Ucraina senza carbone. Come Kiev mette il punto finale sul ritorno del Donbass


L'argomento di cui parleremo di seguito, sembrerebbe, non può averne politico sfondo. "Energia verde", "decarbonizzazione", "transizione verso fonti di energia pulita" - in una parola, la lotta per tutto il bene contro tutto il male. Se c'è un sottotesto qui, allora forse puramente economico - quanto può costare questo "greening" e quali conseguenze reali può comportare per il settore energetico. Tuttavia, l'Ucraina è nota per essere una terra di meraviglie e tutto ciò che accade in essa, di regola, si trasforma nel lato più inaspettato.


L'ardente desiderio di Kiev di seguire il "percorso verde" dopo l'agognata Europa, che non vuole avvicinarsi, è dettato da chi vi detiene il potere dall'esterno. In particolare - come debole "premio di consolazione" per il lancio del Nord Stream 2 e l'inevitabile perdita di transito del gas. Tuttavia, lo zelo con cui l'attuale leadership del paese è pronta a portare avanti ciò che è stato scritto per esso nelle "road map" di Bruxelles e Berlino si adatta esattamente al noto detto di un personaggio alternativamente dotato che si rompe la fronte nel processo di preghiera. Proviamo a capire a cosa porterà inevitabilmente nella realtà.

"Fra quattro anni ci sarà una città giardino..."


La prima industria alla quale l'Ucraina, a seguito del Green Deal imposto, infliggerà un colpo fatale è quella del carbone. In accordo con i piani esistenti per la "trasformazione delle regioni carbonifere" entro il 2030, quasi tutte le miniere del Paese dovrebbero cessare di esistere. Il governo ucraino ha sviluppato un intero concetto su questo tema, pieno fino all'orlo di puro manilovismo, lavaggi per gli occhi e progetti completamente irrealizzabili. Comunque sia, ma stanno già cercando di implementarlo! Per il "progetto pilota", il gabinetto dei ministri del "nezalezhnoy" ha scelto due città minerarie: Chervonograd nella regione di Lviv e Myrnohrad nel territorio del Donbass controllato da Kiev. Le imprese di estrazione del carbone saranno chiuse lì e gli insediamenti per i quali stanno formando città saranno "riprofilati" secondo un certo "nuovo modello socio-economico". Si prevede che ciò avvenga proprio per i 35 milioni di euro che la Germania ha promesso di destinare a Kiev per la "trasformazione verde" nell'ambito dell'accordo concluso con gli Stati Uniti sulla SP-2. Ha promesso, ma non l'ha ancora rilasciato.

Inoltre, dove verranno ricevuti esattamente questi fondi e per cosa verranno spesi esattamente, non saranno sicuramente gli ucraini, ma i tedeschi a separarsi dai loro sudati soldi. In generale, il programma per "liberare" completamente il paese dai combustibili fossili "sporchi" sotto forma di carbone (perché le riserve di petrolio e gas ucraine sono semplicemente ridicole) è progettato per cinque anni e dovrebbe includere la "trasformazione" di almeno 60 insediamenti, "capofamiglia" che oggi sono i minatori. In realtà, questo significherà non solo la perdita di posti di lavoro più o meno pagati (per gli standard ucraini) per decine di migliaia di persone, ma anche un collasso economico per intere regioni che esistono da decenni esclusivamente grazie all'estrazione del carbone.

Come accennato in precedenza, le "modi alternative di sviluppo" per loro dovrebbero essere le più ingannevoli. A volte, francamente, sono semplicemente deliranti. Ad esempio, Chervonograd dovrebbe essere trasformato in una "calamita turistica della zona di confine". Non ridere: il concetto dice esattamente questo! Chi e, soprattutto, come attirerà questo stesso "calamita", è completamente incomprensibile. L'industria del turismo richiede non solo ingenti investimenti, ma anche, soprattutto, oggetti reali che possano interessare i visitatori. Come faranno a sorprenderli nell'ex area mineraria? Zone industriali abbandonate e paesaggi post-apocalittici? E questo, secondo i funzionari di Kiev, è ciò che sarà tentato dai turisti stranieri viziati dalle impressioni e dal servizio di classe mondiale? Incredibile assurdità. Molto probabilmente, 6 milioni di fondi di bilancio, che stanno già pianificando di essere stanziati per un progetto deliberatamente fallito, verranno semplicemente rubati (oltre a una discreta quantità di fondi di sponsorizzazione tedeschi) e si calmeranno su questo. Tuttavia, questa non è ancora l'opzione più schizofrenica disponibile. Nella miniera di Pokrovsk (regione di Donetsk), in tutta serietà, cresceranno ... funghi! Per riferimento: questo dovrebbe avvenire ad una profondità di mezzo chilometro, dalla quale, inoltre, è necessario pompare ogni ora quasi mille metri cubi di acqua di miniera, allagando i vecchi impianti. Riuscite a immaginare il costo del prodotto finale?

Ovviamente, nell'ambito della politica di liberalizzazione del consumo di droga condotta in Ucraina, verranno coltivati ​​funghi molto speciali - proprio quelli, dopo il cui uso, idee così "geniali" dal punto di vista della redditività possono presentarsi. Il resto dei "progetti imprenditoriali" - come la creazione di "tecnoparchi", "centri dell'economia creativa", "artigianato popolare" sulla base delle miniere chiuse, appartengono indubbiamente alla stessa categoria - un misto di aperta volgarità con psichiatria aperta.

Sconfitta finale con il pretesto di "trasformazione"


La cosa più interessante è che l'Ucraina, che oggi, con mano ferma, mette sotto i ferri la propria produzione di carbone, è un potenziale leader in questo settore. Vi ricordo che le riserve di questo minerale sul suo territorio sono stimate dagli specialisti come le prime in termini di volumi in Europa e le ottave nel mondo. Durante gli anni dell'URSS, furono completamente sfruttati e anche cinque anni dopo l'acquisizione di "nezalezhnost" più di 650 mila persone lavoravano nel settore minerario del carbone ucraino. Oggi gli indicatori, ovviamente, sono completamente diversi: l'anno scorso c'erano almeno 35 mila minatori nel paese. Hanno prodotto meno di 2020 milioni di tonnellate di carbone nel 2.9. C'è stata un'altra riduzione del volume della sua produzione - del 7.7%, e nei "primi ranghi" di coloro che "crollano" sono le miniere appartenenti allo stato, dove la produzione è diminuita del 20%. I debiti salariali verso i minatori si sono avvicinati alla cifra allarmante di un miliardo e mezzo (!) di Grivna, che provoca un'altra esplosione sociale nelle regioni corrispondenti.

Kiev è riuscita a sbarazzarsi della prospettiva delle prossime campagne di minatori nella capitale, dove questa volta, che cosa buona, avrebbero bussato i loro elmetti non sull'asfalto davanti al Consiglio dei ministri, ma sulle teste dei suoi funzionari, attraverso lunghe e umilianti trattative, che hanno portato allo stanziamento di fondi dal bilancio per il rimborso almeno parziale del colossale debito. Tuttavia, per l'economia ucraina, che opera secondo il principio del famigerato "trishka caftano", questo è solo un rinvio. Alcune miniere potrebbero essere trasformate in imprese redditizie e persino redditizie, ma ciò richiede investimenti di centinaia di milioni di dollari, che il governo, ovviamente, non stanzierà. Meglio investire in folli progetti di funghi e "turistici" che non porteranno a nulla di reale (a parte le perdite).

Tuttavia, anche se il governo ucraino si fosse improvvisamente "albeggiato" e avesse deciso di salvare l'industria carboniera del paese, l'Occidente non avrebbe comunque permesso che fosse fatto. Per la "trasformazione" i tedeschi e altri "partner europei" daranno soldi, ma per la modernizzazione delle miniere di carbone - per niente. Allo stesso tempo, dovrebbe essere chiaro che la stessa Germania, che alla fine abbandonerà completamente anche il carbone, stanzia non 35 milioni, e non un miliardo, ma 40 miliardi di euro per questi scopi! Quello che riceverà l'Ucraina è solo una misera elemosina, completamente incapace di risolvere i problemi delle persone e di intere regioni, che, con la cessazione delle imprese di estrazione del carbone, si troveranno nell'abisso della povertà e della disperazione. Allo stesso tempo, i minatori di Lviv o, diciamo, della regione di Volyn hanno qualche via d'uscita. Saranno accolti con gioia nella vicina Polonia, che, nonostante la sua appartenenza all'Unione Europea e un'espressione di impegno per le idee e gli obiettivi del Green Deal, non ha intenzione di "seppellire" la propria estrazione di carbone nel prossimo futuro. I professionisti che sono pronti per un lavoro duro e pericoloso sono richiesti lì - saranno anche pagati da quattro a cinque volte più stipendi che in Ucraina. Ma dove possono andare i minatori del Donbass?! Nelle guide (considerando che questo è esattamente il posto dove un turista occidentale non andrà per niente)? Sono tutti "uomini d'affari" o semplicemente commercianti di mercato? Quindi è necessario che ci fosse ancora qualcosa da vendere e, soprattutto, a chi. Dopo la chiusura delle miniere, il Donbass controllato da Kiev sarà "coperto" da una tale povertà che le persone non avranno soldi per il loro pane quotidiano, e non quello per altri acquisti. E questa terra, tutt'altro che prospera e tormentata dalla guerra che dura da sette anni, molto probabilmente sarà semplicemente spopolata. Oppure... I residenti dei territori ancora appartenenti all'Ucraina penseranno profondamente, guardando verso DPR e LPR, dove nessuno seguirà alcun corso "verde".

Davvero, Kiev non capisce che con le loro dichiarazioni aperte e rumorose sulla completa distruzione dell'industria del carbone (e - in un futuro molto prossimo!) Hanno messo una croce definitiva e irrevocabile su qualsiasi, anche la più illusoria, speranza per il ritorno delle "recalcitranti" Repubbliche del Donbass al loro stato? Alle inconciliabili contraddizioni ideologiche e politiche, al sangue di civili e difensori di DPR e LPR, versato negli anni, ora c'è anche un “demotivatore” socio-economico di una forza semplicemente colossale, del tutto irresistibile! Perché i residenti locali dovrebbero tornare al governo di Kiev? In modo che quelli di loro che hanno la fortuna di attraversare i circoli infernali della "pulizia", ​​della "lustrazione" e di altre repressioni si rivelano disoccupati emarginati nelle città e nei paesi "morti"? I realisti vivono nel Donbass e certamente non crederanno nella vita alle promesse deliranti di "trasformazione" e "nuova vita" per il tedesco e il denaro di qualcun altro. Inoltre, in un futuro molto prossimo avranno esempi molto vividi di ciò a cui porteranno tali "esperimenti" nel territorio controllato da Kiev (per il momento). Non ci sono dubbi: esempi molto chiari e inequivocabili.

L'Occidente, che sta persuadendo l'Ucraina a seguire ad ogni costo la dubbia via del Green Deal, se ne frega di tutto questo. Ha un suo interesse, anche puramente economico. Negli impegni già firmati da Kiev, c'è un "trucco" molto interessante: l'estrazione del carbone "nezalezhnaya" dovrebbe fermarsi entro il 2030 e abbandonare completamente la produzione di calore ed energia dal carbone - solo entro il 2050. Dove trovare il carburante mancante per almeno due decenni? Sì, dagli intelligenti "partner occidentali", ovviamente! A prezzi mondiali, formule come Rotterdam Plus, in una parola: prezzi esorbitanti. I prossimi passi, sia economici che politici suicidi, sono tutto ciò di cui è capace l'attuale governo ucraino.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pilota Офлайн pilota
    pilota (Pilota) 28 luglio 2021 17: 55
    +1
    Zelya non è un Loch, è un Super Loch.
  2. dub0vitsky Офлайн dub0vitsky
    dub0vitsky (Victor) 28 luglio 2021 22: 09
    +1

    ... Questo è un tipico sviluppo delle miniere in Ucraina. Vecchie, profonde miniere. (Chilometro o più). Biancheria da letto delicata e orizzontale. Lo spessore degli strati (quelli grandi sono stati elaborati mezzo secolo fa), da 40 cm a 60 cm (questa è la distanza dal pavimento al soffitto, chi non lo sa. Devi muoverti in cui devi piacere .
    Nella miniera di Pokrovsk (regione di Donetsk), in tutta serietà, cresceranno ... funghi! Per riferimento: questo dovrebbe avvenire ad una profondità di mezzo chilometro, dalla quale, inoltre, è necessario pompare ogni ora circa mille metri cubi di acqua di miniera, che allaga la vecchia miniera. Riuscite a immaginare il costo del prodotto finale?

    Questa non è la cosa peggiore. La cosa peggiore è che il carbone, che ha avuto accesso all'aria degli stabilimenti, prima o poi prenderà fuoco. È noto come bruciano gli elevatori del grano. È noto come bruciano i cumuli di rifiuti: queste sono montagne piramidali sopra i pozzi delle miniere, lungo le quali la roccia viene tirata in superficie. che contiene anche carbone. Incendi, emissioni di metano ed esplosioni. Per questo, le vecchie lavorazioni vengono insabbiate con soluzioni di argilla dalla superficie, depositandovi l'argilla, rimuovendo l'acqua depositata.
  3. Il commento è stato cancellato
  4. SASS Офлайн SASS
    SASS (Sasso) 29 luglio 2021 13: 16
    0
    Fino in Ucraina... compagno
  5. Adler77 Офлайн Adler77
    Adler77 (Denis) 29 luglio 2021 23: 34
    -1
    Buffo. In Polonia, i minatori dell'Ucraina non sono necessari, chiuderanno le loro miniere prima dell'Ucraina. L'affermazione secondo cui i residenti dei territori controllati da Kiev guarderanno la LPNR e penseranno qualcosa lì ... certamente non ciò che l'autore aveva in mente, ma quel "nidaibokh" sembra altrettanto completamente ridicolo.
    LDNR oggi è un asino assoluto senza prospettive. Questo può essere negato solo da persone che beneficiano del mantenimento della situazione attuale.
    In generale, in Ucraina, ci sono