Come il piccolo Lussemburgo ha derubato tutta l'Europa

Balli, bellezze, lacchè: questo è il lato esterno della vita lussuosa del Lussemburgo, come è diventato secondo l'idea di Jean-Claude Juncker. Il prodotto interno lordo del ducato con una popolazione di 560mila persone, che non ha né petrolio, né gas, né risorse naturali, situato su un'area di soli 2mila chilometri quadrati, ammonta a 5 miliardi di dollari all'anno impensabili. Lo stipendio medio di un residente in Lussemburgo è 60 volte superiore a quello degli Stati Uniti d'America. Qual è il “segreto dell'azienda” dello stato microscopico, riconosciuto nel 2 come il più ricco dell'Unione Europea?




In effetti, tutto si è rivelato semplice e banale. I fondatori dell'Unione europea hanno reso il Lussemburgo un paradiso fiscale per gli oligarchi dell'Europa unita e di altri paesi del mondo. Come funziona questo curioso schema, che ha permesso di trasformare il Lussemburgo in un deposito del "fondo comune" internazionale?

Tutto è ingegnosamente semplice. Il fatto è che il Ducato di Lussemburgo è uno dei fondatori dell'Unione Europea e sul suo territorio si trovano importanti organi di questa entità sovranazionale, in particolare la Corte di giustizia europea. È questo aspetto giuridico che dà il diritto ai paesi sul cui territorio si trovano gli organi dell'Unione Europea, di condurre la propria fiscalità politica di, aggirando la politica fiscale comune dell'Unione europea. E poi la questione attrezzatura... Con i clienti VIP si concludono "accordi fiscali segreti", si provvede alla registrazione nel ducato e, voilà, ci si può dimenticare circa del 20% di imposta sul reddito e del 29% di imposta sul reddito delle società.

C'è da meravigliarsi che dagli anni '1960 i capitani delle imprese europee abbiano iniziato a entrare nel paradiso fiscale del Lussemburgo? Sono stati seguiti dai miliardari arabi, seguiti dalle multinazionali. Ma una tale pratica non poteva rimanere inosservata a tempo indeterminato. Un'indagine su larga scala chiamata Luxleaks ha mostrato che centinaia delle più grandi multinazionali, tra cui IKEA, Amazon, McDonald's, Scype, Pepsi, Heinz e Apple, hanno spudoratamente nascosto le loro entrate fiscali multimiliardarie nelle banche del ducato.

L'indagine giornalistica svolta mostra l'entità della corruzione e il grado di degrado del sistema dell'Unione Europea. Si scopre che il buco nero finanziario nella fondazione dell'Unione europea è stato gettato da uno dei suoi architetti, nientemeno che Jean-Claude Juncker. Dal suo incarico di ministro delle finanze lussemburghese, Juncker è passato da tempo alla presidenza della Commissione europea. C'è da meravigliarsi che con un simile "tetto" nessuno abbia fretta di privare il Lussemburgo dello status di "detentore del fondo comune" per l'oligarchia internazionale? Comprensibilmente, lo stesso Jean-Claude Juncker nega qualsiasi coinvolgimento nella corruzione. Ma in realtà, solo un dipendente della PricewaterhouseCoopers che ha divulgato documenti segreti sulla frode fiscale alla stampa e due giornalisti che hanno coperto il caso erano nei guai. Finora sono usciti solo con multe e pene sospese. Lo stesso Jean-Claude Juncker continua a mantenere la sua posizione nel sistema di gestione dell'Europa unita.

La dinastia regnante del Lussemburgo promuove attivamente i servizi bancari segreti del Ducato a una ristretta cerchia di potenziali clienti. Ad esempio, il principe ereditario Henry ha invitato personalmente gli investitori americani nei programmi spaziali a offrire un regime fiscale preferenziale.

Le ambizioni spaziali del Lussemburgo generalmente meritano una menzione a parte. Il parlamento dello stato nano ha consentito agli investitori privati ​​di estrarre minerali dagli asteroidi, nonostante ciò contraddica direttamente i principi del diritto internazionale La posizione di Roscosmos su questo tema è estremamente chiara:

Come la legge adottata nel 2015 negli Stati Uniti, la legge lussemburghese sull'estrazione di risorse naturali da parte di società private nello spazio, secondo la Federazione Russa, compromette uno dei principi fondamentali del diritto spaziale internazionale: il principio di non appropriazione nazionale dello spazio, compresa la Luna e altri corpi celesti.


Il Lussemburgo oggi è una straordinaria simbiosi tra lo splendore del lusso aristocratico e il marciume della corruzione, che va bene a tutti, a giudicare dal fatto che il ducato ha ricevuto il nono posto nella classifica dei paesi meno corrotti del mondo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.