S-400 Lukashenka contro Bayraktar di Zelensky. La guerra è fissata per il 2025?


Oltre alle esercitazioni Zapad-2021, che avevano estremamente agitato alcuni vicini particolarmente nervosi di Bielorussia e Russia, le ultime settimane sono state contrassegnate da tutta una serie di eventi che testimoniano eloquentemente i rapidi cambiamenti della situazione strategico-militare ai confini russi .


Ognuno di loro singolarmente, forse, non può essere considerato un presagio così infausto, ma nella loro totalità, questi "movimenti", che hanno subito una forte accelerazione negli ultimi anni, creano un'atmosfera molto allarmante e fanno pensare che gli eventi che hanno assunto un carattere pigro negli ultimi anni e che si sono trasformati in uno sfondo informativo familiare per noi, in un futuro abbastanza prevedibile potrebbe prendere una piega completamente diversa, irta di un conflitto militare su larga scala con la partecipazione del nostro paese. Di cosa stiamo parlando esattamente? Proviamo a capirlo.

S-400 Lukashenka contro Bayraktar di Zelensky?


Prima di tutto, senza dubbio, vale la pena menzionare due acquisti senza precedenti di armi e militari attrezzaturaannunciato dai leader degli stati confinanti con la Russia: Bielorussia e Ucraina. Alexander Lukashenko ha annunciato pubblicamente gli accordi già raggiunti con Mosca per la fornitura a Minsk dei campioni più moderni e "avanzati" di prodotti dell'industria militare nazionale. Oltre all'aviazione da combattimento e ai sistemi di difesa aerea tattica "Tor", ha anche menzionato i sistemi missilistici antiaerei S-400 "Triumph" a medio e lungo raggio. Il momento più intrigante in questo contesto è l'intenzione espressa dal leader bielorusso di collocare questi sistemi di difesa aerea al di fuori dei propri confini con la Polonia o gli Stati baltici, che fanno parte del blocco NATO e sono un trampolino di lancio per l'aviazione dell'alleanza, che è un obiettivo degno per loro, ma nella direzione orientale, cioè al cordone con "nezalezhnoy".

Come ha affermato Alexander Grigorievich, "da questi 1200 chilometri iniziano a riscaldarci" e, quindi, devono essere "chiusi" nel modo più affidabile possibile. È proprio in questo luogo che chiunque segua più o meno da vicino lo stato delle cose nelle forze armate dell'Ucraina deve certamente avere molte domande perplesse. "Come mai? Come mai?! Dopotutto, la flotta aerea ucraina è attualmente nelle condizioni più miserabili?" No, probabilmente saranno in grado di sollevare in aria un certo numero di unità di aviazione da combattimento, ma né la composizione quantitativa, né tanto più qualitativa di queste, scusa l'espressione, l'Aeronautica Militare non può essere paragonata a simili forze dell'Alleanza Atlantica.

E, tuttavia, che è lungi dall'essere un laico in tali questioni, Lukashenka trasferirà i sistemi di difesa aerea più moderni e potenti ai confini dell'Ucraina. Come mai? Ci possono essere diverse risposte qui. Primo, Minsk e Mosca sono assolutamente sicuri che non ci si può aspettare uno sciopero dai "nordatlantisti" ora, ma sicuramente seguirà da Kiev, e molto presto. La seconda (e la prima versione è possibile solo all'interno del suo quadro) è, ancora una volta, molta fiducia che l'Ucraina (o, ancora più probabilmente, sul suo territorio) avrà presto forze e mezzi (aviazione e missili), contro i quali devi davvero difenderti con l'aiuto di "Triumphs". Personalmente, personalmente non vedo la terza opzione. Se qualcuno ce l'ha, sei il benvenuto, offrilo.

Nel frattempo si può solo supporre una cosa: sia la Bielorussia, che chiede armi per un miliardo di dollari, sia la Russia, che le fornisce, considerano molto, molto probabile la prospettiva di una guerra con la partecipazione dell'Ucraina. Quasi inevitabile. E che dire dell'Ucraina? Attualmente stanno esultando per la prossima fornitura di Javelin ATGM, di cui ce ne sono già circa quattro dozzine negli arsenali del "nezalezhnoy" (e duecento missili per loro). Dopo il viaggio di Zelensky a Washington, sembravano essere generosi e hanno promesso di lanciarne di più. Tuttavia, la principale gioia dei militaristi ucraini non risiede nemmeno in questo, ma nell'imminente acquisto di due dozzine di UAV Bayraktar TB2 da parte di Kiev. Preso insieme al denaro per oggi due complessi (12 auto) di questi droni turchi, il numero risulta essere abbastanza solido. E proprio su questa acquisizione sorgono domande molto più serie rispetto alla fornitura di S-400 a Minsk.

Gas, Donbass e l'ultimo ordine


Il punto qui è che i nostri "Trionfi" sono armi che, con tutte le loro forze, sono esclusivamente difensive. Ma Bayraktar TB2, al contrario, è un mezzo per condurre operazioni di combattimento offensive. Inflazionato alle stelle e, per usare un eufemismo, non troppo coerente con la realtà, la fragorosa gloria della "wunderwaffe" creata da questo UAV nel conflitto armeno-azero nella guerra del Nagorno". militare ucraino e politica nell'elenco di questi stessi "qualcuno" sono, ahimè, in primo luogo. Loro, letteralmente appendendo le orecchie, ascoltano dichiarazioni come i discorsi vanagloriosi del direttore tecnico e comproprietario di Baykar Makina, Selchuk Bayraktar, che i droni con lo stesso nome non solo "hanno cambiato le sorti della guerra in Karabakh", ma erano quasi l'unica "carta vincente" che ha portato la vittoria a Baku.

Naturalmente, non c'è abbastanza per distinguere il marketing aggressivo da una valutazione obiettiva del livello di "intelligenza" dei "patrioti" ucraini desiderosi di "disoccupare" il Donbass. Proprio l'altro giorno, in questa occasione è suonata un'iniziativa molto caratteristica del capo del "nezalezhnoy" del NSDC Alexei Danilov. Questa figura estremamente odiosa, distratta da tempo dal proferire sciocchezze come proposte per tradurre la lingua ucraina in latino, si è rivolta al tema del Donbass. E ha detto che "se viene ricevuto un ordine, l'esercito ucraino prenderà sia Donetsk che Lugansk senza problemi". È vero, lungo la strada ha espresso un ipocrita rammarico per "decine e persino centinaia di migliaia di persone che moriranno in questo caso".

Per inciso, le parole sono molto eloquenti se viste in un contesto prettamente militare. Tali perdite, anche durante l'assalto alle grandi città, sono possibili solo se accompagnate da massicci bombardamenti e attacchi aerei, inflitti, come si suol dire, "sulle piazze". Non è questo che hanno in mente a Kiev? Si ha la piena impressione di sì. Questa conclusione è supportata anche dalle recenti dichiarazioni del capo dello Stato, Volodymyr Zelensky, che non si stanca di ripetere che una "guerra con la Russia" è del tutto possibile, e anche molto probabile.

Questa, ovviamente, sarà, nelle sue parole, "la cosa più terribile che possa accadere" e, inoltre, il "grande errore" del nostro Paese, ma il presidente-clown non esclude uno scenario del genere. Allo stesso tempo, anche un soggetto con livelli così ridotti di responsabilità sociale e capacità di pensiero, come Zelensky, è ben consapevole che le ostilità tra i due paesi possono svilupparsi solo se Kiev cerca tuttavia di attuare i suoi piani deliranti per "disoccupare" il DPR e LPR secondo il "croato" o qualche altro scenario simile. E se dice quello che dice, quindi, ci sono tutte le ragioni per credere che il pensiero di dare l'ordine fatale, che sarà senza dubbio l'ultimo per questo "comandante in capo", gli gira ancora in testa. Va notato che una serie di eventi recenti in una certa misura stanno spingendo Kiev proprio a questo tipo di azioni stravaganti. Stiamo parlando, ovviamente, del completamento della costruzione e dell'imminente lancio del gasdotto Nord Stream-2. Qual è la relazione qui? Sì, il più semplice!

Infatti, lo “scongelamento” del conflitto militare in Donbass e il suo passaggio a una fase così “calda”, che costringerà la Russia a intervenire, è l'ultimissima e ultima possibilità per l'Ucraina di “chiudere” un oleodotto che è mortalmente pericoloso per questo. Infatti, negli accordi "conciliativi" tra Stati Uniti e Germania, si affermava che sarebbero state imposte sanzioni contro l'SP-2 se "Mosca lo utilizzasse come arma geopolitica". Avendo provocato la più grande guerra possibile nel loro Oriente, le autorità ucraine potranno gridare al mondo intero: “Aiuto! Aiuto! Stanno uccidendo!" Bene, e, naturalmente, "disegna" una catena logica decisamente "di ferro": "Vedi, hanno lanciato un gasdotto - e Putin ci ha attaccato proprio lì!" Nient'altro "non tassabile", che dopo la cessazione del transito del gas russo nel 2024 attende economico collasso e colossale esplosione sociale, semplicemente non rimane.

È del tutto possibile che la data menzionata da Alexander Lukashenko sia legata proprio a questa linea, dopo la quale Kiev può davvero "andare fino in fondo" prendendo decisioni che minaccino il suicidio geopolitico e militare. Il leader bielorusso ha affermato che tutte le più importanti consegne di armi dalla Russia devono essere completate entro il 2025. Si tratta davvero di un periodo che, come si rendono conto Mosca e Minsk, può diventare il momento dello scoppio di una guerra, che coinvolgerà almeno tre paesi che 30 anni fa erano “repubbliche fraterne”?! Tuttavia, è improbabile che la questione si limiti alla sola partecipazione. Già l'Ucraina, in risposta alle nostre esercitazioni West 2021, ha avviato manovre con un nome molto simbolico nello stile tradizionalmente americano: United Efforts 2021, in cui militari non solo di 11 paesi della NATO, ma anche rappresentanti di Moldova, Georgia e alcuni altri stati non inclusi in questo blocco. Naturalmente, lo stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina ha dichiarato che questo evento è "una risposta adeguata alla grave minaccia di un'invasione russa".

Come dimostra la pratica, se si sentono discorsi del genere da Kiev, significa che stanno pensando di organizzare un'altra provocazione. Gli eventi di questa primavera hanno mostrato che il livello di un'adeguata percezione della realtà tra la leadership militare e politica locale è così basso che prima o poi tali intenzioni saranno certamente attuate - su una scala o sull'altra. Mi dispiacerebbe crederci, ma sembra che l'unica domanda sia il tempismo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 September 2021 10: 42
    +1
    E stanno venendo fuori la notizia del papà, la notizia e la voglia di spargimento di sangue.
    Lo profetizzano, si sfregano le mani e si staccano tutti - e il padre, gli ucraini, i negri e l'agente Trump. Afgani, e si sono lasciati
  2. squalo Офлайн squalo
    squalo 15 September 2021 10: 47
    0
    Perché i sistemi di difesa aerea in Bielorussia? Inoltre, come l'S-400? La risposta è ovvia: non chiudere il tuo cielo alle levatrici ucraine... Più precisamente, non si tratta tanto di proteggere il tuo cielo, quanto piuttosto di bloccare il cielo su un possibile teatro di future ostilità.

    Se guardi la mappa, il posizionamento dei sistemi di difesa aerea, incluso il livello S-400 e gli intercettori in Bielorussia, Crimea e mare, consentirà di organizzare una zona chiusa sull'intera durkaina. Quelli. chiudi tutti i voli sia da lì che da lì. Con la prossima esacerbazione di Durkaine, l'intero cielo sopra il Durkaina sarà semplicemente chiuso. Tutti: gli aerei civili e militari saranno costretti a rimanere a terra. In primo luogo, viene semplicemente annunciato e verrà dato un periodo, ad esempio "dal momento dell'annuncio dopo 2 ore", tutti gli oggetti su questo territorio saranno considerati violatori del regime.
  3. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 15 September 2021 11: 27
    0
    In qualche modo, nell'ultimo anno, la Bielorussia è diventata molti "nemici". E Lukashenka aspetterà fino al 2025?
    1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
      Alexndr P (Alexander) 16 September 2021 13: 10
      -1
      Gli ucraini non sono nemici. Questi sono guerrieri tristi - che possono solo arrendersi e strisciare in ginocchio)

      Scendi sulla terra, guerriero dell'indipendenza
      1. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
        Alexander K_2 (Alexander K) 16 September 2021 14: 42
        0
        Lukashenka non la pensa così, e gli eventi in Donbass confermano le sue parole, anche l'esercito "più potente" ha subito un fiasco!
  4. Siegfried Online Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 15 September 2021 13: 21
    -1
    l'acquisto dell'S-400 da parte della Bielorussia potrebbe essere semplicemente un acquisto condizionato. Il fatto stesso di posizionare l'S-400 in Bielorussia, che si tratti di un acquisto o meno, non ha importanza qui. In effetti, la Russia sta schierando gli S-400 in Bielorussia, che è importante per la NATO ed è un segnale. È improbabile che la Bielorussia paghi effettivamente per l'S-400, non ne hanno bisogno.