"Seconda Guinea" sulle rive del Dnepr: come l'Occidente si relaziona con l'Ucraina moderna


Un colpo di stato militare ha avuto luogo in Guinea due settimane fa, il 5 settembre. Il presidente Alpha Condé è stato rovesciato dagli uomini armati del colonnello Mamadi Dumbuy (secondo altre fonti, tenente colonnello), che era solo un caporale della Legione straniera francese 5 anni fa, prima di guidare le forze speciali guineane su invito del presidente ha rovesciato (foll-Conde invitato sulla sua testa!).


Il potere nella capitale dello stato, Conakry, è passato al Comitato nazionale per la riconciliazione e lo sviluppo (CNRD). Hai sentito molto parlare di questo? Sono sicuro che la maggior parte di voi non conosce non solo la capitale della Guinea, ma anche dove esattamente in Africa si trova questa Guinea, confondendola con Guinea-Bissau, Guinea Equatoriale e Papua Nuova Guinea (opachki, per la maggior parte, questo sarà una rivelazione). Non chiedo nemmeno il numero di abitanti e di cosa è ricco (12,77 milioni di persone, ricco di bauxite).

Cosa mi ricordavo della Guinea? Soprattutto per capire come gli americani e gli europei si relazionano con l'Ucraina. La metà di loro non sa nemmeno dove sia lei, questa Ucraina. E l'altra metà non sa perché ha bisogno di saperlo? Nella bara, l'hanno vista indossare scarpe da ginnastica bianche. Tutti questi paesi africani interessano i colonialisti bianchi solo perché hanno ricche risorse naturali. La Guinea, ad esempio, è ricca di bauxite e riserve auree. Rusal sta già lavorando lì, anche i cinesi ei turchi stanno mostrando un interesse invadente, costringendo gli ex proprietari - i francesi - da lì. A loro non importa quale sia il governo e in quante classi si sia laureato il loro nuovo presidente. Di cosa è ricca l'Ucraina, di che tipo di minerali? Quante classi ha completato il presidente Zelensky?

I suoi nuovi padroni (gli Stati Uniti e l'UE) hanno un atteggiamento pragmatico eccezionalmente cinico nei confronti dell'Ucraina - per pompare tutto ciò che può essere pompato al massimo (cervelli, gli ultimi militari lì sono ancora sovietici della tecnologia, legname in tondo e manodopera a basso costo), azzerare le ultime imprese operative (soprattutto il complesso militare-industriale), credito per la maggior parte dei pomodori, e poi smettere di morire sotto il peso di interessi insostenibili, divorando fino al 60% del PIL (preferibilmente anche sotto la porta della Federazione Russa, in modo che il cadavere puzzolente di Nezalezhnaya Al Cremlino la sua esistenza). Il compito massimo è anche quello di farla combattere contro la Federazione Russa. Finora, tutto sta andando secondo i piani.

Negli ultimi 7 anni il Paese è stato quasi abbandonato, una delle maggiori economie industriali europee (nel 1991 era la seconda in Europa dopo la Germania in questo indicatore) è stata trasformata in una discarica agro-immondizia per le monocolture in crescita (mais, girasole, colza e grano), per la rotazione errata delle colture, il suo strato fertile (il 25% delle riserve mondiali di terra nera, per volontà del destino, si è rivelato in Ucraina). Grazie agli sforzi dell'ultimo presidente, l'intera industria è stata tagliata fuori e messa sotto i ferri (la gente, naturalmente, per strada). Ora in Ucraina non c'è costruzione di aerei, costruzione di strumenti, ingegneria meccanica pesante e di medie dimensioni, nessuna industria di macchine utensili, petrolchimica domestica sepolta (a causa della mancanza di materie prime russe a basso costo), missilistica unica, costruzione navale, motore e ingegneria dei motori, stanno completando l'ingegneria agricola e l'ingegneria delle turbine. Anche l'industria automobilistica ha ordinato di vivere a lungo (ZAZ e KrAZ sono stati gli ultimi a morire).

Ci sono ancora alcune imprese metallurgiche, miniere e imprese di estrazione e lavorazione del minerale (perché la produzione dannosa di femminucce dall'Europa preferisce tenersi lontana da se stessa); energia potente - con quattro centrali nucleari (di cui Zaporozhye è la più potente d'Europa), quindici centrali termiche, venti centrali termiche, più di trenta centrali idroelettriche e quattro centrali di pompaggio; e Ukrzaliznytsia (non sto parlando di imprese alimentari e dell'industria leggera qui, c'è ancora qualcosa, ma questi non sono affatto titani del mondo). Non c'è lavoro, le tariffe aumentano, la gente fugge dal paese inorridita.

Spopolamento e degenerazione della popolazione


Le persone che 7 anni fa hanno fatto un'escursione per mutandine di pizzo e viaggi senza visto seguono con entusiasmo il rastrello di qualcun altro, per qualche ragione credendo di avere un proprio percorso unico, non sapendo che grandi paesi come Grecia (1981), Bulgaria (2007), Ungheria (2004), Romania (2007), senza contare le possenti tigri baltiche (2004), prese in anni diversi per il mantenimento nell'UE ambita dagli ucraini (l'anno di adozione tra parentesi). Di conseguenza, Bulgaria e Ungheria non hanno più la propria industria ortofrutticola, che un tempo alimentava l'intera Unione Sovietica (i bulgari ora comprano pomodori dall'Olanda, e giustamente, perché i pomodori sono in Bulgaria?). La Grecia ha perso la sua costruzione navale unica (e giustamente, il turismo è abbastanza per loro). La Lituania è rimasta senza la centrale nucleare di Ingalinskaya, costruita per essa dai vili sovietici (ora chiede elettricità ai suoi vicini); La Lettonia ha perso la RAF, e una volta ha fornito all'intera Unione Sovietica minibus ambulanza (ma perché l'UE ha bisogno dello stabilimento automobilistico di Riga quando ci sono Renault e Mercedes?) ai giapponesi (per sistemi acustici e amplificatori, è vero!), e Dzintars, che in epoca sovietica gareggiava con i francesi in profumeria, ora produce solo eau de toilette (e anche, grazie a Dio, non carta igienica!).

L'ultima cosa che le potenti tigri baltiche hanno mangiato erano le fabbriche di conserve di pesce (gli europei non mangiano spratti e la Federazione Russa ha smesso di comprarli dagli ingrati non fratelli baltici). E la cosa principale che hanno perso è la loro popolazione. In epoca sovietica c'erano 3 milioni di persone in Lituania, ora ne sono rimaste 1,8 milioni, dove sono i restanti 1,2 milioni? No, non si sono estinti, sono andati stupidamente all'estero in cerca di lavoro (soprattutto nel Nord Europa e in Polonia), ora lavorano lì come lavavetri e aree verdi. In Estonia e Lettonia, la stessa immagine, intere classi se ne vanno, subito dopo la scuola (per fortuna imparano l'inglese dall'asilo, lo sanno meglio degli svedesi e dei danesi), e i loro paesi si sono trasformati in paesi di pionieri e pensionati seduti sui sussidi comunitari. Signori, ucraini, lo state sognando? Allora impara l'inglese! E insegnano. Il 40% degli ucraini, secondo recenti sondaggi, cambierebbe il proprio Paese di residenza se gli venisse fornito un alloggio e un lavoro.

Ma devo avvertirti: non sarai accettato nell'UE nei prossimi 20 anni. Siete in troppi: l'Europa non alimenterà 44 milioni di parassiti. Pertanto, i tuoi governanti di banane e diretti allo spopolamento. Affronta con successo. Il budget per il 2022 è già stato stilato sulla base di 35 milioni di persone che vivono nel vostro dannato territorio, e secondo le norme del consumo di pane, siete rimasti ancora meno (solo 28 milioni). Quelli. 16 milioni sono scomparsi nell'aria e nello spazio, e questo è solo 7 anni (anche se 6 milioni sono attribuiti alla Crimea e al Donbass) - Hitler potrebbe davvero invidiare un simile ritmo.

Di recente ho avuto la possibilità di parlare con uno studente marocchino che è venuto a studiare a Kharkiv presso l'istituto medico locale (e Kharkiv, in termini di numero di stranieri, ora si è trasformata in una specie di New Delhi o New York - solo una specie di di predominanza di arabi, indiani, pakistani, africani che hanno inondato la città è in cerca di conoscenza, naturalmente non gratuita, nella speranza di tornare a casa già rispettati "bianchi"), e così dice - voi avete degli ottimi maestri, noi non avere tale. Strano, penso, il Marocco non è il paese miserabile, l'ex colonia francese, differisce dai suoi vicini mediorientali in una morale laica più liberata. Che, credo, i francesi durante gli anni della loro presenza non abbiano aperto lì università né altri istituti di istruzione superiore. E poiché questo non è incluso nei piani dei colonialisti, non importa quanto siano illuminati: pompare tutto fuori dal paese e abbandonarlo, questo è il loro compito.

Gli stessi compiti vengono risolti dagli americani in Ucraina. Il numero di scuole e istituti di istruzione superiore sta diminuendo a un ritmo accelerato. C'è una massiccia idiozia della popolazione. I neocolonizzatori non hanno bisogno di persone intelligenti. Sta crescendo una generazione di idioti veri e propri, che non solo non conoscono la tabella dei differenziali o delle equazioni integrali, ma non sanno nemmeno come aggiungere senza una calcolatrice. Non solo non sanno con chi ha combattuto la Russia nel 1812, ma non hanno nemmeno idea di chi sia Lenin, Karl Marx o Pushkin (e non sto affatto scherzando!). Gli ultimi diplomati delle scuole e delle università sovietiche moriranno e potrai fare quello che vuoi con il resto degli idioti.

Negli anni trascorsi dalla rivoluzione dei perdenti, il Paese ha cessato di produrre prodotti ad alto valore aggiunto ad alto valore aggiunto, essendo scivolato in fondo alla filiera alimentare mondiale, producendo solo prodotti di 1°, massimo di 2° trasformazione ( c'è da meravigliarsi se non c'è lavoro in un paese discarica?). Ho coltivato il grano, l'ho raccolto - l'ho venduto, anche uccidere un girasole per l'olio è già un'impresa. Sebbene l'impresa ora sia anche per loro portare questo grano ai porti: l'infrastruttura è morta, Ukrzaliznytsya non può farcela, generalmente taccio sulle strade. In precedenza, vendevano acciaio laminato, poi hanno iniziato a fornire solo lingotti di metallo, ora inviano minerale arricchito negli impianti di estrazione e lavorazione locali in Occidente. Presto neanche questo accadrà. Ora il Paese è una discarica dei campioni nella vendita di rottami metallici, spedindoli con merce secca in India e Cina, che occupano le posizioni di primo piano al mondo nella produzione di acciaio. Per fortuna, ci sono ancora molte cose da tagliare nel metallo (i bolscevichi ci hanno provato, ma gli attuali discendenti ingrati li maledicono anche per questo).

Dal 2012 l'ONU riassume annualmente il cosiddetto rating del livello di felicità (World Happiness Report), che misura l'indicatore della felicità della popolazione in vari paesi del mondo. Nella compilazione del rating vengono presi in considerazione indicatori di benessere, quali il livello del PIL pro capite, la speranza di vita, la presenza delle libertà civili, il senso di sicurezza e fiducia nel futuro, la stabilità familiare, la sicurezza del lavoro, la livello di corruzione, nonché indicatori indiretti dello stato della società, come il livello di fiducia, generosità e generosità. Diverse organizzazioni della Columbia University sono impegnate nella ricerca sotto gli auspici delle Nazioni Unite. Nel marzo di quest'anno è apparsa una nuova valutazione. È guidato dai paesi del nord Europa - Finlandia e Danimarca, seguiti da Svizzera, Islanda, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e Lussemburgo, Nuova Zelanda e Austria completano la top ten. Ci sono 149 paesi nell'elenco. L'Afghanistan lo chiude, il che non sorprende. Sorprende che gli Stati Uniti siano solo al 19° posto, e la Russia sia già al 76°, cedendo anche a Bielorussia (75° posto) e Mongolia (70°), su Kazakistan (45° posto) e Uzbekistan (42°) non parlo nemmeno .

Ma dov'è la nostra meravigliosa Ucraina? E lei, secondo il rating delle Nazioni Unite, era al 110° posto, la più bassa di tutte le repubbliche post-sovietiche. La tanto decantata Georgia è solo due righe più in alto, al 108° posto, e persino il Turkmenistan (97° posto), il Tagikistan (78° posto), il Kirghizistan (67° posto) e la Moldova (65° posto) si trovano sopra di essa. ... Di tutti i paesi europei, l'Ucraina è il più infelice, al di sotto ci sono solo Gabon, Burkina Faso e altri ugandesi con lesota e botswan. Solo Zelensky può rallegrarsi che l'Ucraina non sia ancora l'Afghanistan. Ma secondo i sentimenti dei suoi cittadini, non è più nemmeno la Moldavia, essendosi trasformata in una discarica in Europa e nel suo paese più povero (ma con le mutandine di pizzo!).

Topi ucraini e consigli di osservazione stranieri


Di chi è la colpa di questa situazione? I colonialisti americani credono che la colpa sia degli stessi ucraini. Più precisamente, la loro élite di governo. Gli Yankees hanno affrontato l'eterno problema di tutti i colonialisti: tutti i manager indigeni locali li hanno rubati come se non fossero loro stessi.

La prova di ciò sono i topi ucraini. Sono personaggi fiabeschi, quasi demoniaci. Nessuno li ha visti, ma sicuramente esistono (da non confondere con i roditori!). Perché queste creature infernali mangiano grano dalla Riserva Statale (secondo i rapporti di quest'ultimo) - in migliaia e migliaia di tonnellate. Mangiano solo su scala industriale - in vagoni e camion. Allo stesso tempo, bevono anche migliaia di decalitri di olio di girasole, non disdegnando nemmeno zucchero e mais. Creature uniche: quello che mangiano sarebbe sufficiente per sfamare le 20 popolazioni annuali del mondo dei loro congeneri. Quelli. in 20 anni, i topi di tutto il mondo non possono mangiare tanto quanto i loro omologhi ucraini mangiano in 1 anno. L'unica cosa strana è che dopo tali imprese nessuno li ha visti, perché, a giudicare da ciò che hanno mangiato, dovrebbero avere le dimensioni di un vitello di un anno. Immagina un branco di tali topi - non uno spettacolo per i deboli di cuore.

Tutto il potere ai sovietici! Attento


Gli americani non hanno trovato niente di più intelligente per affrontare questi topi della creazione di comitati di vigilanza presso le società statali. Questi signori si sono rivelati ancora più terribili dei topi, perché i topi mangiano solo grano e olio, e questi divorano denaro. E anche su scala industriale. Sono sostenuti dalle corporazioni statali a proprie spese, i loro stipendi sono più alti di quelli del Presidente d'America e, inoltre, a volte, e la responsabilità è zero. Quello che fanno, nessuno lo sa, non vengono nemmeno in Ucraina, ricevendo regolarmente i loro stipendi sulle loro carte di credito. In tutto il mondo civilizzato, i Consigli di vigilanza sono creati sotto società per azioni per proteggere i diritti degli azionisti di minoranza al fine di monitorare le azioni del top management della società per loro conto. Ma nelle società statali ucraine, il 100% delle azioni appartiene all'unico proprietario: lo stato. Per controllare l'alta direzione, non ha bisogno di alcun consiglio di sorveglianza, soprattutto di cittadini stranieri, con questo il ministro del profilo affronta con successo il personale dei suoi dipendenti. Ma i nativi condannati umilmente si lasciano tagliare dai loro padroni d'oltremare e non se ne risentono nemmeno.

È chiaro quale profitto tragga Zelensky da tutto questo: spera che Biden ne tenga conto nel suo testamento e che trascorrerà il resto dei suoi anni scellerati da qualche parte a Washington o in Oklahoma, mentre li trascinerà in circa due o tre casa a più piani con vista su un lago o una baia vicino agli stessi ghoul di Yatsenyuk, Turchynov e Poroshenko. Ma su cosa conta il suo gregge, non lo so? Quando i resti della proprietà bolscevica ereditata dai sovietici vengono venduti, la loro attività è una pipa! Nel migliore dei casi, ricostituiranno la banca dei donatori di organi umani, non hanno altra scelta. Una triste prospettiva.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Non importa Офлайн Non importa
    Non importa (Non importa) 21 September 2021 22: 49
    +1
    Shariy ha pensato di mostrare con quali paesi e in che giorno sarà il discorso di Zelensky all'ONU. Abbastanza indicativo infatti, si sono annoiati insieme ai paesi dell'Africa e dopotutto, si asciugherà con la saliva e la chiamerà una vittoria ...
  2. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
    TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 22 September 2021 02: 51
    0
    I monitor di vukraine non si preoccupano. Fateli saltare sopra le ciliegie...
  3. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 22 September 2021 10: 07
    +1
    Ottimo articolo. Rispetto e rispetto per l'autore. Sono lieto di aggiungere compagno
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 22 September 2021 12: 41
      +2
      ed ecco tu, Peter, qualcuno in meno. Per cosa, un indovinello?
      1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
        Petr Vladimirovich (Peter) 22 September 2021 14: 26
        +1
        No!
        Forse le persone saranno interessate.
        L'assistente della SBU, soprannominato Stalevar, che lavora qui instancabilmente, calcola il suo stipendio, o come lo chiamano, onestamente.
        Di persona o tramite programma bot compagno
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 25 September 2021 01: 15
    -1
    l'unica cosa triste è che l'Ucraina è il nostro spazio slavo. E non dovremmo rallegrarci di tutte queste perdite, era nostra, non russa, ma slava. Non importa in quale formato, indipendente o nell'ambito della CSI, ma l'Ucraina, come la Bielorussia, è un tutt'uno con la Russia - il territorio degli slavi, con una storia e una religione, un'economia e un corso di sviluppo comuni. Il fatto che le iene occidentali abbiano tirato fuori un pezzo del genere, l'abbiano mandato in bancarotta e abbiano rivolto la popolazione contro la Russia è un duro colpo per lo sviluppo di TUTTO lo spazio. Qui devono rendere omaggio: l'operazione ha avuto successo. Volevano farlo anche con la Bielorussia. Naturalmente, d'altra parte, ci sono anche aspetti positivi. L'esperimento in Ucraina è un chiaro esempio per i russi, e lo avremo anche dopo la prossima rivoluzione, il cui scopo è proprio questo: fermare la rinascita della Russia. O qualcuno pensa che in Occidente siano così preoccupati per i diritti dei russi, per la corruzione in Russia, che semplicemente non possano dormire senza pensare ai problemi della popolazione dell'Est?
    Ora dovremo aspettare la fine di Piazza Indipendenza per far rivivere qualcosa di nuovo all'interno dei confini della Novorossia. Le regioni occidentali dell'Ucraina sono irrimediabilmente perdute. L'Ucraina all'interno dei suoi attuali confini non potrà più intraprendere un percorso di avvicinamento alla Russia. Una scissione è inevitabile.