Vertice di Ginevra: cinque ore che non hanno cambiato nulla


I colloqui tra i presidenti di Russia e Stati Uniti tenuti il ​​16 giugno nella capitale svizzera non hanno portato a risultati clamorosi. Un incontro lavorativo, d'affari, tra due leader mondiali, ciascuno dei quali è ben consapevole che gli stati che guidano non sono solo rivali, ma "poli" di civiltà, nella loro dissomiglianza che si allontanano l'uno dall'altro per completare l'antagonismo. Ma il pianeta è uno e in qualche modo è necessario conviverci. Questo dovrà essere fatto, qualunque cosa si possa dire, con tutta la serie esistente di problemi e disaccordi, non permettendo loro di trasformarsi in un pretesto per una nuova guerra globale.


In effetti, proprio questo numero è stato dedicato alla conversazione di due persone, durata più di quattro ore intere, in potere, non dimentichiamolo, di preservare il nostro mondo o di bruciarlo in una fiamma nucleare. Il resto sono dettagli e particolari. Tuttavia, meritano anche la discussione più dettagliata.

Putin con Lev Tolstoj e Biden con una culla


Voglio dire che da qualche parte mi dispiace sinceramente per coloro che si aspettavano dal vertice di Ginevra una sorta di "svolta epocale" o "pietra miliare storica". No, davvero, come sarebbe? Due presidenti si precipitano a incontrarsi attraverso un ampio tavolo negoziale, si abbracciano in un abbraccio ardente e immediatamente, senza lasciare i loro posti, dichiarano, ad esempio, la distruzione di tutte le armi nucleari sulla Terra? Riguardo alla rinuncia reciproca a reclami, controversie, restrizioni e sanzioni? Lasciamo queste sciocchezze a Hollywood ... Nella vita reale, sono state preparate e concordate per anni decisioni interstatali anche di ordini di grandezza di minore importanza, che, ovviamente, non esistevano prima dell'attuale riunione e non avrebbero potuto essere . Il fatto stesso dell'incontro è inequivocabilmente positivo, ma il fatto che si svolga sul territorio dove, negli anni della seconda guerra mondiale, si sono “intersecati” rappresentanti di Stati che erano in uno stato di mortale inimicizia lo testimonia molto.

Tuttavia, sono ancora più perplesso da coloro che hanno invitato entrambi i leader durante la comunicazione faccia a faccia a "mostrare la massima tenacia", "costruire" l'avversario, "chiamarlo" o, ancora di più, "costringerlo" a qualcosa. Va detto che la stragrande maggioranza di tali chiamate proveniva dall'altro lato dell'oceano, oltre che dal campo degli alleati degli Stati Uniti. Bene, sulla Wishlist ucraina come le richieste a Biden di dire: "Putin, vattene!" non vale assolutamente la pena parlare, perché la clinica. Ma voglio solo chiedere ad altri: “In effetti, su cosa contavi?! Sperava che il leader americano portasse ai giornalisti un russo in manette? O che il vecchio Joe Vladimir Vladimirovich avrebbe messo un occhio nero per un "assassino" ?! Basta, signori, questi sono presidenti, non pugili, non gladiatori. Un altro livello e, di conseguenza, altri metodi.

Sì, senza dubbio, un incontro di due di questi "politico pesi massimi ”è sempre una specie di duello. Soprattutto considerando quanto siano oggi "calde e amichevoli" le relazioni tra Washington e Mosca. È per questo che il signor Biden ha rifiutato di tenere una conferenza stampa congiunta con il nostro capo di stato, per non fare confronti. E anche, di sicuro, perché gli avversari politici ei tabloid americani da loro incitati, che inizierebbero a smontare il "linguaggio del corpo" e altre sciocchezze, come ogni gesto e sguardo innocente, non lo afferrassero immediatamente. Tuttavia, il capo della Casa Bianca non era chiaramente destinato ad evitare alcune cose: in casa è già accusato del "cenno del capo", presumibilmente fatto in risposta a una domanda posta da un giornalista della NBC: "Ti fidi di Putin?" L'hanno presa così male che il servizio stampa presidenziale ha dovuto dare una spiegazione speciale che il loro patron non ha risposto affermativamente a nessuno, ma ha solo fatto un certo gesto convulso "a causa della folla disordinata organizzata dai giornalisti". Come bambini piccoli, per Dio...

Sia come sia, ma tutti gli stessi onnipresenti giornalisti hanno notato una sorta di "scheda" in Biden prima dell'inizio delle trattative, che è diventato anche oggetto di una discussione abbastanza ampia e maliziosa. Vladimir Vladimirovich, a sua volta, chiaramente non ha usato alcun suggerimento e, come al solito, ha deliziato il pubblico citando i capolavori dei classici della letteratura russa. Questa volta - Lev Tolstoj, le cui parole sul "lampo della speranza" il nostro presidente hanno riassunto il vertice con sottile ironia. E questo è semplicemente meraviglioso, perché testimonia che il leader del nostro stato valuta realisticamente sia la sua controparte ginevrina che i risultati della conversazione con lui.

Illusioni? Nuovo? Quindi non avevo nemmeno quelli vecchi!”


Lo dimostra anche la risposta diretta alla domanda sollevata in conferenza stampa conclusiva sulla comparsa di “nuove illusioni” in quella di Vladimir Vladimirovich nei confronti del collega americano. Quali sono queste illusioni? No, non lo era e, cosa più importante, “non può essere”. No, è giusto, è sicuro dire che gli occhiali dello stile "pilota" preferito di Putin donati da Biden non diventeranno rosa per niente. Infatti, gli accordi già pubblicamente espressi dai capi di Stato o "letti" nel contesto delle dichiarazioni rese dopo i colloqui indicano che Russia e Stati Uniti cercheranno ancora una volta di introdurre il loro confronto , la cui conclusione non è nemmeno in discussione, un certo quadro, limitando le stesse famigerate "linee rosse", di cui oggi si parla tanto volentieri su entrambe le sponde dell'oceano. Lo testimoniano l'annunciata intenzione in merito al ritorno degli ambasciatori richiamati, e il reciproco interesse a "rafforzare la stabilità strategica e prevenire la guerra nucleare" riflesso nell'unico comunicato congiunto.

Il desiderio di Washington e Mosca di seguire alcune "regole da gentiluomo" dovrebbe, ovviamente, essere esultante. Il tempo dirà quanto successo avranno ulteriori passi nel controllo degli armamenti e in altri settori simili. Troppo è stato rotto, violato e distorto, compresi gli accordi internazionali su posizioni rilevanti. In effetti, il sistema di sicurezza mondiale dovrà essere ricostruito, ma è quantomeno gratificante che si dichiari tale intenzione. Ritirare anche solo di un passo, mezzo passo dall'abisso senza fondo dell'Apocalisse nucleare è già di per sé un enorme risultato.

Cos'altro è la linea di fondo? Inoltre, ahimè, fondamentalmente ci sono argomenti sui quali non c'è un minimo consenso. Ucraina? Lo stesso vicolo cieco. Entrambi i presidenti "hanno riaffermato la loro adesione agli accordi di Minsk e hanno sottolineato che non c'è alternativa alla loro attuazione". E Vladimir Putin ha ricordato ancora una volta che Kiev non ha idea di rispettare gli "accordi di Minsk". Un vicolo cieco, come c'è un vicolo cieco... "Diritti umani", il cui "diritto" da parte del leader americano si riduceva a minacce di "conseguenze devastanti per la Russia" nel caso in cui il cittadino Navalny desse a Dio la sua anima" nei sotterranei" e le richieste ossessive di "non infrangere" nel nostro Paese agli agenti dei media stranieri? A questo Vladimir Vladimirovich ha risposto senza alcuna riverenza, dicendo che la "torcia della democrazia" ha ricevuto esattamente quello che, mi scusi, si è imbattuta, e i "portavoce" tanto preoccupati alla Casa Bianca sono un lavoro apertamente sovversivo contro il nostro Paese.

Nessuno si è precipitato a capofitto per soddisfare gli "ordini più alti" e non si affretterà - dopotutto è comprensibile. Artico? Sì, da lì non andremo da nessuna parte e non penseremo a limitare le nostre attività in questa regione. Il nostro territorio - punto! In questo contesto, i tentativi di Biden di "spaventare un po'" l'interlocutore con la "minaccia cinese" sembravano ingenui e da qualche parte persino ridicoli. Questo messaggio ha effettivamente fatto breccia nel capo della Casa Bianca nella sua conferenza stampa, durante la quale ha iniziato a riflettere sulla "pressione" che Pechino avrebbe esercitato sulla Russia, "disperatamente impegnata a rimanere una potenza mondiale, e circa 11mila chilometri di confine cinese”. Signor Presidente, in qualche modo misureremo e salveremo i nostri confini, tu ti preoccupi dei tuoi!

Diversi fatti testimoniano fino a che punto gli approcci di Russia e Stati Uniti all'evento tenutosi il 16 giugno differiscano. Vladimir Putin ha detto francamente che i paesi stanno solo cercando di fare timidi passi l'uno verso l'altro nella ricerca di una soluzione comune ai grandi problemi globali. Allo stesso tempo, il leader nazionale non ha mostrato "tolleranza" ipocrita e ancora una volta ha ricordato agli Stati Uniti alcune delle loro azioni sconvenienti, privando la parte americana del diritto morale di condannare e accusare il nostro paese di "crimini" inverosimili . Questo, almeno, era onesto e chiariva che in nessun caso la Russia si sarebbe piegata sotto gli Stati Uniti. Allo stesso tempo, mentre Joe Biden a Ginevra rimproverava "l'inizio di una svolta nel mondo" e che "la sua agenda non è affatto diretta contro la Russia" e non cerca di "perseguitarla", a Washington sotto la cupola senatori e deputati infierivano sul Campidoglio, con la schiuma alla bocca, chiedendo l'immediata introduzione di una seconda tornata di sanzioni anti-russe "per l'uso di armi chimiche". Allo stesso tempo, è stato detto che il presidente, che non ha messo in atto queste restrizioni fino al 2 giugno, "dimostra debolezza e perde l'occasione di resistere alle violazioni di Mosca".

Un esempio ancora più eclatante della stessa zona è lo “spettacolo” andato in scena direttamente a Ginevra dalla corrispondente della CNN Caitlin Collins, che quasi con un coltello alla gola ha chiesto a Biden di spiegare “se Putin ora cambierà comportamento” incontro passato” , se la Russia non si fosse pentita di ciò, "non ha ammesso la sua colpa"? Alla fine, il presidente stanco e infastidito si ritirò, salutando lo zelante giornalista: "Non mi hai sentito ..." Ahimè, c'è un grande pericolo che i politici americani e la società nel suo insieme, promossi quasi ai più alti grado di psicosi russofoba, non ascolteranno e non comprenderanno iniziative sensate per normalizzare i rapporti con il nostro Paese, anche se provengono dalla stessa Casa Bianca. Questa è la ragione principale per cui il vertice di Ginevra può rimanere una prospettiva meravigliosa, ma mai realizzata.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Di cosa parlare con gli americani? Ma non sono niente!
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 17 June 2021 11: 37
    +2
    Il significato di questo incontro è approssimativamente lo stesso di quello di Teheran-43. Naturalmente, non diranno la cosa più importante ad alta voce. Ma puoi vedere le conseguenze già prima della caduta e dopo.
    Per Biden, il problema principale era la conservazione del potere a Washington. Le elezioni lo hanno aiutato a creare digitalizzatori. Un tempo (nel 2014), i Democratici (banchieri) hanno commesso un errore e hanno permesso ai lavoratori digitali di avere flussi di denaro e sistemi di pagamento indipendenti dai banchieri. Ora i digitali stanno prendendo il potere dai banchieri. Ma le fotocamere digitali non brillano. Saranno felici di immergerli non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo. Molto illuminato. In realtà, lo stiamo già vedendo.
    Inoltre: l'inizio dello sviluppo di nuove regole globali e la definizione delle zone di influenza. È già chiaro che gli Stati Uniti (in Europa) sono contro l'asse Parigi-Berlino, ma per Londra. Questo nel senso di guidare l'Europa. Vediamo cosa succede.
    Ma a giudicare dalla valutazione del comportamento di Putin da parte di persone che lo conoscevano personalmente, ha ottenuto tutto ciò che aveva pianificato. La reazione di Trump parla di questo.
    Sulla base dei risultati dell'attuazione delle decisioni di questo incontro, il prossimo incontro avrà luogo più tardi (un anno e mezzo). Nuova "Yalta". Nell'intervallo tra loro, potrebbe esserci un incontro a un livello inferiore, secondo l'accordo sui dettagli del nuovo sistema finanziario.
    Nel complesso, è abbastanza ottimista. A proposito, è del tutto possibile che Biden abbia fatto trapelare l'Ucraina. Ed è per questo che Ze andrà negli USA. Tali informazioni non vengono trasmesse tramite l'ambasciatore, solo di persona. L'Ucraina adesso è un problema per Biden, beh, se di terzo livello. Piccola merce di scambio. E il progetto russofobo ha perso la sua rilevanza. Piccoli bastardi russofobi (a partire dalla Polonia e sotto) si stanno gradualmente rendendo conto della situazione e sono inorriditi. Il principale russofobo degli ultimi tempi è stata la Gran Bretagna. Se Putin e Biden sono d'accordo su Londra, rimuoverà tutta la russofobia come se fosse a mano.
    Questo, ovviamente, in breve, non è un argomento da commentare.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 17 June 2021 13: 35
    +1
    Alle spalle di tutti c'è la classe dirigente (il suo gruppo dirigente), e il modo in cui i rappresentanti della loro classe hanno identificato la sua posizione non è male, altrimenti si basavano in gran parte sulle speculazioni dei media e sulle fantasie degli "analisti".
    Abbiamo compreso la necessità di un lavoro congiunto sulle armi di distruzione di massa - Molto bene!
    Accettato di creare gruppi di lavoro sulla sicurezza informatica - Ottimo! Forse questa è la cosa più importante, perché l'uso su vasta scala delle armi di distruzione di massa è un fattore che scoraggia l'aggressione reciproca ed è inapplicabile in tutte le altre forme, mentre il crimine informatico è un'arma virtuale e può infliggere danni molto maggiori a entrambi.
    Siamo giunti a un accordo che non c'è alternativa agli accordi di Minsk, la prospettiva a lungo termine dell'ingresso dell'Ucraina nella NATO (probabilmente anche nell'UE, poiché queste due strutture sono strettamente interconnesse).
    Il resto, come il ritorno degli ambasciatori a svolgere le proprie funzioni e il regime dei visti, è un risultato insignificante.
    Le relazioni economiche sono rimaste nell'ombra, e questo è comprensibile.
    Un incontro utile, l'ambiente "non offusca" solo i risultati e gli artisti (gruppi di lavoro) si attengono all'essenza e non si impantanano nelle formalità.
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 17 June 2021 15: 57
    -2
    Vertice di Ginevra: cinque ore che non hanno cambiato nulla

    - Né Biden né Putin possono identificare lo "stato-risultato" di questo incontro come ... come ... come un personaggio di V. Vysotsky, che:

    Sono andato a Vachu piangendo -
    torno ridendo!

    - A questo possiamo solo aggiungere il fatto che Biden ha semplicemente preso questo incontro in modo completamente frivolo ... - E per la Russia non è avvenuta alcuna "svolta" lì ...
    - Per qualche ragione, tutti sono felici (e anche i siti web) "dell'Ucraina" ... - che, dicono, Biden "ha mandato via l'Ucraina" ... - No ... con nostro grande rammarico ... - per Ucraina, qualcosa come una volta è apparsa una "nuova carta bianca"... - Ora Biden volerà negli States; e il giorno dopo raccoglierà urgentemente l'intero branco della NATO ... e solleverà la domanda ...: - "Accetta urgentemente l'Ucraina nella NATO" ... - Questo è tutto !!! - E lui (Biden) voleva starnutire a tutti questi "raduni di Ginevra" ... - E Biden riceverà il più ampio sostegno ... - e dall'Europa occidentale, incluso ... - La sua valutazione andrà fuori scala .. - E con urgenza accetterà l'Ucraina nella NATO !!! - Sì ... - proprio così ... - E tutti i "giocattoli" con l'Ucraina per la Russia finiranno ... - ci sarà solo una concessione ...
    - Quindi dopo questo incontro le nuvole si sono solo addensate ...
  5. n.taratuhin Офлайн n.taratuhin
    n.taratuhin (Nikolay Taratuchin) 17 June 2021 18: 35
    +3
    Canzoncina

    Credevamo in Trump in modo sacro,
    E ora a Biden
    Lo stiamo aspettando per entrare a far parte della NATO
    Ucraina "fraterna".

    Non gliene fregava niente
    Su un'aquila bicipite
    Batterà mentre uccideva
    Vecchio e piccolo.

    Guardiamo minacciosamente a questo,
    (Se si devono credere alle voci)
    Ma ci saranno i razzi
    Sotto il ventre del paese?

    La mela stava rotolando giù per la collina
    Maturo, rubicondo
    Niente è cambiato,
    Stiamo aspettando una guerra con l'Ucraina.
    1. Petr Vladimirovich (Peter) 17 June 2021 18: 49
      +1
      Dio conceda che il bast non sia in linea ... sorriso
  6. lavoratore dell'acciaio 17 June 2021 22: 02
    -2
    Tutto è scritto correttamente. Analisi competente della riunione dei due presidenti. E la conclusione è corretta:

    non ascolterà né comprenderà iniziative sensate per normalizzare i rapporti con il nostro Paese

    Aveva ragione chi diceva che non valeva la pena incontrarsi.
  7. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 17 June 2021 23: 30
    +1
    Ahimè, c'è un grande pericolo che anche i politici americani e la società nel suo insieme, "promossi" al grado quasi massimo della psicosi russofoba, non ascoltino e non capiscano alcuna iniziativa sensata per normalizzare i rapporti con il nostro paese, anche se provengono da la stessa Casa Bianca... Questa è la ragione principale per cui il vertice di Ginevra può rimanere una prospettiva meravigliosa, ma mai realizzata.

    Un articolo competente con una conclusione competente.

    Puoi litigare per le piccole cose, ma sono insignificanti.

    Si può solo riassumere ancora una volta che l'élite americana (il Congresso rappresentato da entrambe le camere) non è pronta al momento per un dialogo costruttivo.
    È dominato da personaggi e stati d'animo del periodo post-sovietico di 30 anni fa, stereotipi dei tempi della "vittoria" nella Guerra Fredda, l'esclusività della nazione americana e la fede nella sua superiorità tecnologica, militare e ideologica.

    La società americana è sotto il controllo totale dei media statali, che non consentono dissenso nel campo delle relazioni esterne.

    Ahimè, solo un grave cataclisma sotto forma di una guerra persa con sacrifici inaccettabili (che non possono essere nascosti) o il crollo del sistema finanziario del Paese (che non può più essere riempito con trilioni di verde) possono spingere la nazione nordamericana a rompere la situazione attuale.

    PS L'unica domanda è quando questo accadrà.
    Il mondo sta cambiando troppo in fretta, quello che era impossibile ieri non sembra più così.
  8. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 18 June 2021 22: 44
    +2
    Oggi gli Stati Uniti hanno congelato il loro programma di aiuti militari all'Ucraina.
    1. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 18 June 2021 23: 41
      +1
      E, noterò, senza che la Russia tracci "linee" rosse, gialle e marroni .. strizzò l'occhio

      È solo che ho capito che "non c'è cibo per il maiale". sorriso
      1. Boriz Офлайн Boriz
        Boriz (borizia) 19 June 2021 01: 29
        +2
        Bene, le linee potrebbero essere state tracciate, ma non ce lo diranno.
        Ora, secondo Nuland, gli americani terranno una serie di intensi colloqui militari. Per la definizione di sanità mentale. Gli americani sono pronti per l'autonomia LDNR. Loro (Biden personalmente) ne hanno parlato nel 2016. ha parlato. E Nuland l'ha già detto. Se gli ucraini non capiscono, gli americani semplicemente si arrenderanno. Assolutamente.
  9. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 19 June 2021 03: 32
    -1
    Cinque ore che non hanno cambiato nulla

    Qui con...
    Il 16 giugno sono volato in vacanza a Sochi. Hanno sorvolato il mio aereo su Sochi e sono stati inviati a Krasnodar, dove per tre ore io e mio figlio non siamo stati autorizzati a uscire dalla cabina soffocante. L'aereo era in ritardo di 4 ore. E tutto in modo che un vecchio ... senza gli sguardi disattenti della plebe volò a incontrare un altro vecchio ... e non si sono ancora accordati su nulla. Chi è lui dopo?
  10. Siegfried Online Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 20 June 2021 12: 54
    0
    prima dell'incontro, Biden ha ottenuto la posizione degli europei sulle questioni russe. Questa posizione era inequivocabilmente "non c'è bisogno di escalation, viviamo con moderazione e amichevolmente". Pertanto, il vecchio non aveva altra scelta che prendere in considerazione questa posizione. è più importante per lui sostenere l'Europa contro la Cina nella battaglia imminente. La Cina ci ha salvati!