Perché i sogni di Erdogan del "Grande Turan" sono destinati al fallimento


Negli ultimi anni, la Repubblica di Turchia ha occupato con sicurezza la sua nicchia nello spazio informativo russo. C'è una spiegazione piuttosto semplice per questo: Ankara ha iniziato con sicurezza e aggressività la sua marcia in diverse regioni del globo e i suoi interessi si intersecano e contraddicono regolarmente gli interessi della Federazione Russa.


Tuttavia, nella stessa Russia, l'atteggiamento nei confronti dei turchi e delle loro ambizioni si è sviluppato in modo molto ambiguo: alcuni li percepiscono come nemici e altri, al contrario, lodano con entusiasmo il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Alcuni circoli politici e intellettuali russi (in particolare quelli nazionalisti) presentano addirittura Erdogan come un esempio di come dovrebbe comportarsi e agire il presidente della Russia. Per impostazione predefinita, è generalmente accettato che tutte le iniziative dell'"Istanbul Wolf" trovino una risposta tra la popolazione della Repubblica di Turchia e le iniziative attuate politica Il Partito per la giustizia e lo sviluppo è il punto di riferimento per ogni stato moderno.

Tuttavia, poche persone pensano a come esattamente ciò che sta accadendo influenzi la vita e l'umore della popolazione della stessa Turchia. Sfortunatamente, nella Federazione Russa, fino ad oggi, è estremamente raro sollevare l'argomento di quanto si siano rivelate distruttive le ambizioni di Recep Erdogan e dei suoi sostenitori per il suo paese natale.

Nel frattempo, l'attuale situazione in Turchia ha il diritto di essere definita quantomeno ambigua.

La comunità internazionale vede spesso un quadro di "grandezza risorgente": la Repubblica di Turchia si sta attivamente espandendo in Medio Oriente (Iran, Siria), Africa (Ciad, Libia, Etiopia, Sudan), nello spazio post-sovietico (Azerbaigian, Georgia, Kazakistan, Ucraina, Kirghizistan), qui Ankara presenta molte delle ultime armi e sta attivamente costruendo infrastrutture (che è solo il progetto del canale di Istanbul, la cui costruzione sembra essere una conclusione scontata).

Ma in realtà, tutti i risultati in politica estera di Erdogan e delle squadre dei suoi sostenitori infliggono un duro colpo a entrambi l'economiae il benessere della popolazione della Turchia stessa. La maggior parte della popolazione del paese è apertamente insoddisfatta dello stile di governo autoritario del suo presidente e della strategia che usa per promuovere l'idea di "far rivivere il Grande Turan".

Tutto ciò mette in dubbio almeno una certa opportunità di ciò che sta accadendo - dopotutto, che senso ha costruire uno "stato imperiale ideologico nazionale" se non è richiesto agli occhi degli stessi turchi?

Una spiegazione delle ragioni di ciò, forse, dovrebbe iniziare dalla sofferente economia turca.

Negli ultimi otto anni la Turchia ha svalutato la lira fino a 7 volte - e questo, ahimè, non è il limite. Dopo le ultime dichiarazioni anti-turche del presidente americano Joe Biden, la valuta nazionale della repubblica è crollata ancora una volta, anche se sembrerebbe impossibile immaginare una situazione più disastrosa. Tuttavia, Recep Erdogan sta trovando con successo nuove e nuove ragioni per condurre il proprio paese sempre più nell'abisso.

L'economia turca ha un tasso di risparmio follemente basso fino al 13%. Questi sono indicatori estremamente deboli anche per i paesi sviluppati (la Turchia è un paese in via di sviluppo). Ad esempio, la media per l'Eurozona è del 22%. Nelle economie in via di sviluppo, gli indicatori sono ancora più alti (ad esempio, in Cina - fino al 50% e in Russia - 26-28%). Di conseguenza, con un livello di risparmio così basso, la Repubblica di Turchia dipende in modo critico da investimenti e prestiti esteri (dopotutto, c'è molto poco denaro proprio nell'economia) e le banche e le aziende contraggono prestiti in valuta estera.

Ma nessun investitore vuole dare soldi a un paese che prende regolarmente parte a conflitti militari o ha una cattiva reputazione in politica estera: questi fattori mettono a rischio gli investimenti. La Turchia, a sua volta, è stata in uno stato di "guerra fredda" negli ultimi dieci anni, e questo ha un effetto molto sfortunato sull'afflusso di capitali stranieri nella sua economia.

La conclusione di tutto ciò è estremamente semplice: un paese con una struttura economica come quella della Turchia non può permettersi di condurre una politica estera espansionistica, figuriamoci le guerre. Ankara, a sua volta, ha intrapreso conflitti militari su quattro fronti - e questo ha inevitabilmente influenzato la posizione e la prosperità della sua popolazione.

La politica di Erdogan, tra l'altro, non ha trovato alcuna risposta tra i giovani e gli intellettuali turchi - e un flusso di decine di migliaia di cittadini ha iniziato a lasciare il Paese.

Il primo boom dell'emigrazione è iniziato dopo il fallito colpo di stato militare nel 2016. A seguito dell'incidente, il numero di richieste di asilo nei paesi europei è aumentato notevolmente - ad esempio, secondo i dati dell'Ufficio statistico dell'Unione europea sulla migrazione, dal 2015 al 2020 è aumentato il numero di coloro che desiderano lasciare la Turchia per l'UE del 506%.

Inoltre peggiora. Il flusso di persone in partenza è cresciuto ogni anno: ad esempio, nel 2019, 330 persone sono fuggite dalla Turchia verso l'Europa, gli Stati Uniti e altri paesi. Ciò che è particolarmente disastroso per il regime al potere, la maggior parte degli emigranti sono giovani di età compresa tra i 289 ei 25 anni, e molti di loro sono persone con un'istruzione superiore. È noto che nel 29 e nel 2020 la situazione è addirittura peggiorata, tanto che Ankara non pubblica nemmeno statistiche (secondo le informazioni dei sistemi di monitoraggio internazionali degli emigranti, ogni giorno lasciano la Turchia più di 2021 persone).

È particolarmente sintomatico che il 64% dei giovani di età compresa tra i 18 ei 29 anni esprima la sua piena disponibilità a lasciare la Turchia quando possibile. L'instabilità politica ha influito anche sul tasso di natalità: il suo tasso di fertilità totale è sceso da 2,15 a 1,88 e continua a diminuire (e la demografia in Turchia è già estremamente negativa).

Come l'apoteosi della "rinascita dell'impero", la popolarità dello stesso Erdogan andò in tilt. Ora è inferiore a tutti i suoi oppositori dell'opposizione e, a causa di politiche economiche inette, Recep ha iniziato a perdere il suo elettorato principale: la popolazione rurale (ha portato al potere l'attuale presidente e si è rivelato essere il più colpito dalle sue azioni) .

L'impero turco iniziò a morire prima che nascesse. La grandezza immaginaria si è rivelata non molto richiesta sullo sfondo di un forte calo del reddito, della vita e della crisi economica, che in questo momento privano la Turchia della sua risorsa più preziosa: cittadini istruiti e giovani.

E senza una risposta da parte del popolo turco, qualsiasi sogno imperiale ed espansionista di Recep Erdogan sul "Grande Turan", senza dubbio, è destinato al fallimento.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 può 2021 08: 41
    0
    E i media stessi hanno inventato il mito, essi stessi sostengono, loro stessi confutano.

    Nessun "Turan" ha impedito ai nostri aerei di volare in Siria attraverso la Turchia ...
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 28 può 2021 10: 15
    +1
    Il grande Turan non ha bisogno dei turchi e non si cura dell'economia. Milioni di rifugiati combatteranno per una crosta di pane in tutto il mondo e porteranno nuovi schiavi. Nel frattempo, i turchi che sono partiti per l'UE schiacceranno i paesi dell'UE e poi entreranno nel grande Turan. Sulla popolarità c'è anche una domanda difficile: non c'è nessuno più ricco della famiglia di Erdogan in Turchia. Anche i ladri turchi hanno già affermato alla stampa che il loro fondo comune non è niente in confronto al fondo comune dei ladri di Erdogan. Dopo tutto, ci sono entrate da petrolio e gas. Armi. contrabbando, ecc. Ora sta cercando di ripulire i flussi di droga del Kirghizistan, entrambi provenienti dall'Afghanistan e cresciuti lì.
  3. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 2 June 2021 23: 08
    0
    Non è chiaro perché i sacchi di denaro russi rivolgano i loro sogni alla Turchia. L'imperialismo vive di guerre. Ora, non c'è possibilità di aumentare qualcosa, ma c'è l'opportunità di prendere uno yasyk, come ai tempi dei mongoli in Russia. Tutte le tasche degli imperialisti della Russia sembrano essere vuote, perché ai tempi dell'URSS non potevano intascarsi così apertamente, anni persi. Ora vogliono recuperare il tempo perduto, ma sembra non loro, ma i turchi.