"Verde", "giallo" e "blu": la Russia potrà esportare idrogeno per tutti i gusti


Gli ambiziosi piani dell'Unione Europea, degli Stati Uniti e della Cina in soli 3-4 decenni per abbandonare completamente l'uso dei combustibili fossili sono diventati una seria sfida per la Russia economia... Più di un terzo del nostro bilancio federale è costituito da entrate in valuta estera derivanti dall'esportazione di idrocarburi. Ma non è tutto: l'Unione Europea, e dopo di essa altre grandi potenze, intendono chiudere il proprio mercato interno ai prodotti che hanno un'elevata “impronta di carbonio” nella loro produzione, che colpirà anche gli esportatori nazionali. Come può rispondere Mosca a questo?


I piani di UE, Cina e Stati Uniti per la completa "decarbonizzazione" nel prossimo futuro hanno senza dubbio causato molte spiacevoli emozioni nella leadership russa, poiché rompono l'attuale modello socio-economico basato sull'esportazione di idrocarburi fossili. Tuttavia, il nostro Paese ha tutte le possibilità di integrarsi nella "economia verde" del 21° e 22° secolo, diventando uno dei leader mondiali, di cui ha parlato di recente Chubais. La Russia ha già tutto il necessario per questo. Pertanto, il combustibile a idrogeno più ecologico è considerato un sostituto del carbone, del petrolio e persino del gas naturale di oggi. Entro il 2035, Mosca afferma di occupare almeno il 20% del mercato globale dell'energia da idrogeno, esportando da 2 a 7 milioni di tonnellate all'anno, ed entro il 2050 - da 7,9 milioni di tonnellate a 33,4. Se lo portiamo al massimo, il reddito derivante dalla vendita di carburante a idrogeno all'estero può raggiungere i 100,2 miliardi di dollari all'anno. Questi i piani annunciati dal Ministero dell'Energia della Federazione Russa fino al 2050. Ma perché tanta fiducia e tali cifre, se si considera che il mercato dell'energia da idrogeno in quanto tale non ha ancora avuto luogo?

Per prima cosa devi capire la terminologia. L'idrogeno può essere molto diverso a seconda della materia prima da cui viene prodotto e per cosa della tecnologia... L'idrogeno "marrone" viene rilasciato dal carbone e "grigio" dal metano, mentre si verificano emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera, che i nostri partner occidentali stanno presumibilmente cercando di combattere. Non hanno bisogno di tale idrogeno gratuitamente. Gli europei saranno molto più interessati all'idrogeno "verde", "giallo" e "blu". Il primo è prodotto per elettrolisi dall'acqua ordinaria utilizzando fonti energetiche rinnovabili (turbine eoliche, pannelli solari, ecc.), il secondo è anche dall'acqua, ma utilizzando l'energia nucleare, l'ultimo è dal gas naturale, ma l'anidride carbonica non entra nel atmosfera e viene catturato e convertito in carbonio utilizzando la tecnologia CCS (Carbon Capture and Sequestration, carbon capture and storage). Soprattutto, la leadership dell'Unione Europea, ossessionata dal rispetto dell'ambiente, è interessata all'idrogeno "verde", ma la sua produzione costa parecchie volte di più del "blu", quindi, nella strategia europea, questi due tipi di idrogeno dovrebbero all'incirca dividere il mercato a metà.

La Russia ha tutti i componenti necessari per avere successo nel nuovo mercato dei carburanti:

In primo luogo, il nostro paese possiede l'intera gamma di risorse naturali: carbone, gas naturale e acqua.

In secondo luogo, abbiamo l'energia nucleare moderna e c'è un grande potenziale per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Ad esempio, gli infiniti parchi eolici richiedono le vaste distese russe, e nelle regioni meridionali è possibile costruire e far funzionare centrali solari. Il settore agricolo può diventare un volano per lo sviluppo dell'energia da biogas.

In terzo luogo, è possibile utilizzare le reti di trasporto del gas esistenti e altre infrastrutture per l'esportazione di idrogeno. Pertanto, in futuro, sarà possibile utilizzare il gasdotto Nord Stream-2 per le forniture di idrogeno, dopo aver effettuato il suo ammodernamento preliminare. È anche possibile trasportare l'idrogeno via mare in forma liquefatta.

La Russia potrà infatti esportare qualsiasi tipo di combustibile a idrogeno, per tutti i gusti del cliente più esigente: cos'è "verde", cos'è "blu", cos'è "giallo", cos'è "grigio". Sembra fantastico, ma alcuni contorni dell'energia del futuro nel nostro Paese hanno già cominciato a delinearsi.

In particolare, l'ente statale "Rosatom" sta preparando una bozza di studio di fattibilità per le forniture di idrogeno al Giappone. Dato che sarà prodotto per elettrolisi, è ovvio che stiamo parlando di idrogeno "giallo". È prevista la costruzione di un impianto per liquefare questo gas nella regione di Sakhalin, che dovrà fornire fino al 40% del fabbisogno di Tokyo per questo tipo di combustibile. Risulta che Rosatom intende diversificare i tipi delle sue attività economiche. Un'altra società statale russa, Gazprom, ha in programma di conquistare i mercati dell'idrogeno di Cina, Corea del Sud e Giappone fornendo loro idrogeno "blu" prodotto in Estremo Oriente dal reforming a vapore del metano per garantire la cattura e il successivo stoccaggio dell'anidride carbonica. Inoltre, l'azienda privata NOVATEK ha puntato sulla produzione di idrogeno "blu" utilizzando tecnologie per la cattura e lo stoccaggio di CO2.

Presumibilmente, il governo non si limiterà solo a questi tre attori. Per aumentare i volumi di produzione e sviluppare le moderne tecnologie dell'idrogeno, in Russia verranno creati quattro cluster economici: nord-ovest, est, artico e sud. I partecipanti al programma riceveranno speciali contratti di investimento, oltre al diritto al rimborso di parte dei costi. Apparentemente, il centro federale è impostato molto seriamente per non rimanere senza nulla, il che significa che lo stato tratterà l'energia dell'idrogeno con la dovuta attenzione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 10 August 2021 18: 54
    -1
    Qualcuno è andato? O è ancora mriya?
  2. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 10 August 2021 19: 10
    +1
    l'industria automobilistica non lascia alcuna impronta di carbonio? prenderanno un risciò con un carretto di legno? risata
  3. Andrey S Офлайн Andrey S
    Andrey S (Andrey S) 10 August 2021 19: 13
    +1
    La Russia sarà infatti in grado di esportare qualsiasi tipo di combustibile a idrogeno

    Per che cosa??? Il fatto che la Russia possa produrre questo idrogeno in quasi tutte le quantità per i propri bisogni è chiaro e comprensibile, ma perché dovremmo essere coinvolti in questa epopea dell'esportazione? E la stessa Europa sarà in grado di produrre idrogeno SENZA la Russia nei volumi necessari (!) per sostituire il carburante idrocarburico? Soprattutto - "verde" :) ... Da dove può prendere l'energia?
    Lascia che siano loro stessi a soffrire prima con questa stronzata dell'idrogeno, e noi guarderemo e penseremo: ne abbiamo bisogno? :)
    1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
      Errore digitale (Eugene) 10 August 2021 21: 15
      -1
      Citazione: Andrey S
      Perché dovremmo essere coinvolti in questa epopea di esportazione?

      Per sostituire il 30% delle carenze di bilancio nei proventi delle esportazioni di petrolio e gas e conquistare un'ampia quota di mercato in futuro. L'investimento "generazionale" non fa per noi, per i posteri.
  4. Andrey S Офлайн Andrey S
    Andrey S (Andrey S) 10 August 2021 19: 29
    +1
    I piani dell'UE, della Cina e degli Stati Uniti per la completa "decarbonizzazione" nel prossimo futuro hanno senza dubbio causato molte spiacevoli emozioni nella leadership russa

    Agas, penso che tali "piani" possano solo causare risate selvagge ... se le risate sono "emozioni spiacevoli", allora ci sono domande molto grandi per tale "leadership russa". L'uso di idrocarburi da parte dell'umanità aumenterà solo e, tra l'altro, non necessariamente come combustibile.
    Mendeleev ha anche detto: "Il petrolio non è carburante. Puoi anche riscaldare con le banconote".
  5. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 10 August 2021 19: 36
    +1
    Nulla si può dire contro.Le opere di Martsenkevich sono utili.Una cosa è allarmante: questa è l'incredibile resistenza del produttore di acciaio in termini di valutazione.
  6. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 10 August 2021 20: 20
    +3
    Il Kazakistan ridurrà le esportazioni di petrolio verso l'UE con l'introduzione di una carbon tax
    https://1prime.ru/oil/20210806/834389425.html

    Nel frattempo, c'è questo nella vita reale
    L'Europa è passata dal gas al carbone
    https://lenta.ru/news/2021/06/15/perehod/

    Ho sempre detto che un anno e mezzo senza petrolio e gas e l'Europa capirà chi è hu ...
  7. Dzenn Офлайн Dzenn
    Dzenn (Andrew) 11 August 2021 04: 50
    +4
    L'autore, ha studiato chimica e fisica a scuola?
    A causa delle piccole dimensioni della molecola, l'idrogeno penetra nella struttura del metallo e questo porta al cosiddetto "infragilimento da idrogeno", questo processo è particolarmente intenso nei luoghi di saldatura.
    Di conseguenza, la resistenza e la tenacità delle leghe e degli acciai diminuiscono e diminuiscono fortemente, specialmente se l'idrogeno ad alta pressione, mentre trasferisce l'idrogeno attraverso il gasdotto esistente, porterà alla loro rapida degradazione e distruzione.
    Poiché l'autore non ha insegnato chimica, gli dirò che l'idrogeno mescolato con l'ossigeno è estremamente esplosivo.
    Perdite e incidenti sui gasdotti dell'idrogeno porteranno a un gran numero di disastri causati dall'uomo.
    Le leghe e gli acciai resistenti agli urti non vengono prodotti in volumi industriali, e scienziati e specialisti non sono pronti a dirci quando verranno sviluppati.
    È spaventoso persino dire cosa accadrà agli impianti di stoccaggio dell'idrogeno.
    In poche parole, questo è un buon piano per distruggere l'infrastruttura europea dell'energia e del gas, senza armi nucleari.
    Al momento non esistono tecnologie per il trasferimento dell'idrogeno su lunghe distanze e non esistono tecnologie, quando non si sa quando verranno sviluppate.
    L'uso dell'idrogeno come carburante per i veicoli è ancora più pericoloso, poiché per motivi tecnici deve essere pompato nel serbatoio di un'auto a una pressione fino a 700 atmosfere. In caso di incidente di un'auto del genere, sarà solo una bomba di un'esplosione volumetrica su ruote, la distruzione delle auto e degli edifici circostanti è garantita.
    Questa è solo un'altra truffa finanziaria, sostenuta dai paesi dell'Occidente e dell'Europa, per riscuotere la cosiddetta carbon tax dai paesi fornitori di idrocarburi.
    Riscuoteranno la tassa ora e hanno in programma di lanciare l'energia dell'idrogeno in pochi decenni.
    In pochi decenni, tutti dimenticheranno i piani per l'energia dell'idrogeno e i soldi suoneranno già nelle loro tasche e saranno controllati dalle parti interessate.
    Ho solo una domanda, perché la tassa sugli idrocarburi dovrebbe essere pagata da chi fornisce idrocarburi e non da chi li brucia.
  8. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) 12 August 2021 17: 21
    0
    Prima di esportare qualcosa ... devi capirlo, il costo dell'"idrogeno" è superiore ai prodotti (energia) generati da esso? O no?

    Mi sembra che quasi tutti giudichino le "prospettive" dell'esportazione di idrogeno in base a sentimenti personali. Dicono: "Da quando l'Europa ha adottato la carta dell'idrogeno, significa che i paesi che sono fonti di energia non rinnovabile possono trarre profitto". Oh è?
  9. Vladimir Dobrov Офлайн Vladimir Dobrov
    Vladimir Dobrov (Vladimir Dobrov) 14 August 2021 11: 09
    0
    ... tra 3-4 decenni? HA-HA-HA ... Questi piani politici rimarranno piani, non si adattano allo stato reale delle cose nella produzione di energia alternativa ... e credo che noi, cioè. È quantomeno stupido che la Russia si alzi i pantaloni per aiutare l'Occidente nell'attuazione delle sue prossime idee bugiarde, tanto più che mi dice - anche questo è diretto contro di noi - di tagliare una quota significativa delle nostre entrate. Quando noi stessi riteniamo necessario trasferire il mondo al NOSTRO idrogeno, allora è un'altra cosa, per ora è consigliabile vendere gas, e sono sicuro che il mondo lo consumerà su scala odierna per almeno altri 50-100 anni ! Solo qualcosa di fondamentalmente nuovo sarà in grado di sostituirlo, qualcosa come un "sole artificiale", ma questi sviluppi sono ancora "in fasce" ... un numero inesauribile - ma questa materia non è nemmeno discussa teoricamente, in primo luogo, la nostra scienza terrena non ha ancora raggiunto queste VERE leggi della natura e tecnicamente non siamo in grado di connetterci a questa "presa libera", e in secondo luogo, gli stessi USA - tutto questo è strangolamento, l'archivio di Tesla è stato confiscato dopo la sua morte dai servizi speciali e fino ad oggi sta raccogliendo polvere da qualche parte nelle loro stanze di tortura ... - è persino possibile che Tesla sia arrivata a questo, ma le autorità hanno guardato e sono impazzite dalla semplicità - "è che ogni Vasya a casa può attaccarsi per conficcarlo nel terreno e attingere elettricità?E DIVENTERÀ CHE LA GENTE INFERIORE AVRÀ BISOGNO???!!!