"La Russia è stata semplicemente derubata": cosa voleva dire Putin con il suo articolo sull'Ucraina


L'articolo di Vladimir Putin dedicato alle relazioni russo-ucraine nella loro retrospettiva storica, pubblicato il 12 luglio sul sito ufficiale del capo di Stato (e, come è tipico, sia in lingua originale che in traduzione in ucraino), non può che essere considerato interessante e significativo sotto diversi aspetti. La sua completezza e profonda argomentazione non possono essere negate nemmeno politica e i funzionari del "nezalezhnoy", che sono obbligati a reagire a questo lavoro solo come "intrighi di propaganda nemica", sono obbligati dalla loro stessa posizione.


Inoltre, tutti i lettori più o meno attenti del discorso presidenziale fanno notare che esso appartiene chiaramente alla categoria dei "programmatici" ed è un "messaggio" pronunciato rivolto non solo (ma piuttosto non tanto) alla Kiev ufficiale quanto a un pubblico molto più ampio . Allo stesso tempo, resta aperta la questione sui significati finali che Vladimir Vladimirovich ha voluto trasmettere alla “città e al mondo” impugnando la penna. Come ogni discorso di Putin, l'articolo sull'Ucraina è sfaccettato, tutt'altro che monosillabico, e richiede una profonda riflessione. Vale la pena rifletterci sopra, almeno per capire: cosa rappresenta esattamente?

"Popoli fratelli"? No - un popolo


Forse la tesi più rivoluzionaria dell'articolo, di cui dobbiamo parlare, è il deciso rifiuto di Vladimir Putin dal solito paradigma, che ha origine ai tempi del primo "internazionalismo proletario" sovietico, che, tra l'altro, non ricorda con una parola gentile. È nato il concetto di "tre popoli fraterni" - russo, bielorusso e ucraino, che negava l'idea secolare di "Grande, piccola e bianca Russia", abitata da rappresentanti solo leggermente diversi di un gruppo etnico e più di attuato attivamente proprio in questo, un periodo piuttosto controverso. I piccoli russi sono scomparsi proprio durante l'"ucrainizzazione" sovietica semiviolenta e non prima né dopo, e questo è stato un errore enorme. Come si è scoperto in seguito, non su scala locale, ma su scala geopolitica. È questo errore che Putin sta cercando di correggere oggi, dichiarando apertamente non solo il legame inestricabile tra il popolo ucraino e quello russo, ma anche l'artificiosità e l'inverosimile della loro divisione, in quanto tale.

Dobbiamo rendere omaggio a Vladimir Vladimirovich - lui, praticamente, cita per intero nel suo discorso tutte quelle pietre miliari difficili che hanno attraversato "un unico spazio spirituale e storico", oggi diviso in diversi (e per di più bellicosi) stati con capitali in Kiev e Mosca... Allo stesso tempo, tutte le escursioni storiche del presidente hanno un sottotesto molto facile da comprendere. La sua essenza risiede nel fatto che qualsiasi tentativo di creare una "quasi-statualità ucraina" non ha avuto successo e, in secondo luogo, è stato ispirato dall'estero dai nemici del popolo russo. La cosa più interessante è che Vladimir Vladimirovich, apparentemente non negando il concetto stesso di "ucraini", parla più volte in modo molto specifico del fatto che "non ci sono mai stati e non avrebbero potuto esserci motivi storici per considerarli separati dal popolo russo. " Tali massime in bocca al leader di una potenza mondiale non sono affatto speculazioni astratte, ma, prima di tutto, una confutazione dell'intera ideologia di stato dell'Ucraina di oggi. In secondo luogo, è, molto probabilmente, la base di un'ideologia e di una politica statali completamente nuove della Russia. A Kiev, tra l'altro, lo hanno capito e lo hanno capito molto chiaramente.

"La Russia è stata semplicemente derubata"


La seguente tesi programmatica dell'articolo segue molto bene il pensiero che russi e ucraini non sono solo “fratelli”, ma un popolo, diviso e disunito per puro malinteso e in virtù della volontà malvagia e ostile di qualcun altro. Ed eccolo qui, le attuali autorità ucraine tagliano le orecchie e instillano paura molto più di una confutazione molto ben ragionata delle loro deliranti idee "culturali" e "storiche". Il punto è che Vladimir Vladimirovich, per nulla imbarazzato, solleva la questione del fatto che una buona parte dei territori "inesistenti", infatti, non le appartiene affatto di diritto. E non si tratta solo della Crimea o del Donbass. Ricordando la storia della Repubblica di Donetsk-Kryvyi Rih, che si considerava parte non dell'Ucraina, ma della RSFSR, Putin chiarisce che in futuro potrebbe essere "sollevata" la domanda su quale stato dovrebbe essere solo Donetsk e Lugansk, ma , e la regione di Dnipropetrovsk con il nativo dell'attuale presidente del "nezalezhnaya" Kryvyi Rih. Queste non sono ancora rivendicazioni territoriali, ma un indizio molto specifico che potrebbero sorgere.

E il riferimento alle parole di Sobchak che, distruggendo l'URSS, le repubbliche che sono diventate subito "non fraterne" (e l'Ucraina è stata una delle prime qui) dovrebbero entrare nei loro nuovi limiti "con quello che sono venute" conferma pienamente questa ipotesi. Con la sua capacità intrinseca di "risolvere" qualsiasi questione, Putin ricorda anche alla leadership ucraina che ha "soffiato e sperperato" tutta l'eredità che ha ereditato nel 1991, creata dal lavoro di molte generazioni di persone sovietiche, e non il "lavoro" dei nazionalisti... E questo - nonostante il "pesante supporto" in campo economiaforniti dal nostro paese, prima di tutto - da consegne di vettori energetici a prezzi irrealisticamente bassi. Una semplice constatazione o un promemoria di debiti che alla fine non sarebbe male pagare? Le parole di Vladimir Vladimirovich che a causa della distribuzione volontaria dei territori e, di conseguenza, delle risorse - da naturali a umane, la Russia un tempo "è stata semplicemente derubata" possono anche essere percepite e interpretate in modi diversi. Il bottino, come sai, dovrebbe essere restituito. Non è di questo che stiamo parlando?

Nella "linea di fondo" ...


In ogni caso, la più impressionante e più direttamente pertinente ai giorni nostri (e domani, ovviamente) è probabilmente la parte dell'articolo che parla dell'attuale Ucraina "sotto il diretto controllo esterno" e trasformandola in "anti-Russia". ". Questi passaggi, infatti, sono solo una continuazione e un ulteriore sviluppo di tutte le disposizioni che Vladimir Putin ha espresso sullo stesso tema nelle sue recenti interviste e discorsi pubblici. Mosca non "accetterà mai" il fatto che l'Ucraina stia diventando sempre più un "trampolino di lancio" per azioni ostili dirette contro il nostro Paese e il suo popolo. L'affermazione che la Russia "non tollererà mai l'uso delle sue terre storiche e delle persone ad essa vicine" è particolarmente forte contro di essa. Non sarà d'accordo sul fatto che "il popolo russo possa diminuire di milioni" a causa della "politica di assimilazione forzata" perseguita oggi da Kiev. Gli eventi del 2014 sono apertamente chiamati "colpo di stato", l'attuale presidente è "nezalezhnoy" - un bugiardo insignificante. In generale, nel testo che stiamo considerando, un numero insolitamente grande di cose viene chiamato con i loro nomi propri, e questo fa sperare.

Sì, Vladimir Putin, nel suo articolo, afferma infine il fatto che dal cambiamento delle persone al potere in Ucraina nel suo stato attuale, "nulla cambia" (e non può cambiare!), Che gli oligarchi lì (che, ammettiamolo, Mosca ha fatto una scommessa sbagliata per molti anni e decenni) sono una compagnia di truffatori che sono "pronti a vendere la loro madre". Tale "intuizione", anche se piuttosto tardiva, dovrebbe essere accolta con favore. Tuttavia, dopo aver letto fino alla fine un articolo ben scritto, improvvisamente senti che le parole sagge e molto pesanti pronunciate in esso, in effetti, sono "sospese nell'aria". Nelle ultime frasi - di nuovo un'espressione di disponibilità al "dialogo" ... Con chi, su cosa, quando?! Assicurazione che "la Russia non sarà mai" anti-Ucraina ". Mi dispiace, ma l'Ucraina non sarà mai altro che "anti-Russia"! E cosa vuoi fare con questo?! Vladimir Vladimirovich, infatti, si contraddice: dopotutto, il suo brillante discorso si conclude con le parole che "ciò che dovrebbe essere l'Ucraina è che lo decida il suo popolo". Tuttavia, letteralmente pochi paragrafi prima, lo stesso presidente ha affermato che "milioni di persone" per le quali la russofobia è categoricamente inaccettabile sono state "condotte alla clandestinità e private del diritto di voto" in Ucraina, che "non è stato loro permesso di alzare la testa" . Non puoi fare molto dal sottosuolo...

L'azione seguirà la parola?


L'articolo di Vladimir Putin "Sull'unità storica di russi e ucraini" può essere visto in modi molto diversi. Non ha senso considerare la reazione dei rappresentanti ufficiali di Kiev e dei politici locali filo-governativi, che vanno dall'isteria rabbiosa al clown impotente (interpretato da Zelensky). A proposito, alcuni "patrioti" ucraini cercano di usare il discorso del leader russo esclusivamente come pretesto per la mobilitazione immediata e il rafforzamento delle tendenze militaristiche e russofobe nel paese. Ce ne sono altri - un po' più sani di mente, che percepiscono l'articolo come un messaggio non solo all'Ucraina, ma anche all'intero "Occidente collettivo" che lo sostiene, come un elenco estremamente concentrato di "linee rosse" che sono delineate, molto probabilmente, per l'ultima volta. Quindi - e un livello così alto a cui sono espressi. C'è chi vede nel “verdetto” scritto per il regime di Kiev, che a Mosca è stato finalmente riconosciuto incapace di negoziare e indegno di qualsiasi forma di comunicazione personale. Secondo coloro che aderiscono a questo punto di vista, Vladimir Putin ha ufficialmente lanciato l'introduzione di standard completamente nuovi in ​​relazione all'Ucraina, i più rigidi e intransigenti.

L'impressione è stata fatta, e su larga scala. Vladimir Vladimirovich è stato ascoltato sia da coloro che ora cercano disperatamente di neutralizzare l'effetto di ciò che ha scritto con le loro miserabili "risposte", sia da coloro che ancora tacciono, preferendo non entrare in discussione, ma agire. La cosa principale in questo caso è quali azioni concrete scaturiranno dalle disposizioni del programma del discorso presidenziale. Non c'è dubbio che sia Kiev che i suoi "partner" occidentali forniranno ragioni più che sufficienti per una risposta nel prossimo futuro. Se ciò avviene nel consueto formato di "manifestazioni di profonda preoccupazione" e simili, il discorso del nostro leader, che ha tutte le possibilità di essere inserito nei libri di storia, rischia di trasformarsi in qualcosa che non dovrebbe essere categoricamente - in un vuoto frase. Questa sarà una "perdita della faccia", le cui conseguenze negative non possono essere sopravvalutate.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 14 luglio 2021 11: 23
    +4
    La prima reazione all'articolo c'è già. - Avakov ha deciso di dimettersi. Apparentemente, capisce che sta succedendo qualcosa che non va molto bene per l'Ucraina moderna. Semmai partirà per la Repubblica Ceca.
    E probabilmente alcuni intraprendenti "Korobeinikov" ucraini hanno già iniziato a fare un inventario di coloro che si sono espressi contro la Russia, per avere prove compromettenti sulle nuove autorità del Paese se sono filo-russe. Gli elenchi saranno costosi. Ed entrare nel "Peacemaker" può diventare un'indulgenza contro la persecuzione del nuovo regime.
  2. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 14 luglio 2021 11: 44
    -10%
    Derubato, rubato una risorsa umana!!?? E hai bisogno di questa risorsa umana !!! ??? In Russia, le persone vengono avvelenate con le droghe, devi ancora avvelenarci con le droghe e intimidire con i caucasici stupidi!? No, finisci i tuoi russi Nako ne abbiamo bisogno!!!! ??? Ne abbiamo abbastanza dei nostri brawlers !!!!
  3. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 14 luglio 2021 11: 48
    -10%
    Presto sarà in onda il discorso di Putin, confutando questo articolo, e in cui chiamerà l'Ucraina e i fascisti Partner e avvierà un organetto sul fatturato !!!!
  4. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 14 luglio 2021 13: 01
    -1
    "La Russia è stata semplicemente derubata" è forse l'unica volta in cui Putin non ha mentito. Anzi, ha detto metà della verità, senza specificare come ha derubato...
    Già, anche la lingua dei più stretti collaboratori è slegata -

    Nell'aprile di quest'anno, Rosstat ha pubblicato i dati, secondo i quali il numero di russi con redditi inferiori al livello di sussistenza è sceso al 12,1% (17,8 milioni di persone). Il miliardario Oleg Deripaska ha poi criticato aspramente i dati di Rosstat.
    "In effetti, nel nostro paese ci sono circa 80 milioni di cittadini con tali redditi [al di sotto del livello di sussistenza]", ha scritto Deripaska nel suo canale Telegram. "Ma Rosstat negli ultimi anni ha imparato a destreggiarsi tra numeri e manipolare le statistiche in modo così magistrale che ora costretto a leggere resoconti così "galant" sulle "vittorie" sulla povertà. Peccato solo che queste "vittorie" avvengano per lo più sulla carta", l'imprenditore si è indignato.

    In generale, il proverbio corretto è che il ladro grida più forte di chiunque altro "Ferma il ladro" ...
    1. anclevalico Офлайн anclevalico
      anclevalico (Victor) 15 luglio 2021 13: 54
      -2
      Si tolse la lingua.
      1. Kofesan Офлайн Kofesan
        Kofesan (Valery) 16 luglio 2021 04: 50
        -2
        Quindi questo è lo scopo dell'intera "presentazione" (tecnologie elettorali, in altre parole - chiacchiere). Come era solito dire Churchill - "per rafforzare le discussioni con la tua voce". Questo è qualcosa che puoi capire dall'articolo (tra le righe, ovviamente). Ma ...

        Ma QUELLO che non ho capito è perché si è concluso che

        i fatti seguiranno le parole

        ?
        Cioè... prima dell'articolo, questi "casi" erano semplicemente impossibili? Ma ora significa - "ANDIAMO"! ???
        Oh, la "leggenda" è fresca, ma è difficile da credere...

  5. "Un popolo", non "un popolo" - alla lampadina. Ma i Tomahawk a Konotop sono un tripudio di Mosca!
  6. Dukhskrepny Офлайн Dukhskrepny
    Dukhskrepny (VA) 14 luglio 2021 17: 10
    -1
    Il "sollevatore dalle ginocchia della Russia", insieme al kagal degli amici-oligarchi, saccheggia il paese da molto tempo.
  7. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 14 luglio 2021 19: 26
    0
    ... E l'Indomito è il Suo profeta.
  8. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
    Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 14 luglio 2021 20: 41
    0
    Cosa voleva dire Putin con il suo articolo sull'Ucraina?

    Che lui, come presidente responsabile della politica estera della Russia nei paesi dell'ex URSS, si è ritirato e insieme a Lavrov, per 20 anni, non ha perseguito alcuna politica in Ucraina.

    La Russia dovrebbe avere canali di influenza su ciò che sta accadendo nei paesi dell'ex URSS.
    Canali - culturali, educativi, economici, politici, militari
    e attraverso i servizi speciali, alla fine.
    Questa è la politica estera, di cui Putin è responsabile.

    Era impossibile rimanere inattivi e trasferire i paesi dell'ex URSS alla mercé degli uomini d'affari russi e di tutti i servizi speciali della NATO.

    NON trasferire tutti i canali di influenza a milioni di persone amiche della Russia - nelle mani degli eterni nemici della Russia.

    E il territorio dell'Ucraina, ceduto alle basi militari di Gran Bretagna e Stati Uniti, è il successo della politica estera di Gran Bretagna e Stati Uniti.
    E se le basi militari di Turchia e Canada appaiono in Ucraina, allora questa sarà la vera politica estera di Turchia e Canada.
    La Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno dato a Putin "l'isola di Crimea" - in modo che potesse organizzare una grande vacanza.
    E per una vera politica estera in Ucraina - in Russia qualcuno ha bisogno di essere picchiato con le verghe per molto tempo.
    È vero, questo non aiuterà la Russia.
  9. grysha Офлайн grysha
    grysha (AM) 14 luglio 2021 22: 13
    +1
    Citazione: Robot BoBot - Free Thinking Machine
    "Un popolo", non "un popolo" - alla lampadina. Ma i Tomahawk a Konotop sono un tripudio di Mosca!

    Inoltre, una volta lì c'era una brigata missilistica, anche se dopo il crollo dell'URSS fu abbandonata, ma vale la pena ripristinarla.
  10. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
    Capitano Stoner (Capitano Stoner) 14 luglio 2021 22: 37
    -3
    Come ogni discorso di Putin, l'articolo sull'Ucraina è sfaccettato, tutt'altro che monosillabico, e richiede una riflessione profonda. Vale la pena rifletterci sopra, almeno per capire: cosa rappresenta esattamente?

    Nell'estate del 1987, le memorie di Breznev furono rimosse dalle librerie e cancellate come carta straccia.
  11. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 14 luglio 2021 22: 49
    +4
    Medvedchuk deriva dal fatto che l'Ucraina faceva parte del Commonwealth, dell'Austria-Ungheria, della Nemetchina, dell'URSS e questo ha lasciato il segno.
    L'Ucraina occidentale e l'Ucraina orientale sono due diverse ucraine.
    Parlare di ucraini e russi occidentali come di un unico popolo equivale a definire un unico popolo russi e serbi, polacchi e bulgari.

    L'articolo delinea chiaramente la preoccupazione della Federazione Russa per le azioni degli Sshasoviti in Ucraina: la creazione di infrastrutture militari, basi, centri di addestramento nella speranza che gli Sshasoviti ascoltino e rispondano.
    Penso che questo non sia vero, specialmente quando chiamano apertamente la Federazione Russa il loro nemico e non hanno abbandonato l'intenzione di "deframmentare" la Federazione Russa in molte istituzioni statali "democratiche".
    Non si fa menzione delle azioni di ritorsione della Russia, e l'intera politica precedente della Federazione Russa afferma che saranno limitate alla verbosità diplomatica di cui nessuno si preoccupa.
  12. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 15 luglio 2021 09: 54
    0
    In URSS, la questione di come registrare la proprietà statale è stata sollevata più di una volta. L'ultimo a sollevare questo problema è stato il Comitato di emergenza statale, che ha proposto di condurre un inventario dello stato. proprietà dell'URSS. Era come la morte per le persone con redditi di sinistra. Le regole per la secessione delle repubbliche dall'URSS furono sollevate dopo agosto, ma furono respinte.
  13. Oleg S Офлайн Oleg S
    Oleg S 15 luglio 2021 17: 53
    -1
    Путин декларируя "«с чем пришли»" становится на скользкую дорожку..
  14. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 15 luglio 2021 19: 12
    -1
    La Russia non è stata derubata. È stata stupidamente tradita. La loro com'è di moda. "Elite". Putin in generale per la "riforma" delle pensioni brucerà per sempre all'inferno se non altro.
  15. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 17 luglio 2021 09: 48
    -3
    E sono in tanti che vogliono andare a riconquistare le “terre russe”?