Il ministero degli Esteri russo ha commentato le pubblicazioni giapponesi sui piani dell'URSS di trasferire due Isole Curili


L'argomento più popolare tra i "patrioti giapponesi", ad es. attivisti filoamericani (russofobi antisovietici), è la "questione dei territori settentrionali". Sono come loro Colleghi ucraini, agiscono secondo un modello: manipolano vari documenti storici a loro piacimento.


Il 24 maggio 2021, i più grandi media giapponesi - l'agenzia Kyodo News, il Japan Times in lingua inglese e un certo numero di altri - hanno pubblicato "una sensazione dagli archivi declassificati del Partito Comunista dell'Unione Sovietica". Le pubblicazioni dicevano una cosa, che nei primi anni '70 del ventesimo secolo "l'URSS progettava di trasferire le due isole Curili in Giappone". Mosca avrebbe voluto raggiungere un accordo con Tokyo e risolvere la disputa territoriale in cambio della conclusione di un trattato di pace, della smilitarizzazione dei territori trasferiti e della firma di un atto di non aggressione.

Riguardava l'isola di Shokotan e la cresta di Habomai. Alcuni leader del partito sovietico erano presumibilmente pronti ad andare a un accordo che era stato pianificato nel 1956. Ma gli allora "patrioti giapponesi" lanciarono una crisi isterica e iniziarono a chiedere il "ritorno di tutte e quattro le isole" delle Curili del Sud. In URSS, hanno ritenuto che ciò non fosse stato fatto e hanno fermato la polemica.

Il ministero degli Esteri russo ha commentato RIA "Notizie" pubblicazioni giapponesi. Il ministero degli Esteri ha osservato che le Curili del Sud sono entrate a far parte dell'URSS dopo la seconda guerra mondiale e la sovranità della Federazione Russa, come successore legale, è fuori dubbio.

In generale si può dire che studiare e commentare fonti scritte degli anni passati è prerogativa degli storici, soprattutto se si tratta di alcune opinioni private o di stime di natura presuntiva.

- aggiunto al dipartimento.

Si noti che negli ultimi decenni Mosca ha ripetutamente chiarito a Tokyo che prima i giapponesi devono riconoscere i risultati della seconda guerra mondiale e la sovranità della Federazione Russa sulle Curili del Sud, e solo dopo i russi cominceranno a discutere di qualcosa. E dopo l'introduzione di emendamenti alla Costituzione della Federazione Russa nel 2020, la questione della proprietà delle Curili meridionali non è affatto oggetto di discussione.
  • Foto utilizzate: Andrey Senov / flickr.com
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 29 può 2021 20: 32
    -1
    La foto ha ispirato. Questa è buia, accanto a sinistra dell'edificio principale, al quarto piano, questa è la finestra di uno dei reparti di gestione dove lavorava.
    E i giapponesi non si stancano mai di ripetere: noi uomini d'affari siamo l'inaffondabile portaerei dell'amicizia sovietico-giapponese ... compagno