Baltic Stream in Polonia: la fine di un'altra elettricità a gas fallita


recente notizie in una riga:


La Danimarca ha revocato un permesso per la costruzione del gasdotto Baltic Pipe, precedentemente rilasciato dall'Agenzia danese per la protezione ambientale, in attesa di ulteriori informazioni sulla protezione di alcune specie di animali durante la costruzione

- ne informa l'operatore del sistema di trasporto dell'energia e del gas della Danimarca Enegrinet.

Certificato: "Baltic Pipe" è un gasdotto europeo con una capacità di progetto fino a 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla Norvegia attraverso la Danimarca lungo il fondo del Mar Baltico fino alla Polonia. La sua parte sottomarina è di 230 km (140 miglia nautiche). Viene costruito congiuntamente dall'operatore danese Enegrinet e dall'operatore polacco del sistema di trasporto del gas Gaz-System. Il costo di costruzione è stimato in 1,6-2,1 miliardi di euro, i costi dovrebbero essere suddivisi equamente tra Gaz-System ed Energinet. Il gasdotto ha lo scopo di creare un nuovo percorso per le forniture di gas al mercato europeo ed è progettato per ridurre la dipendenza della regione dalle importazioni russe. Il 30 aprile 2021, il presidente polacco Andrzej Duda ha annunciato ufficialmente l'inizio della costruzione del gasdotto; la sua messa in servizio è prevista per il 1 ottobre 2022.

Ora questi piani non si avvereranno e, come sempre, la colpa è dei topi di campo (e non solo loro, ma ne parleremo più avanti). I danesi hanno spiegato il divieto con il fatto che l'autorizzazione è stata rilasciata prima del dovuto chiarimento su come influirà la costruzione di una sezione onshore del gasdotto con una lunghezza di circa 210 km (attraverso le isole di Funen e Zeeland e la penisola dello Jutland) la vita di alcune specie protette di animali che vivono in questa zona (vale a dire, campo e pipistrelli).

Un tempo, i Verdi tedeschi hanno combattuto contro la costruzione di SP-2 con il pretesto che viola l'ecologia degli uccelli marini (vedo già la nidificazione di questi uccelli sul fondo del Mar Baltico!), Ora i loro colleghi danesi stanno mettendo dei bastoni nelle ruote della Baltic Pipe polacco-danese”. Davvero, i sentieri del verde sono imperscrutabili!

Amo i nostri piani enorme!


Ricordi questo vecchio aneddoto su un marito che giace sul divano e alla ragionevole domanda di sua moglie per quanto tempo ci starà sopra, risponde: "E se domani fosse una guerra e io sono stanco ?!”. Quindi la nostra Polonia, con i topi di campagna, forse, alla fine, se la caverà, e spero che riceverà il permesso di posare il prolungamento via terra del tubo baltico dalla Danimarca, ma strada facendo si stancherà così tanto che avere più forza per riempire questo tubo e gas, lei non ce l'avrà. Tutti i suoi grandi progetti napoleonici, infatti, per diventare un altro hub europeo del gas, insieme all'olandese TTF e alla britannica NBP, a cui da ottobre di quest'anno si aggiungerà il tedesco THE (Trading Hub Europe), alimentato da 4 linee di Nord Stream 1” e “Nord Stream-2”, rischiano di scontrarsi con una domanda banale ma vitale: “Dove lo prendi benzina?”. GNL americano? Oh bene…

Taccio già sul fatto che il GNL americano non esiste in natura, è semplicemente prodotto negli Stati Uniti, ma di fatto appartiene alle aziende che lo hanno acquistato, non di origine americana, e lo porteranno dove pagano di più, e questa non è affatto l'Europa, ma i mercati premium del sud-est asiatico (almeno lo è stato finora). Ma anche se chiudi gli occhi e immagini che sia successo qualcosa del genere (beh, cosa non succede nella vita?!), e le navi metaniere di origine americana andranno ai terminali polacchi, allora vale la pena ricordare che la capacità del l'unico GNL che hanno attualmente è un terminale a Swinoujscie 5 miliardi di metri cubi di gas / anno con possibilità di espansione a 7,5 miliardi.E anche se le nostre orgogliose aziende riescono ad aumentare la sua capacità di 1,5 volte, oltre a lanciare un nuovo terminale galleggiante Gdansk con una capacità di 4,5 miliardi di metri cubi di gas all'anno, quindi anche dopo, la capacità totale dei loro terminali di rigassificazione raggiungerà solo 12 miliardi di metri cubi di gas, che, data la propria domanda di gas naturale di 10 miliardi di metri cubi di gas / anno, chiaramente non aiuterà il loro operatore nazionale di petrolio e gas PGNiG a riempire il proprio tubo, che è un gasdotto di continuazione logica "Yamal-UE", ed entrare nel mercato del gas dell'UE con la sua proposta.

Dopotutto, rinunceranno solennemente al gas russo, che la Polonia riceve ininterrottamente dal 1944, nel 2022, quando scadrà l'attuale contratto tra Gazprom e PGNiG, passando al gas di propria produzione (non più di 5 miliardi di metri cubi di gas/anno) diluendolo con forniture di GNL americano (12 miliardi di metri cubi) e gasdotto norvegese, che PGNiG prevede di ricevere attraverso il gasdotto Baltic Pipe attualmente in costruzione (altri 10 miliardi di metri cubi). D'accordo che sarà un po' troppo piccolo entrare nei mercati europei del gas con una fornitura di 17 miliardi di metri cubi di gas. Mentre Gazprom regna lì con una fornitura fino a 200 miliardi di metri cubi di gas all'anno. E dal 2022, la Germania appare con i suoi 110 miliardi di gas russo. E questo senza contare i vecchi giocatori di questo mercato - i norvegesi, algerini e qatarini, inoltre non dimentichiamo i turchi, gli americani e gli azeri che si sono aggiunti di recente a loro. Con la domanda totale dell'Europa di circa 600 miliardi di metri cubi di gas all'anno, non riesco a vedere la Polonia con il binocolo.

Tuttavia, per risolvere questo grande compito, nel dicembre 2018, PGNiG ha firmato un contratto per la fornitura di GNL dagli Stati Uniti e ha persino ricevuto tre volte il gas. Ma si è rivelato molto più economico per gli astuti yankee vendere GNL russo dalle rive del Mare di Kara (porto di Sabetta) agli orgogliosi polacchi, dove si trova l'impianto russo per la produzione e la liquefazione del gas naturale della società Novatek , piuttosto che guidare i vettori del gas attraverso il furioso Atlantico dalle rive del Golfo del Messico (Louisiana) all'Europa settentrionale nel cupo Mar Baltico (il porto di Swinoujscie). Come si suol dire, niente di personale, solo affari: volevi GNL, ottieni GNL. E che ti importa dove l'abbiamo preso? E allora, che mi dici dei russi? Paga come americano! Sì, un doppio bancone - e anche per il tempestoso Oceano Atlantico, e anche per il tre volte più costoso trasporto marittimo. Sei disgustato di prendere il gas dai russi, prendilo da noi, non siamo disgustati, ma il denaro, come sai, non puzza.

Imparato da questa amara esperienza e non volendo dipendere interamente dai vili americani, PGNiG a fine gennaio 2019 ha superato se stesso e ha ricevuto tre licenze per la produzione di gas nelle acque norvegesi e ha anche acquistato una partecipazione nel campo Tommeliten Alpha per $ 220 milioni nello stesso luogo sulla piattaforma continentale norvegese. Le intenzioni di PGNiG erano più serie che mai, si proponeva di diventare un vero e proprio hub regionale del gas, per il quale nell'ottobre 2020 conclude un contratto per la produzione congiunta di gas con un altro "gigante" del settore del gas con Energy Resources of Ukraine (ERU ) sull'attuazione di un'esplorazione congiunta e di una produzione di gas naturale in Ucraina nelle regioni confinanti con la Polonia. L'accordo firmato con questo mostro dell'industria del gas ucraina (di cui ho sentito parlare per la prima volta!) afferma che il potenziale produttivo del giacimento in cui è prevista la produzione “è confermato dai risultati degli studi geologici effettuati da PGNiG, che mostrano la correlazione delle sue strutture geologiche con Przemysl, il più grande giacimento di gas naturale in Polonia". Allo stesso tempo, al fine di fornire protezione finanziaria per il progetto congiunto di PGNiG ed ERU, sono state avviate trattative con la International Corporation for Financing for Development degli USA e la Polish Export Credit Insurance Corporation (KUKE).

Abbiamo tutto il necessario della tecnologia e attrezzature, e i nostri dipendenti hanno la conoscenza e l'esperienza accumulate in 60 anni di esplorazione e produzione nell'area di Rzeszow. Questo crea una solida base per il successo del progetto. Siamo lieti di avere l'opportunità di espandere le nostre attività di esplorazione e produzione in nuovi mercati con un partner commerciale di fiducia.

- ha detto dopo la firma dell'accordo, Presidente del Consiglio di PGNiG Jerzy Kveczynski.

Gazprom è passata inosservata


L'ottimismo del signor Kveciński può solo essere invidiato, perché i suoi piani per riempire di gas il gasdotto del Baltic Pipe in costruzione non si avvereranno. Anche se riesce a sconfiggere i topi di campagna danesi e a sfondare il permesso per la costruzione di un prolungamento a terra del gasdotto, non è un dato di fatto che riuscirà a spingere i topi di mare russi, e questa volta per niente topi, ma ricci, perché il gasdotto Baltic Pipe in costruzione in esclusiva danese economico La zona, purtroppo, è attraversata in due punti dal gasdotto ad alta pressione già costruito e funzionante Nord Stream-1 e dal Nord Stream-2 in costruzione, e superarli non sta a te metterti d'accordo con i topi di campagna.

Il fatto è che quando si attraversano le rotte del gasdotto, gli operatori di Nord Stream 2 AG e l'operatore di trasporto del gas polacco Gaz-System dovranno effettivamente raggiungere un accordo, e non solo tra loro. "Nord Stream-1" e "Nord Stream-2" - gasdotti ad alta pressione, strutture, la cui integrità dell'infrastruttura è garantita da zone protettive, che si applicano secondo le leggi della Federazione Russa, Finlandia, Svezia, Danimarca e Germania, nelle acque interne e nelle acque della zona economica esclusiva che attraversano, 500 metri su entrambi i lati degli assi delle linee estreme dei gasdotti. All'interno di questa zona è vietato qualsiasi lavoro che possa causare danni al gasdotto. Quando si attraversano i percorsi dei gasdotti, Gaz-System dovrà ottenere l'autorizzazione sia da Nord Stream 2 AG che dalle autorità locali (apparentemente danesi) al fine di prevenire danni al gasdotto esistente durante i lavori di installazione. E questo non sta a te combattere con gli ambientalisti danesi!

E come, sullo sfondo di tutto ciò, Pan Kveczynski intendeva attuare i suoi piani napoleonici per fornire gas a Lituania, Ucraina, Slovacchia e Repubblica Ceca, con cui intende estendere gli interconnettori dal confine polacco? Secondo i suoi piani, il gasdotto per le esigenze interne e la rivendita sarà fornito da Baltic Pipe e il terminale GNL fornirà flessibilità di prezzo.

Pan Kwieczyński ha infatti problemi con la matematica, se il fabbisogno interno della Polonia è di 10 miliardi di metri cubi di gas/anno, e la capacità del Baltic Pipe è la stessa, allora cosa resta da rivendere? Buco della ciambella? E questo a condizione che Pan Kveczynski abbia raggiunto un accordo con i topi di campagna e la russa Gazprom. E se no? E se il vile Gazprom si riposa e dice: "Non avvicinarti di un millimetro alla nostra pipa!", cosa hai intenzione di fare, chiama la NATO?

E non ho ancora detto nulla sui principali problemi di PGNiG. Il fatto è che i giacimenti di gas sulla piattaforma continentale del Mare del Nord e del Mare di Norvegia sono stati sfruttati dalla fine degli anni '60 e tendono ad essere sviluppati. Nel Mare di Barents, non importa quanto abbiano cercato, non hanno trovato nulla di interessante, e nel Mare del Nord e di Norvegia la piattaforma è già esplorata da oltre l'80%. I vecchi giacimenti, man mano che si sviluppano, diventano difficili da recuperare, e ci sono sempre meno pozzi scoperti di recente, non per niente ExxonMobil ha lasciato i progetti norvegesi, deluso da loro. È possibile che il gasdotto in costruzione pubblicizzato dai polacchi con una capacità di progetto di 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno non avrà nulla da riempire.

Alla fine dello scorso anno, PGNiG, dopo aver sbandierato al mondo intero il nuovo giacimento a condensato di gas Warka scoperto da essa insieme a ConocoPhillips nella sezione norvegese della piattaforma del Mare di Norvegia, si è vantato che questo è il più grande giacimento di gas scoperto nel 2020, tacendo che le riserve di Warka sono stimate tra gli 8 ei 30 miliardi di metri cubi di gas e gas condensato. Questo è per 3 anni di operazione "Baltic Pipe", e poi cosa?

E poi la zuppa con il gatto! Fine dell'indipendenza energetica polacca e piani per conquistare i mercati europei del gas. È divertente che queste siano le stesse persone che hanno chiamato la Russia la stazione di servizio d'Europa e ci hanno proibito di prenderci il naso. Se guardi all'Europa, allora il più ricco pro capite non è affatto la Germania o la Francia, ma la piccola Norvegia, ogni cui cittadino vive come uno sceicco arabo dei paesi del Golfo, il cui benessere non si basa affatto sulla sabbia commercio. E lo State Global Pension Fund norvegese, meglio conosciuto come Oil Fund, è il più grande fondo sovrano del mondo. Creata nel 1990 per investire i proventi in eccesso del settore petrolifero norvegese, dal 2021 possiede partecipazioni in 9 società in 202 paesi del mondo, con un valore patrimoniale di oltre 74 trilioni di dollari. dollari americani, pari a circa l'1,3% del mercato azionario mondiale. A novembre 1,5, dal fondo per ogni cittadino norvegese provenivano oltre 2020 milioni di corone norvegesi, ovvero circa 2 mila dollari USA.

Perché pensi che i nostri nemici sospirino così tanto quando guardano le nostre risorse naturali? Dicendoci che farebbero meglio a gestirli. Ok, le storie segrete sui nostri "amici" giurati, che abbiamo individuato nella lista nera dei nostri nemici nazionali, ve le racconterò la prossima volta. Si chiamerà "Ocean's 11", e il nemico principale non sono affatto gli Stati Uniti o l'Ucraina con la Polonia e la Repubblica Ceca, come molti qui hanno già pensato, ma la Gran Bretagna, dannazione! Bene, non andrò avanti con me stesso.

Per essere continuato.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. chemyurij Online chemyurij
    chemyurij (chemyurij) 8 June 2021 13: 12
    0
    Preso atto, non commenterò ancora, non vedo l'ora di continuare con impazienza, anche se devo prendere nota della linea di pensiero dell'articolo che mi piace.
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 8 June 2021 14: 25
    +4
    I polacchi possono perforare pozzi orizzontali in direzione dell'Ucraina - non c'era nessun cavallo sdraiato lì, quanto gas di scisto - Biden per aiutare!
    Buon articolo Mi è piaciuto.
  3. Mazay_2 Офлайн Mazay_2
    Mazay_2 (Anatoly Chubar) 8 June 2021 17: 17
    +1
    Potenza del gas, è quella che ha il gas o non c'è gas nelle profondità?
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Lupo) 8 June 2021 17: 33
      +3
      La Germania ha il gas? Ed è stata una potenza a gas da ottobre di quest'anno! La Turchia è la stessa! E la Polonia avrebbe potuto esserlo, ma l'ambizione polacca è fallita. La quinta volta calpestano lo stesso rastrello!
      1. Petr Vladimirovich (Peter) 8 June 2021 18: 15
        +3
        Sono lieto di mettere un plus! Rispetto per l'autore!!!
      2. Ulisse Офлайн Ulisse
        Ulisse (Alex) 8 June 2021 18: 23
        +1
        Ci può essere un solo hub del gas nell'Europa settentrionale e centrale, la Germania.
        E questo è corretto.
        I topi danesi erano ben educati e il governo danese era "preoccupato". sorriso
        E sì, la Polonia con le sue ambizioni sta già davvero infastidendo il suo vicino occidentale.
  4. scorpione Офлайн scorpione
    scorpione (Alexander Burylov) 10 June 2021 17: 16
    0
    I problemi di Baltic Pipe sono stati ben compresi da B.Martsinkevich, ti consiglio di dare un'occhiata a Zen. Questo gasdotto è composto da tre sezioni e il problema è su una: nella sezione onshore della Danimarca. Il resto è in costruzione. I polacchi non hanno problemi nell'attraversare la SP-1,2, ha concordato Gazprom. A Gazprom non frega niente del Baltic Pipe, perché se la Norvegia dà gas ai polacchi, darà meno agli altri dall'Europa, quindi non forniremo i polacchi, ma attraverso i tedeschi e i turchi agli altri dall'Europa