Il sistema pensionistico russo si è trasformato in una piramide finanziaria

Si ritiene che il moderno sistema pensionistico russo assomigli per molti versi a una piramide finanziaria. La ragione di ciò è la riforma delle pensioni del 2002, quando è stata proposta "creativamente" per obbligare un russo che lavora a dare il 22% dei soldi che ha guadagnato non solo per se stesso, ma anche per altri russi.




Nel tempo, la pratica viziosa ha iniziato a funzionare male e il deficit del Fondo pensione russo ha dovuto essere estinto dal bilancio dello Stato. Ma il budget non è di gomma, ci sono sempre meno soldi nel paese e devi scegliere: o pagare miliardi di bonus ai vertici delle corporazioni statali o aumentare l'età pensionabile per pagare meno i russi. La soluzione è ovvia e sta in superficie.

Formalmente, le persone vanno in pensione in Russia prima che in altri paesi. Ma in realtà, non è particolarmente possibile "vivere" con una pensione di 12000-13000 rubli. Secondo le statistiche, il 40% degli uomini russi non può nemmeno vivere fino a raggiungere l'età pensionabile. Se si alza l'asticella, il 100% dei debitori dei contributi pensionistici non vedrà i pagamenti a cui ha diritto, come hanno considerato gli autori dell'idea di innalzare l'età pensionabile. E i soldi risparmiati sui russi possono essere reindirizzati a cose più necessarie: a progetti come Skolkovo, RosNANO, i famigerati bonus per i top manager.

Quanto è giusta questa situazione, hanno riflettuto allo Stolypin Institute e sono giunti alla conclusione che, a quanto pare, non molto. Gli "Stolypins" si proponevano di capire come trasformare un pensionato nel nostro paese da membro più indigente della società in un rubicondo e fiducioso nel futuro, un ricco consumatore di tutti i benefici su una meritata pensione dallo Stato.

Il sistema pensionistico russo si è trasformato in una piramide finanziaria


Tra le proposte degli Stolypiniti c'è l'imbiancatura degli stipendi, che potrebbe aumentare le entrate al Fondo pensione russo. Inoltre, l'istituto ha ribaltato gli obblighi dell'URSS nei confronti della vecchia generazione, offrendosi di pagarli direttamente dal bilancio dello Stato. Gli Stolypiniti rassicurano i guardiani dell'integrità del "salvadanaio" statale, accennando alla natura a breve termine di questo inizio, data la veneranda età della vecchia generazione. Sperano nell'aiuto dello Stato per risolvere i problemi dei russi che hanno perso i risparmi pensionistici per colpa dello Stato stesso negli anni di transizione della giovane Russia.

Gli Stolypiniti hanno anche messo le mani su stipendi oltre un milione al mese, proponendo di imporre loro un'aliquota speciale di imposta sul reddito personale del 25%. Nella loro fuga, le fantasie dell'Istituto ammettono la possibilità di una gestione diretta dei conti di risparmio previdenziale e la trasformazione della parte finanziata della pensione in volontaria.

Il tempo mostrerà cosa pensano le proposte degli "Stolypiniti" coloro i cui salari sono misurati in milioni al mese.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.