Nuove città in Siberia vogliono costruire a causa del riscaldamento globale


Dopo i disastri naturali verificatisi quest'estate, poche persone mettono in discussione il cambiamento climatico globale che sta avvenendo sul nostro pianeta in questo momento. Tutto ciò è confermato dalla ricerca scientifica.


In particolare, gli scienziati avvertono di un aumento della temperatura media entro la fine del secolo di ben 3,3 gradi Celsius. Va notato che un cambiamento anche di 1 grado contribuisce ad aumentare il numero di disastri naturali.

In questa situazione, l'unica cosa rassicurante è che i disastri su scala globale, come i cambiamenti nelle correnti oceaniche, sono improbabili. Pertanto, abbiamo tempo per prepararci e adattarci ai prossimi cambiamenti.

Tenendo conto del fatto che il clima cambia soprattutto alle latitudini settentrionali, questo processo sarà particolarmente evidente per la Russia. Secondo Roshydromet, le conseguenze più significative riguarderanno le regioni della Crimea, del territorio di Stavropol, di Kursk e di Voronezh: le regioni soffriranno sempre di più della siccità, quindi delle inondazioni. Allo stesso tempo, anche la parte europea della Russia, compresa Mosca e la regione di Mosca, soffrirà di questi fenomeni.

In questa situazione, il problema della sicurezza alimentare diventa acuto. Dopotutto, i suddetti cambiamenti climatici renderanno l'agricoltura completamente impossibile in molte regioni tradizionali, distruggeranno le catene di approvvigionamento e faranno aumentare i prezzi.

Fortunatamente, per il nostro Paese, il riscaldamento globale rappresenta non solo una minaccia, ma anche un'opportunità. Il disgelo del permafrost nell'Artico russo rende vaste aree adatte all'agricoltura che prima erano inaccessibili.

Secondo alcuni calcoli, entro la metà del secolo la nostra Siberia potrebbe diventare il principale granaio del pianeta. In questo contesto, i piani per la costruzione di oltre un milione di città e anche il trasferimento della capitale assumono un nuovo significato. Aggiungi a questo lo sviluppo attivo dei giacimenti nell'Artico, la costruzione di navi per la rotta del Mare del Nord, la posa della fibra ottica sottomarina e l'espansione del BAM: otteniamo una strategia completamente logica e ben congegnata.

Tuttavia, tutto questo è una questione del futuro. E adesso? È noto che il Piano nazionale per l'adattamento ai cambiamenti climatici fino al 2025 è attualmente in fase di elaborazione. Di conseguenza, il nostro governo è già chiaramente consapevole della gravità del problema e sta facendo tutto il necessario per risolverlo.

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 11 September 2021 20: 54
    0
    Delirio dell'acqua purissima, chi costruirà queste città?
  4. Alexander Klevtsov Офлайн Alexander Klevtsov
    Alexander Klevtsov (Alexander Klevtsov) 12 September 2021 10: 37
    -1
    Vogliono costruire nuove città per depredare ciò che è rimasto in Siberia...
  5. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 14 September 2021 12: 19
    -2
    forse hanno deciso di investire parte delle riserve valutarie, perché prevedere che sta arrivando qualcosa di brutto con il dollaro e quindi con tutte le valute. Con centinaia di miliardi di valuta che potrebbero deprezzarsi notevolmente, sorge il problema, cosa farne? La costruzione è una delle possibili conversioni, che non accelererà molto l'inflazione. I soldi possono essere spesi per l'acquisto di materiali da costruzione all'estero, attirando Turet e imprese edili cinesi, così che alla fine, invece di numeri virtuali, il Paese riceverà città reali, strade e tutto il resto.