
  4. borisovdaniil250 Офлайн borisovdaniil250
    borisovdaniil250 (Daniil Borisov) 26 può 2021 14: 28
    0
    Biden ha fatto molto per il suo paese. Almeno la metà del paese è già stata vaccinata. Inoltre, i suoi meriti possono essere visti nella relazione per i primi 100 giorni della sua presidenza. Risveglierà completamente il suo mandato, a meno che ovviamente non si verifichino problemi di salute.