La profondità del Don porta a un disastro ecologico nel sud della Russia


Qualche tempo fa noi detto sui problemi del Dnepr ucraino, la cui acqua è diventata essenzialmente tossica e pericolosa per il consumo senza una depurazione complessa. Purtroppo, questa disgrazia non ha aggirato il nostro Don, e l'intero sud della Russia, così come l'Indipendente, si sta sistematicamente muovendo verso una vera catastrofe ecologica. Come è successo e si può fare qualcos'altro per prevenire lo scenario peggiore?


Innanzitutto, ecco alcuni fatti deprimenti. Il livello di salinità del Mar d'Azov poco profondo e quasi chiuso, in cui sfocia il Don, è praticamente uguale a quello del Mar Nero. Ad oggi, questa cifra è di 15 ppm. Gli stock ittici della sua zona d'acqua sono radicalmente diminuiti: se 90 anni fa le catture totali erano stimate in 400mila tonnellate, ora si tratta di un modestissimo 11mila. Preziose specie di pesci e altre forme di vita marina caratteristiche dell'area acquatica di Azov stanno rapidamente scomparendo. Le misurazioni mostrano che il livello di salinità aumenta di 1 ppm all'anno. Questo è molto e la situazione è solo peggiorata di anno in anno negli ultimi 15 anni. Di cosa o chi è la colpa del rapido cambiamento?

Naturalmente, prima di tutto, gli occhi si rivolgono al Don, le cui acque sfociano nel Mar d'Azov e ne aumentano naturalmente la freschezza. E qui i numeri sono semplicemente spaventosi: se prima il suo deflusso annuale era di 22,3 chilometri cubi di acqua, nel 2020 è sceso a 9,5. Inoltre, il livello dell'acqua nei fiumi Mius, Seversky Donets e Kalitva è sceso di più di due volte. Alla foce del Don, la salinità ora non è molto diversa dall'acqua nello stretto di Kerch. Le rive lungo il corso inferiore del grande fiume si trasformano in paludose saline. Ha un cattivo odore, secondo i residenti di Rostov-sul-Don, l'acqua del rubinetto nei rubinetti e, dopo il lavaggio, sui piatti rimane un sottile strato di sali intrappolati nell'acqua del fiume. E di chi è la colpa dell'imminente disastro ambientale? Il ministro dell'ecologia e delle risorse naturali della regione di Rostov, Mikhail Fishkin, ritiene che la colpa sia del riscaldamento globale:

Lo stato di natura è ciclico, quindi bisogna essere preparati ad una possibile siccità e ad un possibile aumento delle masse d'acqua.

In effetti, il fattore dell'influenza negativa del riscaldamento globale è difficile da negare, i processi naturali sono davvero ciclici e 12-14 mila anni fa il Mar d'Azov scomparve del tutto. Ma, ahimè, queste non sono tutte le ragioni dei problemi del Don e del bacino dell'Azov. Forse il maggior contributo fino ad oggi è stato dato dalle attività antropiche.

In primo luogo, la costruzione del bacino idrico di Tsimlyansk e degli impianti idroelettrici ha avuto un impatto molto significativo sul regime idrologico del Don. Durante la costruzione e la posa di strade, sono state distrutte numerose comunicazioni di flusso per il flusso d'acqua nel fiume: burroni e burroni. Il sistema di autoregolamentazione naturale è stato duramente colpito. Per questo motivo, l'alluvione è stata ridotta molte volte, il che ha naturalmente lavato il letto del Don ogni primavera e ha fornito al terreno della pianura alluvionale umidità e sostanze nutritive. A seguito della creazione di bacini artificiali, bacini idrici e stagni, la superficie evaporante totale è aumentata, il che ha un effetto negativo nella stagione secca. I fiumi diventano poco profondi, i loro affluenti vengono gradualmente interrati e invasi e le sostanze nocive si accumulano nei loro sedimenti di fondo. Di conseguenza, le zone di riproduzione naturale per i pesci sono ridotte e il loro numero sta diminuendo.

In secondo luogo, un duro colpo al Don è stato inferto dall'agricoltura intensiva, che richiede enormi volumi d'acqua per l'irrigazione. Sullo sfondo della siccità degli ultimi anni, gli agricoltori devono selezionarne maggiori volumi. Allo stesso tempo, è necessario tenere conto del fattore dell'erosione del suolo, che colpisce quasi tutti i terreni agricoli della regione di Rostov. Gli strati superiori del suolo con acqua e vento entrano nel Don e aggravano il problema dell'insabbiamento, che è più acuto per i piccoli fiumi. Bene, naturalmente, fertilizzanti applicati generosamente e altri prodotti chimici contribuiscono al degrado ambientale.

In terzo luogo, numerose violazioni nelle zone di protezione delle acque portano all'inquinamento e all'insabbiamento del bacino del Don, come la costruzione di cottage sulle strisce di protezione costiera, lo scarico di acque reflue nei fiumi, ecc.

Oltre al danno ambientale al sud della Russia, questa regione deve affrontare anche un notevole danno economico. Ecco come ha commentato questa situazione il capo dell'Agenzia federale per la pesca Vasily Sokolov:

Vediamo come gli stock delle specie ittiche più preziose stanno diminuendo, le condizioni abituali sono interrotte. Sivash e Taganrog Bay sono salini, lo stesso si può dire della parte centrale del mare: ovunque ci sono già valori di picco. Se prima il Mar d'Azov era considerato uno dei bacini idrici più produttivi al mondo, ora si sta degradando.

In generale, è ovvio che le cose vanno male. Ma è ancora possibile salvare il grande fiume russo? I rappresentanti della comunità di esperti raccomandano vivamente di adottare una serie di misure prioritarie.

È necessario fare un inventario e redigere passaporti ecologici per tutti i piccoli fiumi, stagni e altre strutture idrauliche, molte delle quali semplicemente abbandonate. Successivamente, è necessario eliminare quelli che non hanno più significato economico, nonché ripulire i letti dei fiumi. Impegnarsi con urgenza nel ripristino delle zone di protezione delle acque e delle fasce di protezione costiera, zone verdi lungo il bacino del Don. Si propone inoltre di costruire uno speciale canale di deposizione delle uova aggirando il complesso idroelettrico di Kochetovsky. Solo dopo aver completato una serie di tali misure si può sperare in un graduale miglioramento della situazione ambientale. E dobbiamo essere consapevoli che questo non accadrà molto rapidamente. Ma era necessario iniziare l'altro ieri.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 23 June 2021 17: 13
    +1
    Sarei lieto di sentire l'opinione dei colleghi della regione di Rostov ...
  2. Shelest2000 Офлайн Shelest2000
    Shelest2000 23 June 2021 18: 56
    +2
    Spegni il Dnepr e dirigi la sua acqua al Don. Rispondi al paese 404 con lo stesso e aiuta il tuo paese.
  3. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 23 June 2021 21: 55
    +2
    Uso estremamente efficiente delle risorse da parte dei nuovi capitalisti. È solo l'inizio.
    Ma la cosa principale è che il margine è più spesso. E la natura locale, sì fichi con esso, dalla "casa" in piedi sulle rive spagnole o italiane del Don non è visibile. Qui, gli appassionati hanno già suggerito di estendere il tubo dalla Siberia quasi alla Crimea. Il ceppo dell'albero è chiaro, la Siberia non è visibile nemmeno dalla Crimea.
  4. igor.igorev Офлайн igor.igorev
    igor.igorev (Igor) 24 June 2021 12: 56
    0
    È strano. E la liberda urla che le nostre fabbriche sono tutte distrutte e non c'è agricoltura, tutti i campi non sono arati. E qui l'autore scrive che consumano molta acqua.
    È così che funzionano le nostre fabbriche o no? Le terre sono arate?
  5. Kobra45 Офлайн Kobra45
    Kobra45 (Alisa Selezneva) 3 luglio 2021 11: 27
    +1
    Ciò manderebbe l'acqua dei fiumi russi che oggi riforniscono il Dnepr ucraino al Don e al Volga russi, ci sarebbe più senso, ma gli anatroccoli ancora non apprezzeranno l'ampiezza del gesto di Putin sull'approvvigionamento idrico gratuito dell'Ucraina, non in il mangime per cavalli