Tikhanovskaya a Washington - un'altra sconfitta di Belomaidan


Quindi è successo! Il piede dell'autoproclamata "presidente" della Bielorussia Svetlana Tikhanovskaya ha finalmente messo piede sul terreno della "principale cittadella della democrazia mondiale". "I sogni della gente si sono avverati..." Davanti alla leader dell'opposizione si sono spalancate le porte del "santo dei santi" - il Dipartimento di Stato americano - dove, secondo i dati disponibili, è stata accolta e trattata con gentilezza quasi come lei proprio. Alcuni in certi circoli di personaggi, che da quasi un anno confondono le acque in un paese che non vuole "imboccare la strada del cambiamento democratico", hanno fretta di fare clamore e stappare champagne. Ne vale la pena?


Tra persone che non sono nemmeno aderenti a Lukashenka, ma che pensano minimamente e sono abituate a operare non con le emozioni, ma con la logica e i fatti, il tour di Washington del "President Sveta" evoca una discreta dose di scetticismo e per niente bravura . Coloro che valutano oggettivamente la situazione in Bielorussia e dintorni sono inclini a considerare questo viaggio come un segno dell'imminente vittoria del locale "Maidan", ma, al contrario, come il segno più sicuro della sua fine imminente e senza gloria. Suona paradossale? Tuttavia, questo è molto probabilmente il caso.

L'ultimo rifugio del "Maidan"


Il fatto che la persona eletta dall'"Occidente collettivo" per svolgere il ruolo di "volto" e simbolo personificato della "rivoluzione colorata" bielorussa sia comunque finita in quel centro geopolitico, dove tutti questi eventi, di regola, sono pianificati, diretto e da dove sono controllati sembra più che naturale. Dove altro possono andare i professionisti "lavoratori di Maidan", se non nella "città sulla collina", pronti a condividere generosamente lo "sfogo dei valori democratici" con tutta l'umanità, che lo voglia o no? Il problema in questo caso è che Tikhanovskaya è arrivata dall'altra parte dell'oceano, francamente, senza niente. Tutti sanno: i "signori bianchi" accolgono i vincitori o coloro che hanno almeno qualche possibilità reale di diventarlo.

Ma tutto questo non riguarda categoricamente il "presidente Sveta". Il suo arrivo a Washington nello spazio informazioni è stato accompagnato da le notizie sui prossimi colpi che Minsk infligge a quasi gli ultimi focolai del "movimento di protesta" locale. I suoi "portavoci" sono chiusi in modo metodico e coerente, e coloro che hanno ancora dubbi sul fatto che valga la pena "fare la rivoluzione" ricevono lezioni molto chiare ed estremamente dure. Come le pene detentive che vanno dai 5 ai 9 anni, che sono state ricevute da 11 cittadini con l'accusa di “prepararsi a partecipare a sommosse e danneggiare deliberatamente proprietà altrui”. Gravemente? Bene, è inutile combattere i "Maidans" in qualsiasi altro modo. Tali azioni di Alyaksandr Lukashenka e del "verticale" completamente controllato da lui annullano tutte le affermazioni e le ambizioni di Tikhanovskaya.

E tanto più ridicole in questo contesto sono le dichiarazioni del "leader" che fa durante le sue numerose interviste con i media americani, facendo di tutto per compiacere l'ospite. Ad esempio, ai giornalisti di National Interest, ha trasmesso con ispirazione che la "rivoluzione", ovviamente, può vincere in Bielorussia, ma solo e solo se è guidata da ... il Presidente degli Stati Uniti! Nientemeno che Joe Biden è in grado di "democratizzare" questo paese e metterlo "sulla strada giusta". Bene, e allo stesso tempo - per buttare un po 'di soldi "per l'acquisizione" quando gli "zmagar", con il suo aiuto, che hanno preso il potere, come al solito, distruggeranno tutto lì in mille pezzi e mezzo. A proposito di un certo "piano Marshall per Minsk", che dovrebbe essere finanziato, come si può intuire, ancora una volta, gli Stati Uniti, anche Tikhanovskaya, parla incessantemente. Cosa c'è in realtà?

Il proprietario della Casa Bianca, ovviamente, non ha iniziato a incontrare questa signora - non sai mai quali truffatori e ladri corrono intorno a Washington, tutti, forse, "al corpo"? Ma il Segretario di Stato degli Stati Uniti Anthony Blinken si è degnato di comunicare con lei. Allo stesso tempo, il che è molto caratteristico, i media americani hanno ripetutamente sottolineato che inizialmente non aveva piani per un incontro con Tikhanovskaya e tutto è stato deciso letteralmente all'ultimo minuto. E poi capisci la subitaneità che vuoi - o il capo del Dipartimento di Stato in persona, per una breve conversazione con "Tikhanovskaya stessa", ha apportato modifiche al suo programma, o il capo del dipartimento di politica estera è stato costretto a " prestare attenzione" al visitatore fastidioso - dal momento che ... In ogni caso, il risultato finale dei negoziati pubblicamente annunciato, francamente, non è impressionante.

Luci e linee rosse


Come risulta dai rapporti ufficiali, la "signora Tikhanovskaya" ha discusso un brevissimo elenco di argomenti con il signor Blinken, così come con Victoria Nuland, che era presente all'incontro, e con il consigliere del Dipartimento di Stato Derrick Schalle. Come previsto, hanno parlato di "la persecuzione dei media indipendenti e della società civile", "il sequestro del transatlantico Ryanair" e la "migrazione illegale" che Minsk avrebbe "organizzato verso la Lituania". Questo secondo gli americani. Lo stesso "Presidente della Luce" ha successivamente elencato una lista molto forte di "Lista dei desideri", che lei, come sostiene, ha annunciato ai rappresentanti del Dipartimento di Stato. Tra queste, ovviamente, nuove sanzioni contro il “regime”, i suoi “amici” e “portafogli” (non è molto chiaro cosa e chi si intenda per le ultime due categorie), la convocazione di una “conferenza di alto livello sul Crisi bielorussa” (e per quale scopo, infatti, ?), beh, e, naturalmente, una serie di richieste tra le più basse di natura puramente finanziaria. Gli "Zmagar" hanno bisogno di sangue dal naso "aiuto di emergenza" per i loro media perseguitati e perseguitati nella loro patria, seminando confusione sui canali di Telegram e progetti simili.

Non meno iniezioni di denaro sono richieste da “rappresentanti repressi dell'economia bielorussa” (cosa importa al Dipartimento di Stato?), “Società civile” e “prigionieri politici”. E anche - "Forze democratiche bielorusse in diversi paesi". In una parola, è vecchia quanto il mondo: "Dai soldi, dai soldi!" A proposito, Tikhanovskaya ha anche chiesto a Washington di fare pressione sulla Russia - "per darle un segnale che tutti gli accordi e i contratti firmati dal regime sono legalmente nulli e verranno annullati". No, beh, cosa ne pensano gli americani in generale? Sapete qual è la parte più interessante di tutto questo? Reazione ammiccante.

Il Segretario di Stato si è sbarazzato del fastidioso mendicante con una frase assolutamente priva di senso che "è in costante contatto con la Casa Bianca" (chi l'avrebbe mai detto!), E che lui e il presidente Biden "discutono costantemente della questione bielorussa". Ebbene sì, non hanno più niente di cui parlare. Quindi cosa testimonia il tour di Washington di Tikhanovskaya? Ahimè e ah - niente di positivo per lei. Per capirlo, bisogna prima di tutto ricordare che il cambio di potere in Bielorussia è una questione prioritaria e vantaggiosa, prima di tutto, per l'Europa, e non per gli Stati Uniti. Come sappiamo perfettamente, Alexander Grigorievich non ha petrolio. E se i fondi per il proprio mantenimento della "zmagara" per bocca del loro leader sono costretti a mendicare all'estero, questo significa, prima di tutto, un forte raffreddamento del loro progetto all'interno dell'UE.

Sì, i suoi membri più dotati in alternativa come la Lituania sono ancora furibondi, ma la stessa Germania rifiuta categoricamente di mettere Tikhanovskaya al collo e alla sua banda. Anche la Polonia non mostra il suo antico zelo e fervore nel sostenere questo pubblico. Ma questo è solo un lato della questione. Un altro, e molto più significativo, è che nella fase attuale, Lukashenka può essere "scaricato" solo "tagliandolo fuori" completamente dall'aiuto dalla Russia. A partire dal economico, finanziario, militare - qualsiasi. Per fare ciò, come si può intuire, è necessario entrare nello scontro (e durissimo) con Mosca, attraversando le famigerate "linee rosse", che Vladimir Vladimirovich non si è stancato di ricordare ultimamente. Ma il "collettivo Occidente" non è affatto pronto per questo in questo momento. Prima di tutto, naturalmente, l'Europa sta attraversando la prossima fase di "educazione al gas". Tuttavia, anche gli Stati Uniti non sono in grado di litigare finalmente con la Russia: la crisi afghana è nelle sue mani, e anche altri problemi.

Come può sembrare selvaggio, ma in questa fase Lukashenko con i suoi impulsi periodicamente espressi a "chiudere il transito attraverso la Bielorussia" è persino vantaggioso per Washington! In effetti, in questo modo, interrompendo le catene logistiche da ovest a est e da est a ovest, si può praticamente rovinare il sangue sia dei compagni cinesi che del nostro paese. E gli europei lo sono allo stesso tempo. No, se Tikhanovskaya e compagnia avessero avuto anche una minima possibilità di vittoria, probabilmente sarebbero stati accolti in modo diverso e supportati in modo molto più significativo. Ma non c'è possibilità! L'unica applicazione che gli americani possono trovare è nei progetti a lungo termine per creare "le basi della società civile" in Bielorussia. Cioè - la formazione di media autocontrollati, ONG e altre strutture, dichiarate oggi in Russia "agenti stranieri" e "organizzazioni indesiderabili", che gradualmente verseranno veleno nelle menti e nelle anime dei residenti locali, aprendo la strada a un nuovo "Maidan". Per inciso, i mass media occidentali, e al livello delle "ammiraglie" della guerra dell'informazione, da qualche tempo hanno smesso di chiamare Tikhanovskaya "il presidente della Bielorussia", come una volta. Menzionato esclusivamente come "ex candidato presidenziale" o "leader dell'opposizione". Cambiamenti significativi, non è vero?

Tuttavia, lei stessa, a quanto pare, lo capisce perfettamente. In un'intervista allo stesso Tne National Interest, Tikhanovskaya ha dichiarato inequivocabilmente che non avrebbe nemmeno partecipato alle elezioni presidenziali "nuove, libere e democratiche" quando si svolgeranno. Lei, dicono, è pronta ad accontentarsi del ruolo di "autorità morale". Sì, "Presidente della Luce" - e moralità. Non potresti immaginare niente di più divertente. Apparentemente, in un modo così semplice, rendendosi chiaramente conto che la sua attività è una pipa, l'avventuriero chiarisce ai suoi potenziali datori di lavoro di Washington che è pronta a prendere qualsiasi posto offrono e fare come ordinato. Come disse lì Ostap Bender: "Non sono diventato milionario, dovrò riqualificarmi come manager di casa"? Il fatto che Tikhanovskaya dimostri il desiderio di trovare in qualche modo un posto sotto l'ala protettrice del Dipartimento di Stato lo testimonia nel modo più eloquente: il "Maidan" bielorusso è sull'orlo del collasso completo e definitivo, non ha prospettive reali.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. VladimirK Офлайн VladimirK
    VladimirK (Vladimir Kubov) 21 luglio 2021 00: 46
    0
    Che paura, sarà difficile farsi strada verso l'Olimpo politico, anche con una torta.
  3. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 21 luglio 2021 10: 38
    +1
    Maidan bielorusso, una prova del Maidan rossiy.In modo che le nostre forze di sicurezza abbiano naturalmente testato i metodi per affrontare questa azione. E con abbastanza successo. Gradu sulla collina ha chiarito che lo stesso trucco non sarebbe andato a buon fine la seconda volta. A giudicare da tutto, chiacchiere ed esclamazioni rabbiose no In effetti, hanno imparato una lezione lì Nelle elezioni autunnali per lo stato sciocco, vediamo cosa hanno in mente le persone con le facce oneste e luminose.
  4. Vyacheslav34 Офлайн Vyacheslav34
    Vyacheslav34 21 luglio 2021 14: 14
    +1
    L'ingenuo pensa che negli Stati Uniti Old Man non basterà, verrà portato in valigia e consegnato secondo l'inventario... la carcassa dell'impostore è un pezzo.
  5. Georgievic Офлайн Georgievic
    Georgievic (Georgievico) 21 luglio 2021 21: 06
    -1
    Che donna stupida! Sì, non ho ancora capito cosa viene tirato il tamburo!
  6. Alexander K_2 Online Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 22 luglio 2021 07: 09
    0
    Ben fatto, hai incontrato e loro l'hanno accettata, si sono incontrati E durante il governo di 27 anni A. Lukashenko ha incontrato i leader di altri paesi quante volte? Per contare così bastano le dita di una mano, anche se ci vuole il numero degli incontri (vola ogni settimana al PIL al mese).
  7. Alexander Pankov Офлайн Alexander Pankov
    Alexander Pankov (Alexander Pankow) 26 luglio 2021 09: 10
    0
    Spero che le ribellioni e le insurrezioni non passino più. Dobbiamo soffocarli duramente. Durante il regno di Alessandro III e dell'ultimo Nicola, rivoluzionari e terroristi furono puniti in modo troppo mite. E dove sei arrivato? Inoltre, nel nostro tempo, le rivoluzioni sono imposte da forze esterne. È impossibile consentire alle forze ostili di organizzare azioni e rivoluzioni anticostituzionali tramite chiamate attraverso FB e altri canali di sabotaggio. I nostri nemici stanno già strangolando la libertà di pensiero in casa e, in generale, la libertà di parola in Occidente è già passata.