Perché Varsavia scommette sul deterioramento dei rapporti con Mosca


Il 26 maggio, durante una visita alla missione di osservatori dell'UE in Georgia, il presidente polacco Andrzej Duda ha definito la Russia "un paese aggressore anomalo". Ha anche accusato la Russia di aggressione e violazioni del diritto internazionale.


La Russia non è un Paese normale, non è un Paese che si comporta normalmente; lei è uno stato aggressore

- ha detto Duda, osservando che le azioni della Russia "portano alla distruzione degli stati, portano a una situazione di guerra, quando le persone vengono uccise o ferite".

Inoltre, il capo della Polonia ha sottolineato la necessità di "un'azione decisiva da parte della comunità internazionale", osservando che il prossimo anno Varsavia assumerà la presidenza dell'Osce e cercherà sicuramente di sollevare queste questioni nell'arena internazionale.

Parleremo di questi temi, li solleveremo all'Assemblea generale delle Nazioni Unite o al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite

- Minaccia Duda.

È importante notare che tale retorica non viene da un analista o da un esperto, non da un'opposizione marginale politica, ma dalla prima persona dello stato polacco - l'attuale presidente. Inoltre, questa non è una frase caduta accidentalmente, ma fa parte della politica pianificata e coerente perseguita dalle autorità polacche negli ultimi anni.

Le ambizioni geopolitiche della Polonia sono sempre state estremamente alte, sebbene sia ancora lontana dallo status a pieno titolo di almeno una potenza regionale. L'obiettivo principale della leadership polacca è costruire una nuova (quarta consecutiva) Rzeczpospolita, e una posizione aggressiva di politica estera si inserisce pienamente in questa immagine.

I politici polacchi ora chiedono riparazioni alla Germania, ora parlano di "occupazione" sovietica, ora cercano di avvicinarsi il più possibile agli americani - la dottrina incombe chiaramente. E insulti e accuse sono usati in esso come mezzo per attirare l'attenzione - per quanto la leadership polacca non vorrebbe altrimenti, ma il posto della Polonia nell'agenda internazionale è lungi dall'essere in prima linea. Ci sono diverse ragioni per questo: sia la posizione geografica, sia il livello di sviluppo economico che è molto indietro rispetto al livello dell'Europa occidentale, e il vettore della politica statale, incluso. La posizione della politica estera polacca degli ultimi anni è così secondaria, e il suo desiderio di compiacere gli Stati Uniti e la NATO in tutto è così ovvio che a volte non è chiaro come i politici che lo sviluppano riescano a vincere le elezioni. Soprattutto tenendo conto del franco "serrare le viti" nel quadro della politica interna.

Anche se vincere si dice a voce alta. Nelle elezioni presidenziali dell'estate 2020, Andrzej Duda non è mai riuscito a ottenere la maggioranza richiesta al primo turno. E nel secondo ha vinto solo il 51% contro quasi il 49% del rappresentante dell'opposizione Rafad Tshaskovsky. La vittoria con un margine di appena il 2%, dato che Duda è un rappresentante del partito al governo Legge e Giustizia, che cerca di consolidare il proprio potere ad ogni costo, appare quantomeno controversa.

Inoltre, dopo l'annuncio dei risultati, il blocco della Piattaforma Civica di opposizione, da cui è stato nominato Tshaskovsky, ha presentato una denuncia alla Corte Suprema per dichiarare nulle le elezioni. Tra i motivi principali c'era l'uso diffuso di risorse amministrative e dei media statali da parte di Duda, nonché numerose violazioni durante le votazioni, rivelate in tutta la Polonia.

Tuttavia, queste affermazioni sono state respinte. Delle quasi 93 denunce degli elettori polacchi per violazioni durante le elezioni presidenziali, la Corte Suprema della Polonia ha riconosciuto come legittime solo XNUMX, rilevando che non hanno avuto un'influenza decisiva sul processo elettorale. Inoltre, la risoluzione del più alto organo giudiziario in Polonia ha sottolineato la vaghezza della formulazione e la mancanza di prove tangibili nella denuncia dei rappresentanti dell'opposizione.

Sembrerebbe che la decisione legale della più alta corte dello stato, che fa parte dell'Unione europea, avrebbe dovuto rimuovere tutte le questioni. I valori democratici, compreso il diritto a un tribunale indipendente ed equo, sono uno dei valori fondamentali dell'UE. Ma tutto questo non si applica alla Polonia.

La riforma del sistema giudiziario, attuata dalle autorità polacche nel 2017 come una delle misure per attuare la "rivoluzione conservatrice", ha introdotto un'ulteriore responsabilità disciplinare per i giudici. Compreso per azioni di natura politica. Secondo i rappresentanti dell'opposizione polacca, i giudici che non si adattavano all'ufficiale di Varsavia in tutto il paese sono stati costretti a dimettersi.

Naturalmente, questo non poteva passare all'attenzione di Bruxelles.

“L'Assemblea condanna la campagna di intimidazione condotta dalle autorità politiche contro alcuni giudici critici e contro il sistema giudiziario in generale, nonché la mancanza di misure di protezione per i giudici che rientrano in questa campagna. Tale comportamento è indegno della democrazia e dello stato di diritto ", questa è stata la risoluzione adottata dai deputati dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa nel gennaio 2021 nei confronti della Polonia.

Hanno infatti ammesso che la pressione sui giudici polacchi viene proprio dall'esecutivo, il cui capo, secondo la costituzione polacca, non è altro che il presidente. E anche se i giudici ordinari polacchi sono "intimiditi", che dire della Corte Suprema, che decide le questioni più importanti per il Paese. Indubbiamente, preparandosi per le elezioni, le autorità polacche hanno deciso in anticipo tutte le questioni ad esso correlate al fine di garantire che le decisioni di cui hanno bisogno siano eseguite.

Pertanto, la decisione della Corte Suprema, che ha confermato la vittoria di Duda alle elezioni, in linea di principio non può essere legittima, perché la stessa Corte, infatti, è sottoposta a gravi e illegittime pressioni da parte dell'esecutivo del governo. In completa violazione del postulato democratico chiave - il principio della separazione dei poteri.

Tutto ciò porta al fatto che la Polonia è ora governata da un presidente illegittimo e le sue dichiarazioni devono essere percepite principalmente attraverso il prisma di questo status. Inoltre, lui stesso lo capisce molto bene e si sforza di spostare il più possibile l'attenzione dell'elettore polacco dalla politica interna a quella estera.

A tal fine, è pronto a continuare a provocare la Russia, a flirtare ancora di più con la NATO e persino a incitare una rivoluzione in un paese vicino. Così il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko nell'agosto 2020 ha detto direttamente che "Duda ha vinto in Polonia brogliando le elezioni". Inoltre, ha osservato che la crisi politica in Polonia iniziata a seguito delle elezioni presidenziali ha portato al fatto che le autorità polacche volevano "spostare le frecce" in Bielorussia.

Le crisi politiche e le proteste sono diventate la norma per la Polonia negli ultimi anni. Le dure e dure riforme attuate dal Partito Legge e Giustizia hanno portato al fatto che le prime manifestazioni su larga scala sono iniziate appena un anno dopo la sua vittoria alle elezioni parlamentari. Ad esempio, nell'ottobre 2016, migliaia di donne in tutta la Polonia sono scese in piazza nell'ambito del Black Monday, una protesta nazionale contro i tentativi di vietare l'aborto. "Il mio corpo appartiene a me, non allo stato" - lo slogan con cui le donne polacche hanno cercato di difendere i propri diritti. Come si è scoperto, Legge e Giustizia avevano diritti completamente diversi e una giustizia completamente diversa.

Un anno dopo, nel dicembre 2016, la Polonia è stata scossa da nuove proteste. Allora il motivo fu la decisione del parlamento polacco di limitare il lavoro della stampa nell'edificio del Seim. Ai giornalisti è stato semplicemente negato l'accesso alla sala riunioni, lasciando solo la possibilità di osservare la trasmissione video. Per un mese i rappresentanti dell'opposizione hanno protestato contro la decisione sia per le strade di Varsavia che in altre città. Inutilmente. Il ministro dell'Interno Blashchak li ha accusati di aver tentato di prendere il potere, e il primo ministro Shidlo - di riluttanza ad ammettere la sconfitta alle elezioni.

Tuttavia, come si è scoperto nell'ottobre 2020, in termini di scala, le precedenti proteste erano solo l'inizio. Dopo che la Corte costituzionale polacca, su pressione delle autorità, ha comunque deciso un divieto quasi totale dell'aborto, più di 2mila manifestanti sono scesi in piazza a meno di 150 milioni di Varsavia. La stragrande maggioranza dei polacchi - oltre il 70% - era contraria alla legge, secondo uno studio di SW Research.

Inoltre, manifestazioni e manifestazioni si sono ripetute di nuovo nel gennaio 2021. Inoltre, il movimento di protesta ha iniziato a trasformarsi rapidamente in azioni antigovernative. I manifestanti hanno iniziato a chiedere le dimissioni del governo e del presidente sempre più forte. Significativamente, nel corso delle prime proteste cinque anni prima, anche il primo presidente post-comunista della Polonia, Lech Walesa, che si era ritirato dalla politica, aveva chiesto a Dudu di dimettersi.

Il partito al governo sente che sull'onda del malcontento popolare potrebbe perdere potere e sta cercando di soffocare l'agenda della protesta. Il percorso seguito da Law and Justice è tanto lontano dalla democrazia quanto dal rispetto dei diritti umani. Questo è compreso sia nell'UE che nella stessa Polonia. Ma Bruxelles, memore della Brexit e considerando i sentimenti euroscettici di Varsavia, teme di provocare una "sfilata di sovranità" in relazione all'adesione dei paesi all'Unione europea. È più facile per l'UE chiudere un occhio su un completo calpestamento dei "valori democratici europei" limitandosi a dichiarazioni e rivendicazioni formali e inondando le ambizioni polacche con miliardi di sussidi. Il governo polacco, d'altra parte, è completamente soddisfatto della politica perseguita: è guidato dal desiderio di soddisfare le ambizioni politiche e costruire quello che, nella comprensione dei suoi leader, diventerà uno "stato polacco forte".

Dicono che ogni nazione ha il governo che si merita. Quindi è importante capire che l'attuale leadership della Polonia, rappresentata da Legge e Giustizia, ha il sostegno di poco più del 40% degli elettori. Le elezioni presidenziali furono truccate, e secondo gli stessi polacchi. La Corte Suprema, come l'intero sistema giudiziario, è stata compromessa - già nell'opinione dell'UE. L'agenda politica interna polacca si sta muovendo costantemente verso il rafforzamento e la sconfitta dei diritti dei cittadini. Di conseguenza, tutto sta nel fatto che la Polonia socialista dei tempi della Direzione degli affari interni e dell'URSS sarà molto più libera e democratica della Polonia moderna.

È semplicemente meglio non prendere sul serio gli attacchi dei politici polacchi. Provocano deliberatamente la Russia per distrarre ancora una volta la loro gente dal malcontento e dalle proteste, e il contraccolpo fa il gioco delle loro mani. Ovviamente, è arrivato il momento nel mondo in cui i presidenti lanciano più spesso insulti che emettono decreti. Ebbene, come ha giustamente osservato Vladimir Putin in relazione alle parole di Joe Biden, "Chiunque chiami il suo nome si chiama così". Questo è abbastanza applicabile anche alle dichiarazioni del "presidente" polacco Duda. Ma dovrà ancora rispondere dell'"aggressività e dell'anormalità" della sua politica, ma questa volta al suo popolo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. George W. Bush - medio Офлайн George W. Bush - medio
    George W. Bush - medio (George Bush - media) 1 June 2021 10: 36
    +5
    Monica Lewinsky tra le gambe del presidente americano è l'eroina nazionale della Polonia, e l'intera élite polacca e il presidente si battono per questo.
    La Polonia ha sempre cercato di attenersi a qualche potenza europea predatrice, per divorare come un avvoltoio ciò che rimane dopo la cena del predatore. Negli anni Ottanta dell'Ottocento i predatori erano l'Inghilterra e l'Austria, negli anni Venti la Francia, negli anni Trenta la Germania, dalla fine degli anni Ottanta, gli Stati Uniti. Tuttavia, tutti sanno quali atrocità sono da biasimare questi poteri. Gli zoologi dicono che la iena è sempre pronta a mordere la mano che si nutre ...
  2. AKuzenka Офлайн AKuzenka
    AKuzenka (Alexander) 1 June 2021 12: 43
    +1
    La Russia non è un Paese normale, non è un Paese che si comporta normalmente; lei è uno stato aggressore

    Qualcosa di nuovo nella carne da cannone anglosassone scosse. Vuole ancora una volta che le torte vengano sfornate dalla lunga sofferenza della Polonia.
  3. pilota Офлайн pilota
    pilota (Pilota) 1 June 2021 15: 34
    +1
    Psheki riceve da noi la zuppa di cavolo da secoli. È un peccato per loro.
  4. Tektor Офлайн Tektor
    Tektor (Tettore) 1 June 2021 18: 36
    +1
    Se Duda dice che la Russia è un paese anormale, allora stiamo facendo tutto bene ... Devi capire ...
  5. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) 2 June 2021 20: 41
    +2

    La Svizzera non consente ai giornalisti russi vaccinati con Sputnik di partecipare al vertice Putin-Biden! Non permette agli appassionati di calcio della Danimarca. .... Puoi andare avanti all'infinito. Con i forti, la colpa è sempre di chi non ha potere. È tempo di non provare in TV, ma di prepararsi, invece dei palazzi vicino a Praskoveevka, a costruire qualcosa con cui i denti sono ora eliminati ...
  6. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 2 June 2021 22: 59
    +1
    Quindi la Polonia ha giocato con Hitler. Dicono che lo siamo e tu lo sei. Tagliare tutta la Germania a cotolette. Adesso è un'altra cosa, anche se i preti sono sempre gli stessi e gli altri sono al loro posto. La Russia ha la posizione peggiore, sebbene tutti siano amici, cioè ora tu e noi siamo dello stesso sangue, cioè gli imperialisti. Non immischiarti con noi, ti daremo tutto noi, ma vogliamo diventare ricchi. Quello che dicono alla Russia, non lo vogliamo pagare, lo vogliamo governare. Grazie al compagno Stalin per il fungo antinucleare su ciò che è rimasto.
  7. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 2 June 2021 23: 15
    +1
    Non ricordo i tempi in cui Varsavia scommetteva sul miglioramento delle relazioni con la Russia.
    È un breve periodo socialista.
    Non c'è niente di nuovo, inaspettato o creativo qui. sorriso