Perché l'Ucraina ha deciso di vendere la sua GTS


Il presidente Volodymyr Zelenskyy ha annunciato abbastanza inaspettatamente la sua disponibilità a vendere la GTS ucraina a partner europei e americani. Piuttosto, la parola "vendita" non suonava affatto, e invece è stata utilizzata una formulazione più snella "avere come comproprietari", che può essere interpretata in modo molto ampio se lo si desidera. È questo un gesto di disperazione o la fase finale dell'assorbimento da parte dell'Occidente dei resti dell'ucraino? economia?


In primo luogo, è necessario dire qualche parola sul sistema di trasporto del gas stesso e sui precedenti tentativi di Kiev di venderlo a qualcuno per valutare equamente a cosa ha portato la “giovane democrazia” il suo Paese. La GTS ha ereditato Nezalezhnaya dall'URSS ed è ancora una delle più grandi al mondo: si tratta di oltre 37mila chilometri di tubazioni e 71 stazioni di compressione. È parte integrante del sistema unificato di distribuzione interna del gas dell'Ucraina, quindi all'ingresso del GTS è in grado di accettare fino a 290 miliardi di metri cubi all'anno e all'uscita la sua capacità è di 175 miliardi. A causa della mancanza di fondi, lo stato del sistema di trasporto del gas si avvicina a condizioni critiche. 6 anni fa, una società di valutazione tedesca indipendente ha fissato il tasso di usura all'85%. Naturalmente, il GTS ha bisogno di una revisione urgente, e per molto tempo, ma il problema si basava sulla realtà della corruzione ucraina, nonché sulla banale avidità e stupidità dei funzionari.

Già nel 2002, a Kiev è stata offerta un'opzione con una gestione trilaterale del sistema di trasporto del gas con la partecipazione dei consumatori europei. Ma le autorità ucraine non volevano separarsi dalla loro posizione di monopolio e permettere a qualcuno di ficcare il naso nella loro "mangiatoia", se chiamate le cose col loro nome. Questo è stato un altro motivo per cui Mosca ha costruito i gasdotti di bypass Yamal-Europe e Blue Stream. Le "guerre del gas" durante la presidenza del presidente Yushchenko hanno confermato la necessità di ulteriori "Nord Stream" e "South Stream" attraverso la Bulgaria. Sotto Yanukovich, Gazprom ha offerto a Kiev di acquistare il 50% del sistema di trasporto del gas Nezalezhnaya per $ 4 miliardi e fornire in cambio uno sconto sul gas per un lungo periodo. Ma anche qui non erano d'accordo sul prezzo: le autorità ucraine hanno stimato il GTS a diverse decine di miliardi di dollari. Non potremmo essere nuovamente d'accordo sulla gestione trilaterale congiunta con gli europei. E poi è arrivato il Maidan del 2014 e tutti questi argomenti sono stati finalmente rimossi dall'agenda.

Che cosa hanno oggi nella linea di fondo? C'è un logoro GTS ucraino attraverso il quale Gazprom è obbligata a pompare fino a 40 miliardi di metri cubi di gas all'anno nei prossimi quattro anni. È già stato costruito un bypass Turkish Stream per sostituire il South Stream bulgaro, ed è quasi completato il Nord Stream-2, attraverso il quale il monopolio russo del progetto può pompare fino a 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Pertanto, dopo essere stata messa in funzione a pieno regime, Mosca non avrà più bisogno dei servizi di Kiev. L'Ucraina perderà i pagamenti per il transito del gas verso l'Europa, oltre a perdere la cosiddetta "inversione virtuale". In effetti, Nezalezhnaya prende semplicemente il carburante russo dal tubo principale per i propri bisogni e quindi crea una rete con i partner europei. Se non c'è un vero transito, non ci sarà nulla da portare via. Quindi Kiev dovrà cercare il gas in eccesso dai suoi vicini dell'UE o chiedere a Gazprom di riprendere le forniture dirette. E lì, vedete, le concessioni economiche saranno seguite da politico... Vittoria, compagni?

Ahimè, tutto è più complicato di quanto vorremmo. L'Occidente collettivo è estremamente disinteressato a lasciare che l'Ucraina torni in Russia. Per gli europei questo è un mercato aggiuntivo per i loro prodotti, una fonte di manodopera e risorse a basso costo; per gli Stati Uniti, è il trampolino di lancio più conveniente per la pressione militare e politica sul Cremlino. Inoltre, l'UE per il passaggio affidabile della stagione di riscaldamento ha bisogno di enormi strutture UGS ucraine per bilanciare i volumi e, per questo, è necessario preservare il transito del gas attraverso il GTS. Non per niente il cancelliere Merkel ha insistito senza mezzi termini sulla conservazione del transito ucraino anche in caso di lancio di North Potkoa-2. L'Europa e la Russia hanno bisogno di un gasdotto aggiuntivo che aggiri l'Ucraina, mentre Kiev e Washington no. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno una potente leva di pressione per ostacolare l'implementazione di Nord Stream 2. Attorno a questo gasdotto si è formato un groviglio geopolitico di interessi così complesso. E ora proviamo a immaginare come potrebbe tagliarlo il nostro Paese, o meglio, cosa dovrebbe succedere perché la Russia esca da questo partito come vincitrice.

Immaginiamo che il gasdotto di bypass sia completato e certificato. In accordo con le norme del Terzo Pacchetto Energia, Gazprom potrà utilizzarlo solo al 50% della sua capacità, cioè per pompare non 55 miliardi di metri cubi all'anno, ma solo la metà. Diciamo che Washington e Bruxelles giungono a un certo consenso sul fatto che Nord Stream 2 possa funzionare, ma a condizione che vengano preservati determinati volumi di transito attraverso l'Ucraina. Naturalmente, l'Occidente cercherà di porre l'onere della manutenzione e della revisione sulla società russa. Cosa rimane allora? Unica speranza per un "miracolo" che escluda la GTS ucraina dall'allineamento generale. Ricordiamolo nel 2014-2015, in questo paese pazzo, che semplicemente non parlava di far saltare in aria un gasdotto. Tale minaccia è stata espressa, ad esempio, dal leader del settore estremista di destra, bandito in Russia. Quanto sia inadeguato il governo ucraino può essere dimostrato anche dall'intervista del viceministro per i "territori temporaneamente occupati" Yuriy Hrymchak, dove ha affermato parola per parola:

Credi che non ci fossero piani per minare il sistema di gasdotti dalla nostra parte? Ti sto parlando dei piani statali.

Paese pazzo, gente pazza, un mucchio di armi in mano. Quindi faranno davvero saltare in aria il loro oleodotto principale. E poi di nuovo, ma in un posto diverso. Di nuovo. Oppure succederà qualcosa di brutto a un sistema usurato. Un simile "cigno nero" cambierà completamente l'allineamento attorno al Nord Stream 2, dal momento che la stessa Europa chiederà a Gazprom di utilizzare il gasdotto alla sua piena capacità di progettazione. E qui torniamo all'ultima dichiarazione del presidente Zelensky, che sentiva chiaramente che qualcosa non andava nel suo cuore:

Penso davvero che sarebbe bello avere sia partner che comproprietari nella GTS ucraina, in Europa e negli Stati Uniti. Perché la questione non è che nessuno danneggerebbe questo tubo per noi, non intraprenderebbe alcuna azione contro di esso, ma che tutti difenderebbero questi contratti e proteggerebbero la sicurezza dell'Ucraina e dell'Europa nel suo insieme.

Ovviamente, Kiev spera che il trasferimento dei diritti di proprietà ai partner occidentali sia una sorta di "talismano" per il GTS. Tutto può essere. È vero, va tenuto presente che i nuovi felici "comproprietari" del tubo fatiscente dovranno sostenere l'onere della sua manutenzione e revisione, ma ne hanno bisogno? Grande domanda.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich (Peter) 2 June 2021 22: 52
    +1
    Va tutto bene!
    Aspettiamo i "colleghi" stranieri
  2. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 2 June 2021 23: 13
    0
    Ucraina. Non abbiamo bisogno di questo tubo. Non vogliamo (abbiamo già fatto tanti rubinetti) che scrivano che c'è stato restringimento e restringimento, ma compriamo tutto, non rubiamo. Il guaio è che nessuno crede ai poveracci. Dopotutto, ci sono ancora Banderas che possono far saltare i tubi subito dall'altra parte e dire che i russi l'hanno fatto per calunniare il paese più sfortunato e onesto in questa rotta Milk-kefir.
  3. kapitan92 Офлайн kapitan92
    kapitan92 (Vyacheslav) 2 June 2021 23: 32
    +1
    e invece, è stata utilizzata una formulazione più snella "avere come comproprietari",

    Va notato che c'è buon senso nelle parole di Zeli, solo che questa è una "intuizione" molto tardiva dalla periferia.
    Nel 2010, Gazprom ha offerto di acquistare il 50% della GTS: non erano d'accordo sul prezzo, la periferia ha "alzato" il bar.
    C'era una proposta da parte nostra per creare un consorzio "Gazprom - Naftogaz" per la gestione e il funzionamento del GTS, tutto si è concluso nel 2014.
    L'ammortamento è di circa l'80-85% .. La reputazione di un partner commerciale lascia molto a desiderare.
    Puoi offrirlo, devi solo trovare un idiota che investirà nella GTS della periferia.
    35-40 miliardi di metri cubi di pompaggio sono "redditività marginale". Gazprom non rinuncerà al pompaggio fino al 2025 per diversi motivi: mettere in funzione JV 2 alla sua capacità di progettazione richiederà un paio di anni, aggiungeremo tempo per risolvere i problemi che potrebbero sorgere durante la certificazione e l'assicurazione di JV2, contratti con Romania e Moldova , il regime contrattuale "scarica o paga".
    Dopo il 2025, il pompaggio potrebbe ammontare a 10-15 miliardi di metri cubi di gas, il che non salverà più la GTS da gravi problemi.
    Speriamo che SP2 sarà completato ad agosto. (pah-pah).
  4. michey_2 Офлайн michey_2
    michey_2 (michae x) 6 June 2021 19: 14
    -1
    Un altro divorzio. Compreranno per i nostri soldi.