"Regali del Sultano": Erdogan ha scambiato due nuove centrali nucleari in Turchia con l'Idlib siriana?


Pochi giorni fa si è svolto a Sochi un incontro tra i presidenti Putin ed Erdogan. In sole tre ore, i leader russo e turco sono riusciti a discutere una serie di questioni, tra cui la situazione in Siria, Nagorno-Karabakh, nonché la possibilità di una parziale localizzazione all'estero della produzione del sistema di difesa aerea S-400 e il trasferimento a Rosatom dei progetti per la costruzione di altre due centrali nucleari sulla costa turca del Mar Nero. Vale la pena parlare di quest'ultimo in modo più dettagliato.


Diciamolo chiaro: vista la situazione tesa a Idlib, dove le forze aerospaziali russe e le truppe governative della SAR stanno chiaramente preparando una vendetta per i turchi, la proposta del presidente Erdogan di dare appalti per altre due centrali nucleari sembra un tentativo di "imburrare su” il Cremlino. Abbiamo subito raccolto questa idea con gioia, ma ne vale la pena essere sui "doni del Sultano"?

Perché non è redditizio?


Attualmente Rosatom, attraverso la sua controllata, sta completando la costruzione della prima centrale nucleare in Turchia denominata Akkuyu. La prima power unit dovrebbe entrare in funzione nel 2023 e, dopo la messa in servizio di tutte e quattro, Ankara potrà contare su una potenza complessiva di 4800 MW. Il vantaggio per la parte turca è fuori dubbio, il che, purtroppo, non si può dire della parte russa.

È generalmente accettato che l'appaltatore consegni semplicemente la centrale nucleare costruita al felice proprietario e si occupi della sua successiva manutenzione come consulente tecnico, fornitore di carburante e altri materiali di consumo. Tuttavia, Rosatom ha deciso di essere creativo e di applicare un modello di business "innovativo", che si chiama "build-own-operate" (in inglese - BOO, Build-Own-Operate). Ciò significa che la sua struttura sussidiaria deterrà il 99,2% delle azioni e il problema del recupero del progetto ricadrà esclusivamente sulle spalle dell'ente statale.

Inoltre, Rosatom non è riuscita a convincere i turchi ad assumersi l'obbligo di acquistare determinati volumi di elettricità a un determinato prezzo fisso. Tutto ciò su cui Ankara ha concordato è stato quello di acquistare il 70% dei volumi generati dalle prime due unità di potenza a 12,35 centesimi di dollaro USA per kilowatt/ora durante i primi 15 anni e il 30% dalla generazione dei due successivi. Allo stesso tempo, dopo che la centrale nucleare avrà raggiunto il recupero, la Turchia riceverà il 20% del reddito netto della centrale. Condizioni lussuose, non dirai nulla! Da notare che Rosatom dovrà in qualche modo recuperare i 22 miliardi di dollari investiti. È ovvio che Akkuyu è un progetto commerciale estremamente dubbio per la Russia sotto tutti gli aspetti. Al suo politico componente torneremo più in dettaglio un po' più avanti.

E qui ci viene offerto di costruire altre due centrali nucleari simili, a Sinop e Igneada.

Si presume che la seconda centrale nucleare in Turchia apparirà vicino alla città di Sinop. La capacità delle sue quattro unità di potenza è di 4800 MW. Doveva essere costruito da un consorzio della società giapponese Mitsubishi e della società francese Framatome. Il costo del progetto è stato di 22 miliardi di dollari, come il nostro Akkuyu. Tuttavia, dopo il disastro di Fukushima-1, gli appaltatori hanno apportato modifiche al progetto e la stima è raddoppiata, arrivando a 2 miliardi di dollari. Ankara ha rifiutato di collaborare con il consorzio franco-giapponese, ma con tecnico Il punto di vista di Sinop è la piattaforma più preparata. La situazione è un po' diversa con il progetto a Ingleada, anch'essa situata sul Mar Nero, a soli 10 chilometri dalla Bulgaria. La terza centrale nucleare turca doveva essere realizzata dalla società cinese SNPTC utilizzando le tecnologie dell'americana Westinghouse basata sui reattori AP1000 e CAP140. Il varo della prima unità di potenza era previsto già nel 2023, ma non ci sono reali progressi nella costruzione della stazione.

Quindi, dobbiamo capire se la Russia vale la pena intraprendere questi progetti.

Perché è pericoloso?


Scherzi a parte, non è chiaro da dove provenga tutto questo entusiasmo per i "doni del Sultano". Ci sono troppe possibili "insidie" nella cooperazione con la Turchia proprio sulla riva.

In primo luogo, se il modello di business BOO (Build-Own-Operate) viene applicato a Sinop e Inglead, allora invece di un Akkuyu otterremo tre progetti contemporaneamente con dubbie prospettive di recupero. Non c'è motivo di credere che questa volta Rosatom si mercanterà per condizioni migliori.

In secondo luogo, la cooperazione a lungo termine con Ankara è estremamente inaffidabile da un punto di vista politico. La Turchia ha attraversato la strada della Russia in Siria, Libia, Nagorno-Karabakh, ora in Turkmenistan e in Asia centrale in generale. Nel nostro paese, è piuttosto ingenuo credere che le centrali nucleari leghino strettamente i turchi a Rosatom in termini di forniture e servizi di carburante. Diciamo che ci saranno 3 centrali nucleari, il che significa che la dipendenza sarà tre volte maggiore. Ahimè, questo non è il caso. Nulla può impedire ad Ankara di nazionalizzare queste infrastrutture energetiche strategiche in caso di aggravamento dei rapporti con Mosca. Non ci saranno problemi particolari nemmeno con le forniture di TVEL: Westinghouse si è già formata presso le centrali nucleari ucraine e ha adattato il suo combustibile nucleare per i reattori di progettazione russa. In altre parole, potremmo perdere qualcosa come 66 miliardi di dollari in una volta (22 per 3). La domanda è: chi terrà effettivamente chi per il posto "causale": siamo turchi o loro?

In terzo luogoPensiamo alle implicazioni a lungo termine del cambio di appaltatori per nuovi progetti nucleari. In questo caso, saremo interessati alla centrale nucleare di Ingleada, che la Cina intendeva costruire. Ricordiamo quanto furono terribilmente offesi i francesi quando fu preso da sotto il loro naso un contratto multimiliardario per la costruzione di sottomarini. A Parigi, questo è stato preso quasi come un insulto nazionale. Chissà come reagirà Pechino se Mosca gli toglie il contratto? Sì, in teoria, che differenza fa per noi, abbiamo il capitalismo, niente di personale, solo affari. O no? Il Cremlino sembra propenso a rapporti amichevoli con la Rifondazione, ma cosa succede se i cinesi si offendono e poi ricordano? O qualunque cosa accada, ma il denaro non puzza? Bene, lascia...

In quarto luogoCreando un'infrastruttura specifica e formando specialisti turchi, contribuiamo inevitabilmente allo sviluppo del programma nucleare di Ankara, che in futuro potrebbe ricevere una direzione militare. Il presidente Erdogan ha già parlato direttamente della necessità che la Turchia acquisisca armi nucleari.

La linea di fondo è che la cooperazione con la Turchia nel campo dell'energia nucleare è un'idea molto controversa, che in seguito potrebbe rivelarsi un lato opposto della Russia. Approfondirlo e ampliarlo costruendo altre 2 nuove centrali nucleari sembra essere una pessima idea. Se si scopre anche che questi progetti sono il risultato di uno scambio di de-escalation a Idlib a favore della Turchia, allora questa è solo una specie di follia. Si noti che dopo l'annuncio dei "doni del Sultano" le informazioni sugli attacchi preparatori delle forze aerospaziali RF contro le posizioni dei militanti pro-turchi nel nord della RAS sono drasticamente diminuite. Vorrei sbagliare, ma si ha l'impressione che invece di ridurre economico Al contrario, il Cremlino è felice di approfondire la sua dipendenza da Ankara.
24 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 October 2021 12: 29
    +2
    IMHO, è necessario esaminare più in dettaglio il piano aziendale della centrale nucleare.
    E tutti i tipi di riferimenti a Idlib sono per i normali Saidov e Mustaf, che si sparano a vicenda. Questo non ha mai fermato il capitale.
    Vendi SU57 all'assassino di piloti: paga e basta.
    Al culmine della tensione, i nostri lavoratori dei trasporti sono volati silenziosamente in Siria attraverso la Turchia. Gli articoli erano anche qui.
  2. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
    selvaggio1976 7 October 2021 13: 11
    +2
    La cooperazione tra Stati è una questione complessa. In una famiglia, marito e moglie a volte hanno obiettivi diversi e differiscono ancora di più tra gli stati. Che sia redditizio o meno, gli esperti dovrebbero comunque considerare. Ad esempio, nella Federazione Russa, il costo dell'elettricità dalle centrali nucleari per il 2019 (non sono riuscito a trovare dati più recenti) è di circa 0.6 rubli per kilowatt, vendendo a $ 0.1235 per kilowatt, quasi 9 rubli dalle stesse centrali nucleari è abbastanza redditizio, dato che il costo della stazione in Russia e Turchia è approssimativamente uguale. Bene, è del tutto possibile proteggersi dalla nazionalizzazione e da altri rischi, ad esempio fermare la stazione e bloccare tutto il software della stazione, e la stazione deve essere riparata e non solo cambiata le aste. La stessa Ucraina ha una vasta esperienza e industria nella creazione di apparecchiature e unità per centrali nucleari e ne effettua la riparazione a casa, ma è tutto in Turchia?
    1. Mish Офлайн Mish
      Mish (Mish) 8 October 2021 13: 15
      -2
      Citazione: savage1976
      La cooperazione tra Stati è una questione complessa. In una famiglia, marito e moglie a volte hanno obiettivi diversi e differiscono ancora di più tra gli stati. Che sia redditizio o meno, gli esperti dovrebbero comunque considerare. Ad esempio, nella Federazione Russa, il costo dell'elettricità dalle centrali nucleari per il 2019 (non sono riuscito a trovare dati più recenti) è di circa 0.6 rubli per kilowatt, vendendo a $ 0.1235 per kilowatt, quasi 9 rubli dalle stesse centrali nucleari è abbastanza redditizio, dato che il costo della stazione in Russia e Turchia è approssimativamente uguale. Bene, è del tutto possibile proteggersi dalla nazionalizzazione e da altri rischi, ad esempio fermare la stazione e bloccare tutto il software della stazione, e la stazione deve essere riparata e non solo cambiata le aste. La stessa Ucraina ha una vasta esperienza e industria nella creazione di apparecchiature e unità per centrali nucleari e ne effettua la riparazione a casa, ma è tutto in Turchia?

      Non ammette che la Turchia può semplicemente arrestare il personale se la centrale nucleare viene chiusa?
      1. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
        selvaggio1976 8 October 2021 13: 27
        +2
        Hai mai sentito parlare del telecomando nei tempi moderni? Lo sai che questo è un pretesto per una guerra su vasta scala? Una cosa è realizzare la proprietà e un'altra è prendere in ostaggio cittadini di un altro Stato. E nessuno ha cancellato la risposta sotto forma di detenzione dei turchi in Russia e nazionalizzazione delle loro imprese in Russia. E abbiamo anche parecchie delle loro imprese, centinaia in vari campi, dall'edilizia alle banche.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 7 October 2021 13: 14
    -1
    Tutto ciò su cui Ankara ha concordato è stato quello di acquistare il 70% dei volumi generati dalle prime due unità di potenza a 12,35 centesimi di dollaro USA per kilowatt/ora durante i primi 15 anni e il 30% dalla generazione dei due successivi.

    E questo con la stampa annuale di trilioni di dollari (carri) da parte degli americani? Tra qualche anno, questi 12,35 centesimi di dollaro USA per kilowatt/ora potrebbero essere così zero da trasformarsi in 12,35 centesimi russi per kilowatt/ora. E poi cosa? La Russia perdonerà di nuovo i debiti?
    1. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
      selvaggio1976 7 October 2021 14: 31
      -2
      Ma potrebbe essere diverso, che questi 12.35 centesimi costeranno 500 rubli. Quale opzione pensi sia più probabile? Un dollaro vale 1 rublo o un dollaro vale 200 rubli?
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 7 October 2021 14: 40
        -1
        Non hai capito! 12,35 centesimi di dollaro USA per kilowatt/ora possono essere azzerati così tanto da trasformarsi negli attuali 12,35 centesimi russi per kilowatt/ora. - questo per potere d'acquisto. Cioè, l'inflazione con trilioni di dollari farà abbassare di dieci volte questi centesimi, non è possibile acquistare scatole di fiammiferi con loro e il prezzo rimarrà lo stesso: 12,35 centesimi di dollaro USA per kilowatt / ora.
        1. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
          selvaggio1976 7 October 2021 16: 26
          0
          Ti capisco, ma non dimenticare che gli Stati Uniti hanno bisogno di un barile di petrolio del valore di $ 20 trilioni e chiudono il loro debito, e altri paesi, come la Russia, hanno bisogno di un dollaro per costare 70 rubli, quindi lasceranno cadere le loro valute ancora più velocemente e proporzione il tasso di cambio sarà mantenuto. Ciò significa che l'elettricità da questa stazione continuerà a essere venduta 10 volte più costosa che in Russia.
          1. Bulanov Офлайн Bulanov
            Bulanov (Vladimir) 7 October 2021 16: 35
            -1
            E qual è il punto, allora, per mantenere i risparmi in dollari? C'era un milione - è diventato un dollaro!
            1. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
              selvaggio1976 8 October 2021 01: 27
              +1
              Un milione di dollari rimarrà un milione e un milione di rubli rimarrà un milione, la domanda è cosa si può comprare con questo milione molto meno e la quantità di denaro non cambierà.
        2. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
          selvaggio1976 7 October 2021 16: 29
          0
          Aggiungo anche che non vediamo neanche il contratto e la formula per il calcolo del prezzo. Penso che non ci sia un prezzo fisso, ma la formula per la sua formazione è enunciata e 12.35 è il prezzo corrente secondo questa formula.
    2. smersh chek Офлайн smersh chek
      smersh chek (somsh chk) 7 October 2021 15: 39
      -1
      sì, devi fissare il costo dell'energia all'oro
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 7 October 2021 13: 15
    +1
    "Regali del Sultano": Erdogan ha scambiato due nuove centrali nucleari in Turchia con l'Idlib siriana?

    - Sì, Erdogan "non ha scambiato" nulla ... - Lui (Erdogan) ha appena messo "due cose" in tasca contemporaneamente ... - questo è l'"Idlib siriano" (dove rimarranno i turchi - e non lo farà vai ovunque) e una possibilità molto concreta che la Russia costruisca altre due nuove centrali nucleari per la Turchia (alle stesse "condizioni" in cui sta costruendo la prima centrale nucleare per la Turchia) ... - Queste sono le "grandi tasche" di Erdogan ...
  5. lavoratore dell'acciaio 7 October 2021 14: 15
    +2
    Vedi, non appena inizi a capire in dettaglio le attività dei nostri governanti e i benefici del loro governo scompaiono. Quante domande compaiono contemporaneamente? E immagini che cominceremo, tra qualche anno, a sistemare tutti i loro casi un po' alla volta, visto che ora il governo di Stalin viene smantellato? Quindi sotto Stalin il risultato era economico, politico e morale. E qui? Solo palazzi, yacht e "bottino non puzza".
  6. smersh chek Офлайн smersh chek
    smersh chek (somsh chk) 7 October 2021 15: 36
    0
    se costruisci, allora per contanti ora e non tra 20 anni
  7. squalo Офлайн squalo
    squalo 7 October 2021 17: 03
    0
    L'autore ha già scritto circa 12.35 centesimi per 1 kW. Per oggi il prezzo è favoloso! ;)) C'è anche la seconda parte dell'accordo, la Turchia acquista la centrale nucleare di Akkuyu a costo pieno per 10 anni dopo 15 anni di attività. Quelli. Rosatom restituisce 22 miliardi di dollari. Sì, ci sono sfumature: anche l'inflazione è in dollari. Ma lo stock è senza dubbio molto grande. E il rischio, qualunque cosa si possa dire, c'è anche, ma il vantaggio è enorme ... Se le prossime 2 centrali nucleari sono costruite secondo lo stesso principio, quindi tenendo conto degli investimenti totali, bisogna capire che c'è un enorme vantaggio per Rosatom da un lato, ma la dipendenza della Russia dalla Turchia dall'altro... È come con i debiti: se devi al creditore $ 1000, allora lavori per il creditore e se devi $ 1 miliardo, allora il creditore lavora per te!
    1. Mish Офлайн Mish
      Mish (Mish) 8 October 2021 13: 23
      0
      Citazione: sH, arK
      L'autore ha già scritto circa 12.35 centesimi per 1 kW. Per oggi il prezzo è favoloso! ;)) C'è anche la seconda parte dell'accordo, la Turchia acquista la centrale nucleare di Akkuyu a costo pieno per 10 anni dopo 15 anni di attività. Quelli. Rosatom restituisce 22 miliardi di dollari. Sì, ci sono sfumature: anche l'inflazione è in dollari. Ma lo stock è senza dubbio molto grande. E il rischio, qualunque cosa si possa dire, c'è anche, ma il vantaggio è enorme ... Se le prossime 2 centrali nucleari sono costruite secondo lo stesso principio, quindi tenendo conto degli investimenti totali, bisogna capire che c'è un enorme vantaggio per Rosatom da un lato, ma la dipendenza della Russia dalla Turchia dall'altro... È come con i debiti: se devi al creditore $ 1000, allora lavori per il creditore e se devi $ 1 miliardo, allora il creditore lavora per te!

      In generale, le centrali nucleari vengono costruite in una regione dove non ci sono grandi imprese, il che significa che l'elettricità dovrà essere trasportata su distanze considerevoli, linee elettriche, trasformatori ... chi costruirà e possiederà tutto questo è un mistero. È possibile stabilire una tariffa tale che la stazione pagherà in 100 anni.
  8. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
    Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 7 October 2021 19: 28
    0
    Il governo russo sta portando avanti un programma di interessi di vari gruppi industriali.
    La politica economica e l'esercito non sono interessati.
    I consiglieri del Cremlino sostengono - che attraverso "progetti congiunti", la dipendenza reciproca
    negli affari - l'interdipendenza si formerà in politica, strategica
    problemi - sia con l'Europa che con la Turchia.
    Al momento, sia l'Europa che la Turchia - mantengono la libertà di azione CONTRO la Russia, su tutte le questioni concordate con gli Stati Uniti e, nel caso della Turchia, in tutte le aree del programmato
    ESPANSIONI Turchia.

    Forse la Russia NON ha interessi politico-militari ... solo OVUNQUE ... -
    ovunque Turchia, Gran Bretagna, Stati Uniti e NATO abbiano interessi militari e politici.
    Al momento, la Russia ha solo progetti imprenditoriali.
    E allo stesso tempo la "propaganda" del Cremlino grida: "La Russia è circondata".
    Questa è una diagnosi? O bisogna solo aspettare... 50 anni? E - "da Lisbona a Vladivostok ..."?
  9. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro 7 October 2021 22: 06
    -1
    Bravo Sultano, bene.
    Due tre stazioni. Il personale tecnico sarà formato, gli ingegneri saranno formati, la base scientifica sarà sviluppata. Guardi e puoi sognare una bomba, naturalmente per motivi puramente pacifici.
    E nella "zona" lungo il confine, puoi rivettare umanamente moschee, introdurre la tua infrastruttura e distribuire passaporti. E poi, come decideranno le persone, così sarà. Ma con i curdi c'è ancora una soluzione per trovare tutto nel cioccolato.
  10. tempesta-2019 Офлайн tempesta-2019
    tempesta-2019 (tempesta-2019) 8 October 2021 07: 51
    0
    Da notare che Rosatom dovrà in qualche modo recuperare i 22 miliardi di dollari investiti. È ovvio che Akkuyu è un progetto commerciale estremamente dubbio per la Russia sotto tutti gli aspetti.

    E che Rosatom non può investire questi miliardi in Russia e costruire due centrali nucleari nelle sue vicinanze, nelle vicinanze di oltre milioni di città, fornendo al Paese elettricità a basso costo.
    Ciò che impedisce di portare la quota di centrali nucleari nella generazione russa ad almeno il 50% e di sbarazzarsi delle centrali termiche a carbone che fumano il cielo e uccidono l'ambiente.
    In Francia, questa quota supera l'80% e non si "preoccupano" dell'indipendenza energetica.
    I tubi semivuoti del "flusso turco" non insegnano niente a questi dirigenti del Cremlino e portare soldi fuori dal paese è il loro compito principale?
    1. Mish Офлайн Mish
      Mish (Mish) 8 October 2021 13: 28
      +1
      Citazione: Storm-2019
      Da notare che Rosatom dovrà in qualche modo recuperare i 22 miliardi di dollari investiti. È ovvio che Akkuyu è un progetto commerciale estremamente dubbio per la Russia sotto tutti gli aspetti.

      E che Rosatom non può investire questi miliardi in Russia e costruire due centrali nucleari nelle sue vicinanze, nelle vicinanze di oltre milioni di città, fornendo al Paese elettricità a basso costo.
      Ciò che impedisce di portare la quota di centrali nucleari nella generazione russa ad almeno il 50% e di sbarazzarsi delle centrali termiche a carbone che fumano il cielo e uccidono l'ambiente.
      In Francia, questa quota supera l'80% e non si "preoccupano" dell'indipendenza energetica.
      I tubi semivuoti del "flusso turco" non insegnano niente a questi dirigenti del Cremlino e portare soldi fuori dal paese è il loro compito principale?

      Sono state costruite molte centrali nucleari in Russia dopo il crollo dell'URSS o altre centrali? sono tutti privati, sebbene Rosatom sia formalmente una società statale, il profitto va agli azionisti
  11. Vovan Petrov Офлайн Vovan Petrov
    Vovan Petrov 8 October 2021 10: 37
    +1
    Queste centrali nucleari sono il giogo che Rosatom tiene al collo della Russia. O idiozia o vero e proprio sabotaggio mirato a sottrarre fondi all'economia russa. Per la Russia in questi "progetti" ci sono solo perdite e danni sia nel presente (costruzione a spese della Russia) che in futuro (costi operativi e profitto quasi nullo).
  12. Rinat Офлайн Rinat
    Rinat (Rinat) 10 October 2021 09: 34
    0
    Primo: se solo, se solo allora i funghi crescessero in bocca.
    In secondo luogo: l'autore ritiene "ingenua" che la nostra massima leadership sia ingenua nei rapporti con la Turchia in generale e con Erdogan in particolare.
    Terzo: nessuno da parte nostra ha confermato che sosterremo i desideri dei turchi a nostro danno.
    Quarto: la moderna energia nucleare sotto il controllo del paese del produttore non consente, in linea di principio, di avvicinarsi alla creazione di armi nucleari, poiché le tecnologie di un atomo pacifico e di uno militare sono fondamentalmente diverse, agli specialisti turchi verrà dato solo ciò che dovrebbero sapere per il funzionamento sicuro di una centrale nucleare. La Russia sta rispettando coscienziosamente il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari.
    La conclusione è questa: l'autore sta tirando su uno sfortunato gufo. E dove guarda la Società per la Protezione degli Animali? Questa domanda rimase sospesa nell'aria per un momento, ed evaporò... senza una risposta.
    1. Il commento è stato cancellato
  13. più Erdogan nel mondo sarebbero divorziati! Diventiamo ricchi!