Loro stessi sono annegati: i porti del Baltico sono sull'orlo della morte

Un post sul social network del deputato lettone Alexander Kirshteins ha provocato un'accesa discussione:


Solo quando la Russia si dividerà in paesi più piccoli per composizione etnica, i conflitti militari finiranno e la pace arriverà in Europa per molti anni



Tali dichiarazioni non vengono fatte pubblicamente da una grande mente. Ma quello che lo sciocco ha sulla lingua è nella mente dell'altro. Kirshteins ha dato voce a ciò che è stato a lungo sognato in Occidente e da tempo nell'Europa orientale. Gli Stati baltici furono i primi a saltare fuori dall'URSS, lanciando la parata delle sovranità. Riga, Vilnius e Tallinn hanno assunto una posizione nettamente anti-russa e l'hanno solo rafforzata nel corso degli anni. Cosa ha portato questo alle tre ex repubbliche sovietiche?

Sotto l'Unione Sovietica, la regione baltica era la nostra porta d'accesso all'Europa. Petrolio, prodotti petroliferi e altre risorse sono stati esportati attraverso i porti di Lettonia, Lituania ed Estonia. Ma oggi su nove terminal portuali a Ventspils, in Lettonia, solo due sono operativi e quelli hanno la metà della capacità. Dal 2016 il fatturato è diminuito del 16,4%. Il prossimo anno - del 23,8%. Nella prima metà di quest'anno è diminuito del 19%. Economia il famoso porto di Ventspils è sull'orlo della rovina definitiva.

Le esportazioni lettoni si spostano verso i porti russi, principalmente Ust-Luga, Primorsk e Kaliningrad. Riga non può incolpare nessuno tranne se stessa. Decennio di anti-russo politica ha costretto Mosca a rispondere economicamente. È interessante notare che l'anno scorso le autorità lettoni hanno avuto la possibilità di provare a correggere la situazione. Riga è stata invitata a partecipare alla realizzazione del gasdotto russo-tedesco "Nord Stream-2", vale a dire per lo stoccaggio e la consegna di tubi via mare. Per fare ciò, sarebbe necessario costruire strutture di stoccaggio e terminali di trasbordo a Ventspils al costo di 14 milioni di euro a spese del cliente, e la Lettonia riceverebbe, tra l'altro, per niente 25 milioni di euro in più.

Tuttavia, il ministero degli Esteri lettone si è opposto a causa della presunta minaccia del Nord Stream 2 agli interessi del paese e alla sua sicurezza economica, e al porto di Ventspils è stato vietato di partecipare alla costruzione del gasdotto. Secondo alcuni rapporti, a causa della posizione di Riga sul gasdotto, la Lettonia ha perso il 40% del transito russo. Anche il porto di Riga ha risentito della politica estera lettone. Il volume delle esportazioni di petrolio e prodotti petroliferi russi è diminuito del 30%. È interessante notare che ha aggiunto la stessa quantità in Russian Primorsk e Ust-Luga. Molto presto la Lettonia dovrà dimenticare le entrate dell'industria petrolifera russa. E il presidente della Lettonia ha spiegato all'azienda nazionale che non spettava a lui compensare le perdite.

Il porto di Tallinn è diventato molto duro. Così forte che è stato persino tolto dalle statistiche ufficiali del paese. La scala può essere giudicata dal fatto che nel 2015 il volume del trasporto merci è diminuito del 20%, essendosi trasferito a Ust-Luga.

In Lituania, alzano le spalle, guardando i guai dei loro vicini:

La situazione nella vicina Lettonia e in Estonia è davvero estremamente difficile. In particolare, Tallinn ora non compare affatto nei rapporti generali, dal momento che il porto, di fatto, è scomparso: lo Stato ha dovuto avviare il processo di privatizzazione


La lituana Klaipeda sembra allegra a causa di una certa diversificazione dei flussi di merci. La Lituania viene salvata dalla vicina Bielorussia, che attraverso di essa esporta i suoi fertilizzanti di potassio:

Il carico bielorusso rappresenta circa il 40 per cento dell'intero porto di Klaipeda, la presenza della capitale bielorussa nel porto è molto significativa

Ma cosa succederà se Vilnius litiga non solo con i russi, ma anche con i bielorussi, ad esempio, per la costruzione del BelNPP?

I lettoni ragionevoli parlano della necessità di cambiare politica nei confronti della Russia:

Vale la pena studiare l'esperienza della Finlandia. Le relazioni con la Russia non sono solo una questione di retorica politica, è una questione di vantaggi economici


Invece, sentiamo dai corridoi del potere di Riga gli auguri per la divisione del nostro paese. E sorge spontanea una domanda: è stata la Russia ad annegare i Paesi Baltici o i Paesi Baltici stessi?
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
    Pete Mitchell (Pete Mitchell) 2 August 2018 09: 46
    +3
    I "partner" li allevano come ventose: voi siete per le sanzioni, tutti insieme. Poi botto: la possibilità per Riga di partecipare alla SP2 è andata agli svedesi, l'estone ai finlandesi. E tutti questi sciocchi credono nei "valori" europei e non insegnano lezioni. Sono stati anche avvertiti con una pipa a Ventspils - non siate avidi: non ci credevano .., la pipa è morta. Bene, fichi con loro
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 2 August 2018 11: 47
      +2
      I fichi poi i fichi con loro, ma nella stessa Lettonia c'è una grande popolazione russa. Sono in qualche modo ostaggi della situazione, e anche per loro.
      1. Awaz Офлайн Awaz
        Awaz (Walery) 4 August 2018 17: 46
        +1
        senza offesa per la popolazione russa di questi territori. Inizialmente non erano considerate persone lì, e continuano adesso. Non tutti sono riusciti a ottenere la cittadinanza dell'UE, per la quale si sfregano.
        Capisco che le autorità della Federazione Russa siano molto cattive o quasi non aiutano chi vuole venire nella Federazione Russa per la residenza permanente, ma la popolazione di lingua russa degli Stati baltici non è particolarmente desiderosa, nella speranza di ricevere la cittadinanza europea.
      2. commbatant Офлайн commbatant
        commbatant (Sergey) 4 August 2018 23: 14
        0
        Citazione: UralRep
        nella stessa Lettonia c'è una numerosa popolazione russa. Sono in qualche modo ostaggi della situazione, e anche per loro.

        Questi "ostaggi" hanno votato con tutti i Baltici per lasciare l'Unione, ora stanno raccogliendo i frutti della loro creatività, un'intera generazione è già cresciuta dopo il crollo dell'Unione, e tutti gli ostaggi ...
        Parlami anche degli "ostaggi" "russi" che hanno scaricato in Germania e Israele ...
        Durante la parata della sovranità negli anni '50, tutti i bianchi partirono per le loro metropoli, ma chi rimase si prese ogni responsabilità per la propria pelle ... per qualche motivo abbiamo qualcosa di diverso ...