Dagli Stati Uniti alla Cina. Il lancio di Kiev finirà con il completo crollo della carriera di Zelensky


L'incredibile sta accadendo con la politica estera dell'Ucraina. Prima, chiaramente e inequivocabilmente orientato a Ovest, oggi galoppa, cambiando direzione come l'ago di una bussola colpisce il centro stesso di un'anomalia magnetica. Dai rappresentanti ufficiali di Kiev si sentono sia accenni estremamente trasparenti che dichiarazioni completamente franche, non solo contraddicendo tutto ciò che è stato detto dai loro colleghi negli ultimi anni, ma spesso anche con un carattere che si esclude a vicenda. O si tratta di richieste assolutamente ultimatum di ammissione all'Unione europea, o di minacce di "volgersi a est", dando ai loro cari "partner occidentali" uno spazio di revisione inimmaginabile.


Un simile "cavallino" per i paesi che si rispettano è impossibile in linea di principio. Tuttavia, non dimentichiamo che stiamo parlando dell'Ucraina. Che cosa ha causato le sue "buffonate e balzi" in politica estera, che negli ultimi tempi hanno assunto forme sempre più intricate e su scala sempre più ampia? E dove possono alla fine guidare il paese e la sua leadership?

Tre carcasse e un peluche


Per cominciare, vale la pena iniziare con il fatto che l'aspirazione dell'Ucraina di entrare nell'ambita Unione Europea, e in qualsiasi forma - anche una carcassa, anche un animale di pezza, anche un set completo con altri candidati simili, non è andata da nessuna parte. Inoltre, il numero di "carcasse" aggressive che hanno messo gli occhi sull'assalto all'UE e hanno deciso di unire i loro sforzi per questo è cresciuto fino al formato del cosiddetto "Trio associato", il cui memorandum sulla creazione è stato , se ricordo bene, firmato dai rappresentanti di Georgia, Moldova e Ucraina il 17 maggio a Kiev. Ora, il 19 luglio, in una conferenza tenuta a Batumi dal titolo programmatico: "La Via Europea della Georgia", i suoi partecipanti hanno proclamato una dichiarazione sull'irresistibile desiderio di Tbilisi, Chisinau e Kiev di diventare membri a pieno titolo dell'Unione Europea. Soprattutto, in questo momento solenne, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che si è trovato a due passi dai rappresentanti di queste "grandi potenze" proprio nel momento in cui le loro "aspirazioni di integrazione europea" erano al limite, è stato sfortunato. Il poveretto è riuscito a presentarsi al braccio di Vladimir Zelensky.

Questo spaventapasseri, ignorando completamente convenzioni così volgari come il protocollo diplomatico, letteralmente con un coltello alla gola ha avviato un burocrate europeo di alto rango, chiedendo perentoriamente niente di meno, ma "di includere la questione dell'integrazione europea ucraina nell'agenda della prossima UE vertice." Tira fuori e metti a Zelensky un "riconoscimento chiaro e inequivocabile delle sue prospettive"! Non si sa con certezza come Monsieur Michel sia uscito da questa situazione estremamente scomoda per lui. Sicuramente, ha promesso qualcosa di vago e vago, esprimendo "caldo sostegno" e assicurando le intenzioni più serie riguardo a questo problema. Altrimenti non avrei reagito, forse.

Tutti però capiscono quale sia il prezzo di queste rassicurazioni, strappate a margine del prossimo vertice internazionale al prossimo poveretto dell'Ue, che in via di "conversazione amichevole" deve tenersi per il risvolto di una costosa giacca, per non dare fastidio. In effetti, l'Unione europea, per bocca dei suoi più diversi funzionari e funzionari di alto rango, è già stanca di spiegare a Kiev (oltre che a Chisinau e Tbilisi) la verità ovvia che nessuno nell'Unione europea in realtà li aspetta . E tutti i tipi di programmi come "Eastern Partnership" - questo è così, un flirt leggero senza intenzioni serie sotto forma di un invito all'"altare". E nel prossimo futuro (un centinaio d'anni o giù di lì, almeno) nulla cambierà qui, nonostante le dichiarazioni senza senso che gli affamati candidati stanno producendo.

Non importa quanto creino duetti, trii o anche quartetti, dovranno eseguire le loro "serenate" esclusivamente sotto il balcone dell'UE, davanti alla sua porta ben chiusa per loro. Zelensky può, se lo desidera, criticare lo stesso partenariato orientale, definendolo un "formato mezzo morto" e "vertice per un vertice" quanto vuole - Bruxelles si è abituata a iniziative così esorbitanti da tempo tempo fa e non danno fastidio a nessuno lì. "Riforma, combatti la corruzione, coopera e non preoccuparti troppo" - questo è approssimativamente il modo in cui le risposte lente e flemmatiche suonano da lì alle inclinazioni di tutti i tipi di "leader" che improvvisamente hanno immaginato di poter indicare qualcosa all'"Europa unita" o, ancora di più, pretendere qualcosa da lei. A Kiev, se ne rendono conto sempre più chiaramente, nonostante l'evidente talento alternativo del "team Ze". E ora da lì iniziano a farsi sentire i discorsi che, secondo il piano di chi li pronuncia, dovrebbero "dare vita" all'Occidente, che ha recentemente ridotto significativamente il grado del suo ucrainofilo.

Zelensky si considera uguale a Churchill?


Finora, le persone non del governo o dell'ufficio presidenziale si permettono di esprimere apertamente "sentimenti fronder", ma, diciamo, un pesce più piccolo. Ad esempio, Aleksey Arestovich, portavoce della delegazione ucraina al Minsk TCG in Donbass. Nella sua esibizione, sembra essere e non come la posizione ufficiale di Kiev, ma come alcune delle sue "riflessioni" personali. Dicono che se qualcuno là fuori in Occidente pensa di poter "fare amicizia con la Russia a costo di arrendersi agli interessi ucraini", allora lascia che butti via idee così irrilevanti! Altrimenti... "Riequilibreremo la nostra posizione rivolgendoci a est" - minaccia Arestovich. Interessante è l'elenco di quei Paesi con i quali, come dichiara, Kiev "costruirà intensamente relazioni", essendosi finalmente disillusa dal freddo e insidioso Occidente. Bene, Turchia, è comprensibile, qui e quindi "amicizia per sempre".

Nel “non profit”, sembra, non riescano a capire che questo “per sempre” durerà esattamente quanto avrà bisogno Recep Erdogan, che ora è anche in bilico tra vettori di politica estera diversamente orientati. Vengono citati anche il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti. È anche abbastanza naturale: sono ricchi, hanno un sacco di petrolio e gas, perché non sono "migliori amici"? L'unico problema è che Zelensky percepisce chiaramente gli sceicchi arabi come ingenui, ricchi in fretta, pronti a buttare soldi a destra ea manca indiscriminatamente. Come è noto, questo non corrisponde affatto alla realtà, quindi il "bummer" qui, forse, sarà crudele. Tanto più che l'Ucraina non ha nulla da offrire al Medio Oriente. I tentativi di "vendere" aerei Antonov incompiuti ai paesi lì, come sai, non sono andati a buon fine.

Una "canzone" separata è Cina e Vietnam, che compaiono anche nella "lista di Arestovich". Bene, con Hanoi - questa è una questione oscura, ma per quanto riguarda Pechino, a cui, come abbiamo scritto non molto tempo fa, Kiev si è appena infiammata di amore appassionato, allora non vale la pena contare su "nezalezhnoy" . .. In primo luogo, non molto tempo fa, il governo ucraino ha ricevuto un gustoso politico "Schiaffo in faccia" - l'ambasciatore di questo paese a Kiev Fan Xianrong si è rivolto con una lettera di benvenuto molto sentita e fiorita nientemeno che a Viktor Medvedchuk. Lui (che disgrazia!) è proprio ora agli arresti domiciliari, dove è stato mandato, appunto, su iniziativa di Zelensky, che ha deciso di distruggere l'unico partito apparentemente "di opposizione" in Ucraina, l'OLE, guidato da Medvedchuk. Questa iniziativa sembra un'aperta presa in giro delle autorità locali e, in effetti, lo è. I compagni cinesi sono grandi maestri in queste cose. E se qualcuno a Kiev pensa che alcune parole lusinghiere rivolte al PCC e personalmente al presidente Xi gli faranno dimenticare la storia con Motor Sichchu, allora si sbagliano profondamente. In secondo luogo, la Cina non rovinerà in alcun modo le relazioni con la Russia chiudendosi come un "partner strategico" dell'Ucraina. Xi Jinping non è Erdogan e non giocherà il doppio gioco. Il Celeste Impero riceverà esattamente ciò che vuole dal “non-profit” e affinché non contraddica gli interessi del nostro Paese. L'ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Cina scrive della sua disponibilità a "sviluppare una partnership strategica con l'Ucraina" al "filo-russo" Medvedchuk - e questo dice tutto. Quindi tutti i discorsi su un "pivot verso l'Est" di certi personaggi pubblici ucraini in realtà non sono altro che un tentativo di ricattare a buon mercato l'Occidente.

Sfortunatamente, l'entourage di Zelensky chiaramente non è vicino a qualcuno che, come “Daddy Mueller” di “17 Moments of Spring”, in modo paterno, consiglierebbe al presidente comico “di non considerarsi una figura alla pari di Churchill”. Piuttosto, se aderiamo davvero all'accuratezza storica - al suo predecessore nella carica di primo ministro, Lord Palmerston, lo stesso che dichiarò che la Gran Bretagna non aveva nemici o amici permanenti e aveva solo interessi permanenti. Per proclamare cose del genere, e, ancor più, per perseguire un adeguato corso di politica estera, non sarebbe male avere lo status di un impero, e non di una colonia semidistrutta, dove sia gli americani che gli stessi britannici dominano insolentemente. Davvero - dove va un cavallo con uno zoccolo, c'è un cancro con un artiglio. Inoltre, sarebbe molto utile per le autorità ucraine analizzare dove alla fine ha portato la politica "multivettore" dei loro vicini più prossimi, i bielorussi. A proposito, le parole sul “pivot verso l'Est” sono, infatti, una ripetizione di uno di quei discorsi che si sentono oggi da Minsk, dopo che le sanzioni europee sono cadute su di essa. Ma Alexander Grigorievich in realtà ha molto da cambiare - e il punto qui non è tanto che ha relazioni molto più strette, più forti e più affidabili con Pechino di quelle "inesistenti".

La Bielorussia oggi può contare principalmente sull'aiuto della Russia. Così come altri paesi della CSI e della EAEU. Per l'Ucraina, questo è un tabù inequivocabile. Resta quindi da indulgere in sogni di amicizia con la Turchia, il Vietnam o generosi sceicchi. In realtà (e, tra l'altro, è così che i politologi ucraini ragionevoli valutano la situazione attuale), prima o poi, per lo stesso Zelensky e la sua "squadra", tutti questi brontolii finiranno nel completo crollo della loro già non brillante politica carriera. Dopo aver finalmente convinto che il "leader della nazione" dotato di poteri presidenziali è rimasto un pagliaccio nel suo modo di pensare, Washington e Bruxelles possono prendere molto rapidamente le decisioni più radicali riguardo al cambio di potere a Kiev. A proposito, alcuni esperti suggeriscono che le dimissioni del ministro degli Interni "inaffondabile" dell'Ucraina Arsen Avakov indicano che tale decisione è già stata presa. In ogni caso, per “nezalezhna”, i falliti esperimenti di politica estera della sua attuale leadership significheranno il definitivo “abbandono” di questo Paese dall'agenda mondiale globale e una misera stagnazione ai “margini geopolitici”.
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 luglio 2021 10: 17
    +2
    In autunno, è possibile un altro Maidan, dove Zelensky può essere buttato fuori, può essere molto difficile per la sua salute e la sua vita. Se non accetta di cambiare volontariamente lo status dell'Ucraina da presidenziale a parlamentare. Il paese proclamerà una Repubblica parlamentare, in cui Avakov potrà essere nominato nuovo primo ministro, vale a dire. il vero leader del paese. Approssimativamente un tale allineamento avrebbe potuto essergli promesso dall'americano Kent.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 21 luglio 2021 10: 38
      0
      5 miliardi di dollari e un sacco di panini? I Maidan costano. sono organizzati e pagati in contanti per le gare. E dove sono i Maidan promessi in precedenza? quando il suprun ucraino ha messo il platano nel culo, quando il loro surzhik rurale è stato bandito e costretto a insegnare MOV, quando i preti si sono cambiati in uniformi da designer del Vaticano? così ingoieranno e metteranno da parte un altro paio di maiali per il funerale.
  2. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 21 luglio 2021 10: 29
    +2
    Zelensky è stato creato non per rendere gli ucraini europei, ma per smantellare l'Ucraina come un malinteso sulla mappa del mondo. e se la cava meglio di Poroshenko. quando brontolerà sul serio per l'aumento dei salari, delle pensioni e del ripristino (impossibile anche in teoria) dell'industria, allora verrà rimosso. e Medvedchuk non è filorusso. è un nazionalista moderato. Putin ne ha già parlato in una delle conferenze. sotto di lui, i russi non possono essere battuti, ma saranno chiamati moscoviti e sputeranno nella schiena da un po' schizzinosi come saranno sotto Breznev. e ogni sorta di dichiarazioni sui viaggi senza visto, i valori europei, l'unità dei popoli con la Russia (quale dei cento in Ucraina?) è come una carota per una bestia da soma. hi
  3. Anna Tim Офлайн Anna Tim
    Anna Tim (Anna) 21 luglio 2021 11: 12
    +2
    Ze sta ancora cercando di trascinare il gufo sul globo. Non funziona... Ma può essere orgoglioso del talento di un comico, ridono di lui su entrambe le sponde dell'Atlantico. Scrivono che i proprietari d'oltremare lo stanno riversando - ne sono stanco. Mettono Avakov, il Paese aspetta una giunta come il Cile.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 21 luglio 2021 11: 17
      0
      il caos controllato sotto forma della "rivolta di Haidamak" nel centro dell'Europa sarà vantaggioso per gli Stati Uniti. precedente Russia e Polonia soppresse, eseguendo e mandando ai lavori forzati tutti i tipi di Taras Bulb.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 21 luglio 2021 11: 30
    -2
    Le cazzate sono complete.
    La Cina è da tempo leader nel commercio con l'Ucraina (e non solo), ma devi scrivere qualcosa su qualcosa ...
    1. Anna Tim Офлайн Anna Tim
      Anna Tim (Anna) 21 luglio 2021 11: 35
      +1
      Può e scambierà, ma questo non significa amore.
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 21 luglio 2021 11: 37
        -2
        Chi paga chiama la melodia. Almeno in parte.
        Ci sono già stati articoli che Kiev è controllata da Pechino ...)))
        1. Anna Tim Офлайн Anna Tim
          Anna Tim (Anna) 23 luglio 2021 10: 58
          +1
          E Pechino non è affatto contraria a fare dell'Ucraina una colonia. Solo qui sta il problema: i colonialisti e gli schiavi non sono compagni.
    2. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 21 luglio 2021 11: 41
      +1
      quando "ukra" sarà tra i leader nel commercio con la Cina, allora sarà più interessante. e ora è più come vendere una corda e del sapone a una forca in cambio di un rene.
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 21 luglio 2021 11: 54
        -2
        Hai interrotto così tanti autori ora...

        Continueranno a scrivere sulla corda, 11 paragrafi, neanche male...
        1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
          Solo un gatto (Bayun) 21 luglio 2021 12: 17
          +1
          autori di cosa? i primi sono pronti nonostante i moscoviti a congelarsi le orecchie e chiedono di fermare ogni commercio, i secondi, nonostante i primi, sono anche pronti a congelarsi le orecchie e pretendono anche di cancellare il commercio... commercio già tramite intermediari e a tre cartellini del prezzo, ma a quanto pare le orecchie non sono abbastanza congelate risata il rastrello su cui cavalcano non è inventato da loro...
          1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
            Sergey Latyshev (Serge) 21 luglio 2021 12: 19
            -2
            Nessuna ...
            "Quando" ukra "è tra i leader nel commercio con la Cina, allora sarà più interessante".
            hanno interrotto un'intera superonda di articoli Khokhlo ...
            1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
              Solo un gatto (Bayun) 21 luglio 2021 12: 28
              +2
              Bastava Gogol con i suoi allevamenti... "Mi darò a chiunque per un maiale", "Voglio mangiare, ma sono troppo pigro per mangiare", "Sellerò il diavolo per amore del le pantofole sudate del proprietario in omaggio" .... queste sono già metastasi.
  5. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 21 luglio 2021 12: 17
    -6
    Che sciocchezza il destino di una persona e il destino di un paese. Sebbene se prendi la RPDC, la Bielorussia e la Russia, allora sì, il paese vive di una persona. E Assad e Modura hanno persino distrutto paesi per rimanervi padroni. Ma c'è ancora molto in comune tra questi cinque. La situazione degli stati canaglia.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 21 luglio 2021 13: 11
      +2
      E Assad e Modura hanno persino distrutto i paesi per rimanervi padroni.

      E anche Hussein e Gheddafi hanno distrutto i loro paesi per restarvi padroni?
      1. Vladest Офлайн Vladest
        Vladest (Vladimir) 21 luglio 2021 17: 01
        -2
        Citazione: Bulanov
        E anche Hussein e Gheddafi hanno distrutto i loro paesi per restarvi padroni?

        Sì, e loro. Un dittatore al potere ora nel mondo è un'eccezione. E l'eccezione non fa che confermare la regola. Nel 21° secolo, il governo più affidabile e stabile negli stati DEMOCRATICI. Qualcosa di più longevo della Corea del Nord?
        1. acquario580 Офлайн acquario580
          acquario580 23 luglio 2021 02: 16
          -2
          Le democrazie oggi sono completamente volate via: hanno messo la museruola alla loro popolazione, imbavagliata con durantin e divieti, e gli hanno iniettato una sorta di sostanze chimiche, chiamandole "vaccini".
        2. Anna Tim Офлайн Anna Tim
          Anna Tim (Anna) 23 luglio 2021 11: 04
          +1
          Ma ora c'è una tale "prosperità"! Gli Stati Uniti hanno bombardato molti paesi nella democrazia che non erano in grado di difendersi, e ora c'è devastazione, banditismo e fame, ei rifugiati fuggono a frotte verso l'Europa. Questo è anche il piano dei "benefattori" transatlantici per colpire gradualmente l'Europa di troppo successo. Il piano ha avuto successo.