CE senza ICE. Quali difficoltà dovrà affrontare la "svolta nel futuro" europea?


Prossimamente sarà presentato al Parlamento Europeo un documento interessante, il cosiddetto programma d'azione Fit for 55, che non contiene più fini frasi generali sul "greening" totale del Vecchio Mondo, ma misure concrete ridurre drasticamente le emissioni nocive nell'atmosfera locale con chiare le tempistiche della loro entrata in vigore. Particolare attenzione nel documento di cui sopra è rivolta a un blocco di questioni relative al settore dei trasporti. I piani dei funzionari europei colpiscono per portata e ambizione.


Innanzitutto, in questo contesto, va segnalata la ferma intenzione della leadership dell'UE di “liberare” ogni singolo Paese in un futuro molto prossimo dai motori a combustione interna “sporchi” che consumano combustibili fossili. Inoltre, in questo caso, non stiamo parlando solo di automobili. A Bruxelles è stata concepita una vera e propria “rivoluzione dei trasporti” che interesserà non solo gli attuali fornitori di carburante e produttori di veicoli specifici, ma, senza esagerare, l'intera società. Quanto sono realistici questi piani globali e quali potrebbero essere le loro implicazioni?

Una solida elettricità...


Il significato principale di Fit for 55 è (come si può intuire dal nome della strategia) il desiderio dell'UE di ridurre le emissioni di gas serra del 55%. Inoltre, per raggiungere questo obiettivo, francamente, non è l'obiettivo più semplice, si sono prefissi già nel 2030. Come già accennato, il trasporto è riconosciuto come uno dei principali "contaminatori" dell'aria europea: secondo le stime di esperti specializzati, rappresenta almeno un quarto di tutta la sporcizia nociva che vi arriva, soprattutto nelle città. È stato per lui che hanno deciso di affrontare in primo luogo. Secondo i funzionari europei, le emissioni dei tubi di scappamento dovrebbero essere ridotte del 2050% entro il 90. Come è possibile ottenere un risultato così sorprendente? Innanzitutto, sta per essere introdotto il nuovissimo standard Euro-7 per i motori a combustione interna.

Quali requisiti saranno inclusi in esso non è ancora del tutto chiaro, ma è già noto per certo che la creazione di auto con tali motori li avvicinerà ai costi dei caccia F-35. In ogni caso, diversi colossi mondiali dell'auto hanno già annunciato il loro categorico rifiuto di interferire con i nuovi standard. Persino i giapponesi, apparentemente in grado di creare qualsiasi cosa (nel campo dei trasporti), immaginavano che tali "motori" valessero il loro peso in oro e non iniziarono nemmeno a svilupparli. Forse i tedeschi lo prenderanno? Tuttavia, in ogni caso, i proprietari europei di auto con motore a combustione interna (motore a combustione interna), che caparbiamente non vogliono abbandonarle a favore delle auto elettriche, stanno aspettando un'altra "piacevole sorpresa" sotto forma di "carbon tax". ", che cominceranno a strappargli in un futuro molto prossimo. Dopo aver distribuito tante "carote" sotto forma di contributi e sussidi per l'acquisto di veicoli elettrici ecologici da parte dei cittadini (in media nell'Unione Europea si arriva dai 3 ai 9mila euro), Bruxelles, come si vede, ha deciso di passare al "bastone".

A partire dal 2035, nell'UE sarà vietata la vendita di auto con motori a benzina, diesel o GNL. Sulla base di questa prospettiva, molte importanti aziende automobilistiche hanno già dichiarato l'intenzione di abbandonare completamente la produzione di modelli con motore a combustione interna, passando completamente alle auto elettriche, "ibride" e alle auto con motore a idrogeno. E questo vale non solo per i produttori di "automobili" - il fatto che dopo il 2040 non una sola auto con un motore "sporco" lascerà i loro nastri trasportatori; Ford e Daimler. Allo stesso tempo, i rappresentanti di queste preoccupazioni non nascondono il fatto che la ristrutturazione della produzione di "camion pesanti" per combustibili alternativi richiederà investimenti di almeno $ 100 miliardi.

Inoltre, nella stessa Daimler hanno affermato che, poiché, ad esempio, l'idrogeno e i motori elettrici sono molto più primitivi nel design e più facili da fabbricare rispetto ai "cuori" delle auto attuali, ci vorrà quasi la metà della forza lavoro per assemblarli di quanto non lavorare ora nelle officine corrispondenti. Ma i disoccupati appena sfornati potranno respirare aria eccezionalmente fresca e pulita a loro piacimento ... Comunque sia, ma le case automobilistiche europee, che sono semplicemente costrette a stare al passo con i tempi, stanno passando frettolosamente alla produzione di energia elettrica veicoli - solo quest'anno hanno lanciato la produzione di oltre cinquanta i loro nuovi modelli. Finora, questo sta portando alcuni dividendi: grazie allo stimolo statale alla vendita di auto elettriche nel Vecchio Mondo, durante questo periodo, sono aumentate quasi una volta e mezza e hanno superato 1 milione 400 mila auto. A prima vista, l'immagine risulta essere piuttosto felice e stimolante.

Sulla carta era liscio... Di cosa si sono dimenticati gli autori di Fit for 55?


Tuttavia, il programma di "inverdimento dei trasporti" ha i suoi "colli di bottiglia" e "insidie", alcune delle quali sono chiaramente visibili oggi, e alcune di esse si faranno sentire inevitabilmente in un futuro non troppo lontano. Innanzitutto è, come si può intuire, la questione del rifornimento di carburante per i veicoli elettrici. Secondo la pertinente direttiva UE, tali dovrebbero apparire in ogni paese europeo a una distanza non superiore a 60 chilometri l'uno dall'altro. Compreso, nelle zone rurali, difficili da raggiungere (montane o boschive), dove, in generale, vivono poche persone. Investimenti? Sì, e colossale. Per la Francia o la Germania, questo può essere fattibile, ma ecco cosa fare con uno stato con uno stato molto meno sviluppato l'economia e infrastrutture? Salvo aspettare i sussidi da Bruxelles. Ma avrà la voglia e la capacità di darle? Ancora una volta, l'enorme quantità di energia elettrica a cui è previsto il trasferimento non solo delle auto personali dei cittadini, ma anche dei trasporti pubblici, agricoli tecnica e tutto il resto, devi allenarti in qualche modo.

Ci sono grandi dubbi che mulini a vento e pannelli solari faranno fronte a questo compito. E qui, di nuovo, sorge una domanda spinosa: le centrali elettriche non bruceranno molto più combustibile fossile per garantire il funzionamento del trasporto "ecologico" di quanto ne brucerebbero nei motori delle auto? Con la corrispondente quantità di emissioni nell'atmosfera, ovviamente. Non c'è ancora una risposta chiara a questo. Altro argomento delicato sono le batterie. Inoltre, la loro produzione richiederà una quantità senza precedenti di litio, cobalto, rame, nichel, che dovrà ancora essere estratta. Lo smaltimento delle batterie usate è un altro problema. È chiaro che l'Unione europea intende affrontare la sua soluzione con tutta serietà, ma quanto costerà?

Il trasporto automobilistico non è solo auto di cittadini e imprese, veicoli speciali di vari servizi di emergenza. Comprende anche trattori, mietitrebbie, escavatori e bulldozer, varie gru mobili e piattaforme. In breve, una varietà di tecnologia, senza la quale l'economia moderna è impensabile. La cosa più notevole è che anche l'UE è determinata a renderla verde! E qui iniziano già problemi abbastanza reali. Partiamo dal fatto che è ancora estremamente problematico convertire qualsiasi "ruota" alla trazione elettrica, la cui potenza del motore supera i mezzo migliaio di "cavalli" con i moderni livelli di tecnologie rilevanti. No, i trattori elettrici stanno già arando i campi d'Europa con forza e forza - solo il costo di tali attrezzature, la cui "carica" ​​è sufficiente per 5 ore di lavoro, supera il prezzo delle sue controparti, scoppiando "gasolio sporco" di almeno il 20%.

Finora, nella stessa Germania, le autorità locali si stanno assumendo il rimborso fino alla metà del prestito, in cui sono costretti a entrare gli agricoltori "ecologi". Ma quanto durerà tale grazia? Gli agrari europei sono lungi dall'essere contenti della loro posizione, come dimostrano le loro manifestazioni e altre azioni di protesta che stanno scuotendo sempre più vari paesi dell'UE, quindi ora lo è anche questo. Dovrebbe essere chiaro che l'uso di una tecnologia "ecologica" significativamente più costosa porterà inevitabilmente ad un aumento dei prezzi per letteralmente tutto, dai progetti di costruzione al cibo. È improbabile che questo (completo di nuove tasse e l'emergere di una serie di altri problemi) possa piacere agli abitanti del Vecchio Mondo, la cui salute è curata in modo così toccante. politicapromuovere il Green Deal a un ritmo sempre più veloce e in formati sempre più categorici. L'Unione Europea avrà fondi sufficienti per “estinguere” la loro insoddisfazione con sempre più iniezioni finanziarie sotto forma di sovvenzioni e sussidi? O, alla fine, tutto si ridurrà alla pratica di severi divieti, in cui i consumatori semplicemente non hanno scelta?

Bruxelles prevede di trasferire non solo il trasporto stradale e ferroviario, ma anche il trasporto aereo e marittimo al "carburante ecologico"! È chiaro che in questo caso la sostituzione dei motori a combustione interna con motori elettrici non può essere discussa per definizione. Tuttavia, si parla di trasferimento di aerei e navi marittime "a idrogeno" o altri tipi di carburante - di origine non fossile. Ad esempio, lo stesso metanolo. Tanto per cominciare, i vettori intendono "comprimere" con decisione le tasse di tipo "ecologico". Gli organi di governo dell'Ue sanno bene che non c'è altro impiego da parte delle stesse compagnie aeree che vogliono costringerle a "ridurre le emissioni nocive del 10%" il prima possibile. A lungo termine, che diavolo non sta scherzando, il cielo europeo potrebbe "chiudersi" completamente per gli aerei che bruciano il kerosene tradizionale. Decisioni abbastanza strane - alla luce del fatto che l'industria aeronautica di tutto il mondo a causa della pandemia di coronavirus sta già attraversando tempi lontani dai migliori e barcolla sull'orlo della rovina, ma è così.

Fino a che punto si spingerà l'Europa nella sua rabbia "ecologica" e se non si sforzerà, non solo di ricostruire, ma "rompendo in ginocchio" la propria economia a favore del "corso verde" è una questione discutibile. In ogni caso, il nostro Paese dovrebbe prepararsi sia a ridurre il volume delle forniture di idrocarburi al Vecchio Mondo, sia a introdurre tasse e dazi speciali da parte dei suoi governi per combattere le esportazioni da quegli Stati che continueranno a utilizzare tecnologie sporche. Non c'è dubbio che la Russia sarà sicuramente in tutte le liste rilevanti.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 August 2021 09: 34
    +1
    A lungo termine, che diavolo non scherza, il cielo europeo potrebbe anche essere "chiuso" per gli aerei che bruciano il kerosene tradizionale.

    Gli aerei militari della NATO voleranno anche con l'elettricità o, come l'Hindenburg Zeppelin, con l'idrogeno?
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 17 August 2021 10: 34
    0
    In ogni caso, diversi colossi mondiali dell'auto hanno già annunciato il loro categorico rifiuto di interferire con i nuovi standard. Persino i giapponesi, apparentemente in grado di creare (nel campo dei trasporti) tutto ciò che vogliono, hanno pensato che tali "motori" avrebbero valso il loro peso in oro e non hanno nemmeno iniziato a svilupparli.

    Sulla base di questa prospettiva, molte importanti aziende automobilistiche hanno già dichiarato l'intenzione di abbandonare completamente la produzione di modelli con motore a combustione interna, passando completamente alle auto elettriche, "ibride" e alle auto con motore a idrogeno. E questo vale non solo per i produttori di "automobili" - il fatto che dopo il 2040 non una sola auto con un motore "sporco" lascerà i loro nastri trasportatori; Ford e Daimler.

    Quindi le preoccupazioni per le auto passeranno alle auto elettriche o no?
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 17 August 2021 10: 40
    0
    Tuttavia, si parla di trasferimento di aerei e navi marittime "a idrogeno" o altri tipi di carburante - di origine non fossile. Ad esempio, lo stesso metanolo.

    Il metanolo è un idrocarburo non fossile? A proposito, l'Amur Gas Processing Complex fornirà metanolo alla Cina.
    1. Aico Офлайн Aico
      Aico (Vyacheslav) 17 August 2021 11: 30
      0
      E la Cina in fanfara per noi - diventerà ricca!
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 17 August 2021 11: 32
    -3
    E, ancora, una storia dell'orrore.
    Sicuramente tutti capiscono tutto - cosa deve essere affermato e si sforzano di più per farlo bene.
    Ma questo non è per una storia dell'orrore.

    E l'introduzione di tutti i tipi di ecotasse è pericolosa soprattutto per le neocolonie che forniscono materie prime "sporche".
    E chi ha una sua produzione la modernizzerà comunque, e allo stesso tempo la "pulirà".
  5. 123 Online 123
    123 (123) 17 August 2021 12: 45
    +1
    I commissari europei sono tali intrattenitori risata Hanno già fornito alla vecchia Europa gas a buon mercato Tutto è decorosamente nobile, decide il mercato, le regole della concorrenzasì
    In generale, assomiglia a un progetto infrastrutturale su larga scala. Piramidi egiziane moderne. Il denaro sarà stampato su di esso e quindi stimolerà l'industria stagnante, l'inflazione sarà naturalmente incolpata di coloro che la circondano sul modello americano. Non a caso, la struttura è stata creata "a immagine e somiglianza" e in generale, in generale, piuttosto la "Compagnia delle Indie Orientali" filoamericana.
    Allo stesso tempo, si sta risolvendo il problema con un concorrente in crescita nell'est, anche nel settore dell'aviazione. Un tempo, hanno introdotto nuovi standard per i livelli di rumore, poiché tutti sanno come questo ha influenzato i nostri produttori. In generale, non cambia nulla.
    Cosa dovremmo fare? Certo, sviluppa la tecnologia e agisci allo stesso modo.
    Per vivere con i lupi...non uscire senza pistola sorriso
    La situazione è un po' diversa da quella degli anni '90. Seguirà un divieto per i motori degli aerei, probabilmente dovrebbero avere automaticamente problemi con la certificazione di "giocattoli nuovi" quando sorvolano il territorio della Russia. Dopotutto, un'innovazione richiede uno studio attento ea lungo termine sul tema della sicurezza, dell'impatto sull'ambiente. Dopotutto, è necessario scoprire come i nuovi motori influenzino gli uccelli migratori e non solo, di sicuro, dopotutto, il loro uso incide in qualche modo negativamente sulla popolazione di alcune specie di coleotteri e sanguisughe, endemici con un alone di habitat limitato al siberiano distese. Gli ecologisti locali devono stare insieme per proteggere le mosche.
    E, naturalmente, crea la tua zona valutaria e ad un ritmo accelerato. Questo sta probabilmente diventando il più rilevante ora.
  6. smersh chek Офлайн smersh chek
    smersh chek (somsh chk) 17 August 2021 13: 06
    +1
    già adesso in Germania non c'è posto per le turbine eoliche, quindi l'occidente vuole passare all'auto elettrica con l'aiuto delle fonti energetiche rinnovabili, cazzate

    https://inosmi.ru/politic/20210816/250320555.html
    1. Boriz Online Boriz
      Boriz (borizia) 22 August 2021 09: 16
      0
      Nessun problema. La terra nera e la foresta saranno portate via dall'Ucraina, la gente si disperderà o si estinguerà. Questi processi sono già stati avviati e sono in pieno svolgimento. L'intero territorio è sotto mulini a vento o pannelli solari. Ci saranno anche discariche per lo smaltimento di tutti i rifiuti "amiche dell'ambiente".
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 17 August 2021 18: 23
    +2
    Tutte queste misure indicano una transizione verso un nuovo ordine tecnologico nel quadro dello stesso sfruttamento capitalista predatorio delle risorse naturali sotto diverse forme come la lotta contro le emissioni di gas serra e il cambiamento climatico.
    Il miglioramento dell'habitat, prima di tutto, richiede non il divieto di utilizzare non determinate fonti energetiche che i paesi hanno, ma una transizione verso la produzione di beni ecologici: mangimi senza additivi biochimici e cambiamenti genetici, prodotti a base di carne senza stimolanti, merci decomposte in condizioni naturali, ecc. ecc.
    Altrimenti, il passaggio della produzione all'energia ecologicamente "innocua", ci saranno discariche giganti, inquinamento ambientale dalla produzione e dallo smaltimento di rifiuti pericolosi. I componenti non degradabili rimarranno e continueranno a inquinare l'ambiente in modi ancora più sofisticati ea un ritmo crescente. Migliaia di chilometri di reti da pesca smarrite, ad esempio, distruggono non meno vita marina di quanta ne catturano. C'è una violazione dell'ecosistema a causa di un cambiamento nell'equilibrio naturale, la sostituzione di alcune specie con altre - o le alghe velenose e le meduse si sono moltiplicate, poi sono apparse le maree rosse, poi suonano l'allarme su una grande barriera corallina e questo è una conseguenza infinita di un atteggiamento predatorio, e l'ecosistema non importa che tipo di energia è stata utilizzata strumenti per cambiarlo / distruggerlo.
    Pertanto, l'essenza del programma Fit for 55 è quella di ripulire i mercati dai produttori che utilizzano le tecnologie non più avanzate, le fonti energetiche "non ecologiche" e prendere il loro posto. Il passaggio a una nuova struttura tecnologica è sempre una conseguenza della lotta intraclasse del grande capitale per aumentare il reddito di nuove corporazioni come I. Mask.
  8. lo stampo è stupido!
  9. Gosha Smirnov Офлайн Gosha Smirnov
    Gosha Smirnov (Smirnov) 18 August 2021 13: 28
    0
    tutto questo suona un po' selvaggio e strano con molti problemi "apparentemente" irrisolvibili per la comprensione dei cittadini comuni, e così via. capitalismo periferico, come la Federazione Russa (è così che i "superpatrioti" non si strappano la camicia, ma la Federazione Russa è un paese dal capitalismo tutt'altro che trasmesso, anche se da qualche anno si sta sforzando di ottenere un gradino più in alto nella piramide mondiale della divisione del lavoro mentre è in corso la transizione verso un nuovo ordine tecnologico, ma non ai primi posti del piedistallo) l'autore dell'articolo considera questo un problema .. Qualsiasi numero di OBIETTIVI sarà gettato in un'inflazione eccessiva per i paesi ad alta tecnologia che producono prodotti ad alto valore aggiunto).E il dollaro e l'euro sono la valuta di riserva mondiale dei paesi senza risorse di tipo economico. E tutti questi "movimenti ecologici" non sono altro che una transizione al 6° ordine tecnologico e paesi - i leader di questo nuovo paradigma stanno facendo di tutto per preservare (la cosa più importante!) vantaggi tecnologici e quindi lo faranno in ogni modo possibile supporto Per mantenere e artificialmente, compresa la domanda di veicoli elettrici, sono diversi.
  10. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 22 August 2021 09: 21
    0
    L'inverdimento del settore energetico è dello stesso ordine del Covid. Mirato a caotizzare il mondo.
    Coloro che hanno una leadership con la testa in rapporti amichevoli sopravviveranno.