Avendo perso un partner nella persona della Russia, gli Stati Uniti affronteranno l'"unione spaziale" di Mosca e Pechino


La Russia lascerà il progetto della Stazione Spaziale Internazionale entro il 2024, anche se prima di allora prevede di volare verso la ISS e tornare indietro, oltre a riparare i suoi moduli. Allo stesso tempo, Mosca sta rafforzando la sua cooperazione nell'industria spaziale con Pechino, che è particolarmente preoccupante per Washington.


La parte americana è interessata a proseguire il progetto ISS fino al 2030 e guarda con preoccupazione alla convergenza delle posizioni di Russia e Cina nell'esplorazione spaziale. Il capo della Nasa Bill Nelson ha affermato che l'uscita della Federazione Russa dall'Iss "non è di buon auspicio".

La legge degli Stati Uniti vieta alla NASA di collaborare con la Repubblica popolare cinese. Nel frattempo, all'inizio di quest'anno, Russia e Cina hanno firmato un accordo per stabilire congiuntamente una base sulla luna. Pertanto, gli Stati Uniti, dopo il ritiro della Russia dal progetto ISS, potrebbero trovarsi di fronte a una "unione spaziale" tra russi e cinesi.

La partenza della Russia dalla ISS e la sua cooperazione con la Cina potrebbero dare impulso a una nuova corsa allo spazio

- notano gli esperti della pubblicazione Slash Gear.

Secondo Nelson, in caso di cooperazione di successo tra Russia e Cina, la corsa lunare acquisirà slancio e questi paesi inizieranno a competere con gli Stati Uniti. Pertanto, il capo della NASA è diffidente nei confronti del riavvicinamento spaziale cinese-russo e ritiene che Washington dovrebbe sviluppare programmi per l'esplorazione dello spazio vicino alla Terra con Mosca.
  • Foto utilizzate: NASA
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev (Serge) 9 June 2021 11: 56
    -1
    Se ricordi che il 60% della ISS è di proprietà e finanziato da Yusa, e la Cina non è chiaramente desiderosa di mantenere un esercito di "manager efficaci" russi, allora ....
  2. lavoratore dell'acciaio 9 June 2021 20: 25
    -1
    I nostri leader, uomini d'affari, manager sono avidi di denaro! Anche per il prestigio del paese, hanno paura di spendere un centesimo. Tutti cercano qualcuno che investa nel nostro promettente programma. Solo altri, come la Cina, l'India, vogliono ottenere tecnologie avanzate per i loro soldi. Ora gli Stati Uniti, avendo ricevuto la tecnologia ISS, ci cacciano con insolenza. "Gli intelligenti imparano dagli errori degli altri, gli stupidi dai propri". Ma i nostri imprenditori e manager non si rendono conto che la Cina, avendo ricevuto la sua, ci chiederà anche di partire quando riceverà le nostre tecnologie. Pertanto, la Cina è lieta di accettare di collaborare con noi nello spazio! Abbiamo bisogno di questo?
    1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
      Errore digitale (Eugene) 9 June 2021 21: 42
      -1
      Citazione: acciaio
      Tutti cercano qualcuno che investa nel nostro promettente programma

      Cosa significa promettere? Ciò significa che a lungo termine pagherà. E cosa può ripagare a lungo termine gli istituti di credito, a parte la tecnologia? Niente. E avendo ricevuto la tecnologia, non avranno più bisogno di noi, creando la propria svolta scientifica e tecnica sul nostro (sovietico?) sì
  3. cmonman Офлайн cmonman
    cmonman (Garik Mokin) 9 June 2021 22: 15
    -3
    Pochi giorni fa ...

    Il discorso di Rogozin alle audizioni parlamentari è arrivato prima di un vertice a cui hanno partecipato il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo americano Joe Biden alla fine di questo mese a Ginevra. Rogozin ha affermato che Mosca ha difficoltà a lanciare alcuni satelliti a causa delle sanzioni statunitensi, il che significa che la Russia non può importare determinati chip necessari per il suo programma spaziale.
    "Abbiamo missili più che sufficienti, non c'è nulla da ritirare", ha detto Rogozin. Le sue parole sono state una rara ammissione da parte di un alto funzionario russo che le sanzioni occidentali stanno seriamente ostacolando lo sviluppo di una particolare industria. "Ci sono veicoli spaziali, praticamente assemblati... manca solo un microcircuito specifico, [che non può essere acquistato a causa delle sanzioni]", ha spiegato.

    E dopo, come può la Cina cooperare con la Russia nello spazio?
  4. cmonman Офлайн cmonman
    cmonman (Garik Mokin) 10 June 2021 02: 35
    0
    Ancora una volta, la domanda per i fanatici ottimisti è come può la Cina cooperare con la Russia nello spazio?
    "Rogozin ha annunciato l'impossibilità di Roscosmos di lanciare satelliti a causa delle sanzioni"
    https://www.finanz.ru/novosti/aktsii/rogozin-zayavil-o-nesposobnosti-roskosmosa-zapuskat-sputniki-iz-za-sankciy-1030498838

    Roscosmos non è in grado di lanciare alcuni satelliti a causa della mancanza di microcircuiti che non possono essere forniti alla Russia a causa delle sanzioni. Lo ha annunciato lunedì il direttore generale della società statale Dmitry Rogozin.
    "Abbiamo missili più che sufficienti, non c'è nulla da ritirare", ha spiegato Rogozin, parlando a un'audizione parlamentare alla Duma di Stato sul tema delle sanzioni occidentali e delle misure per minimizzare il loro impatto sulla politica e sull'economia della Federazione Russa (citazioni di TASS).
    Secondo il capo di Roscosmos, le imprese hanno satelliti, ma mancano di un microcircuito specifico, che non può essere fornito alla Federazione Russa a causa delle sanzioni.
    Il capo di Roscosmos ha definito "stupide" le dichiarazioni secondo cui le sanzioni stanno aiutando a sviluppare l'economia. "Queste sono dichiarazioni stupide, perché l'economia nazionale deve essere sviluppata indipendentemente dalle sanzioni", ha detto.
  5. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 11 June 2021 00: 15
    -1
    Sì. La Russia ha chiesto alla Cina di correggere l'orbita della sua futura stazione, in modo che anche la Russia potesse inviarvi la propria. I cinesi non hanno prestato attenzione a questo.
    L'ISS è effettivamente supportato dai soldi degli Stati Uniti. Ci sono solo un paio di moduli nella Federazione Russa: tre. Hanno i loro veicoli di consegna.
    Di nuovo, la Cina. Beh, sicuramente si riferisce alla Russia in modo asiatico. Come dicono loro stessi, la Russia è la "Sorellina".
  6. ont65 Офлайн ont65
    ont65 (Oleg) 4 luglio 2021 09: 36
    +1
    Il Congresso non darà alla NASA il via libera per cooperare con Roscosmos; inoltre, hanno coinvolto il loro Ministero del Commercio in un fascio di sanzioni, vale a dire. I russofobi non hanno modo di tornare indietro. Questa è una diagnosi, ma non esiste un trattamento e non è prevista. Nel prossimo futuro, a parte la Cina e forse la Francia, che stanno collaborando strettamente tra loro, non sono previste alternative per condividere l'onere finanziario. Rogozin sta sondando i francesi per l'uso del complesso di lancio Soyuz modernizzato a Kourou per i lanci verso la stazione cinese e nel programma lunare. Se funziona, nessuno sarà lasciato indietro. E i microcircuiti devono essere ordinati dai loro sviluppatori, dal momento che ci sono e ormai si sono serrati al livello appropriato utilizzando la tecnologia 'Military/Space' - resistente alle radiazioni. Non economico, ma tuo e sarà se necessario.