Lo stabilimento di Murmansk avvia la produzione di fibra ottica per il progetto "Polar Express"


Sembrerebbe che il recente "modesto" notizie sull'apertura del primo impianto russo di fibra ottica a Murmansk, a ben vedere è estremamente significativo per il nostro Paese. Dopotutto, è questa impresa che produrrà il cavo necessario per l'implementazione del progetto Polar Express.


Si tratta di una linea di comunicazione sottomarina di sei coppie di fibre ottiche con una larghezza di banda fino a 104 Tb/s. Inizia nel villaggio di Teriberka nella regione di Murmansk e, con scalo in tutti i porti della costa artica, si estende fino a Vladivostok. La lunghezza totale è di 12 km, il periodo di attuazione è il 650.

Va notato che l'importanza di questo progetto non risiede solo nel fatto che gli abitanti della regione artica riceveranno finalmente un Internet accessibile. L'infrastruttura digitale non è solo Internet nei nostri gadget, ma anche la gestione delle imprese, dei porti e della navigazione lungo la rotta del Mare del Nord. Dato che l'accesso alla rete in questa regione è fornito dall'operatore satellitare americano Iridium, la creazione di una dorsale domestica in fibra ottica è una questione di sicurezza nazionale.

L'ambizioso progetto sarà realizzato per ordine del Ministero dei Trasporti della Federazione Russa a spese di fondi pubblici. Allo stesso tempo, sono stati inizialmente annunciati due "stream digitali". La seconda linea è stata progettata per essere costruita dall'operatore "MegaFon". Ha ricevuto il nome "Arctic Connect" e potrebbe essere esteso alla Finlandia e alla Cina e persino alla costa occidentale degli Stati Uniti. Tuttavia, il progetto ha incontrato difficoltà e l'azienda si è rifiutata di attuarlo.

Per quanto riguarda il "Polar Express", la sua posa sarà un compito estremamente difficile, dal momento che nessuno ha mai costruito linee sottomarine di tale lunghezza nelle condizioni artiche prima. Tuttavia, negli ultimi anni, non siamo abituati a fare "l'impossibile" con sorpresa del mondo intero.

Inoltre, a giugno si è saputo che la società Rosatom si stava unendo al progetto, il che aumenta significativamente le sue possibilità di attuazione di successo.

Per quanto riguarda l'impianto di Murmansk, che è stato creato appositamente per il "Polar Express" e produrrà fino a 3000 km di cavo all'anno, non rimarrà senza lavoro anche dopo l'implementazione del progetto. Secondo stime preliminari, infatti, nei prossimi 10 anni in Russia dovranno essere sostituiti più di 400mila km di cavo in fibra ottica.

  • Fonte: https://youtu.be/W1ej6x8wjqE
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 24 August 2021 20: 38
    0
    molto bene !!!!!!
  2. Buon affare!
  3. lavoratore dell'acciaio 25 August 2021 11: 25
    +1
    Quando un meteorite è volato a Chelyabinsk, che rinvigorisce al mattino, la connessione cellulare è andata persa. Ho solo risposto con un telefono fisso. Non ho ancora spento il telefono di casa. Pertanto, penso che il "cavo" sia una buona e, soprattutto, la decisione giusta. La comunicazione e l'informazione sono essenziali in questi giorni.
  4. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 25 August 2021 15: 26
    +1
    Citazione: acciaio
    Quando un meteorite è volato a Chelyabinsk, che rinvigorisce al mattino, la connessione cellulare è andata persa. Ho solo risposto con un telefono fisso. Non ho ancora spento il telefono di casa. Pertanto, penso che il "cavo" sia una buona e, soprattutto, la decisione giusta. La comunicazione e l'informazione sono essenziali in questi giorni.

    Sì. Lo è, ma c'è un esempio interessante:

    L'Armenia è collegata alla rete solo tramite un cavo in fibra ottica attraverso la Georgia, nonché tramite comunicazioni satellitari. A causa di danni al cavo in fibra ottica sul territorio della Georgia, l'Armenia viene periodicamente privata dell'accesso a Internet.