Guerra afghana dell'URSS e degli USA: tre somiglianze e dieci differenze


Lungi dal concludersi trionfalmente oggi davanti ai nostri occhi, la missione degli Stati Uniti e dei suoi alleati in Afghanistan semplicemente non può che diventare un motivo per confrontare le due campagne militari che si sono svolte in questo paese con un intervallo abbastanza breve, quella sovietica e quella Americano. Qualcuno con fretta categorica ha già fretta di dichiararli difficilmente "identici" - dicono, gli Stati Uniti sono riusciti, avendo davanti agli occhi l'esperienza negativa dell'Unione Sovietica, "a calpestare lo stesso rastrello" e "con lo stesso risultati." Tali affermazioni sembrano, per usare un eufemismo, errate e non corrispondono affatto alla verità.


Il punto qui non è nemmeno che gli "shuravi" venuti dall'URSS non abbiano perso quella guerra, contrariamente alle dichiarazioni degli storici occidentali e dei loro colleghi liberali interni. Per confrontare più o meno oggettivamente i risultati della permanenza in Afghanistan di soldati-internazionalisti sovietici e "combattenti per la democrazia" della NATO, dobbiamo parlare, prima di tutto, non di punti generali, ma delle differenze più significative negli obiettivi , metodi e, soprattutto, le loro condizioni missioni. Proviamo a considerarli almeno brevemente.

Errori ripetuti esattamente


Inizieremo la nostra conversazione, forse, con punti generali che uniscono gli eventi del 1979-1989 e l'operazione, iniziata nel 2001 e terminata al momento presente. Ciò che è caratteristico è che si riducono davvero, in fondo, agli americani che ripetono (in misura maggiore o minore) gli errori più gravi commessi dai loro "predecessori" sovietici a loro tempo. Quindi, la prima somiglianza: sia gli Stati Uniti che l'URSS hanno inviato truppe in Afghanistan per perseguire i propri interessi geopolitici delle grandi potenze, che, ovviamente, non sono stati annunciati apertamente, ma sono stati drappeggiati con parole belle e "corrette". Nel nostro caso si trattava di "prestare assistenza al popolo afghano" e di "adempiere a un dovere internazionale", nella versione statunitense è apparsa "la lotta al terrorismo mondiale". Allo stesso tempo, i capi dell'esercito e dei servizi speciali di entrambi i paesi, come si è scoperto in seguito, avevano un'idea molto vaga di chi e cosa avrebbero dovuto affrontare in realtà le strutture da loro guidate in questo paese.

Contando su un rapido "ripristino dell'ordine" sul proprio territorio, né i generali americani né quelli sovietici hanno nemmeno pensato di fare piani e strategie a lungo termine. Come si è scoperto - invano. Entrambi i paesi sono fermamente "impantanati" in Afghanistan, sprofondando sempre più nell'abisso del conflitto armato. Allo stesso tempo (ed ecco la seconda somiglianza per te) non c'era alcuna possibilità che gli obiettivi e gli obiettivi di natura puramente militare inizialmente prefissati fossero raggiunti (soprattutto nel più breve tempo possibile, come si è visto per la prima volta) non era inizialmente . E tutto perché in entrambi i casi la posta in gioco era posta sulla inequivocabile superiorità dell'esercito regolare sui distaccamenti dei "ribelli" barbuti in addestramento, armamento, equipaggiamento e quant'altro. Questo è stato un errore enorme, semplicemente fatale.

Né i carri armati, gli elicotteri e i Grad del contingente limitato dell'esercito sovietico in Afghanistan, né i bombardieri strategici, gli UAV e un mucchio di altre armi "ad alta precisione" e "ad alta intelligenza" della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (ISAF) non poteva invertire le sorti guerre con distaccamenti partigiani di dushman o successivamente con i talebani (vietati in Russia). Tentativi di sconfiggere gli afgani con le armi più moderne e sofisticate e attrezzatura erano e rimangono nella loro efficacia equivalenti ai tentativi di tagliare la nebbia mattutina o il vento di montagna con la più affilata spada di damasco... Questo per non parlare dell'assoluta assurdità di distruggere una tenda fatta di peli di cammello o una capanna di adobe con una munizione di diversi milioni di dollari - che gli americani e i loro alleati hanno peccato negli ultimi anni...

Tuttavia, gli errori di calcolo militari sia dell'URSS che degli Stati Uniti impallidiscono di fronte al loro errore principale, che è, in effetti, la somiglianza n. 3 - il desiderio di imporre all'Afghanistan e al suo popolo valori, idee e visione del mondo che sono completamente estranei a loro. "Shuravi" iniziò a costruire in questo paese, che era allora (ed è ora) allo stadio tribale di sviluppo, il socialismo. Gli americani sono una "democrazia fiorente". I dekhan afgani, i nomadi e ugualmente l'"élite" locale, sia gli ideali del marxismo-leninismo che i "valori democratici" erano, diciamo, al muro del duval più vicino. No, vedendo di persona questo o quel beneficio qui e ora, potrebbero dichiarare qualsiasi cosa. Ma hanno categoricamente rifiutato di accettare questo come le proprie convinzioni sincere. Un numero del genere non è mai stato giocato in Afghanistan.

Uno contro tutti e tutti contro uno


Con i punti generali, supponiamo che sia finita. Passiamo ora alle differenze, di cui, come già detto, ce ne sono molte di più. Il primo è il noto fatto che, iniziata la sua operazione in Afghanistan, l'URSS, di fatto, è entrata in uno scontro (non solo politico, ma anche militare) sia con l'intero "Occidente collettivo" che con con una parte significativa dei paesi, il mondo musulmano, così come (non si può cancellare una parola dalla canzone!) la Cina comunista. È generalmente impossibile sopravvalutare il contributo dei compagni cinesi all'armamento dei fantasmi afgani. Tuttavia, il "primo violino", ovviamente, è stato suonato dagli Stati Uniti. Il budget della sola CIA all'inizio della guerra in Afghanistan, spendendo 5 milioni di dollari all'anno in "aiuti" ai dushman entro la sua fine, è cresciuto, secondo alcune fonti, fino a 750 milioni all'anno stanziati per gli stessi scopi! I talebani, infatti, non erano sostenuti da nessuno, tranne che da certi ambienti in Pakistan.

La seconda differenza è strettamente connessa alla prima, essendone, per così dire, la sua "immagine speculare". L'Unione Sovietica non ha trascinato nessuno dei suoi alleati del Patto di Varsavia "oltre il fiume", affrontandolo esclusivamente da solo. Rappresentanti di quasi cinquanta paesi, principalmente membri dell'Alleanza Nord Atlantica, ma non solo, hanno combattuto nelle file dell'ISAF contro i talebani. Sembrerebbe che una coalizione così potente e multinazionale (con il minimo appoggio ricevuto dal nemico) dovrebbe riportare la vittoria più convincente e controllare facilmente il Paese “indomito”. Non era così. Inoltre, gli americani ei loro alleati (e questa è la quarta differenza) hanno trascorso in Afghanistan esattamente il doppio del tempo degli Shuravi. Tuttavia, ciò non ha portato al raggiungimento dei propri obiettivi, ma solo a un esorbitante dispendio di denaro e altre risorse.

A proposito di spese... Qui abbiamo, ovviamente, la quinta differenza. Non ci sono dati precisi su quanto sia costata la campagna afghana al nostro Paese. Alcuni esperti americani citano le cifre di 800 milioni di dollari spesi annualmente da Mosca per sostenere i "compagni di Kabul" e parlano della cifra spesa dall'OKSA in questo Paese dai 3 agli 8 miliardi di dollari l'anno. Ok, proviamo a crederci (anche se i numeri sono probabilmente sopravvalutati). Moltiplichiamo per 10 e otteniamo 8 miliardi "per il governo afghano" e... beh, diciamo 80 - "per la guerra". Ci sono più informazioni su quanto Washington ha gettato in Afghanistan. Solo il programma di "ripresa e sviluppo" c'è economia stimato in 137 miliardi di dollari. Le spese militari dirette dei soli Stati Uniti nel 2014 (momento in cui proclamarono ufficialmente la "fine della guerra", dopo la quale gli americani non pensavano nemmeno di uscire dall'Afghanistan) ammontavano a più di 600 miliardi di dollari!

Ad oggi, questa cifra è tutta 800 miliardi, anche se alcuni parlano di un trilione. Beh, come si suol dire, i ricchi hanno le loro stranezze. Allo stesso tempo, i nostri fan per speculare su come tutto accade negli Stati Uniti esclusivamente "secondo la legge", "onesto e trasparente", dovrebbero sapere che, secondo le stime delle organizzazioni di controllo americane, almeno 15 persone e mezzo miliardi di dollari delle colossali somme di "aiuti al popolo afghano" sono stati semplicemente rubati solo per il periodo dal 2006 al 2017. Questo è solo il doppio di tutti gli aiuti sovietici a questo paese per lo stesso esatto periodo di tempo.

Questo è tutto ciò che rimarrà dopo di me...


Qui ci avviciniamo a nuove differenze. Il sesto di questi è che durante il periodo in cui le truppe ei consiglieri sovietici erano in Afghanistan, questo paese non era affatto un centro di produzione mondiale di droga. Ma i "combattenti per la democrazia" americani hanno ottenuto un successo fantastico nel trasformarla in una tale democrazia! E questo nonostante dal 2002 l'Occidente abbia ufficialmente speso dieci miliardi di dollari nella “lotta al narcotraffico afghano”.

Tuttavia, la dimensione delle piantagioni di oppio locali durante questo periodo è aumentata in modo significativo e nel 2017 ha raggiunto il suo massimo storico. Per inciso, questi sono dati dell'ONU. Pertanto, la settima differenza può essere tranquillamente considerata il fatto che l'URSS ha costruito scuole, ponti, strade, impianti industriali e infrastrutturali in Afghanistan (solo quelli grandi sono stati costruiti circa un centinaio e mezzo), e gli Stati Uniti e i suoi alleati - " democrazia sviluppata" e "uguaglianza di genere". Per quanto ne sappiamo, l'unica struttura non militare effettivamente lasciata dagli americani è una piccola centrale elettrica diesel che ha fornito energia alla regione governativa di Kabul. Dove decine di miliardi presumibilmente investiti in "restauro e sviluppo" sono "finiti" è assolutamente incomprensibile. Tuttavia, se si considera che i 35 milioni di dollari investiti in un programma per coltivare in Afghanistan... i semi di soia, fallito completamente e con grande disgrazia, allora non c'è da stupirsi. Dall'URSS, il paese, pur resistendo disperatamente alla sua presenza militare, ha ricevuto un'assistenza reale nella sfera economica e decine di migliaia di specialisti qualificati formati nel nostro paese, e dagli Stati Uniti - basi militari abbandonate oggi e burocrati impantanati nella corruzione e nel furto che si sono rifugiati sotto l'ala americana.

Torniamo, però, agli affari militari. L'ottava differenza è considerata da molti come il rapporto delle vittime tra il contingente limitato sovietico e l'ISAF a guida statunitense. Noi, secondo i dati disponibili, abbiamo perso circa 15mila persone uccise e più di 50mila ferite. Fino a poco tempo fa gli americani continuavano a parlare di 2 morti e 20 feriti. In questa occasione, i nostri liberali si sono degnati di ammirare - ecco, dicono, che compagni: combattono con intelligenza, e non con "carne da cannone"! Si potrebbe essere d'accordo, se non fosse per una serie di "sfumature". Prima di tutto, una varietà di fonti afferma che le cifre delle vittime sia per l'esercito degli Stati Uniti che per l'intera coalizione sono distorte senza Dio. Gli stessi iraniani, ad esempio, affermano di essere sottovalutati di 2.5, o addirittura 3 volte. Inoltre, la parte del leone del lavoro più "sporco" e, di conseguenza, pericoloso in Afghanistan per gli americani e i loro alleati è stata svolta dalle PMC e nessuno ha tenuto conto dei loro combattenti. Tuttavia, fonti indipendenti parlano di circa 2mila "commercianti privati" che vi hanno posato la testa solo dal 2001 al 2014. Più precisamente, le perdite della coalizione sono stimate in 11mila morti e questo suona abbastanza realistico.

Tuttavia, questa cifra è spiegata dal fatto che i militari degli Stati Uniti e della NATO, a differenza dei nostri, praticamente non hanno partecipato alle operazioni di terra, preferendo far saltare in aria i nemici a brandelli. Ebbene, se allo stesso tempo missili e bombe hanno distrutto "erroneamente" i civili, non sono mai stati tormentati dal rimorso. La nona differenza - forse la più fondamentale di tutte - è che dopo il ritiro delle truppe sovietiche, le forze governative di Kabul respinsero con successo gli attacchi dei mujaheddin per altri tre anni, fino all'aprile 1992. Il regime lasciato dagli americani crolla come un castello di carte in pochi giorni. Se non un orologio. I talebani stanno diffondendo il loro potere in tutto l'Afghanistan alla velocità di un incendio e nessuno cerca nemmeno di resistergli.

Quindi la decima differenza tra le campagne militari dell'Unione Sovietica e degli Stati Uniti può e deve essere considerata il loro risultato finale. Il governo di Najibullah fu sconfitto non avendo perso le sue "baionette sovietiche", ma a causa del crollo dell'URSS e del successivo rifiuto categorico dell'allora governo della Russia di sostenere Kabul in qualsiasi forma. La stessa decisione di ritirare le truppe sovietiche dall'Afghanistan non fu presa per ragioni oggettive, ma a causa del tradimento di Gorbaciov e della sua cricca, che capitolò all'Occidente. Gli Stati Uniti oggi, a quanto pare, non sono ancora crollati, e Biden, che sta frettolosamente allontanando l'esercito americano da un lontano Paese orientale, non fa che confermare la decisione del suo predecessore. I soldati sovietici hanno lasciato l'Afghanistan perché lo volevano a Washington, e gli americani stanno fuggendo, perché lì hanno perso non solo la guerra, ma in generale tutto ciò che è possibile. Questa è l'intera differenza.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Yuriy Somov / archivio RIA Novosti / CC BY-SA 3.0
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pyotr Pankratov_2 Офлайн Pyotr Pankratov_2
    Pyotr Pankratov_2 (Pyotr Pankratov) 17 luglio 2021 15: 51
    -1
    Afghan, Afghan - natura molto bella in tutti gli angoli, ricca di molti fossili e minerali inesplorati, e le persone rappresentate da molte nazioni, nazionalità e una massa di rifugiati provenienti da paesi asiatici "fraterni", parlano 2-3 lingue e sono sempre capite l'un l'altro, combattuti solo per la libertà di scelta, la vita e il loro territorio così com'è, poiché la terra, le montagne e i deserti sono bagnati dal sangue dei loro antenati e la loro fede nel vero Islam non può essere minata da nessuno, figuriamoci sradicata.
    Molte cose afghane sono passate attraverso i millenni: violenza, usurpazione, colonizzazione secolare con saccheggio da parte degli inglesi; l'"aiuto" internazionale dei comunisti dell'URSS, i passi puramente "democratici" degli stati americani con i satelliti della NATO - non potevano infrangere l'onore e l'orgoglio dei popoli che vivevano secondo lo stile di vita e i costumi dei pionieri della persone sul pianeta Terra. E le molteplici vittime della popolazione civile, patrioti della patria con armi deboli, sostenute da armi letali molto intelligenti non potevano metterli in ginocchio ...
    La vita va avanti e dopo poco tempo loro stessi capiranno la necessità dell'unità di tutto il popolo afghano e di una stretta cooperazione con tutti gli stati e popoli circostanti. Nel frattempo, è necessario organizzare un aiuto umanitario su larga scala attraverso un "padrone" riformato e indipendente dai dettami dell'ONU il più necessario nella vita quotidiana ed essenziale per la vita della loro gente comune, che continua a confrontarsi per abitudine, che finirà in pace in questa situazione.
    Le persone ben nutrite non sono inclini a essere ostili l'una con l'altra. Ci sono molti percorsi turistici nel mondo ed è necessario creare un'agenzia di viaggi mondiale secondo il sistema OL INCLUSIVE per lo sviluppo di una comprensione iniziale da parte degli abitanti di Afgan degli obiettivi e dei motivi della vita dei popoli di altri paesi , principalmente per gli abitanti di questo paese, ma tenendo conto delle loro tradizioni nel cibo, negli alloggi, nei luoghi di culto e nell'indossare abiti, nonché organizzare scorte, guardie giurate e traduttori.
    Questo sarà il vero risultato dell'inizio della degenerazione della loro società. E dobbiamo iniziare con gli inviti alla Turchia e ad altri stati islamici, e chiederanno loro stessi il porto per l'Europa e l'America. Tempo avanti!!!
    1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
      Capitano Stoner (Capitano Stoner) 17 luglio 2021 21: 13
      0
      non poteva infrangere l'onore e l'orgoglio dei popoli che vivevano secondo il modo di vivere e le usanze dei pionieri delle persone sul pianeta Terra. E le molteplici vittime della popolazione civile, patrioti della patria con armi deboli, sostenute da armi letali molto intelligenti non potevano metterli in ginocchio ...

      No, i colonialisti britannici non potevano rompere. E gli imperialisti americani non sono stati in grado di consegnare.
      È come questo. Di conseguenza, i "patrioti della patria" furono per sempre bloccati in uno stato di ferocia medievale dei secoli 14-15. Gli indiani furono sotto il giogo degli inglesi per 300 anni, ma alla fine l'India liberata divenne più civilizzata e sviluppata dei selvaggi di montagna non vinti.
  2. mmihin Офлайн mmihin
    mmihin (Michail Mikhin) 19 luglio 2021 07: 41
    +1
    In qualche modo ho deciso di controllare le dinamiche dell'aspettativa di vita in Afghanistan - dopotutto, se l'URSS stava conducendo una guerra su larga scala lì, questo dovrebbe in qualche modo influenzare questo indicatore.

    Sono andato sul sito Web delle Nazioni Unite, ho trovato la sezione corrispondente sui paesi del mondo, l'Afghanistan e ... ho scoperto un forte aumento inaspettato dell'aspettativa di vita esattamente al momento della presenza delle truppe sovietiche lì. Ma alla fine dell'"occupazione" sovietica, l'aspettativa di vita in Afghanistan è scesa alla normalità, cioè Basso. Tutti avrebbero combattuto guerre del genere.)
  3. Yuri Vorobyov Офлайн Yuri Vorobyov
    Yuri Vorobyov (Yuri Vorobyov) 21 luglio 2021 17: 56
    0
    La domanda più importante che tutti ignorano è: quali fondi hanno usato i talebani per combattere la guerra? Nel 79-89, tutto è chiaro, da tempo sono state annunciate cifre gigantesche, che l'Occidente ha gettato nei dushman. Ma allora? Non ci sono fabbriche per la produzione di armi e munizioni nelle montagne afghane. Non c'è bisogno di dire che stavano comprando qualcosa da qualche parte con i moderni mezzi di ricognizione e osservazione. Non è divertente dire che alcuni circoli in Pakistan, almeno in qualche modo, li hanno forniti seriamente: è stato sufficiente che gli americani non ruggissero nemmeno molto, e tutto l'aiuto si sarebbe fermato. Quindi chi è così gentile e potente, sarebbe qualcosa di cui parlare!