La Russia ha deciso di resuscitare un missile obsoleto


Momento sbagliato, posto sbagliato


Il veicolo di lancio Angara è stato visto come la principale speranza dell'industria spaziale russa, fino all'inizio dei lavori sulla Soyuz-5. In totale, secondo alcune stime, per il programma sono stati spesi 160 miliardi di rubli: e questo solo dall'inizio del 2015. Il risultato è stato, per usare un eufemismo, un veicolo di lancio ambiguo. Giudica tu stesso. Il primo lancio di prova di "Angara" - leggero "Angara-1.2PP" - è stato effettuato nel 2014. L'ultimo - la versione pesante di "Angara-A5" - nel dicembre dello stesso anno. Non ci furono più lanci del razzo "promettente".

Secondo i dati disponibili, intendono effettuare il secondo avvio della pesante modifica nel 2018 e il terzo - già nel 2027. È difficile immaginare cosa accadrà all'industria spaziale e dei missili in quel momento e fino a che punto avanzeranno i concorrenti. A proposito, il pesante Falcon 9 - il diretto concorrente di Angara - è già il razzo più richiesto al mondo. È considerato affidabile dai clienti commerciali e anche il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti si fida di esso.


Ci sono diverse ragioni per questa situazione e sono abbastanza ovvie. Innanzitutto, "Angara" è nuovo e richiede dei test. Adesso nessuno lo "cambierà" in massa, nessuno lo sa veramente nel mercato mondiale. Un problema ancora più grande è il costo dei lanci. Ora "Angara-A5" costerà al potenziale cliente più di un terzo in più rispetto al veicolo di lancio pesante "Proton-M", che deve sostituire. Allo stesso tempo, il Proton stesso è oggi più costoso del Falcon: circa 65-70 milioni di dollari contro 62 o anche meno. Presumibilmente, la produzione in serie dell'Angara potrebbe renderlo più economico, ma finora, come si può vedere dai piani di lancio, questo non è previsto.

La domanda principale può essere formulata come segue: perché è stato permesso? Di nuovo, ci sono diversi motivi. Dovrebbe essere chiaro che il progetto Angara è apparso negli anni '90, quando la situazione nel paese era molto difficile ed era, in linea di principio, impossibile contare sullo sviluppo iniziale di un nuovo razzo. Nel frattempo, il tempo è passato, sono apparse nuove idee tecniche. Già negli anni 2000, il boom del petrolio e il denaro gigantesco caduto sulla leadership russa dalla vendita di risorse energetiche hanno giocato uno scherzo crudele con il razzo. Apparentemente, in quegli anni, nessuno si limitava a prestare attenzione al fatto che la famigerata modularità e il concetto generale potevano rivelarsi un vicolo cieco. Era bello sulla carta: diverse modifiche degli Angara di diverse classi, che, in teoria, potrebbero sostituire quasi tutti i missili che ha la Federazione Russa. In effetti, l'Angara-A5 si è rivelato costoso e difficile.


Basti pensare che il Falcon 9 ha solo tre elementi strutturali principali, mentre l'Angar A5 ne ha otto. Il razzo russo ha tre passaggi, il frutto dell'ingegno di Musk ne ha due. Gli stadi Angara A5 utilizzano motori fondamentalmente diversi, mentre il Falcon 9 utilizzava solo motori Merlin, anche se con diverse modifiche.

Dobbiamo creare un razzo vettore di qualità diversa, semplice come un fucile d'assalto Kalashnikov

- ha detto recentemente Rogozin, commentando le questioni relative alla nuova Soyuz-5.

SpaceX, indipendentemente dall'atteggiamento nei confronti della personalità di Musk, ha già avuto successo. Il Falcon 9 è un razzo relativamente semplice, economico e affidabile. Anche senza tener conto del primo stadio riutilizzabile, sarebbe ai vertici assoluti del mercato globale.

Miracolosa "resurrezione"

Il veicolo di lancio Soyuz-5 è stato progettato come parte del lavoro di sviluppo di Phoenix. Ironia della sorte, era Angara che era destinata a risorgere, insieme alla nomina di Dmitry Rogozin a capo di Roscosmos. Vi ricordiamo che quasi subito dopo sono iniziati i lanci molto strani del dipartimento, collegati al promettente missile Soyuz-5. Volevano riprogettarlo per un motore a metano inesistente, poi lo hanno restituito al cherosene. Infine, la nave della Federazione fu portata via dalla Soyuz-5: quella che era stata precedentemente portata via dall'Angara per "presentargliela".


Sembra strano. A proposito, ora, secondo alcuni rapporti, il primo volo della nave è stato spostato al 2025. A quel tempo (questo si può dire con quasi totale certezza), gli americani avranno già commissionato una nuova generazione di veicoli spaziali con equipaggio, come il Dragon V2 o il CST-100. La "Soyuz" russa, ovviamente, può quindi continuare a sfruttare, ma sembrerà molto arcaica.

Ancora più confuso che nel caso di "Federation", la storia recente con "Proton" si è rivelata.

Il compito è impostato come segue: in conformità con i contratti già firmati per produrre il numero richiesto dei nostri mitici "Protons" e quindi chiudere questo progetto. Quindi vola esclusivamente sull'Hangar

- Rogozin ha detto nel giugno di quest'anno.

E recentemente si è saputo della fine della produzione di motori per i razzi Proton-M entro la fine di quest'anno.

Su questo, a quanto pare, la storia del missile pesante russo di successo commerciale finirà e ne inizierà un altro: la storia del costoso e inutile Angara sul mercato mondiale.

Prendi e dividi

Dovremmo incolpare direttamente la leadership del paese per questo, o specificamente Roscosmos? Tutto è un po 'più complicato: la situazione sembra paradossale solo a prima vista. Gli strani gesti di Roskosmos sono solo in parte collegati alla famigerata corruzione, burocrazia e "nepotismo". Ad "Angara" è stata data una seconda possibilità, non solo per i motivi sopra indicati. Per quanto commercialmente attraente come il Proton-M, è un vecchio razzo sovietico, che, ancora una volta, con tutti i suoi pregi, non si adatta alle realtà del XNUMX ° secolo. In particolare, stiamo parlando di dimetilidrazina asimmetrica o eptile utilizzato come combustibile. Questo componente altamente tossico e pericoloso del vapore del carburante è stato evidenziato molte volte. Tutti, compresi i kazaki, a cui non sono piaciuti i lanci di missili da Baikonur. In condizioni di crescente preoccupazione per l'ambiente, probabilmente non sarebbe stato possibile far funzionare i Protons per molto tempo, indipendentemente dalla situazione con l'Angara.


Nel mercato, la popolarità di "Proton" era seriamente minacciata dal Falcon 9, che nel tempo sarebbe diventato solo più economico e allo stesso tempo non soffriva dei problemi sopra menzionati. Infine, la situazione generale quasi critica nella produzione di GKNPT "Proton-M" im. M.V. Khrunicheva. Ricordiamo che a causa di continui scandali e delocalizzazioni, l'azienda viene definita "la più problematica" del settore. La posta in gioco della nuova leadership di Roscosmos su "Angara", che sarà prodotta anche dal Centro Khrunichev, può dare all'impresa l'inizio di una nuova vita. Ma questo, ovviamente, è solo in teoria.

In generale, la tattica della dirigenza del dipartimento spaziale sembra quasi comunista: "da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo le sue esigenze". Ovviamente Rogozin e il suo team vogliono valorizzare al meglio le imprese del settore, che si tratti del Centro di ricerca e produzione statale o della meno problematica Energia. Per lasciare il lavoro ed evitare che i giganti falliscano. La prima costruirà e affinerà l'Angara, mentre la seconda si occuperà della Federazione e la quinta Soyuz. Nessuna concorrenza e altre "maniere capitaliste". Corso di ordine statale e servizio di imprese complesse militari-industriali.

Per quanto tempo l'industria sarà in grado di sopravvivere in un tale regime è difficile da dire. Ovviamente tutto dipende dal fatto che la Russia stessa disponga delle finanze per nuove "conquiste spaziali". Aggiungiamo che gli americani non pagheranno in futuro i posti sulla Soyuz per i loro astronauti. Ed è improbabile che acquistino in maniera massiccia "motori" russi. Quindi Roscosmos dovrà uscire da solo.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://2ch.hk
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Georgievic Офлайн Georgievic
    Georgievic (Georgievico) 4 August 2018 10: 45
    0
    Eh ...! Nonno Beria con questo nepotismo e giochi sotto copertura al comando lo avrebbe capito rapidamente! E a proposito, l'autore dell'articolo non ha ragione sulla modularità e il confronto del numero di elementi missilistici. La modularità offre una gamma di missili e l'unificazione dei loro blocchi, il che rende la produzione più economica. Ebbene, il fatto che non ci sia ancora un risultato reale è lavoro per gli analisti scientifici e finanziari dell'FSB, lo si può vedere anche senza microscopio.