Gli Stati Uniti hanno formato un'alleanza militare anti-cinese di tre stati


Washington annuncerà presto nuovi accordi con Londra e Canberra per lo scambio di advanced tecnologia carattere militare. Scrive di questa edizione Politico, riferendosi alle proprie fonti nei circoli dirigenti degli Stati Uniti. L'accordo dovrebbe essere annunciato personalmente dal presidente Biden durante il suo discorso del 15 settembre, in concomitanza con la nuova dottrina della sicurezza nazionale.


Come osserva Politico, l'accordo tra i tre stati - Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia, che si chiamerà AUUKUS, semplificherà notevolmente lo scambio di informazioni di intelligence, tecnologie militari rivoluzionarie e sviluppi nel campo dell'intelligenza artificiale. Un paragrafo a parte degli accordi sarà dedicato alle tecnologie per uno sciopero veloce dalla lunga distanza.

Inoltre, tutti e tre i paesi sono pronti a combinare i loro sistemi di tracciamento subacqueo per resistere in modo più efficace al rafforzamento della Cina nella regione Asia-Pacifico.

Secondo gli esperti della pubblicazione, nel mondo è emersa un'alleanza militare trilaterale con un chiaro pregiudizio anti-cinese, nonostante il fatto che la stessa RPC non sia menzionata da nessuna parte nell'accordo.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 15 September 2021 22: 54
    +2
    Gli Stati Uniti hanno formato un'alleanza militare anti-cinese di tre stati

    Washington annuncerà presto nuovi accordi con Londra e Sydney sullo scambio di tecnologie militari avanzate.

    Due mercerie e un cardinale.

    Avendo appena agitato la penna verso i suoi "alleati" in Afghanistan, Fashington iniziò a plasmare un'altra ridicola "coalizione" per legittimare l'ennesima avventura.
  2. Petr Vladimirovich (Peter) 15 September 2021 23: 58
    +3
    La pubblicazione che non sa che Canberra è la capitale dell'Australia non merita molta fiducia
    1. Vladislav N. Офлайн Vladislav N.
      Vladislav N. (Vlad) 16 September 2021 20: 41
      0
      Hanno degli standard lì sul retro. confondere Austria e Australia, Georgia e Georgia...
  3. Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 16 September 2021 00: 03
    0
    Senza l'India, questa è una formalità politica, anche in caso di tentativo di schierare armi nucleari in Australia.
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 16 September 2021 06: 52
      0
      Sì, quasi tutta l'Australia è chiusa alla libera circolazione, dubito fortemente che le armi nucleari non ci siano ancora. È solo che, visto lo stato attuale delle cose, non è proprio nessuno che ha paura e stanno iniziando a correggerlo...
  4. Vladimir Vladimirovich Vorontsov 16 September 2021 05: 56
    0
    “Quando AUUKUS risponde, risponderà”...
  5. GRF Офлайн GRF
    GRF 16 September 2021 06: 30
    0
    Ma ne ha già sofferto la Francia, che si è offesa perché l'Australia, un partner "affidabile", l'ha lanciata con la costruzione di sottomarini ...
    E la costruzione di sottomarini nucleari per paesi non nucleari non rientra nel TNP?
    Mi sembra che presto ci sarà il rifornimento del prossimo trattato internazionale nella spazzatura ...
    L'Australia condividerà finalmente ufficialmente il segreto del boomerang con la SGA?
  6. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 16 September 2021 12: 37
    +1
    La creazione di questa "coalizione" mostra ancora una volta quanto vadano male le cose per gli Stati Uniti.
    È passato un mese da quando la Germania è stata nominata il principale amico degli Stati Uniti in Europa, e in questa occasione è iniziata una campagna antiamericana sui media, rara per forza e sporcizia, nella WB.
    Negli ultimi anni, la BM ha cercato febbrilmente di creare una futura zona di influenza, per la quale chiaramente non ha risorse sufficienti. In precedenza, Putin era l'unico obiettore. A Trump e Xi non importava. Ma la posizione di Putin era come un veto. Con l'avvento al potere di Biden, anche gli Stati Uniti cominciarono a opporsi alla zona di influenza della BM. Biden rappresenta i banchieri/liberali, e la squadra che ha portato Johnson al potere è quella conservatrice/industriale.
    È difficile dire cosa Biden abbia promesso a Johnson, ma questa non è una zona con sede nell'UE. Potrebbe promettere di fare pressioni su Putin per rimuovere le obiezioni alla creazione di una zona di influenza della BM. Ma ora Xi diventerà un ardente oppositore della creazione della zona di influenza della Banca Mondiale.
    Le relazioni commerciali dell'Australia con la Cina non sono da nessuna parte peggiori e tendono a deteriorarsi ulteriormente. Biden avrebbe potuto promettere di fare pressione sulla Cina per revocare le restrizioni commerciali sull'Australia.
    La realtà di queste promesse è altamente discutibile. Ma i rapporti con la Cina alla Banca Mondiale e l'Australia si deterioreranno completamente.
    Vale la pena notare qui che anche il Canada non è stato coinvolto in questa avventura, con la quale le relazioni della Cina non sono migliori che con l'Australia (peraltro, su iniziativa del Canada, dopo l'arresto di Meng Wangzhou) e continuano a deteriorarsi. Allo stesso tempo, il Canada è lo stesso paese del Commonwealth britannico dell'Australia. Inoltre, è fortemente dipendente dal commercio con gli Stati Uniti.
    Ma il Canada non voleva essere coinvolto in uno scontro militare con la Cina.
    Cioè, solo coloro che non hanno nulla da perdere sono entrati nell'alleanza con l'egemone indebolito.
    La BM, senza una propria zona di influenza, sta irrimediabilmente scivolando al livello dei poteri ordinari, il che è molto offensivo per loro. Questo fatto, già ovvio, è stato sottolineato nel suo recente articolo di Tony Blair. È già nell'argomento come nessun altro.
    L'Australia, pur mantenendo problemi commerciali con la Cina, dovrà affrontare conseguenze economiche estremamente gravi. In previsione dell'imminente crisi globale, queste conseguenze sono viste come semplicemente fatali.
    Tutti gli altri Stati non vogliono litigare con la Cina, dimostrando un notevole livello di buon senso.
  7. Vladislav N. Офлайн Vladislav N.
    Vladislav N. (Vlad) 16 September 2021 20: 36
    -1
    Ma che dire dei polacchi, dei baltici?
    E il blocco senza cavalli salubri è completamente schermato