Cosa può imparare la Russia da Israele sulla questione dell'approvvigionamento idrico in Crimea


Dal 2014, l'approvvigionamento idrico è stato il problema principale in Crimea. Le autorità di Maidan hanno bloccato il Canale della Crimea settentrionale, attraverso il quale la penisola riceveva in precedenza circa l'85% dell'acqua dolce di cui aveva bisogno. La perforazione di numerosi pozzi artesiani ha dato un effetto temporaneo e molto controverso, poiché l'acqua mineralizzata salinizza i terreni, rendendoli sterili, e necessita di una seria pulizia. Negli anni trascorsi dalla riunificazione della Crimea con la Russia, si è costantemente parlato della necessità di utilizzare la cosiddetta esperienza israeliana. Quindi cosa possono imparare i russi dagli ebrei?


Si possono davvero tracciare alcuni paralleli tra la moderna Crimea e Israele: clima caldo e secco, mancanza di acqua dolce con un eccesso di acqua di mare, vicini ostili, ecc. Vediamo come Tel Aviv risolve il problema dell'approvvigionamento idrico e come queste soluzioni possono essere provate per adattarsi alle realtà della Crimea.

Risparmi


Come si suol dire, i soldi risparmiati sono soldi guadagnati. Quindi sì, e questo può essere attribuito anche alle risorse idriche. Gli israeliani si stanno impegnando per il loro uso razionale, anche svuotando le fogne per riutilizzarle. No, nessuno oserà bere tale acqua anche nel deserto, tuttavia, per l'irrigazione delle colture nei kibbutz e nei moshav, nell'industria o per lavare le auto, è abbastanza adatta. Questa esperienza di "produzione senza sprechi" potrebbe essere utilizzata anche nel nostro Paese. Notiamo anche che in Russia, in generale, e in Crimea, in particolare, il problema della sicurezza delle risorse idriche durante il loro trasporto è piuttosto acuto. Si tratta di un'infrastruttura di condutture fatiscente che porta a perdite d'acqua e necessita di importanti riparazioni.

Salvataggio


Uno degli esempi più vividi di un atteggiamento parsimonioso nei confronti delle scarse risorse idriche è il cosiddetto "condotto idrico unico per tutto Israele". Si tratta di un gigantesco sistema di oltre duemila invasi, grandi e piccoli, canali, gallerie, stazioni di pompaggio e serbatoi di stoccaggio. La sua creazione ha permesso di trasportare l'acqua in tutto il paese, dal lago Kinneret settentrionale al deserto di Megev a sud. Il lancio di un acquedotto così gigantesco ha permesso di coltivare anche nelle regioni più aride di Israele. Inoltre, l'unificazione di tutti gli invasi in un'unica rete ha consentito di trasferirne i volumi, raggiungendo un equilibrio ottimale.

Per la Crimea russa, questa può essere un'esperienza molto preziosa. Ci sono solo 26 bacini idrici sulla penisola e le autorità regionali hanno annunciato l'intenzione di costruirne altri due nuovi, progettati per garantire la fornitura ininterrotta di Simferopol e Sebastopoli. Il capo della Repubblica Sergei Aksenov ha dichiarato:

Molto probabilmente, a Simferopol verranno costruiti ulteriori serbatoi per 15 milioni di metri cubi. me ad Alushta per 8 milioni di metri cubi. m.

La tendenza è corretta, ma la soluzione è solo a metà. Ricordiamo come lo scorso luglio la Crimea è letteralmente annegata in torrenti di piogge torrenziali. I serbatoi semiasciugati si riempirono rapidamente d'acqua e poi ne traboccarono. Selvaggiamente, ma circa l'80% di questa acqua libera dal cielo doveva essere semplicemente drenata nel mare. Se i bacini idrici della Crimea fossero collegati in un'unica rete, tali sprechi potrebbero essere evitati trasferendo l'acqua piovana in eccesso in aree più asciutte. L'idea di unire tutti i bacini idrici della penisola in un unico grande acquedotto a immagine e somiglianza dell'israeliano è già suonata. Forse vale la pena studiarlo attentamente e rielaborarlo. Non è un dato di fatto che situazioni del genere non si ripetano. Un'estate di acqua alta sarà in grado di nutrire diversi quelli secchi in futuro.

desalinizzazione


Israele è considerato uno dei leader mondiali riconosciuti in tecnologia desalinizzazione dell'acqua di mare. L'osmosi inversa (filtrazione meccanica) e il recupero di energia sono utilizzati nella trasformazione dell'acqua di mare in acqua dolce. Gli ingegneri locali sono riusciti a ottenere una riduzione dei costi di produzione: se inizialmente un metro cubo di acqua depurata costava 2 dollari, ora il prezzo di costo è sceso a 0,5 dollari. Le compagnie israeliane operano negli Stati Uniti, in Cina e nei Caraibi.

Da sette anni si dice che la Crimea ha bisogno di impianti di desalinizzazione. Tuttavia, le autorità hanno ritardato fino all'ultimo la soluzione di questo problema, considerando questa opzione estrema proprio a causa dell'alto costo di un metro cubo. Tuttavia, per Big Yalta, la desalinizzazione è praticamente incontrastata, pertanto la costruzione del primo impianto sulla penisola è considerata una questione risolta. Il suo costo è provvisoriamente stimato a 3,3 miliardi di rubli. Si prevede che un metro cubo di acqua desalinizzata costerà gli stessi 50 centesimi, ma costerà comunque al consumatore finale molto meno. Il bilancio federale dovrà sovvenzionare e sovvenzionare questa parte delle spese della popolazione della regione.

Filatura


Infine, possiamo ricordare un modo per risolvere il problema dell'acqua come presa di forza. La costruzione di un condotto idrico tutto israeliano, di cui abbiamo parlato sopra, ha suscitato una rabbia ben fondata tra i paesi vicini. Lo stato ebraico iniziò a pompare attivamente acqua dal lago Kinneret e dal fiume Giordano per i propri bisogni, in risposta al quale la Lega Araba decise di costruire il proprio canale di deviazione in Siria e condividere l'acqua tra la RAS e la Giordania. Questa iniziativa portò a una "guerra per l'acqua" tra Tel Aviv e Damasco e si concluse con l'occupazione e l'annessione delle alture del Golan siriane da parte di Israele a seguito della Guerra dei sei giorni. Il fatto dell'annessione è stato condannato dal Consiglio di sicurezza dell'Onu, e solo il presidente Trump, in quanto amico più importante di Israele, ha deciso di fargli un "complimento" "presentando" allo Stato ebraico le terre siriane. Ecco una storia così divertente, che viene dimenticata dagli ipocriti israeliani che criticano la Russia per il ritorno della Crimea, per il Donbass e per aver ragionato se valga la pena prendere il Canale della Crimea settentrionale con le infrastrutture e i territori adiacenti sotto il controllo del Ministero della Difesa della Federazione Russa.

Tutto sommato, i russi hanno davvero molto da imparare dagli ebrei.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 11 August 2021 13: 27
    +3
    Tuttavia, per Big Yalta, la desalinizzazione è praticamente incontrastata,

    Un'alternativa è la costruzione di un bacino idrico nella gola di Uch-Kosh, sopra Massandra.
    Un'altra alternativa è la cessazione della vendita di combustibili e lubrificanti all'Ucraina dalla Federazione Russa e dalla Repubblica di Bielorussia. Il Canale della Crimea settentrionale sarà aperto immediatamente.
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 11 August 2021 13: 38
    -2
    Impianto di desalinizzazione a g
    Shevchenko, commissionato nel 1972, produceva 120 metri cubi di acqua al giorno
  3. smersh chek Офлайн smersh chek
    smersh chek (somsh chk) 11 August 2021 13: 42
    -1
    lancerà SP2 e la Federazione Russa restituirà le sue terre russe, il problema dell'acqua si risolverà da solo
  4. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 11 August 2021 13: 58
    -5
    L'esperienza degli israeliani, senza dubbio, potrebbe essere molto utile per risolvere il problema della fornitura di acqua dolce alla Crimea. Tuttavia, è impossibile per i russi padroneggiare questa esperienza: nessuna compagnia israeliana coopererà con la penisola annessa per denaro, così come le compagnie di altri stati che non riconoscono la Crimea come territorio della Federazione Russa non coopereranno. E quei paesi che hanno riconosciuto la Crimea come russa non possiedono queste tecnologie, né l'Armenia, né il Venezuela, né lo Zimbabwe e Cuba, né l'altra Corea del Nord ... condizioni di sanzioni internazionali, trovano i fondi necessari e realizzano con successo la costruzione. Tutto questo complesso di compiti mi sembra impossibile al momento. Sarebbe molto più facile ed economico concordare con l'Ucraina le condizioni per la ripresa della fornitura di acqua del Dnepr.
    1. silver169 Офлайн silver169
      silver169 (Aristarkh Feliksovich) 11 August 2021 15: 31
      +4
      Tu e i tuoi simili, e la costruzione del ponte di Kerch sembrava un compito impossibile. Tuttavia, il ponte esiste con successo e svolge le sue funzioni. E quindi, non sforzarti saltando fuori dai pantaloni, presentando la fornitura della Crimea russa con acqua dolce come un compito irrisolvibile. La Russia risolverà anche questo problema nel tempo. Non importa come le persone come te sognino il contrario.
      1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
        Raccoglitore (Myron) 11 August 2021 17: 27
        -2
        E che dire dell'estrazione di acqua dolce dal fondo del Mar d'Azov? Hai già implementato e fornito completamente i residenti della Crimea? risata Un vivido esempio di una soluzione al problema ...
        1. silver169 Офлайн silver169
          silver169 (Aristarkh Feliksovich) 12 August 2021 12: 32
          -1
          No, non hanno implementato e non hanno fornito. Addio. Ma, ripeto, il problema di fornire acqua dolce alla Crimea russa sarà risolto. Non ho dubbi al riguardo. Qualsiasi problema viene risolto prima o poi. Ho sentito dire che nella tua ex patria dell'Ucraina, Kiev, anche il ponte Podolsky, la cui costruzione è iniziata nel 1993, era quasi completato. Quasi 30 anni di costruzione. Denaro investito, o meglio bevuto, come se fosse fatto d'oro puro. È anche un esempio molto vivido di risoluzione di un problema, per così dire, con specifiche ucraine. lol
          1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
            Raccoglitore (Myron) 12 August 2021 16: 30
            -1
            Citazione: silver169
            nella tua ex patria Ucraina,

            La mia ex patria è l'URSS, me ne sono andato prima della separazione dell'Ucraina.
  5. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 11 August 2021 15: 24
    -1
    Citazione: Bindyuzhnik
    Quindi i russi possono solo sviluppare autonomamente tecnologie, eseguire l'intera gamma di lavori di progettazione e costruzione, creare le proprie attrezzature di fronte alle sanzioni internazionali, trovare i fondi necessari e condurre con successo la costruzione. Tutto questo complesso di compiti mi sembra impossibile al momento.

    L'impianto di desalinizzazione di Shevchenko, commissionato nel 1972, produceva 120 metri cubi di acqua al giorno