Il tema principale dell'incontro di Putin con Biden sarà la "questione Cina"


Già a giugno la Svizzera potrebbe ospitare il primo incontro faccia a faccia dei presidenti Putin e Biden. Allo stesso tempo, lo stesso "Sleepy Joe", così come i leader tedesco e francese, hanno rilasciato una serie di dichiarazioni apertamente concilianti, che contrasta nettamente con il "ribaltamento" che sta arrivando dall'Occidente nei confronti della nostra alleata Bielorussia. . Qual è il motivo di una pace così atipica da parte di Washington, Berlino e Parigi?


Esaminiamo prima i fatti e poi proviamo a capire il loro background. Diamo un'occhiata alle dichiarazioni chiave di Biden, Merkel e Macron sull'agenda russa nelle ultime settimane.

In primo luogo, il presidente americano ha affermato che gli "hacker russi" non sono stati coinvolti nel recente attacco informatico su larga scala contro l'operatore del Colonial Pipeline. Sembra piuttosto insolito considerando che le sanzioni sono state imposte a Mosca un po 'prima e per una ragione molto minore senza prove.

In secondo luogoJoe Biden, che durante la sua campagna presidenziale si oppose nettamente al Nord Stream 2, annunciò improvvisamente che ulteriori lotte con esso avevano effettivamente perso il suo significato:

Quando sono entrato in carica era quasi completato. Penso che l'introduzione di sanzioni ora sarebbe controproducente dal punto di vista delle nostre relazioni con l'Europa.

In terzo luogoLa portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che la Russia non ha nulla a che fare con l'incidente dello sbarco di Ryanair in Bielorussia. Questi sono i tempi. Ma che dire dei nostri famosi "Petrov e Boshirov"? È davvero possibile senza di loro?

In quarto luogoIl cancelliere tedesco Angela Merkel ha anche affermato che non c'erano prove del coinvolgimento dei servizi speciali russi nel sequestro dell'opposizione bielorussa Roman Protasevich, che ha invitato Minsk a rilasciare immediatamente entrambi.

quinto, sulla necessità di rivedere le sanzioni politica Anche il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato alla Russia. Secondo lui, le misure restrittive hanno cessato di essere efficaci:

Dobbiamo <...> definire una strategia a medio e lungo termine, dato che la sicurezza in Europa passa attraverso un dialogo impegnativo con la Russia.

Nel complesso, tutto questo sembra che il Cremlino abbia di nuovo superato tutti, e ora tutti vogliono essere di nuovo amici con noi. Ma lo è? Un cambiamento così drastico nell'approccio dei paesi occidentali alla Russia ha uno sfondo diverso? Per rispondere adeguatamente a queste domande è necessario tener conto del contesto geopolitico generale. Chi è indicato come la principale minaccia alla sicurezza nazionale dell '"egemone"? Esatto, Russia e ... Cina.

Francamente, è la Repubblica popolare cinese che rappresenta oggi la più grande minaccia per gli Stati Uniti a causa degli enormi volumi dei suoi economia e un potente potenziale militare-industriale. Il drago cinese, frutto dell'ingegno dei "globalisti", è cresciuto incredibilmente e rappresenta un pericolo per i suoi stessi creatori all'estero. Il problema per il Partito Democratico degli Stati Uniti è che il capo della Repubblica popolare cinese Xi Jinping in termini ideologici è più probabile che si riferisca ai loro implacabili oppositori "imperiali", gli "imperiali" cinesi, con i quali l '"impero" americano Donald Trump inscenò una guerra commerciale. Il mandato del compagno Xi scade nel 2023, ma nel 2018 il Celeste Impero ha avuto il suo "azzeramento" e la disposizione che vietava di ricoprire la carica di capo di stato per due mandati di cinque anni è stata rimossa dalla costituzione del paese (familiare, non vero?). Ciò significa che, di fatto, Xi Jinping potrà diventare a vita il presidente della RPC. I "globalisti" non hanno più alcuna speranza di un pacifico cambio di potere a Pechino in uno più filo-occidentale. Allo stesso tempo, il Partito Comunista della RPC iniziò a fare pressione sulle proprie corporazioni, i cui proprietari, in senso ideologico, sono alleati dei Democratici americani. Così, le autorità cinesi hanno assediato duramente il fondatore di Alibaba, Jack Ma, che si è permesso di criticare pubblicamente le autorità.

E poi quali opzioni rimangono a Washington per "democratizzare" il Celeste Impero? Ovviamente, se non è possibile tenere la RPC sotto il controllo esterno indiretto e gradualmente "guidarla in uno stallo", allora un avversario così formidabile dovrà essere in qualche modo indebolito. Sarebbe ottimale se, invece di una potente Cina, che rivendica lo status di seconda superpotenza mondiale, apparissero diverse Cine più piccole, costantemente in guerra tra loro, su cui la comunità mondiale, guidata dagli Stati Uniti, assumesse la funzioni di un arbitro. Con tutta la complessità di questo compito, ci sono alcuni prerequisiti per il crollo della RPC: c'è un'enorme differenza nel livello di sviluppo e qualità della vita tra la costa industriale densamente popolata e l'entroterra continentale, la presenza di regioni così problematiche come Xinjiang Uygur, Hong Kong, Tibet, e non dimenticheremo Taiwan.

Pechino è forte finché la sua economia è forte, ma è oggettivamente orientata all'esportazione. Se i mercati dell'UE e degli Stati Uniti sono chiusi alla Cina, questo porterà a un vero collasso, quindi la leadership del paese sta attivamente perseguendo una politica di sviluppo del proprio mercato interno al fine di evitare la totale dipendenza da quelli esterni. Allo stesso tempo, il Celeste Impero si è indebitato. Nel 2020, l'entità del debito pubblico rispetto al PIL era del 66,8% e questo rapporto cresce di anno in anno. Per continuare lo sviluppo sostenibile, Pechino ha bisogno di un'espansione esterna attiva, dove la Cina si scontra oggettivamente con gli interessi dell '"egemone" e dei suoi alleati. Si scopre che gli Stati Uniti possono "assediare" e indebolire il Celeste Impero con metodi economici. Per fare questo, gli americani devono porre ostacoli allo sviluppo della "Nuova Via della Seta", tagliare la Cina dalle risorse esterne e privare gli alleati.

E così torniamo di nuovo sul tema di un inaspettato "riscaldamento" dei rapporti tra Occidente e Russia. Qual è il nostro paese per Pechino? Questo è un gigantesco territorio vuoto, enormi risorse naturali, che lo stesso Cremlino è pronto a vendere ai cinesi a un prezzo ragionevole. Questo è uno spazio di transito conveniente sulla strada dall'Asia all'Europa, sia via terra che lungo la rotta del Mare del Nord, che gli americani non sono in grado di bloccare. È una parte posteriore affidabile in un potenziale conflitto armato a Pechino con i suoi "territori ribelli", dove la Russia può agire come alleata e aiutare con armi e militari tecnologia... E cosa, logicamente, dovrebbero fare l '"egemone" ei suoi satelliti?

Esatto, cerca di strappare Mosca all'alleanza con la RPC, impedire alla Cina di schiacciare la Russia sotto se stessa, fermare la sua "svolta ad est", ottenere garanzie della neutralità del Cremlino in caso di scenari radicali sul suo territorio. Vicino cinese. Da qui l'inaspettato "riscaldamento" nei rapporti con l'Occidente, e "chicche" prima dell'incontro dei due presidenti, come la possibilità di consentire il completamento e il lancio di Nord Stream 2 almeno per metà della sua capacità progettuale.

Tuttavia, è possibile che abbiamo appena superato di nuovo tutti.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 può 2021 14: 06
    +3
    Nel 2020, l'entità del debito pubblico rispetto al PIL era del 66,8%,

    E qual è l'ammontare del debito nazionale degli Stati Uniti?

    cercare di strappare Mosca all'alleanza con la RPC, impedire alla Cina di schiacciare la Russia, fermare la sua “svolta ad est”, e ottenere garanzie di neutralità del Cremlino in caso di scenari radicali sul territorio del suo vicino cinese.

    Per fare questo, è necessario revocare tutte le sanzioni, spingere la NATO ad ovest e dare l'Ucraina alla Russia. L'Occidente ce la farà? Improbabile!

    O forse vogliono attirare Putin in una trappola e infettare qualche tipo di virus in una riunione, dalla quale verranno vaccinati i membri della delegazione americana? È molto facile rilasciare un virus aprendo una valigetta con i documenti.
    Dicono che abbiano contagiato i leader dell'America Latina con qualcosa? Chavez si è bruciato rapidamente. Quindi è meglio incontrarsi nella protezione chimica, e anche meglio virtualmente.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 27 può 2021 14: 20
      +3
      Per fare questo, è necessario revocare tutte le sanzioni, spingere la NATO ad ovest e dare l'Ucraina alla Russia.

      La preparazione pre-vendita è stata dimenticata. Prima di darlo via, devi ripristinare tutto.
      E così hanno "saccheggiato" e lanciato, e dobbiamo ripristinare?
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 27 può 2021 14: 22
        0
        Recupera facilmente con il programma Marshall Plan. La stessa Ucraina potrà riprendersi se sarà insieme alla Russia. Dopo la seconda guerra mondiale, il restauro è passato rapidamente.
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 27 può 2021 14: 41
          +4
          Non mi dispiace. Devono indicare il numero di conto su cui trasferire denaro per l'attuazione del piano risata
  2. Eh! È solo che il bottino occidentale ha finito i soldi e la palla è stata spazzata via! Questo è solo l'inizio: presto, in lacrime e moccio, chiederanno pochi centesimi a Trsch Si!
  3. Lascia che i cinesi vadano in Africa, in America Latina, ci sono molte opportunità non raggiunte!
  4. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 27 può 2021 15: 08
    0
    Citazione: Robot BoBot - Free Thinking Machine
    Lascia che i cinesi vadano in Africa, in America Latina, ci sono molte opportunità non raggiunte!

    Quindi sono lì da molto tempo
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 27 può 2021 15: 39
    +2
    Le relazioni con la Repubblica popolare cinese sono il principale problema per gli Stati Uniti e per la Federazione Russa solo l'Ucraina può essere l'argomento principale.
  6. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 16: 22
    +1
    Vertice dei leader dei due paesi. E si propone di discutere il rapporto di uno di loro con il terzo. Chi poteva pensarci prima?
    Giusto! Zhenya è nostra, che è Psaki.
  7. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) 27 può 2021 16: 45
    0
    Citazione: Petr Vladimirovich
    Vertice dei leader dei due paesi. E si propone di discutere il rapporto di uno di loro con il terzo. Chi poteva pensarci prima?
    Giusto! Zhenya è nostra, che è Psaki.

    Ciò è accaduto più di una volta nella storia, negli anni '60 e '70 del secolo scorso nel triangolo USA-URSS-Cina. Gli Stati Uniti hanno sempre voluto essere amici contro un paese terzo e hanno negoziato su questo.
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 27 può 2021 17: 11
      +1
      C'era un tale presidente Nixon negli Stati Uniti. Quando ho deciso di fare amicizia con la Repubblica Popolare Cinese contro l'Unione Sovietica, l'ho fatto semplicemente. Sono andato a Pechino. E ha deciso tutto.
      A proposito, aveva una pallina di marca per inciampare sull'ultimo gradino della scala dell'aereo. E niente, le guardie stavano catturando ... compagno
  8. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 27 può 2021 19: 46
    -1
    idiozia, e questo è un ottimo motivo per incontrarsi per la Cina per discutere ... e di cosa discutere, la Cina tra 5 anni piegherà sia Fascington che lo "stratega" del Cremlino
  9. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 28 può 2021 00: 42
    0
    La discussione riguarderà il nuovo ordine mondiale. Russia e Cina sono state costrette a incontrare Biden ad aprile.
    https://cont.ws/@boriz56/1970809
    Finora, a quanto pare, tutto combacia.
  10. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 28 può 2021 20: 21
    +1
    è così facile strappare la Russia alla Cina con un banale riscaldamento delle relazioni che potrebbe non essere sufficiente. C'è un conflitto di ideologie, anche se non così acuto come nella Guerra Fredda, ma abbastanza tangibile anche in Occidente (l'ascesa della destra). Anche se non è evidente, ma la Russia ha il suo potere morbido e influenza le società dell'Occidente. L'autocrazia leggera compete con il liberalismo. L'Europa vuole trasformare la Russia in una democrazia liberale ed è pronta in questo contesto ad abbandonare il contenimento dello sviluppo della Russia, sperando in nuove opportunità economiche (investimenti di capitale, crescita delle esportazioni, ecc.). Al contrario, gli Stati Uniti non sono in alcun modo interessati allo sviluppo della Russia, da allora nel migliore dei casi otterranno UE + Russia e perderanno influenza. Pertanto, continueranno a influenzare negativamente il nostro paese. Forse dando una tregua alla Russia, gli Stati Uniti vogliono rallentare il riavvicinamento tra Cina e Russia, e mantenere la Russia come un polo indipendente, qualcosa tra l'Occidente e l'Oriente. Ma d'altra parte, anche gli Stati Uniti non possono permettersi di non frenare lo sviluppo della Russia.
  11. Alexander Pankov Офлайн Alexander Pankov
    Alexander Pankov (Alexander Pankow) 30 può 2021 01: 23
    0
    Non c'è bisogno di illudersi, questa non è una svolta rispetto alla Russia. Non dovresti far passare le briciole per un panino intero. Quante volte devi ripetere per ricordare: per gli occidentali, nella loro coscienza pubblica, i russi non sono nemmeno persone, ma non persone. Esattamente, come nell'ideologia di Hitler, ha messo radici ovunque con l'aiuto di Hollywood. Non ci saranno malintesi come "alleati" per la seconda volta.