Karabakh: come entrambe le parti cercano di minare gli sforzi di mantenimento della pace della Russia


Sul territorio della regione armena di Gegharkunik, l'esercito azero ha catturato sei soldati armeni che stavano eseguendo lavori di ingegneria nella zona di confine: estrazione mineraria e installazione di opportuni segnali di avvertimento. In risposta, secondo le dichiarazioni di Baku, il gruppo di ricognizione e sabotaggio delle forze armate armene ha tentato di penetrare nel territorio dell'Azerbaigian, ma è stato arrestato. Il numero di incidenti di confine tra i due avversari inconciliabili è in costante crescita, nonostante gli accordi di armistizio trilaterale raggiunti. È possibile un'altra escalation che potrebbe portare al secondo, ultimo round della guerra per il Nagorno-Karabakh?


Ammettiamolo, sì, è possibile. Il problema è che il compito chiave che Baku ufficiale e la sua alleata Ankara devono affrontare per aprire un corridoio di trasporto attraverso l'Armenia non è stato effettivamente raggiunto. Stiamo parlando del corridoio Zangezur (Syunik). Dopo il crollo dell'URSS, la Repubblica Autonoma di Nakhichevan è stata tagliata fuori dal resto dell'Azerbaigian dalla regione Syunik dell'Armenia (Zangezur). Durante il periodo sovietico, c'erano un'autostrada e un ramo meridionale della ferrovia transcaucasica. Come risultato della prima guerra del Nagorno-Karabakh, che ebbe successo per Yerevan, diverse regioni azere confinanti con l'Iran passarono sotto il controllo degli armeni, il corridoio terrestre fu bloccato e la ferrovia fu completamente smantellata. I collegamenti di trasporto con l'exclave di Baku potevano essere mantenuti solo per via aerea o in transito attraverso la vicina Repubblica islamica. Le parti non sono riuscite a trovare un compromesso attraverso negoziati pacifici.

Baku è riuscita a risolvere il problema nel 2020 con la forza militare, con il sostegno di Ankara, sconfiggendo l'esercito armeno in appena un mese e mezzo e riprendendo il controllo su gran parte del Nagorno-Karabakh. Secondo gli accordi trilaterali, Yerevan avrebbe dovuto aprire il corridoio terrestre Zangezur (Syunik) per l'Azerbaigian. Questo darebbe ai vincitori molte "chicche". Si stima che le esportazioni azere cresceranno di oltre 700 milioni di dollari all'anno. Baku potrà risparmiare fino a 10 milioni di dollari all'anno, che ora devono essere spesi per sovvenzionare i voli aerei per Nakhichevan, nonché per il transito del gas attraverso l'Iran, dove Teheran mantiene fino al 15% del costo come pagamento per il suo Servizi. Ebbene, la Turchia attraverserebbe il territorio del suo alleato un corridoio di terra verso il Mar Caspio, dove si aprono allettanti prospettive di creare una "superpotenza logistica".

Quindi, è passato più di sei mesi dalla fine della sconfitta militare dell'Armenia, ma le cose sono ancora lì. A Yerevan, l'apertura di un corridoio di trasporto attraverso la regione di Syunik è associata all'estradizione di tutti i prigionieri di guerra. Si rifiutano a Baku, credendo che i soldati armeni detenuti dopo la dichiarazione di armistizio siano "sabotatori e terroristi". Si può capire perché Yerevan stia effettivamente eludendo l'adempimento dei suoi obblighi. Il problema risiede nello status giuridico non completamente regolamentato della regione di Syunik. Piuttosto, ogni parte interpreta questo stato in modo diverso e considera le carte indicate dagli avversari come "false". Gli armeni temono giustamente che dopo l'apertura del corridoio di trasporto e l'inizio della costruzione della strada, l'Azerbaijan possa effettivamente impossessarsi della contesa regione strategicamente importante e allo stesso tempo tagliarla fuori dal confine iraniano. Baku, come vincitore, richiede il suo:

Stiamo implementando il corridoio Zangezur, che l'Armenia lo voglia o no. Se vuole, allora decideremo più facilmente, se non vuole, decideremo con la forza. Proprio come prima e durante la guerra, ho detto che devono liberarsi dalle nostre terre, altrimenti li espelleremo con la forza. E così è successo. Lo stesso sarà il destino del corridoio Zangezur.

È evidente una certa vertigine per il successo del presidente Aliyev. L'esercito azero è stato recentemente introdotto nel territorio della contesa regione di Syunik. L'ex primo ministro Nikol Pashinyan, che sta partecipando alla nuova campagna elettorale, a sua volta chiede alla CSTO di prendere tutte le misure necessarie affinché Baku ritiri tutti i suoi soldati dalla terra armena. Il conflitto è ovvio e insolubile con mezzi pacifici. L'Azerbaigian e la Turchia non hanno mai avuto ciò per cui è stata iniziata in larga misura la seconda guerra del Nagorno-Karabakh. E perché tutti pensano che lo sopporteranno all'infinito? Baku ha abbastanza forza per il secondo turno, e ora non c'è nemmeno un governo legittimo a Yerevan.

La domanda chiave è come si comporterà il Cremlino in questo caso, da che parte prenderanno le forze di pace russe sul territorio della repubblica non riconosciuta? Durante la "guerra di un mese e mezzo" del 2020, Mosca è stata decisamente neutrale per non rovinare le sue relazioni con l'Azerbaigian e la Turchia, quindi perché dovrebbe essere qualcosa di diverso questa volta? E dopotutto, formalmente, il Cremlino ha ragione a prendere le distanze da questo conflitto interetnico di lunga data. Il problema è che questo sta scuotendo le fondamenta della CSTO, all'interno della quale Russia e Armenia sono alleati militari. Yerevan ha lanciato con aria di sfida un appello a questa organizzazione con la richiesta di prendere misure per espellere l'esercito azero dal territorio della regione di Syunik. Sta ancora studiando la questione. In risposta, Nikol Pashinyan ha minacciato di contattare altre strutture:

L'Armenia non esclude la possibilità di appellarsi al Consiglio di Sicurezza dell'Onu se gli strumenti CSTO non consentono di risolvere il problema alla frontiera.

La volontà della leadership armena di risolvere la questione attraverso il capo della CSTO e del Cremlino, per usare un eufemismo, non funziona nel migliore dei modi per l'immagine internazionale di questa organizzazione e della Russia, attorno alla quale è stata effettivamente creata. In effetti, il nostro stesso paese diventa ostaggio del proprio politica "Multi-vettore", per il quale tradizionalmente rimproveriamo la Bielorussia.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 29 può 2021 16: 03
    +2
    Karabakh: come entrambe le parti cercano di minare gli sforzi di mantenimento della pace della Russia

    Le truppe di frontiera russe hanno aumentato la loro presenza a Zangezur (regione di Syunik). Lo ha affermato ieri l'ambasciatore russo in Armenia Sergei Kopyrkin, ..... il comunicato stampa ufficiale dell'ambasciata russa in Armenia.

    L'introduzione di un nuovo contingente di truppe di frontiera è associata a un inasprimento al confine dell'Azerbaigian con l'Armenia.

    Le guardie di frontiera russe in Armenia, secondo l'ambasciatore, stanno servendo con un carico di lavoro moltiplicato.

    Due giorni fa, Pashinyan ha proposto di portare al confine un contingente di mantenimento della pace dai paesi del gruppo di Minsk. Contiene la frase "insieme alle forze di pace russe. L'ex desiderio di Pashinyan di entrare in possesso del contingente americano è evidente.

    Il primo ministro facente funzione dell'Armenia Nikol Pashinyan ha proposto di collocare osservatori internazionali che rappresentano la Russia al confine con l'Azerbaigian o un altro paese, il copresidente del Gruppo di Minsk dell'OSCE
  2. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 29 può 2021 17: 06
    -1
    Sembra che in questa situazione gli armeni stiano commettendo un grave errore, ignorando l'adempimento dei loro obblighi di fornire alla parte azerbaigiana un corridoio di terra verso il Nakhichevan. Aliyev ha ragione quando parla della sua determinazione a risolvere il problema con mezzi militari: a quanto pare, gli armeni non intendono volontariamente rispettare gli accordi di pace. Su cosa contano a Yerevan, c'è qualcun altro che spera che i russi combatteranno gli azeri per gli interessi dell'Armenia? E dicono anche che gli armeni sono un antico popolo saggio ... Dov'è quella saggezza?
  3. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 29 può 2021 18: 43
    +1
    Ciao a tutti!
    Padre, riposa in pace, ha detto. Durante l'Unione Sovietica ho viaggiato da Tbilisi a Baku lungo questo binario ferroviario.
    Cosa si ricorda. Dal lato armeno i confini del villaggio risplendono, dal lato turco è buio. La domanda naturale è perché? Risposta dei colleghi georgiani e armeni. I turchi ricordano il contratto di locazione, quindi questi territori non vengono sviluppati.
    1. kapitan92 Офлайн kapitan92
      kapitan92 (Vyacheslav) 29 può 2021 19: 13
      0
      Citazione: Petr Vladimirovich
      Padre, riposa in pace, ha detto. Durante l'Unione Sovietica ho viaggiato da Tbilisi a Baku lungo questo binario ferroviario.

      Si tratta della linea ferroviaria Baku-Julfa (Nakhichevan)
      Da che parte sta Tbilisi qui?
      1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
        Petr Vladimirovich (Peter) 29 può 2021 19: 50
        +1
        Sì, il più diretto. A Tbilisi, ho volato su un aereo per viaggi d'affari, poi un treno per Yerevan, poi per Nakhichevan, da lì a Baku ...
    2. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 29 può 2021 19: 43
      +1
      Non c'era e non c'è contratto di locazione.
      1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
        Petr Vladimirovich (Peter) 30 può 2021 17: 03
        +1
        Salam, amico!
        Sono d'accordo!

        Il Trattato di Mosca (tur. Moskova Anlaşması) è un "trattato di amicizia e fratellanza" firmato il 16 marzo 1921 a Mosca dai rappresentanti del governo della Grande Assemblea Nazionale della Turchia e dal governo della RSFSR. Il trattato ha stabilito il confine nord-orientale della Turchia, che esiste ancora oggi.

        “Dopo aver trasferito alla Turchia i vasti territori conquistati dall'impero russo, e di fatto tradito gli armeni, i bolscevichi-leninisti speravano che la Turchia diventasse per loro un fraterno paese socialista. Ma non è successo. La Turchia ha seguito la via del nazionalismo borghese e durante la seconda guerra mondiale è diventata un alleato "neutrale" della Germania nazista ", afferma lo storico della ricerca Alexander Mosyakin. - Alla Conferenza di Potsdam del 1945, Stalin cercò di correggere gli errori commessi da Lenin e chiese che i territori dell'Armenia occidentale con il Monte Ararat fossero trasferiti all'Unione Sovietica (SSR armeno). Ma gli alleati non erano d'accordo su questo.
        1. Shmurzik Офлайн Shmurzik
          Shmurzik (Seymslav) 30 può 2021 17: 32
          0
          territori conquistati dall'impero russo e tradendo effettivamente gli armeni

          E dove sono gli armeni ????
  4. Shmurzik Офлайн Shmurzik
    Shmurzik (Seymslav) 29 può 2021 20: 26
    +1
    Yerevan associa l'apertura di un corridoio di trasporto attraverso la regione di Syunik con l'estradizione di tutti i prigionieri di guerra

    L'Armenia non ha combattuto ... - quali prigionieri di guerra ??? Preso soprattutto dopo la guerra e dopo la scadenza per il ritiro delle truppe ????
    Illuminare chi è nel soggetto?
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 30 può 2021 17: 09
      +2
      Tranne l'autore rispettato, nessuno ... compagno