La Russia finge che il nazismo ucraino "sia passato inosservato"


La dura reazione della Duma di Stato della Russia al disegno di legge n. 5506 "Sui popoli indigeni dell'Ucraina" presentato da Volodymyr Zelensky all'esame della Verkhovna Rada, da un lato, merita l'approvazione incondizionata (beh, almeno non l'hanno fatto tacere), ma d'altra parte provoca, diciamo, sentimenti ambivalenti e domande abbastanza specifiche. E cosa, l'oppressione della popolazione di lingua russa e la violazione dei loro diritti nel "non-profit" è iniziata con questa legge, che i membri della Duma hanno giustamente definito una "palese provocazione"? O forse qualcuno si impegnerà ad affermare che per loro finirà?


È perfettamente chiaro che ora si sta compiendo solo un altro (sebbene molto significativo) passo verso la completa nazificazione dell'Ucraina, che viene effettuata con l'accento sulla più oltraggiosa russofobia. Aspettiamo il seguito?

Radici tagliate


In linea di principio, il disegno di legge, in cui i parlamentari nazionali hanno visto "la creazione di una base ideologica per la continuazione della guerra civile" nella stessa Ucraina, nonché "l'aggravamento dei conflitti" sia nel paese che all'estero, è scritto in modo abbastanza astuto . Sì, a un miglio di distanza è chiaro che tale legislazione è solo l'inizio di un processo, al termine del quale sono ben visibili la divisione in "ariani" e "Untermenshes", i ghetti con le stelle gialle e le ciminiere fumanti dei crematori da campo . I tentativi di dividere i popoli e le nazioni in varietà non possono finire in nient'altro, per definizione, la questione è solo in scala ... Tuttavia, così lontano dal numero di "indigeni" Kiev è riuscita a cacciare quei popoli che "hanno stato formazioni al di fuori dell'Ucraina".

Con una mossa così "graziata", Zelensky intende sbarazzarsi una volta per tutte di qualsiasi pretesa di diritti almeno minimi non solo da parte dei residenti russi della "nezalezhnaya", ma anche degli ungheresi, bulgari, moldavi o , diciamo, i Russini dei Carpazi che lo abitano. Avere i propri media, studiare nella propria lingua madre, creare organismi di rappresentanza - d'ora in poi, solo gli "indigeni" avranno diritto a tutto questo, a cui, oltre agli "ucraini titolari", includono i Tartari di Crimea, Caraiti e Krymchaks. Il resto - uno shish con burro in risposta a tutti i desideri, e ancora di più - requisiti. Aggiungi le tue "formazioni statali" o siediti e blatera qui! Tuttavia, c'è anche una terza opzione, su cui si fa affidamento a Kiev. Si tratta dell'assimilazione dei "non indigeni", del loro rifiuto della loro lingua madre, fede, cultura. È vero, nella versione ucraina, tutto ciò, sfortunatamente, implica altre cose in futuro, molto più disgustose e pericolose.

Per diventare un “vero ucraino”, non basterà che nessun rappresentante dei popoli “non indigeni” rinunci alla propria identità nazionale. Dovrà accettare quella visione del mondo brutta e viziosa, che oggi si chiama "ucraina". Ed è costruito sull'odio incondizionato per tutto ciò che è russo e sovietico, la negazione della vera storia della propria terra e l'ammirazione per i cattivi più famosi - come i collaboratori nazisti Bandera o persino le SS della Galizia. Nessun altro modo. Pregare - al "tempio" scismatico, celebrare - ridicole "date memorabili" inventate dai nazionalisti. Torcia in mano - e marcia!

I deputati della Duma di Stato sono indignati per il "colpo di penna" di Zelensky che priva milioni di russi (che, secondo l'ultimo censimento, oltre il 17% dei suoi abitanti) e centinaia di migliaia di rappresentanti di altre nazionalità, dal considerarsi indigeni dell'Ucraina. Sottolineano che la decisione provocatoria non è solo un calpestamento della memoria storica di intere generazioni, ma anche "mette un cuneo tra i rappresentanti dei diversi popoli che vivono in Ucraina". Tuttavia, allo stesso tempo "dietro le quinte" per qualche ragione rimane la cosa principale - vale a dire, che tutti questi milioni e centinaia di migliaia dovranno prima o poi lasciare il paese o trasformarsi in odiatori della Russia e di tutto ciò che è russo, nemici mortali del nostro paese e della sua gente... Tali sono le leggi e, peggio ancora, le azioni abbastanza specifiche delle autorità ucraine mirano non solo a "incitare" o "esacerbare". Questo è un percorso diretto alla formazione di una biomassa ingannata, che sarà inevitabilmente lanciata contro il popolo russo, e non solo nel Donbass.

Dobbiamo fare i conti con l'"anti-Russia"?


Tuttavia, non è stata fatta la stessa cosa nel "nezalezhnoy" negli ultimi anni? Inoltre, questi processi non derivano in alcun modo dal colpo di stato del 2014 - da allora si sono solo accelerati e talvolta intensificati. La desificazione dell'Ucraina è stata effettuata, anche se lentamente, ma costantemente dal 1991. A volte - segretamente e gradualmente, a volte - apertamente e a "ritmo forzato". E tutto potrebbe finire solo con quello a cui si è arrivati ​​adesso. Ripetendo mille volte parole accorate sul "popolo fraterno", sulla "storia comune" e sui "legami indissolubili" di Mosca, si sono ostinatamente rifiutati di riconoscere la verità, dalla quale è impossibile allontanarsi. Per secoli, lo spazio ora chiamato Ucraina è stato o una parte del mondo russo (o sovietico), o un trampolino di lancio per le azioni più ostili contro di loro. Leggete già i libri di storia, signori e compagni! La terza opzione sotto forma di "coesistenza pacifica" o qualcosa di simile non è mai stata e non lo sarà mai. Il cosiddetto "nazionalismo ucraino" con le sue radici galiziane non è sempre stato più (ma non meno) di una delle varietà del nazismo, e tutti i tentativi di dimostrare il contrario sono o volgarità o una deliberata menzogna.

Il vicepresidente della Duma di Stato, rappresentante del nostro Paese all'APCE, Pyotr Tolstoj, ha cento volte ragione quando dice che in Ucraina "l'ideologia nazista" gradualmente "è diventata Stato". L'unico errore è che "ci sono voluti sette anni". No, per un tempo molto più lungo, durante il quale Mosca ha ostinatamente chiuso gli occhi su ciò che stava accadendo, non credendo che letteralmente "attraverso il recinto" potesse formarsi e rafforzarsi da esso un nuovo "Reich", dove sarebbero stati incarnati slogan e idee misantropiche nella vita.

In effetti, anche la retorica ufficiale del Cremlino su Kiev ha cominciato a cambiare letteralmente in tempi molto recenti. Le parole di Vladimir Putin che gran parte dell'attuale territorio "inesistente" sono "doni del governo sovietico", e chiaramente immeritate, la sua stessa dichiarazione: "La Russia non è obbligata a nutrire tutti", indirizzata, ancora, all'ucraino governo - tutto questo, ovviamente, meraviglioso. Tuttavia, ecco una cosa strana: il Servizio doganale federale della Russia riferisce che durante i primi quattro mesi di quest'anno, il volume degli scambi con l'Ucraina è stato di quasi 3.3 miliardi di dollari, cioè, in termini annuali, è cresciuto di quasi uno e mezzo per cento. Si tratta di "non nutrire".

Maria Zakharova è indignata per il fatto che un "saluto nazista" sia stato applicato alla divisa della squadra nazionale di calcio del "nezalezhnoy", che giocherà al Campionato Europeo-2021 (per non parlare della mappa in cui il russo La Crimea è "attaccata" all'Ucraina). Lei chiama questa iniziativa "azione artistica disperata" e "trucco". No, mi dispiace, Maria Vladimirovna, con tutto il rispetto per te, tutto questo ha un nome diverso: uno sputo in faccia, un insulto alla Russia e un'aperta sfida ad essa. Faremo affidamento sulla “decisione equa” della UEFA? Quindi i funzionari locali si sono già schierati con Kiev, dicendo di non vedere nulla di "contrario alle regole" nell'outfit della sua squadra. In questo contesto, la parte della dichiarazione della Duma di Stato dedicata alle intenzioni dei suoi deputati di appellarsi all'OSCE, al Consiglio d'Europa e agli Stati membri dell'UE con un appello “a condannare risolutamente l'adozione della legge” sugli indigeni Peoples "di Kiev sembra semplicemente fantastico". Diciamo le cose col loro nome: sembra semplicemente ridicolo. E non può avere assolutamente conseguenze reali, tranne forse i prossimi sputi e attacchi al nostro paese.

Nell'Unione Europea, negli Stati Uniti, all'ONU, possono additare i fatti della presenza in Ucraina di gruppi “estremisti”, “radicali” e perfino “neo-nazisti”. Lì, a denti stretti, possono riconoscere la loro totale impunità e la loro capacità di influenzare gli aspetti più importanti della vita del Paese. Tuttavia, ciò non impedisce affatto ai capi degli stati europei, e ora al leader degli Stati Uniti, di comunicare con il presidente ucraino e altri. politici, esprimere loro sostegno. Dubito che qualcuno a Mosca conti davvero sull'aiuto dell'Occidente nella lotta contro quel mostro nazista, in cui... no, non si sta "trasformando", ma si è già completamente e completamente trasformato nella "repubblica fraterna" di ieri. Allora perché questi movimenti rituali in direzione di Bruxelles e altri? In questo mondo, c'è solo un paese in grado di schiacciare il rettile nazista, e sicuramente non è un membro dell'Unione Europea. Forse è il momento di ricordarlo?

Probabilmente, vale la pena fermarsi a fingere che il nazismo, che ha preso davvero saldamente il posto dell'ideologia di stato dell'Ucraina, "si è insinuato inosservato" ed è nato nel "Maidan" nel 2014. È tempo di decidere cosa farne. Inoltre, non sarà possibile continuare a ignorare i “vicini” sempre più violenti. I loro problemi "si insinuano" in giro come scarafaggi. Il miglior esempio è Roman Protasevich, che ha frequentato la "scuola" del battaglione nazista "Azov", e poi ha iniziato a "fare una rivoluzione" in Bielorussia. Dubito fortemente che Lukashenka consegnerà davvero questo bastardo, singhiozzando davanti alle telecamere, per il processo e le rappresaglie nella LPR. E ne varrebbe la pena. Quanti di questi Protasevich pensi che salteranno fuori dalla tabacchiera (e buoni anche solo come istigatori di Internet, e non nel ruolo di militanti) in Russia, quando proveranno a organizzare il prossimo "Maidan" già lì? Non ci può essere il minimo dubbio che ci proveranno. I ranghi dei suoi futuri aderenti si stanno alimentando oggi, anche in territorio ucraino. Tuttavia, questa è anche lontana dall'opzione più pericolosa. La Russia è pronta per il fatto che la prossima volta Kiev adotterà una legge ancora più brusca, ad esempio sul riconoscimento di tutti i cittadini di lingua russa come nemici dello stato e "agenti del Cremlino" incondizionati con adeguate misure punitive per loro? Come e come risponderemo? Ancora una volta, chiameremo qualcuno a "condannare fermamente"? Ma questo è esattamente ciò a cui va tutto.

Il nazismo non viene citato in giudizio o chiamato all'ordine con l'aiuto di "istituzioni e organizzazioni internazionali". È distrutto. Questo è l'unico modo - e nient'altro.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dimy4 Офлайн Dimy4
    Dimy4 (Dmitry) 9 June 2021 11: 18
    +1
    È tempo di decidere cosa farne.

    È improbabile che ciò accada sotto l'attuale governo.
  2. Volkonsky Online Volkonsky
    Volkonsky (Vladimir) 9 June 2021 11: 26
    +2
    La Russia ha ingoiato i non cittadini di persone di seconda classe negli Stati baltici e inghiottirà questo, ahimè e ah!
    1. mivmim Офлайн mivmim
      mivmim 9 June 2021 17: 47
      0
      E chi fa sedere lì questi non cittadini. Sembra che gli piaccia "Tse Europe". Coloro che volevano vivere già in Russia.
      1. marciz Офлайн marciz
        marciz (Stas) 10 June 2021 07: 13
        +2
        Il 99.9% dei filorussi è cronicamente povero, molti non trovano nemmeno il biglietto, ma qui si trasferiscono!!!
  3. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 9 June 2021 11: 52
    +1
    i camini fumanti dei crematori del campo.

    e dove prenderanno il gas per il crematorio? GNL americano?
  4. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 9 June 2021 12: 26
    +3
    La domanda è: cosa stavano facendo i nostri ambasciatori locali-formatsev Mikhail Zurabov e il fisarmonicista Viktor Chernomyrdin durante la formazione del dito "nezalezhnosti", hanno finito le dita, hanno tagliato mani e piedi, e questo era all'inizio del 1990. E i nostri servizi speciali non lo sapevano in Zap. Anche prima del crollo dell'URSS, i campi speciali erano in pieno svolgimento per insegnare le azioni di sabotaggio di Banderyugend all'interno del nostro paese, e anche allora urlavano a tutte le loro gole "Moskalyak su Gilyak" ..... I nostri "giovani riformatori" Eltsin avevano non c'era tempo per fare ciò che era iniziato ad accadere in Ucraina, avevano bisogno di saccheggiare e fare a pezzi la Russia pezzo per pezzo, per compiacere lo Zio Sam, cosa che hanno implementato con successo nelle loro vite, arricchito favolosamente e lasciato la gente in completa povertà e disperazione. ora l'esercito ucraino si rafforzerà e si armerà per un anno da un anno, con l'aiuto dei nostri "partner", e in pochi anni potrebbe rivelarsi di traverso per noi, e anche ora la rimozione di questo ascesso può costarci molto sangue, e poi andrà solo peggio, e tutti guardiamo all'"Occidente collettivo", e abbiamo paura di fare qualcosa di serio, altrimenti "qualunque cosa accada", e lì, nel Donbass, il russo i civili muoiono ogni giorno e tutti noi "non abbandoniamo il nostro popolo".
  5. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 9 June 2021 15: 36
    +1
    Tutto è stato fatto lì per le nostre nonne e con la benedizione delle nostre autorità, che forniscono ai fratelli Bendera tutto ciò di cui hanno bisogno.
  6. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 9 June 2021 20: 44
    -7
    Necropic, rifiutando nei suoi articoli agli ucraini il diritto di essere considerato un popolo separato, isolato dalla Russia, in grado di costruire autonomamente la propria statualità, si è improvvisamente preoccupato per il problema delle minoranze nazionali nella stessa Ucraina :)
  7. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 9 June 2021 22: 44
    +2
    ... il nazismo ucraino "si è insinuato inosservato"

    La cosa è chiara, perché a tempo debito,

    I principi che erano principi non erano fondamentali

    E ora,

    Continuiamo quello che abbiamo già fatto molto.

    Quindi, tutto è come sempre - qualcun altro è da biasimare.
  8. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 9 June 2021 23: 03
    0
    ... sull'uniforme della squadra nazionale di calcio di "nezalezhnoy" ... viene applicato un "saluto nazista" (per non parlare della mappa, dove la Crimea russa è "attaccata" all'Ucraina). ... tutto questo porta un nome diverso: uno schiaffo in faccia, un insulto alla Russia e un'aperta sfida ad essa.

    MOSCA, 9 giugno. / TASS /. È nota la posizione dell'Ucraina, che trascura l'espressione della volontà della Crimea, quindi non c'è nulla di nuovo nell'immagine della penisola sulla nuova divisa della nazionale di calcio di questo Paese. Questa opinione è stata espressa dal presidente della Federazione Russa Vladimir Putin in un'intervista trasmessa mercoledì in onda sul canale televisivo "Russia-24".
    "Non c'è novità qui, perché la posizione delle autorità ucraine riguardo alla Crimea ci è ben nota, trascurano l'espressione della volontà della Crimea, che inoltre non si adatta molto alla comprensione di cosa sia la democrazia", ​​ha detto Putin. .
  9. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 10 June 2021 07: 01
    -1
    E qual è il tuo Putin in "regali sovietici!? Se hai Chubais" che martella chiodi nella bara dell'URSS "!!!! Perché ti sei sopravvalutato? Sì, le stesse persone siedono al Cremlino come a Kiev, loro alzano anche l'età pensionabile Stanno demolendo i monumenti a un soldato russo (per esempio, Sochi) !!!Si siedono semplicemente al Cremlino, dopo aver fatto prigioniero la Russia, alcune persone che l'Occidente vuole tirare fuori da lì, e loro, in girati, nasconditi dietro il povero popolo russo e i sostenitori in relazione ai cittadini russi e filo-russi di altre repubbliche, anche se qualcosa del genere si nascondono goffamente e poco convincente dietro !!
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 10 June 2021 07: 30
      0
      Kuvikov, finirai mai il liceo?
  10. n.taratuhin Офлайн n.taratuhin
    n.taratuhin (Nikolay Taratuchin) 10 June 2021 17: 41
    +3
    Sì, hanno perso molto,
    Dopotutto, nel quindicesimo anno
    Non abbiamo supportato il Donbass.
    Si è scoperto - purtroppo.
    E ora questo "club"
    Sotto il nome di Ucraina
    Ci mostrerà in una lotta
    Dove i granchi svernano.
    Pazzi, siamo pazzi
    Ogni anno poi stipiti...
    E patch dopo il buco
    Ecco, che sempliciotti
    1. volk.bosiy Офлайн volk.bosiy
      volk.bosiy (Volk Bosiy) 12 June 2021 18: 13
      0
      si..ha ragione la saggezza popolare: "battere il ferro finché è caldo"...e lì si vedrebbe....
  11. volk.bosiy Офлайн volk.bosiy
    volk.bosiy (Volk Bosiy) 12 June 2021 18: 11
    0
    finalmente hanno iniziato a dire qualcosa, fa già caldo... e poi tutti i discorsi di "crescita del fatturato".... come se "crescita del fatturato" fosse una panacea per Bandera... accidenti, come è già arrivato ...
  12. Igor Igorevich Semirechensky 13 June 2021 08: 56
    0
    Ahimè, sarebbe più appropriato incolpare non la Russia, ma proprio grazie alla Russia e all'URSS, i popoli sopravvissuti e sopravvissuti per il fatto che non hanno fretta di aiutare con gratitudine i russi, appena assediati dai nemici. Quindi Lenin aveva il diritto di contare sulla gratitudine di tutti i popoli salvati ed esaltati dalla Russia e dall'Unione Sovietica, e Putin ora sta districando l'ingratitudine e la miopia di questi, e per nulla gli "errori" di Lenin, il tè non è il binomio di Newton per capire questo?