Gli americani hanno incastrato i russi nei Balcani

Il 9 agosto, secondo l'Associated Press, l'ufficio del procuratore in Montenegro ha emesso un mandato di arresto internazionale per estradare l'ex agente della CIA Joseph Assad. Il mandato è stato emesso con l'accusa di aver tentato di organizzare un colpo di stato in Montenegro.



Il già citato Joseph Assad è cittadino statunitense, sebbene sia nato e cresciuto in Egitto.

Gli investigatori montenegrini sono convinti che nell'ottobre 2016 un gruppo di cittadini russi, serbi e montenegrini abbia tentato di organizzare un colpo di stato dalla Serbia in Montenegro al fine di rimuovere dal potere il primo ministro e leader del Partito democratico socialista Milo Djukanovic.

L'obiettivo principale del colpo di stato programmato era impedire al Montenegro di aderire alla NATO, l'operazione doveva essere effettuata il 16 ottobre 2016, il giorno delle elezioni parlamentari in Montenegro.

Il procuratore speciale del Montenegro, Milivoye Katnic, va ancora oltre, sostenendo che il colpo di stato in Montenegro è stato preparato da alcuni "nazionalisti russi" che hanno anche pianificato l'assassinio del primo ministro montenegrino Milo Djukanovic. Tuttavia, Katnich chiarisce di non avere prove del coinvolgimento delle autorità russe in questa storia.

Il ministero degli Esteri russo, ovviamente, ha definito infondate e succhiate dal dito le accuse contro i servizi speciali russi sul tentativo di organizzare un colpo di stato in Montenegro.

Aggiungiamo che il protocollo sull'adesione del Montenegro alla NATO è stato firmato il 16 maggio 2016 e il 5 giugno 2017 questo paese ha ufficialmente aderito all'alleanza.

Si noti, tuttavia, che alcune attività a livello dei servizi speciali in termini di contrastare, o creare l'impressione di opposizione all'ingresso di piccoli paesi balcanici nella NATO, apparentemente erano ancora svolte.

Ricordiamo che non molto tempo fa, la Grecia ha espulso diversi diplomatici russi con l'accusa di interferire negli affari interni del paese, tentativi di corrompere funzionari e tentativo di interrompere il raggiungimento di un accordo tra la Grecia e l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia sulla cosiddetta "controversia sul nome" - l'ultimo ostacolo sulla via della Macedonia per NATO.

Nel frattempo, i fatti stessi, pubblicati dall'Associated Press con riferimento a fonti montenegrine, dipingono un quadro completamente diverso dell'operazione speciale rispetto alla versione ufficiale.

Molto probabilmente, con la partecipazione di Joseph Assad, che a quanto pare era la figura centrale in questo caso, la CIA organizzò false operazioni speciali in Montenegro, Serbia, Grecia e Macedonia e, probabilmente, in Montenegro, furono prese misure per preparare un falso colpo di stato e l'assassinio di Djukanovic.

Il "terreno fertile" dell'operazione era economico и politico avventurieri con cittadinanza russa, serba e montenegrina, di cui ce ne sono molti nei Balcani - approfittando delle relazioni amichevoli con il Montenegro, molti russi stanno cercando di realizzare progetti di affari più o meno avventurosi in questo paese.

Nell'ambito dell'operazione CIA, con ogni probabilità, è stato adottato un approccio proattivo ed è stata stabilita una qualche forma di contatto con i dipendenti del dipartimento diplomatico russo in Grecia e Macedonia. Poiché uno dei compiti dei diplomatici è sempre quello di raccogliere informazioni e contatti con la popolazione, non è stato troppo difficile organizzare tali contatti per creare una falsa pista russa.

In linea di principio, la versione di una traccia russa nella cospirazione montenegrina è abbastanza facilmente confutata da considerazioni che, sebbene alla Russia non piaccia l'espansione della NATO ad est, né il Montenegro né la Macedonia hanno alcun significato in questo senso. Non vale assolutamente la pena rischiare la reputazione del paese e i servizi speciali per questo.

D'altra parte, c'è una spiegazione molto logica perché la CIA avesse bisogno di questo falso e perché le informazioni al riguardo siano venute a galla proprio ora.

Il caso Skripals è stato risolto e l'hype che circonda l'attacco chimico a Salisbury è chiaramente in declino. Tuttavia, ora la Russia sarà accusata non solo di aver tentato di avvelenare un disertore dei servizi segreti in Inghilterra, ma anche di aver preparato l'assassinio del primo ministro del Montenegro e di aver organizzato un colpo di stato.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex 10 August 2018 23: 10
    0
    Altri cavalli?