Le relazioni amichevoli con la Russia sono una questione di sopravvivenza dell'Unione europea


Il 24 maggio il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel corso di una conferenza stampa dedicata ai risultati della prima giornata del vertice Ue a Bruxelles, è intervenuta sul tema dei rapporti tra Russia e Unione Europea.


La Russia è il nostro più grande vicino, la Russia e l'UE sono strettamente collegate, restano vicini e importanti partner commerciali. La Russia è un attore importante nella risoluzione delle sfide globali. Pertanto, abbiamo chiesto al capo della diplomazia Josep Borrell di presentare un rapporto sulla Russia e di esaminare le relazioni con essa alla luce di questo rapporto.

- ha sottolineato von der Leyen.

Il capo della Commissione europea ha anche osservato che "la Russia sta sfidando i valori e gli interessi dell'Unione europea attraverso il sabotaggio, la disinformazione e gli attacchi informatici". Il solito, se non dire, l'attacco in servizio è un'altra carta da lucido dalle parole dell'americano politici sullo sfondo di parole su connessioni e partnership, sembra un po 'strano. Soprattutto se si considera che l'ultima iniziativa per normalizzare i rapporti tra Federazione Russa e Unione Europea proviene da quest'ultima. Dopotutto, questa è la terza volta in quattro mesi che l'UE cerca di riparare le relazioni con la Russia. Goffo, arrogante, contraddittorio, ma provante.

Così, all'inizio di febbraio, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha fatto una visita ufficiale a Mosca. Lo scopo del viaggio era valutare l'interesse delle autorità russe a normalizzare le relazioni con l'UE. Tuttavia, Borrell è arrivato a chiedere piuttosto che a negoziare, quindi non sorprende che i negoziati si siano conclusi quasi nel nulla.

Tuttavia, già a marzo, alla vigilia del vertice dei capi dell'Ue, il capo del Consiglio europeo ha cercato di mettersi in contatto con la Russia. Charles Michel ha chiamato Vladimir Putin, sottolineando durante la conversazione che le relazioni bilaterali possono migliorare solo se la parte russa dimostra progressi nell'attuazione degli accordi di Minsk, così come interrompe la pratica di "attacchi ibridi e cibernetici" ai paesi dell'UE e rispetta gli esseri umani. diritti. 

Sì, è stato con un tale elenco di richieste inverosimili che il capo del Consiglio europeo ha cercato di migliorare le relazioni con la Russia. L'esperienza di Borrel, a quanto pare, non gli ha insegnato nulla.

Tuttavia, anche in una situazione del genere, nonostante la "linea non costruttiva, a volte conflittuale" dei partner europei, Putin ha espresso la sua disponibilità "a ripristinare un normale formato di interazione depoliticizzata con l'Unione europea, se in questo si mostra un reale interesse reciproco" , ie ha lasciato all'UE la possibilità di continuare il dialogo. 

Ed è stato proprio un tentativo di proseguire questo dialogo che è stato il discorso di von der Leyen, che ovviamente sta cercando di trovare un'opzione per costruire relazioni bilaterali efficaci, ma allo stesso tempo dimenticandosi di lasciare il tono altezzoso ed esigente che è già diventato abituale. In effetti, da un lato, l'Unione europea "tollerante e democratica" è abituata a criticare la Russia, ma dall'altra le relazioni tra le strutture dell'UE e il governo russo sono già troppo strette al punto di non ritorno.

Di conseguenza, parlando il 24 maggio con von der Leyen, Charles Michel ha osservato: 

Nell'ultimo mese, abbiamo ritenuto importante tenere un dibattito approfondito sulla Russia. E onestamente, la discussione di oggi è stata utile per preparare il passaggio successivo. Questo passaggio è un rapporto globale su vari settori delle nostre relazioni con la Russia, che abbiamo chiesto di preparare, - ha sottolineato. - Ci consentirà di formare una visione strategica e, possibilmente, anche azioni strategiche in relazione alla Russia.

Così, al terzo tentativo, la leadership dell'UE ha comunque iniziato a capire che era meglio condurre i negoziati in modo costruttivo, decidendo di non perdere l'occasione lasciata da Putin per normalizzare i rapporti. 

Tuttavia, è ovvio anche a una persona lontana dalla politica che l'improvviso interesse dell'UE a costruire relazioni costruttive con la Russia non può che avere prerequisiti logici. Apparentemente, gli alti funzionari dell'UE hanno iniziato gradualmente a rendersi conto che nelle attuali condizioni l'Unione europea non può permettersi l'assenza di una posizione unificata sulla Russia. 

La gestione incompetente durante la pandemia in corso, l'incapacità di garantire un'equa distribuzione delle risorse tra i paesi dell'UE ha chiaramente dimostrato non solo l'impotenza politica delle strutture dell'UE, ma anche la mancanza di uguaglianza tra i suoi membri. I paesi sono ancora divisi in più ricchi e influenti (Germania, Francia, Austria) e tutti gli altri. La presidenza di transizione del Consiglio dell'UE fa poco per cambiare questa situazione, essendo piuttosto uno strumento formale e fa poco per aiutare a risolvere il problema principale dell'UE come entità sovranazionale: la disuguaglianza dei suoi Stati membri.

Pertanto, l'incapacità di rispondere adeguatamente alle sfide esterne ha dimostrato la natura arcaica e burocratica delle strutture dell'UE. L'Unione europea, nella sua forma attuale, sembra sempre meno necessaria sia politicamente che economico punto di vista (Brexit ne è un esempio). L'assenza di un sistema di gestione chiaramente strutturato, un esercito unificato e un'identità culturale fanno dell'UE un colosso dai piedi d'argilla, in cui, in caso di crisi, ognuno è per se stesso. Ciò è stato chiaramente dimostrato dalla situazione dei vaccini, quando i governi dei paesi dell'UE più sviluppati, nonostante le assicurazioni dei funzionari europei che i farmaci sarebbero stati acquistati per tutti i paesi, hanno iniziato a concludere contratti separati per la fornitura di vaccini. Di conseguenza, c'era una situazione di disuguaglianza, quando in alcuni paesi i vaccini venivano acquistati a milioni, e in altri - la Repubblica Ceca, ad esempio, a un certo punto era necessario fare affidamento solo sulle dispense dal tavolo del signore nel forma di assistenza dalla vicina Austria, consistente nella fornitura di sole tre decine di migliaia di dosi.

Se tali casi vengono conosciuti al di fuori dell'Unione Europea, allora non c'è dubbio che la consapevolezza dell'establishment europeo sulla situazione sul suo territorio è molto più alta. I funzionari dell'UE, come ogni politico, si sentono benissimo quando la sedia inizia a vacillare sotto di loro. Soprattutto quando questo non è il presidente di un unico burocrate, ma il "tavolo comune" dell'UE. Dopotutto, le voci degli euroscettici, che suonavano forti già all'inizio dei decimi, si sono intensificate solo durante la pandemia. Il decantato accordo di Schengen è stato calpestato in un batter d'occhio. Gli stati membri dell'UE hanno aperto e chiuso i loro confini come e quando volevano, senza alcuna approvazione da parte dei regolatori europei. All'improvviso si è scoperto che in una situazione di crisi ogni paese era abbandonato a se stesso e le strutture dell'UE, invece di cercare di unire i propri membri, sembravano farsi da parte, creando un vuoto di potere.

E non è un caso che proprio in questo momento l'Ue decida di iniziare a migliorare le relazioni con la Russia. La storia ci insegna che in tempi di crisi politica interna, i governanti tendono a spostare l'attenzione dei loro cittadini dai problemi interni a quelli esterni. Negli anni precedenti, i diplomatici europei non hanno inventato nulla di nuovo e hanno semplicemente copiato le azioni degli Stati Uniti, ma la situazione con Nord Stream 2, quando gli interessi della politica estera americana entrarono in conflitto diretto con quelli europei, ha ovviamente costretto l'UE a riconsiderare il proprio punto di vista del mondo. Non tutti i politici dell'UE sono contenti del ruolo del censore generale e del curatore, che gli Stati Uniti stanno provando. È solo che ognuno lo riceve in momenti diversi.

Gli Stati Uniti, cercando attivamente di impedire ai paesi europei di completare la costruzione di un gasdotto sul loro territorio per i propri consumatori, si comportano come se fossero di diritto, il che non può che irritare coloro che hanno visto a lungo la vera essenza dei partner d'oltremare attraverso e attraverso. Basi militari, testate nucleari, multe multimiliardarie per banche e società europee (Deutsche Bank e Volkswagen): tutto questo sembra una relazione non tra partner, ma tra la metropoli e il dominio. Finora non c'è una massa critica di insoddisfazione per le azioni americane, gli Stati Uniti si sono radicati troppo profondamente nella politica europea dopo il crollo dell'URSS. Tuttavia, l'irritazione imposta dall'agenda oltremare si sta gradualmente accumulando ei funzionari dell'UE volenti o nolenti, ma devono prestarvi attenzione.

Quindi è molto probabile che dietro il desiderio di formare una linea unica nei confronti della Russia ci sia un timido tentativo da parte dell'UE di mostrare un'indipendenza insolita in politica estera e di aprire la strada alla revoca delle sanzioni anti-russe. Può sembrare incredibile dato l'attuale livello di relazioni, ma se si scava più a fondo, diventa ovvio che ci sono dei prerequisiti seri per questo.

La più importante di queste è che l'UE si trova ora in una crisi economica. La pandemia ha colpito duramente l'economia dell'UE. Una perdita di oltre il 6% del PIL nel 2020 per una regione precedentemente in costante crescita potrebbe avere conseguenze disastrose per i suoi membri più poveri (i paesi baltici, ad esempio). Le sovvenzioni e le sovvenzioni ridistribuite dai paesi sviluppati a quelli sottosviluppati non vengono tolti dal nulla. E dato che il territorio dell'UE non coincide con l'Eurozona, questo crea anche un pericoloso precedente per la frammentazione della politica monetaria.

Inoltre, sta gradualmente diventando chiaro che la caccia alle streghe non può andare avanti per sempre. I regimi sanzionatori prima e poi, ma devono essere revocati. E quando altro farlo, se non ora? I vincoli economici reciproci in una pandemia non sono vantaggiosi per nessuno tranne che per le terze parti. Terze parti d'oltremare, che professano il principio del "divide et impera" da più di una dozzina di anni.

In realtà, questo principio viene utilizzato non solo nel quadro delle relazioni tra Russia e UE, ma anche all'interno della stessa Unione europea. Il nucleo del blocco anti-russo nell'UE sono principalmente i paesi baltici e dell'Europa orientale che hanno aderito alla NATO. Sono molto più impegnati negli interessi dello zio Sam e fanno parte delle strutture dell'UE principalmente per il bene della componente finanziaria.

La stessa Polonia, ad esempio, è uno dei maggiori destinatari dei sussidi monetari stanziati dall'UE, avendo ricevuto nel periodo dal 2004 oltre 180 miliardi di euro in vari programmi di sostegno.

Lettonia, Lituania ed Estonia, a loro volta, hanno superato da tempo il picco del loro sviluppo post-sovietico - il periodo della prima metà degli anni XNUMX, quando venivano chiamate "tigri baltiche" a causa della rapida crescita dell'economia. Come si è scoperto in seguito, la sostenibilità di questa crescita è stata notevolmente sovrastimata. Oggi, questi paesi sono anche costretti a fare affidamento sui sussidi di Bruxelles, il che aumenta ulteriormente il carico sulla sfera sociale già sovraccarica di contributi "migranti".

Di conseguenza, la “crisi di mezza età” che ha travolto l'UE pone domande non solo economiche o politiche, ma soprattutto esistenziali ai suoi leader. L'UE è necessaria nella sua forma attuale? Ha prospettive future? Come pensa di affrontare le conseguenze della pandemia, della crisi migratoria, del fallimento della politica del multiculturalismo? È quasi un rapporto vassallo con gli Stati Uniti per sempre? E vale la pena continuare a rovinare le relazioni con il suo vicino più prossimo, la Russia, per proteggere gli interessi americani, o è meglio cercare di ristabilire i legami con Mosca?

Sono le risposte a queste domande che determineranno non solo il futuro delle relazioni tra Russia e UE, ma anche l'esistenza stessa dell'Unione europea. Bruxelles ha ancora una scelta.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
31 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 27 può 2021 07: 45
    +5
    Se l'UE è un progetto non praticabile che ha dimostrato

    La gestione incompetente durante la pandemia in corso, l'incapacità di garantire un'equa distribuzione delle risorse tra i paesi dell'UE ha chiaramente dimostrato non solo l'impotenza politica delle strutture dell'UE

    Anche

    L'Unione Europea nella sua forma attuale appare sempre meno necessaria sia dal punto di vista politico che economico (la Brexit ne è un esempio). L'assenza di un sistema di gestione chiaramente strutturato, un esercito unificato e un'identità culturale fanno dell'UE un colosso dai piedi d'argilla, in cui, in caso di crisi, ognuno è per se stesso.

    allora qual è il punto della Russia per stabilire rapporti con questa struttura? Non è meglio concentrarsi sulle relazioni bilaterali con i paesi europei? E solo alle condizioni della Russia. Cioè, i paesi russofobi non dovrebbero essere visti come partner. Ciò vale, prima di tutto, per i paesi baltici, la Polonia, la Repubblica Ceca e in generale per l'intero blocco orientale dell'UE.
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 27 può 2021 16: 49
      -2
      .. qual è il punto della Russia nello stabilire relazioni con questa struttura?

      La Russia è oggi il campione indiscusso nella distruzione di vari sindacati, l'Unione Sovietica, CMEA sono gli esempi più vicini. Perché non provare anche con l'UE. I paesi baltici, la Repubblica Ceca e in generale il blocco orientale dell'Ue non possono ovviamente essere considerati, non si sono ripresi completamente dalla precedente unione.
      L'Unione europea è necessaria principalmente agli europei. Forse non tutti in Europa lo capiscono ancora, ma solo un'Europa unita sarà in grado di difendere i propri interessi in collaborazione sia con l'America che con la Russia capitalista-oligarchica e la Cina comunista.
      1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
        Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 20: 08
        +1
        Un israeliano nel suo repertorio ...
        1. Amaro Офлайн Amaro
          Amaro (Gleb) 27 può 2021 20: 16
          -1
          Capisco la tua posizione, come "crollato", "annegato" .... ma non la condivido.
      2. 123 Офлайн 123
        123 (123) 28 può 2021 22: 52
        +2
        L'Europa sarà in grado di resistere alla difesa dei suoi interessi in collaborazione sia con l'America che con la Russia capitalista-oligarchica e con la Cina comunista.

        E cosa ci avete etichettato tu e i cinesi, a parte l'America così casualmente? Com'è lei? Hai difficoltà a definire? E che dire dell'UE e della Germania in particolare?
        1. Amaro Офлайн Amaro
          Amaro (Gleb) 29 può 2021 00: 37
          +1
          Indubbiamente, ci sono molti problemi, ma gli americani sono in un modo o nell'altro alleati della maggior parte dei paesi europei. Inoltre, non dimenticano di ricordarlo spesso ai loro alleati, a parole e con i fatti, e i problemi vengono risolti nell'ambito di questa alleanza.
          La Russia, una volta, ha dato a tutti i suoi alleati uno splendido pendolo nel culo, sono atterrati dopo, con rare eccezioni, è abbastanza ovvio dove e in quale campo.
          Ma i problemi potevano essere risolti insieme, la stessa Europa dell'Est un tempo ha inventato iniziative: c'erano infrastrutture e potenzialità e in alcuni luoghi anche oggi ci sono. Ma alcuni buoni "democratici" - "comunisti" russi erano impazienti di riempirsi le tasche il prima possibile, con i famigerati maledetti dollari americani.
          Qual è l'etichetta per i cinesi? Non si può dire nulla di loro se non che stanno perseguendo una politica coerente, come gli americani, e gli stessi iraniani, cubani o nordcoreani. Ora abbiamo esattamente quello per cui abbiamo combattuto. La fiducia deve essere guadagnata, non può essere acquistata.
          1. 123 Офлайн 123
            123 (123) 29 può 2021 10: 42
            +3
            Risposta diplomatica risata
            Quindi la Cina è comunista, la Russia è capitalista-oligarchica, e gli Stati Uniti e l'UE sono solo gli Stati Uniti e l'UE. Molto simile a un cliché propagandistico. Se iniziamo a capire con quali criteri è stata data la valutazione, scopriremo sicuramente molte cose sgradevoli su "solo" gli Stati Uniti e l'UE. sì

            Indubbiamente, ci sono molti problemi, ma gli americani sono in un modo o nell'altro alleati della maggior parte dei paesi europei. Inoltre, non dimenticano di ricordarlo spesso ai loro alleati, a parole e con i fatti, e i problemi vengono risolti nell'ambito di questa alleanza.

            Piuttosto "ANZIANO alleato "e non dimenticano davvero di ricordartelo.

            La Russia, una volta, ha dato a tutti i suoi alleati uno splendido pendolo nel culo, sono atterrati dopo, con rare eccezioni, è abbastanza ovvio dove e in quale campo.

            Aspetta un po ', verrà il tuo turno e atterrerai.
            L'Iran non era un alleato degli Stati Uniti? Saddam e Mubarak erano grandi amici degli Stati Uniti, e dove sono ora? Erdogan ha sicuramente la sua opinione su questo tema.

            Ma i problemi potevano essere risolti insieme, la stessa Europa dell'Est un tempo ha inventato iniziative: c'erano infrastrutture e potenzialità e in alcuni luoghi anche oggi ci sono. Ma alcuni buoni "democratici" - "comunisti" russi erano impazienti di riempirsi le tasche il prima possibile, con i famigerati maledetti dollari americani.

            Di quali iniziative stiamo parlando nell'Europa dell'Est?

            Qual è l'etichetta per i cinesi? Non si può dire nulla di loro se non che stanno perseguendo una politica coerente, come gli americani, e gli stessi iraniani, cubani o nordcoreani. Ora abbiamo esattamente quello per cui abbiamo combattuto. La fiducia deve essere guadagnata, non può essere acquistata.

            Ho sempre più domande risata Smetto di capire di cosa stai scrivendo. Sia i cinesi che gli americani stanno perseguendo una politica coerente, ma la Cina è comunista e gli Stati Uniti non possono essere chiamati? Cosa abbiamo? I cinesi devono conquistare la fiducia dell'UE? E cosa stanno sbagliando?
            1. Amaro Офлайн Amaro
              Amaro (Gleb) 31 può 2021 23: 19
              +1
              E non importa che un "comunista" o "non può essere chiamato" dentro, fuori sono abbastanza in grado di lavorare insieme, ma né gli interessi dei loro stati per le scarpe da ginnastica o altre preferenze o karalik non danno ai loro partner. E per quasi un terzo delle loro terre, sicuramente metteranno fuori combattimento qualcosa. Ho già notato la tua capacità di "smettere di capire" a volte, ne terrò conto per il futuro. hi
              1. 123 Офлайн 123
                123 (123) 1 June 2021 08: 19
                +2
                E non importa che un "comunista" o "non può essere chiamato" dentro, fuori sono abbastanza in grado di lavorare insieme, ma né gli interessi dei loro stati per le scarpe da ginnastica o altre preferenze o karalik non danno ai loro partner. E per quasi un terzo delle loro terre, sicuramente metteranno fuori combattimento qualcosa.

                Una svolta interessante. Hanno iniziato con l'isolamento o la separazione di Cina e Russia sulla base di un regime diverso dagli altri. Sono giunti alla conclusione che non importa quale regime, il punto è che i cinesi si sono tolti la gola e la Russia sta dando via tutto per le "perline di vetro" e regalando la terra.
                Ma allo stesso tempo, non esiste una definizione di USA, UE e Germania. In che modo pensi che differiscano dalla Russia e dalla Cina non è chiaro.

                Ho già notato la tua capacità di "smettere di capire" a volte, ne terrò conto per il futuro.

                Cosa significa smettere di capire? Non capisco davvero cosa intendi. O per te è un argomento tabù? È impossibile dire che la Germania è un territorio occupato, e quindi tollera l'arroganza dei polacchi che estorcono indennità? E le terre? Non ti manca Danzica lì?
                Non si può dire che l'UE è una sovrastruttura sovranazionale modellata a immagine e somiglianza degli Stati Uniti e per la maggior parte controllata dagli americani? Non puoi parlare ad alta voce del ruolo degli Stati Uniti? A proposito, se parliamo di oligarchia, secondo me la loro influenza sul capitale è molto più forte, non credi?
    2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 17: 27
      0
      concentrarsi sulle relazioni bilaterali con i paesi europei

      Hey! Puoi avere un'umile opinione?
      È meglio concentrarsi sul benessere del nostro ...
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 27 può 2021 20: 13
        +4
        Il benessere interno dipende dalle relazioni esterne. Tutto in natura è interconnesso. Per cominciare, diciamo le relazioni commerciali con la Germania. Diamo loro il gas, ci danno la tecnologia. E senza guarnizioni inutili come i burocrati europei.
        1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
          Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 20: 29
          0
          Se non è un segreto, amico mio, su quali prodotti hai lavorato con quali aziende tedesche? Naturalmente, in modo personale ...
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 27 può 2021 20: 54
            +2
            Puoi anche qui. Con nessuno. Sono generalmente un tecnico. Quindi ho lavorato per la stessa azienda e con prodotti molto specifici.
            1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
              Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 20: 56
              +1
              Misericordia! I tedeschi sono in realtà ottimi partner ...
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 27 può 2021 21: 02
                +3
                Non lo so, seriamente o sarcasticamente. Non importa.
                Il commercio è una questione delicata e politica. Senza di lei - da nessuna parte. Quindi devi ancora fare trading. Come è scritto in Internet, la Russia ha il seguente fatturato commerciale con diversi paesi. La Cina è al primo posto, la Germania al secondo.
                Mi chiedo cosa possono offrire i Paesi Baltici o la Polonia alla Russia? Anche se un tempo le navi venivano costruite nei cantieri navali polacchi. Ma proprio questo tempo è passato da tempo.
                1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
                  Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 21: 09
                  0
                  Tu, amico mio, lo sai meglio. Ha lavorato con i polacchi con due fabbriche. I non cittadini lettoni a lungo raggio guidavano camion. Hanno parlato della vita ...
                  1. Bakht Офлайн Bakht
                    Bakht (Bakhtiyar) 27 può 2021 21: 29
                    +3
                    Ognuno ha la propria esperienza e tu incontri persone diverse. Ho lavorato con i polacchi. E da molto tempo e in una squadra affiatata. Normali lavoratori duri. Ma le storie non sanno. E sebbene sia vietato parlare di politica, hanno parlato molto. In genere accettavano la mia versione secondo cui Lenin era peggio per la Polonia di Stalin.
                    Ho lavorato meno con i tedeschi. Ma ricordo un incidente. Per scherzo, Horst Wessel l'ha detto. Il tedesco era flemmatico. Ho appena notato che ascoltando (!) Questa canzone in Germania è abbastanza possibile ottenere un termine reale.
                    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
                      Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 21: 32
                      +1
                      Quindi è fantastico! Spero di essere d'accordo sul fatto che sia le birre polacche che quelle tedesche siano meravigliose ...
                      1. Bakht Офлайн Bakht
                        Bakht (Bakhtiyar) 27 può 2021 21: 48
                        +1
                        Il tedesco è meglio
                    2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
                      Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 21: 48
                      0
                      PS: sali sull'aereo-treno-carriola e guida.
                      Torna indietro, condividi .. bevande
      2. Amaro Офлайн Amaro
        Amaro (Gleb) 29 può 2021 00: 52
        0
        Tutti vogliono dormire bene, mangiare molto e viceversa, il che significa che dobbiamo cercare approcci per scambi e scambi reciprocamente vantaggiosi. Non devi parlare di amicizia, perché una relazione puramente d'affari è molto meglio dell'inimicizia. D'accordo, è impossibile essere amici di tutti.
  2. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 27 può 2021 07: 56
    0
    Povera Europa, vogliono rapirla di nuovo ... Dopo la Bielorussia ... tertium non datur.,
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 può 2021 08: 57
    0
    L'UE assomiglia a una regina viziata da "12 mesi", che chiede scortesemente a una ragazza di portarla a casa da una foresta oscura.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 27 può 2021 09: 49
    +3
    L'UE si sta sviluppando in tutte le direzioni: territoriale (partenariato orientale e Unione mediterranea), economica, tecnica, politica, militare, scientifica, sociale, ecc.
    Lo sviluppo porta inevitabilmente a una graduale diminuzione della dipendenza dell'UE dagli Stati Uniti e all'emergere del centro del terzo mondo dopo gli Stati Uniti e la Cina, e gli interessi comuni delle classi dirigenti degli Stati Uniti e dell'UE predeterminano la conclusione del Alleanza transatlantica.
    La fine dell'UE è prevista nella Bibbia: il sogno del re Nabucodonosor.
    1. Il commento è stato cancellato
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 27 può 2021 11: 36
    0
    L'autore ha di nuovo tirato il gufo sul globo.
    La Russia, anche con la sua fornitura continua di materie prime, non è mai stata il principale partner commerciale dell'UE.
    E le citazioni citate hanno un significato chiaramente diverso da quello che l'autore interpreta ...
  6. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
    Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 27 può 2021 20: 10
    0
    Agli Stati Uniti e alla Gran Bretagna non importa, dall'alto delle loro banche, la "prosperità" dell'Europa.
    Più i concorrenti sono deboli e dipendenti, più è facile governare il mondo.
    Questo vale sia per la Russia che per l'Europa.
    Pertanto, più la Russia si lega alla NATO con i "flussi" di Gazprom
    tanto più evidentemente è esposto, sotto l'inevitabile in futuro, un duro colpo sia all'Europa che alla Russia.

    Ricorda cosa hanno fatto gli Stati Uniti e la Gran Bretagna per la loro prosperità con l'Europa e l'URSS
    durante la seconda guerra mondiale.
    Loro - la situazione che li solleva soprattutto - vorranno sicuramente ripetere.

    PS
    Ma ovviamente adesso c'è anche la Cina. Adesso è tutto più complicato.
    Ma gli Stati Uniti-Gran Bretagna possono negoziare con la Cina sulla divisione del mondo.
    Purtroppo questo non è escluso.
    1. Vladest Офлайн Vladest
      Vladest (Vladimir) 28 può 2021 23: 19
      -2
      Citazione: Viktor Radziminsky
      Ricorda che USA-Gran Bretagna

      Questo mi ha particolarmente soddisfatto. E soprattutto il legame tra Gran Bretagna e Stati Uniti. L'Inghilterra è in VM2 dal 1 settembre 1939 nella guerra contro la Germania. E dopo la sconfitta della Francia da parte dei tedeschi, si trovò faccia a faccia con i nazisti. fino al 22 giugno 1941. Dopo MV2, l'intera Europa era in rovina e non c'erano prospettive di ripresa. Cosa ha spinto gli Stati Uniti a sviluppare il Piano Marshall. E solo grazie a lui TUTTA l'Europa ha cominciato a "fiorire". E la Gran Bretagna in particolare.

      L'importo totale degli stanziamenti previsti dal piano Marshall (dal 4 aprile 1948 al dicembre 1951) ammontava a circa 13 miliardi [P 1]. dollari, con la maggior parte del Regno Unito (2,8 miliardi), Francia (2,5 miliardi), Italia (1,3 miliardi), Germania Ovest (1,3 miliardi), Paesi Bassi (1 miliardo).

      Cosa dovremmo ricordare?

      Ricorda cosa hanno fatto gli Stati Uniti e la Gran Bretagna per la sua prosperità
      1. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
        Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 28 può 2021 23: 40
        0
        In caso di un nuovo crollo dell'Europa e (parzialmente) della Russia - banche e servizi speciali
        Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna proporranno volentieri un nuovo Piano Marshall.
        1. Vladest Офлайн Vladest
          Vladest (Vladimir) 28 può 2021 23: 42
          -2
          Non esiste ancora una cosa del genere all'orizzonte. Osserveremo l'agonia di Lukashenskaya Bielorussia. Questo è abbastanza visibile.
          L'URSS ha respinto il Piano Marshall.
  7. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 28 può 2021 23: 05
    -2
    Non è già il 5-6 %% della Federazione Russa nel fatturato del commercio dell'UE in qualche modo può influenzare seriamente?
  8. SemVale Офлайн SemVale
    SemVale (Valle) 4 June 2021 23: 23
    -3
    Economia dell'UE e RF. Produttività e potenzialità del lavoro.
    Dove confluiscono quattro dei cinque dollari ed euro ricevuti dalla vendita di idrocarburi?
    Il denaro scorre dove lavorano.
    Come ha promesso Putin di raggiungere il PIL del Portogallo? E come è successo?