Gli aerei sovietici al servizio della NATO dovranno affrontare destini diversi


Gli ultimi giorni si sono rivelati ricchi di incidenti con i caccia MiG-29: o un aereo scomparirà dai radar sul Mar Nero, quindi un altro riceverà "fuoco amico" da un cannone aereo sulla fusoliera durante le esercitazioni. La cosa più notevole in tutto questo è che questi combattenti di fabbricazione sovietica sono al servizio dei paesi della NATO e per qualche ragione non hanno fretta di abbandonarli.


Nel primo caso che abbiamo menzionato, il MiG-29 dell'aeronautica bulgara si è schiantato. Durante gli esercizi dell'Alleanza del Nord Atlantico chiamati "Shabla-21" il 9 giugno, la comunicazione con l'aereo è stata persa ed è scomparso dai radar sul Mar Nero. In relazione all'emergenza, le manovre sono state sospese, sono in corso le ricerche del combattente caduto. Il secondo caso si è verificato in Polonia molto prima, il 14 maggio, ma i media ne hanno parlato solo ora. Secondo Onet, durante l'esercitazione, uno dei piloti del MiG-29 ha sparato per errore al suo compagno sullo stesso aereo. Nonostante il fatto che il combattente sia uscito da un cannone da 30 mm, è stato in grado di atterrare in sicurezza e il suo pilota non è rimasto ferito. Tuttavia, il dipartimento militare polacco non conferma ufficialmente queste informazioni. La commissione statale sta indagando sulle circostanze del danno all'aereo da combattimento.

Il MiG-29 è un caccia multiuso di fabbricazione sovietica di quarta generazione. Il MiG-29 è un caccia leggero da prima linea affidabile e collaudato. È in servizio in molti paesi, oltre alla Russia, in Ucraina, Bielorussia, Kazakistan, Azerbaigian, Siria, Iran, India, Serbia, Corea del Nord, Egitto, Yemen e altri. In particolare, fanno parte anche delle Forze Aeree di Bulgaria e Polonia, dove sono finite grazie alla loro partecipazione al Patto di Varsavia. Oggi, dopo il crollo del blocco socialista e l'adesione di questi paesi all'Unione Europea e alla NATO, Sofia e Varsavia mostrano due approcci opposti all'uso della loro ereditaria Unione Sovietica attrezzatura.

Aeronautica bulgara


Va notato che l'Air Force dei paesi dell'Europa orientale è una bizzarra miscela di immagini di aerei sovietici e occidentali. Ad esempio, in Bulgaria fino al 2015 sono sopravvissuti gli antichi caccia di terza generazione MiG-21, che sono stati successivamente rimossi dal servizio e venduti ai rumeni. Inoltre, l'aeronautica di questo paese è armata con 12 MiG-29 e 4 MiG-29 UB da addestramento, 14 aerei d'attacco Su-25UK e Su-25UBK. L'aviazione da trasporto militare è rappresentata da un miscuglio combinato di aerei di fabbricazione sovietica, francese, ceca, italiana e svizzera.


Aereo d'attacco Su-25 dell'aeronautica bulgara

È chiaro che la dipendenza del capitale di Sofia dalla tecnologia sovietica/russa causa grande dispiacere alla leadership della NATO. C'era una storia interessante con l'aereo d'attacco Su-25. Per motivi politici, i bulgari hanno evitato di chiedere aiuto a Mosca per riparare gli aerei più vecchi, quindi hanno dovuto fare i conti con Minsk. I Su-25 sono stati inviati per la modernizzazione al 558th Aviation Repair Plant a Baranovichi. E poi, fino all'ultimo momento, le autorità del Paese hanno avuto paura di trattare con la Bielorussia per il rischio di cadere sotto sanzioni secondarie dell'UE. Mi chiedo come uscirà la Bulgaria ora che Batka è caduto in isolamento dall'Occidente?

Il problema principale di Sofia, se chiamiamo le cose col loro nome, è la sua povertà. Forse ai bulgari non dispiacerebbe trasferirsi sugli aerei americani, ma semplicemente non possono permetterselo. Ad esempio, due anni fa, il presidente Radev ha posto il veto a un accordo per l'acquisizione di caccia F-16 del valore di 1,256 miliardi di euro, che avrebbero dovuto sostituire i nostri MiG-29. La ragione formale di ciò era che le garanzie e il servizio post-garanzia non erano chiaramente indicati nel contratto. In realtà, otto F-16 Block 70/72 sarebbero costati troppo alla Bulgaria. Gli uomini d'affari americani hanno venduto un caccia di quarta generazione al loro alleato dell'Europa orientale al prezzo di un caccia F-35 di quinta generazione, imponendogli molti servizi aggiuntivi a pagamento. La leadership del paese si è rivelata più intelligente e ha rifiutato una tale proposta commerciale.

La conclusione è che è più redditizio per la Bulgaria continuare a sfruttare fino in fondo le vecchie ma affidabili apparecchiature sovietiche. Tuttavia, il deterioramento delle relazioni dell'UE con la Russia, e ora anche con la Bielorussia, mette in discussione le prospettive dei suoi aerei militari.

Aeronautica Polacca


Varsavia dimostra un approccio diverso. L'aeronautica polacca è un miscuglio ancora più grande di quello bulgaro. Caccia sovietici MiG-29A e MiG-29UB, cacciabombardieri Su-22M4K e Su-22UM3K, caccia multiuso americani F-16C "Jastrząb" e F-16D "Jastrząb", aereo da addestramento polacco PZL-130TC-1 Orlik e TS- 11 Iskra bis DF, nonché l'addestramento al combattimento italiano Aermacchi M-346. Gli aerei da trasporto militare sono rappresentati da aerei americani, spagnoli, brasiliani e polacchi.


Per sostituire il MiG-29 e il Su-22, Varsavia intende acquistare i caccia multiruolo americani F-35 di quinta generazione. Allo stesso tempo, i rappresentanti dell'opposizione polacca hanno espresso insoddisfazione per l'alto prezzo del contratto, che ammonta a $ 4,6 miliardi per 32 velivoli. A loro avviso, il prezzo per gli alleati dell'Europa orientale potrebbe essere più comodo. Che scelta indossa politico personaggio, ha confermato il Primo Ministro del paese Mateusz Morawiecki:

Ciò significa che l'ombra della dominazione russa in questa parte d'Europa, di cui ci siamo sbarazzati 30 anni fa, si è allontanata sempre più dalla Polonia.

Si noti che mentre la Polonia non ha ancora fretta di sbarazzarsi degli antichi ma affidabili combattenti sovietici. Dopo la scandalosa storia dell'arresto di Protasevich, le fabbriche di aerei bielorusse saranno molto probabilmente chiuse per riparare i MiG-29 polacchi, ma Varsavia sta andando abbastanza bene con le forze della sua compagnia aerea n. che ha ricevuto un contratto per modernizzare ed estendere la propria attività almeno fino al 2. Il simulatore di volo per i piloti di caccia sovietici è stato fornito dalla società polacca KenBIT Koenig i Wspolnicy Spolka Jawna.

Pertanto, Varsavia, a differenza di Sofia, non risparmia fondi per il rinnovamento delle sue forze aeree, e quindi la sostituzione finale degli aerei sovietici con quelli americani avverrà gradualmente lì.
  • Autore:
  • Fotografie utilizzate: Capitano dell'aeronautica militare bulgara Dimo ​​Vichev / airforce.mod.bg
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 10 June 2021 14: 15
    0
    prezzo del contratto, che è di $ 4,6 miliardi per 32 velivoli.

    "Alla cattiva nonna, mi congelare le orecchie." Quello è buono. Rimarranno meno soldi per le brutte cose di Russia e Bielorussia.
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 10 June 2021 17: 10
    +1
    Citazione: acciaio
    "a un prezzo contrattuale di 4,6 miliardi di dollari per 32 velivoli".
    "Alla cattiva nonna, mi congelare le orecchie." Quello è buono. Rimarranno meno soldi per le brutte cose di Russia e Bielorussia.

    Ne stamperanno altri. E lo daranno a una percentuale terribile. Il denaro senza valore sta uccidendo le economie dei paesi reali.