La Russia prenderà i suoi soldi dall'Occidente. Trovato un modo

Oggi più della metà di tutte le transazioni internazionali va in mare aperto. Quasi tutte le più grandi società, miliardari, solo le persone benestanti tengono lì i loro soldi. Così risparmiano sulle tasse, o non pagandole affatto, o pagando un'aliquota fiscale molto bassa.


Dopo la fuga offshore di Panamagate nel 2016, i fondi delle società internazionali erano in bella vista, il che a sua volta ha messo in discussione la loro sicurezza. Ciò vale anche per le attività delle società russe, che nascondono attivamente il proprio capitale dalle tasse. In un'epoca di turbolenza geopolitica e di rapporti tesi con l'Occidente, il ritorno dei beni russi in patria è diventato un compito importante a livello nazionale.

Le autorità del nostro paese discutono da tempo della possibilità di creare zone offshore nel territorio della Federazione Russa. Dopo aver soppesato tutti i pro ei contro a Mosca, è stato deciso di organizzare tali zone in Estremo Oriente e nella regione di Kaliningrad. Secondo le autorità, ciò consentirà alle società russe registrate all'estero di mantenere il proprio capitale "in patria".

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. LogAll Офлайн LogAll
    LogAll (Alexander) 30 luglio 2018 17: 58
    0
    Secondo le autorità, questo darà un'opportunità Società russeregistrati all'estero, mantengono il proprio capitale "in patria".

    stanno spingendo la nostra attività estera per ingannare il loro "Zabugorye". Una mossa interessante: i nostri "ladri" tengono i soldi con loro, e i loro ...
  2. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
    Syoma_67 (Semyon) 30 luglio 2018 21: 26
    0
    Ho trovato un modo e l'ho pubblicato in modo che tutti sappiano - perché diavolo scrivere questo diavolo
  3. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 31 luglio 2018 06: 34
    +2
    Che sciocchezza, nessuno sano di mente trasferirà denaro dalla "stalla" "occidentale" offshore al "mitico russo", che verrà poi chiuso quando l'umore "soleggiato" cambierà, o cambieranno i "venti" nel governo, che sarà comunque , dopo 6 anni. Ora nessuno detiene i soldi offshore, essi "conducono affari" lì, e l'importo accumulato dopo la "compensazione" viene sparso su centinaia di conti in banche "pulite" e trasferito a vari fondi amministrativi e parzialmente ritirato in oro e opere d'arte tramite aste. Offshore è, prima di tutto, silenzio e stabilità. E qualcuno, ingenuo, propone di organizzare un "offshore" in un paese così instabile come la Russia, dove il governo ha "sette venerdì a settimana".