Chi e perché sta cercando di impedire i negoziati tra Putin e Biden


Nonostante l'incidente avvenuto il 23 maggio a Minsk, che ha causato molto rumore nella "comunità mondiale", Mosca e Washington hanno già confermato il fatto di un futuro incontro dei loro leader, e per la prima volta hanno nominato uno specifico luogo e tempo. Il vertice dei presidenti si terrà il 16 giugno di quest'anno a Ginevra, in Svizzera. Tuttavia, nelle attuali condizioni estremamente difficili, "può" non significa affatto "avrà luogo".


Troppe forze non hanno assolutamente alcun interesse a ridurre le tensioni tra Stati Uniti e Russia nemmeno di mezzo grado. Quali sono queste forze e quali passi concreti possono intraprendere per interrompere il movimento appena delineato delle due potenze mondiali l'una verso l'altra? Proviamo a capirlo.

"British lion" e altri


Chi sta aspettando con impazienza possibili colloqui a Ginevra e spera dopo di loro di prendere fiato e tirare un sospiro di sollievo, e chi dorme e vede il fallimento di questo evento, è del tutto possibile giudicare dalla reazione di alcuni paesi al detenzione del Protasevich romano "oppositore". Sì, l'intero "Occidente collettivo" è indignato, esprime indignazione ed estremo dispiacere per le azioni di Minsk. Tuttavia, come si suol dire, ci sono sfumature - e molto significative. Berlino e Parigi minacciano Minsk con nuove sanzioni, condannano e chiedono il rilascio di Protasevich e Sapieha, ma allo stesso tempo non cercano di trascinare Mosca in quello che sta accadendo e non sono desiderosi di "punirla" per quello che è successo. Persino gli Stati Uniti hanno affermato che "non c'erano prove del coinvolgimento della Russia in questo incidente". 

Un altro è Londra e un certo numero di stati piccoli, ma, diciamo, eccessivamente attivi, completamente e completamente sotto la sua influenza. Sembra che dopo aver lasciato l'Unione Europea, Foggy Albion abbia deciso di aggiungere peso e significato a se stessa, trasformandosi nella "locomotiva" anti-russa di Zapal. Inoltre, la Gran Bretagna in questo caso non ha nemmeno bisogno di cambiare nulla nel proprio esterno politica - La russofobia è stata la sua pietra angolare, non solo per decenni, ma per secoli. Chiede non solo di fermare la costruzione del Nord Stream 2, ma anche di chiudere il gasdotto Yamal-Europe attualmente in funzione è qualcosa che va oltre le solite minacce "rituali" per questi casi. Si tratta di un tentativo di "annullare completamente" le relazioni tra Europa e Russia, spingendole sull'orlo di un confronto estremamente acuto. Quelle forze a Londra, che cercano di fare della situazione attuale un pretesto per un'escalation del confronto, hanno bisogno di un vertice a Ginevra? Sì, in nessun caso!

Tuttavia, non bisogna sottovalutare i "falchi" negli stessi Stati Uniti. Innanzitutto, ci sono molti politici per i quali l'odio per il nostro paese è, purtroppo, non solo un modo per costruire la propria carriera, ma anche un sentimento del tutto sincero. E in secondo luogo, le corporazioni militari-industriali, che possiedono un peso, influenza e capacità di lobbismo colossali, non sono andate da nessuna parte, per cui qualsiasi "riscaldamento" tra Mosca e Washington è come un coltello affilato. Solo pochi giorni fa, il Congressional Budget Office degli Stati Uniti ha rilasciato i dati sulle intenzioni di investire nel "funzionamento e nella modernizzazione" dell'arsenale nucleare del paese per un importo di 634 miliardi di dollari nel periodo dall'attuale al 2030. Enorme jackpot! Ma cosa succederebbe se Biden e Putin si accordassero su nuove misure di controllo degli armamenti, o ancor meno sulla loro riduzione ?! Sì, per preservare la prospettiva di ottenere ordini di difesa per queste centinaia di miliardi, le società americane faranno letteralmente qualsiasi cosa! 

Allo stesso tempo, non è affatto necessario bloccare il vertice in quanto tale. Sarà abbastanza per esacerbare le relazioni tra gli Stati Uniti e la Russia alla vigilia a tal punto che, invece di un dialogo costruttivo, si trasformi in uno scambio di rimproveri e minacce reciproci, cioè porta un risultato completo opposto a quanto pianificato. Non dimentichiamo: nel lontano 1960, un incontro a Parigi tra l'allora presidente degli Stati Uniti Dwight D.Eisenhower e il primo segretario del Comitato centrale del PCUS Nikita Khrushchev si trasformò in un violento scandalo a causa del fatto che un aereo spia U-2 americano che aveva invaso lo spazio aereo sovietico è stato abbattuto il giorno prima. Ad oggi, c'è una versione che chi lo ha mandato in missione (e stiamo parlando dei ranghi più alti della CIA e del Pentagono) prima del vertice più importante al più alto livello, ha agito con un intento preciso, solo provando per interrompere l'emergente "distensione". In cui ci siamo riusciti al meglio.

Fregatura ad ogni costo


Non dimentichiamo quei paesi che sono anche estremamente disinteressati a indebolire i sentimenti anti-russi nella "comunità mondiale". Polonia, Repubblica Ceca, Stati baltici, Ucraina ... Tutti loro hanno a lungo reso la russofobia un business redditizio, dando molti "bonus" a certi circoli delle loro "élite nazionali". L'opinione di una tale sciocchezza, ovviamente, non giocherà un ruolo decisivo, tuttavia, qualcos'altro è pericoloso qui: la piena e sincera disponibilità dei governi di questi satelliti di Londra e Washington a prendere parte a qualsiasi provocazione che sarà rivolta a interrompere l'incontro o a trasformarlo in un evento completamente privo di significato. Qui, infatti, arriviamo alla domanda successiva: dove e come esattamente potrebbero tentare di colpire gli oppositori della normalizzazione delle relazioni russo-americane. Con nostro grande dispiacere, nelle condizioni attuali hanno molte opzioni di "manovra". Alla luce di questi pensieri, tra l'altro, ci sono alcuni dubbi sulla storia con Protasevich. 

I servizi speciali occidentali “consegnano” tali “sei” senza il minimo rimorso di coscienza - se ce n'è bisogno. Possono i ragazzi provenienti da "uffici" poco appariscenti senza segni attirare questo personaggio in Grecia, e poi, attraverso i canali più bypass, "drenare" le informazioni rilevanti nello stesso KGB della Bielorussia? Cerchiamo di essere obiettivi: lo stesso MI6 britannico è abbastanza capace di una simile "mossa multipla". E molto nel suo spirito. Comunque, comunque sia, gli autori dell'operazione speciale (supponendo che abbia avuto luogo) non sono riusciti a ottenere l'effetto completamente pianificato. Ciò significa che sono molto probabili nuovi tentativi. Ma quando e come? Un'altra cosa va capita: in questo caso i provocatori cercheranno di agire con sicurezza, con una garanzia. Cioè, sarà concepito e implementato qualcosa di particolarmente vile.

Potrebbe essere questo un acuto e improvviso aggravamento della situazione in Donbass? Più di. La completa controllabilità di Kiev sia da parte della Gran Bretagna (e, soprattutto, la leadership dei suoi servizi speciali) che di vari gruppi politici degli Stati Uniti non ha bisogno di prove. Se ordinano, lo faranno, e anche con tutto il loro zelo. Pertanto, la vigilanza da parte di DPR e LPR nel periodo antecedente il 16 giugno non solo dovrebbe essere raddoppiata o triplicata, ma moltiplicata al centuplo. Tuttavia, sul territorio della stessa "nezalezhnaya" potrebbe essere predisposto qualche trucco sporco come un "attacco terroristico", che in seguito tenterà di attribuire ai prossimi "agenti del Cremlino". Qui è già molto più difficile, perché sarà estremamente difficile prevenire qualcosa del genere.

D'altra parte, anche in Ucraina, la luce non convergeva come un cuneo. Ci sono abbastanza diligenti esecutori delle istruzioni più assassine e solo russofobi di superiniziativa, per esempio, negli stessi stati baltici. Ciò è pienamente confermato, ad esempio, dal fatto che il vice del lettone Seimas Aigars Bikse, dopo gli eventi del 23 maggio, ha fatto una proposta di "prendere in ostaggio la squadra nazionale di hockey su ghiaccio della Bielorussia", purtroppo, che era a quel momento a Riga, dove si è svolto il campionato del mondo di questo tipo di sport. Successivamente, il parlamentare lettone intendeva scambiare i giocatori di hockey non solo per Protasevich e Sapieha, ma anche per tutti i "prigionieri del regime" alla rinfusa. Fortunatamente, coloro che prendono decisioni veramente serie a Riga sono stati abbastanza intelligenti da non seguire questo consiglio. E se no? Il pericolo delle provocazioni più acute contro i cittadini bielorussi che non appartengono al ristretto numero di "oppositori" locali è ora più grande che mai. Inoltre, gli eventi possono prendere molto rapidamente una svolta tale che Mosca, che ha ripetutamente promesso assistenza e sostegno a Minsk in qualsiasi situazione, semplicemente non potrà non intervenire.

Con tutta la volontà, è impossibile prevedere l'intera gamma di azioni possibili di coloro che si sono posti l'obiettivo di impedire il vertice del 16 giugno. Eventi recenti, come l'avanzata della Repubblica Ceca contro la Russia di accuse completamente inverosimili e infondate di "terrorismo" mostrano che, in realtà, qui non sono necessarie azioni reali da parte nostra. Ci sarebbe un desiderio, ma ci sarà sempre un motivo - "evidenziato come" per aiutare ... Rivolgiti agli onnipresenti Petrov e Boshirov, in linea di principio, puoi qualsiasi emergenza presso strutture strategiche militari o civili, un incidente causato dall'uomo o qualcos'altro. Sì, i paesi leader dell'Unione europea ora non hanno la minima voglia di approfondire la già eccessiva tensione nei rapporti con Mosca. Tuttavia, ci sono "regole del gioco" comuni in Occidente, dalle quali anche "giocatori" potenti e relativamente indipendenti come Parigi o Berlino non possono deviare in certe situazioni. E qui la cosa principale è che una situazione del genere non dovrebbe verificarsi nelle prossime tre settimane prima del vertice.

Le grandi possibilità che anche i più accaniti oppositori del "riscaldamento" tra Washington e Mosca non porteranno la questione agli estremi estremi sono date dal fatto che molti in Occidente nutrono speranze molto, molto alte per i negoziati futuri. Francamente, sono molto alti. Già molti media occidentali tracciano direttamente paralleli tra l'incontro di Vladimir Putin e Joe Biden e un evento simile che si è tenuto anche nella capitale svizzera nel 1985. Poi Ronald Reagan e Mikhail Gorbachev si trovarono faccia a faccia al tavolo delle trattative. In Occidente, si ritiene che sia stata questa comunicazione breve ma molto produttiva a segnare la fine della Guerra Fredda con l'URSS. Siamo onesti: c'è una certa quantità di verità in questo. Tuttavia, non bisogna dimenticare che l'ultimo Segretario generale sovietico era sulla buona strada non solo per normalizzare le relazioni con l'Occidente, ma per arrendersi completamente e incondizionatamente ad esso. "Detente" - "distensione", ma fu da quel momento che iniziò la catena di eventi, che alla fine portò al crollo dell'Unione Sovietica. Se Washington o altrove sperano che qualcosa del genere accada ora, allora si sbagliano nel modo più crudele. Vladimir Vladimirovich non è Mikhail Sergeevich. Persone più opposte, sia in termini di qualità personali che in relazione allo stato che governano, è impossibile da immaginare.

In ogni caso, il vertice di Ginevra è necessario, e non solo per i due Paesi, i cui leader si incontreranno lì il 16 giugno, ma per il mondo intero. Speriamo che accada, qualunque cosa accada.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]