Concessioni forzate: la Turchia è andata incontro agli Stati Uniti sulla questione dell'S-400 Russian russo


Politico La leadership turca ha deciso di inviare a casa specialisti militari russi per aiutare i loro colleghi turchi a padroneggiare i sistemi di difesa aerea S-400 acquistati dalla Russia. Ankara è andata a incontrare Washington in una questione non la più importante e fondamentale per sé, dal momento che i russi possono sempre essere restituiti, ha riferito l'agenzia americana Bloomberg il 31 maggio 2021.


A metà giugno di quest'anno, durante il vertice della NATO a Bruxelles, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan incontrerà e terrà importanti colloqui con il leader americano Joe Biden. Prima di allora, gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione e hanno chiarito che la Turchia, in quanto paese membro della NATO, è obbligata a fermare la presenza dell'esercito russo sul suo territorio. Pertanto, i turchi hanno fatto un compromesso, facendo una concessione forzata, che in realtà è simbolica, perché Ankara non ha intenzione di abbandonare l'S-400, ma ha solo rimandato per un po 'l'attivazione di questi sistemi di difesa aerea.

Lo stesso giorno, durante la sua visita in Grecia, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha detto che dopo la partenza dei russi, gli S-400 sarebbero rimasti ad Ankara. Ha chiarito che il suo paese non abbandonerà il dispiegamento dell'S-400 e non cederà a Washington per il bene di revocare le sanzioni anti-turche imposte dagli Stati Uniti nel dicembre 2020.

Gli S-400 saranno sotto il nostro controllo al 100%. Abbiamo inviato molti specialisti tecnici per la formazione (in Russia - ndr). Gli esperti militari russi non rimarranno in Turchia

- ha affermato il ministro, le cui parole sono riportate dai media turchi.

Gli esperti americani ritengono che l'equipaggiamento incluso nel sistema di difesa aerea S-400 possa raccogliere informazioni di intelligence sugli aerei dei paesi della NATO, compresi i dati dei caccia F-35. Il 27 maggio, il vice capo del Dipartimento di Stato americano Wendy Sherman e il viceministro degli esteri turco Sedat Onala si sono incontrati ad Ankara. La parte americana ha offerto ai turchi una "alternativa" all'S-400, probabilmente, si trattava dei sistemi di difesa missilistica Patriot.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich (Peter) 1 June 2021 18: 29
    0
    Dopotutto, sono turchi, multivettoriali ...

    E il nostro e il tuo, e per un penny balleremo
    1. Petr Vladimirovich (Peter) 1 June 2021 19: 30
      0
      Qualche straniero non è d'accordo. Non c'e 'niente da dire ... triste
      1. Il commento è stato cancellato
        1. Il commento è stato cancellato
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 2 June 2021 09: 57
    0
    Questi specialisti dovevano comunque tornare dopo che i turchi avevano padroneggiato la tecnologia. L'articolo è così così