Ettaro "abbandonato": perché è meglio dare la terra ai russi, non agli uzbeki


Uno dei temi più importanti degli ultimi giorni può essere giustamente considerato l'informazione che la Russia è pronta ad affittare 1 milione di ettari di terreni agricoli all'Uzbekistan a lungo termine. Sfortunatamente, la stampa nazionale non vi ha prestato sufficiente attenzione, quindi ora proveremo a correggere questa omissione.


Secondo quanto riferito, il ministero dell'Agricoltura russo starebbe discutendo un possibile accordo per affittare 35 ettari di terreno coltivabile all'Uzbekistan per la successiva esportazione. In futuro, l'area dei terreni in affitto potrebbe aumentare fino a 1 milione di ettari. Per fare un confronto, nel 2015 la RPC voleva affittare 49 mila ettari di terreni agricoli nell'Estremo Oriente russo per 115 anni. Si scopre che Tashkent può aggirare anche Pechino con i suoi famosi appetiti.

Nei media nazionali, queste informazioni sono presentate con moderato ottimismo. Ci sono alcune opinioni di esperti secondo cui l'Uzbekistan non è pericoloso per la Russia, a differenza della Cina, il nostro bilancio federale riceverà "enormi entrate" dalla locazione di terreni e queste stesse terre saranno salvate dagli uzbeki dalla desolazione. Leggendo questo, si rimane inevitabilmente stupiti dal volo dell'immaginazione. È incredibile come riesca a capovolgere tutto. Diamo un'occhiata a tutti questi argomenti estremamente dubbi e proviamo a trovare un granello di verità, se è, ovviamente, possibile.

Outsourcing agricolo


Come sapete, l'agricoltura di questa repubblica indipendente dell'Asia centrale dipende in modo critico dall'irrigazione. Il clima caldo secco e la scarsità d'acqua consentono di coltivare qualcosa nella parte pianeggiante del paese solo mediante irrigazione. A causa della crescente popolazione, Tashkent è costretta a ridurre l'area occupata dal cotone a favore dei seminativi. L'Uzbekistan ha un disperato bisogno di cereali, verdure e altri prodotti agricoli in grandi quantità. Invece di investire in infrastrutture per l'irrigazione e passare alla coltivazione di nuove colture che richiedono meno irrigazione, le autorità della repubblica vogliono seguire la strada più semplice e spostare la produzione in Russia, per così dire, verso l'outsourcing.

In generale, possono essere capiti. Ora ditemi, cari lettori, cosa vedete in tutta questa situazione?

Esatto, abbiamo un mercato garantito per i prodotti agricoli. Sorge una domanda naturale: perché, infatti, è necessario dare terre russe agli uzbeki affinché coltivino grano e altre colture nel nostro paese, esportandole per il proprio consumo, se queste stesse terre possono essere coltivate da contadini russi, fornendo cibo da esportare in Uzbekistan? Perché è necessario trasferire alcuni terreni abbandonati a uno stato straniero con un contratto di locazione a lungo termine?

Questa è la "nostra" terra?


La seconda questione che vorrei discutere sarà ancora più delicata. È consuetudine temere terribilmente l'espansione cinese e il graduale assorbimento della Russia da parte del Celeste Impero. Nel vicino Kazakistan, le persone si sono gettate in massa nelle strade quando hanno appreso che le autorità del paese intendono affittare le loro terre agricole alla RPC a lungo termine. La gente comune ha espresso preoccupazione per il fatto che i cinesi si sarebbero sistemati e non se ne sarebbero andati dopo la scadenza del contratto di locazione. Ma perché tali preoccupazioni non vengono espresse riguardo agli immigrati dall'Asia centrale?

Diciamo solo che l'autore delle righe è un sostenitore dell'idea di amicizia tra i popoli e non ha nulla contro i cittadini di altri paesi. Inoltre, simpatizza con le difficili condizioni in cui i cosiddetti lavoratori migranti dal Tagikistan o dall'Uzbekistan sono costretti a lavorare in Russia. Nel contesto della globalizzazione, la migrazione per lavoro è la norma, che a qualcuno piaccia o no. Ma una cosa è quando le persone arrivavano, lavoravano e se ne andavano di casa con i soldi. Un'altra cosa è quando decidono di restare, e addirittura portano con sé tutti i loro numerosi parenti. In generale, questo è anche un loro diritto, ma la popolazione locale e le autorità regionali potrebbero avere problemi con la socializzazione di persone provenienti da un ambiente culturale completamente diverso. Tutti hanno sentito quali eccessi a volte accadono. In URSS c'era un tempo il Ministero delle Nazionalità, nella Federazione Russa per qualche motivo non esiste, il che significa che tutto è stato lasciato al caso.

Secondo quanto riferito, i terreni nelle regioni di Chelyabinsk, Orenburg e Omsk potrebbero essere dati in affitto all'Uzbekistan per un contratto di locazione a lungo termine, e in totale 23 regioni russe hanno mostrato interesse. La domanda sorge spontanea, chi lavorerà su queste terre? Tashkent creerà nuovi posti di lavoro per i russi? O saranno gli uzbeki stessi a coltivare i raccolti? Quest'ultima ipotesi è probabilmente vera. Si scopre che con la loro decisione di cedere 1 milione di ettari all'Uzbekistan per 49 anni, le nostre autorità, per così dire, assicureranno i lavoratori migranti sul terreno, sul suolo russo. Perché spendere soldi e partire, se puoi restare, e anche per un tempo indefinitamente lungo?

È davvero incomprensibile che il ministero dell'Agricoltura, con le sue stesse mani, stia piazzando una "bomba a orologeria" nelle relazioni interetniche nelle regioni confinanti, tra l'altro, con il Kazakistan?

Ettaro "abbandonato"


Colpiscono nel loro cinismo anche i suggerimenti che i contadini stranieri salveranno le cosiddette terre abbandonate. Cos'è questo, a proposito? Terra di nessuno? Esistono ancora persone così? O sono terre che qualcuno una volta "afferrò" e ora non usa per lo scopo previsto? In quest'ultimo caso, poi, lo Stato deve restituirli alla sua proprietà attraverso i tribunali. Tuttavia, torniamo all'argomento principale. A proposito, dove hai preso una tale fiducia che i nuovi arrivati ​​si sarebbero rivelati proprietari zelanti? Non risulterebbe in pratica che gli agricoltori uzbeki faranno un'agricoltura in stile cinese, riempiendo la terra di pesticidi e altre sostanze chimiche attive? Gli esperti piangono per le terre inutilizzate, ma perché non darle ai cinesi e agli uzbeki, ma ai russi?

Il programma dell'"ettaro dell'Estremo Oriente" sta irritando con la sua normale assurdità. Per qualche ragione, si crede che le persone dovrebbero staccarsi dalle loro case, trasferirsi dall'altra parte del paese e iniziare a costruire e coltivare in un campo aperto. A proposito, quanto è redditizio in generale investire in 1 ettaro? Molto più sensata è l'idea di distribuire la terra a tutti nelle regioni in cui vivono.

Vivi, ad esempio, nella regione di Chelyabinsk e sei pronto a provare a fare il contadino? Quindi lascia che lo stato fornisca terra libera, e non 1 ettaro, ma un appezzamento molto più grande, ad uso gratuito per diversi anni con le condizioni della sua destinazione d'uso. Quindi, vedete, la terra non verrà abbandonata e appariranno nuove aziende agricole, possibilmente, in futuro verranno ampliate a causa della fusione in cooperative agricole. E l'Uzbekistan avrà qualcosa da vendere e i russi tratteranno la loro terra con rispetto.

E abbiamo capovolto tutto!
24 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 11 October 2021 13: 51
    +6
    Assolutamente scritto correttamente. E l'impudenza del governo è che questo problema è già stato risolto ed è stato espresso solo dopo le elezioni. Allo stesso modo, Putin apparentemente voleva risolvere il problema con le Curili - di nascosto, ma la gente si è ribellata. Pertanto, anche ora è impossibile tacere. Aumentiamo le tasse sugli orti e alziamo le "zampe" sui prodotti coltivati ​​e proviamo persino a balbettare sulle terre fertili. Andrai in rovina con un motore diesel. E la terra è inattiva perché il governo non vuole occuparsi di questo problema. Non farebbero nulla e riceverebbero denaro! L'ho affittato, soldi in tasca e l'erba non cresce. E lascia che l'altra generazione rastrelli i problemi!
    1. Errore Офлайн Errore
      Errore (Stanislav) 13 October 2021 08: 04
      0
      Tutto è corretto! Vorrei solo vedere la persona che me l'ha suggerito.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 October 2021 14: 18
    +2
    Ettaro "abbandonato": perché è meglio dare la terra ai russi, non agli uzbeki

    - L'autore dell'articolo è il mio vantaggio ...
    - Abbiamo già discusso di questo argomento ...
    - Tutto è così strano che proprio per l'assurdità di questa impresa ... - per concludere un accordo; portare gli uzbeki in Russia e

    affittare all'Uzbekistan 35 ettari di seminativo per la successiva esportazione dei raccolti. In futuro, l'area dei terreni in affitto potrebbe aumentare fino a 1 milione di ettari.

    - tutto sembra semplicemente assurdo ...
    - Prima di tutto ... - ma gli stessi uzbeki andranno in Russia a lavorare nel campo della coltivazione del grano ??? - Oppure andranno con le loro famiglie per approfittare del "sollevamento" (denaro) e di tutti i tipi di preferenze date loro dalla Russia ... - Gli sarà data la cittadinanza, costruiranno alloggi, costruiranno policlinici ; le mogli di questi nuovi arrivati ​​riceveranno capitale russo per la maternità ... - e le famiglie tradizionali uzbeke sono molto numerose (10-12 bambini in una famiglia non è raro) ... e le mogli uzbeke (la maggior parte) non funzioneranno ... - E le nostre famiglie numerose lo Stato pagherà sussidi in denaro, fornirà loro cure mediche; costruire per loro e fornire loro alloggi multi-room; costruire scuole per bambini uzbeki, perché Gli uzbeki possono chiedere che il curriculum scolastico sia insegnato in lingua uzbeka e possono anche chiedere, a spese dello stato russo, di costruire moschee per loro ... - e così via e così via ...
    - E la Russia sarà obbligata a fornire a questi "granocoltori" macchine agricole, combustibili e lubrificanti, basi di riparazione, pezzi di ricambio, ecc. e così via... - E la maggior parte di coloro che sono arrivati ​​potrebbe non voler arare la terra e semineranno il grano più tardi ... - Vivranno, "si adatteranno" ... - metteranno radici e andranno nelle città russe - per commerciare ... - i loro parenti dall'Uzbekistan porteranno frutti in vendita; e loro stessi apriranno negozi, bazar, negozi al dettaglio, scambieranno shawarma; torte, pane tandoor e così via da vendere... - Così...
    - Questo è tutto - costerà alla Russia un "bel centesimo" che non sembrerà un po '...
    - Non è più facile ... - La Russia deve comprare grano dal Canada e ... e ... e fornirlo agli uzbeki ... - dal momento che una tale "preoccupazione" per l'Uzbekistan ha improvvisamente sopraffatto la Russia ???
    - O per fornire il proprio - "grano russo" all'Uzbekistan ... - per prendere l'Uzbekistan "per sussidi" ...
  4. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 11 October 2021 14: 23
    0
    I risultati del lavoro delle autorità per 20 anni. Far quadrare i conti.
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 11 October 2021 14: 27
    -2
    La distribuzione gratuita di qualcosa non è percepita come un valore e, se lo è, è percepita come mezzo di consumo e risorsa speculativa.
    La terra non è diversa dalle altre forze produttive - sottosuolo, strumenti, tecnologia, persone, che sono oggetto di vendita e acquisto e di estrazione di reddito.
    È difficile coltivare la terra, è costoso e non è un dato di fatto che i costi si ripaghino, quindi è più facile vendere o affittare per 99 anni e trarne profitto.
  6. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 11 October 2021 14: 29
    +2
    Citazione: Jacques Sekavar
    È difficile coltivare la terra, è costoso e non è un dato di fatto che i costi si ripaghino, quindi è più facile vendere o affittare per 99 anni e trarne profitto.

    chi è più facile? non decidi per le persone cosa è più facile per loro
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 October 2021 15: 36
    -2
    In linea di principio, vero.

    Ma ci sono alcuni vantaggi per il governo.
    Pagheranno tasse e tangenti, ma nessuno pagherà certo una pensione agli uzbeki, non costruiranno ospedali - scuole, commissioni del lavoro - in modo puramente formale.

    Già come hanno scritto su di esso.
  8. Dimy4 Офлайн Dimy4
    Dimy4 (Dmitry) 11 October 2021 15: 48
    0
    Qualcuno ha ottenuto un buon bottino.

    - Cosa scambi amico?
    - Patria!
  9. Igor IT Офлайн Igor IT
    Igor IT (Igor Ivanov-Tyurin) 12 October 2021 07: 38
    +3
    Sono d'accordo con l'autore!... Gli asiatici porteranno le loro usanze asiatiche, e ogni asiatico sogna di diventare un Bai
  10. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 12 October 2021 08: 33
    -1
    Stiamo aspettando tempi duri, l'inverno è vicino e i marciatori bianchi stanno arrivando. Le elezioni sono passate, chi le ha vinte al trogolo, il che significa che continueremo ad andare allo stesso modo. Un'illusione di prosperità nel paese sarà essere creato e che le persone vivono felici e tutto va bene con noi. Quindi guardo tutto ciò che sta accadendo con noi e mi chiedo come sia fondamentalmente diverso tutto ciò che i burocrati soffiano nelle orecchie del padrone quando riferiscono e cosa succede realmente. sono solo due grandi differenze.
  11. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 12 October 2021 09: 50
    +1
    I terreni nelle regioni di Chelyabinsk, Orenburg e Omsk possono essere trasferiti in Uzbekistan,

    Il clima è rigido. Questo non è Kuban, non Krasnodar ... Tutti sanno come i meridionali tollerano un clima freddo ... Dove è relativamente caldo da maggio a settembre .... E cosa faranno lì per il resto dei mesi, giocare a palle di neve? Per vivere e lavorare lì, devi investire denaro colossale in progetti infrastrutturali. Il mendicante dell'Uzbekistan non ha quel tipo di denaro…. E chi ha detto che l'Uzbekistan esporterà completamente i suoi prodotti dalla Russia? Conoscendo le abitudini dei nostri funzionari, questi prodotti possono competere con i nostri agricoltori. Un tempo, l'URSS affittava la terra alla Cina. Cosa ne è venuto fuori! I cinesi hanno ucciso la terra con vari prodotti chimici, hanno portato via tutto il legno, hanno anche sradicato la canapa e l'hanno portata via. Fino ad ora, lì non cresce nulla. L'opinione è chi sta facendo pressioni per il trasferimento di terreni in un altro stato in affitto - Criminali! Che hanno solo il loro interesse egoistico. Chi vuole incassare soldi facili...
  12. perchè non rinunciarci? la terra è vuota, abbandonata!
    1. Polvere Офлайн Polvere
      Polvere (Sergey) 13 October 2021 11: 40
      0
      Stai morendo di fame? ...Dal fatto che il terreno sarà locato .... Non ci saranno larve extra sul tuo tavolo.
      1. in effetti, hai ragione: ogni giorno leggo come gli uzbeki picchiano i russi in faccia per qualsiasi motivo e urlano di andare in Russia. E i poliziotti simpatizzano con loro. Quindi non è meglio per Putin impostare una rotta migratoria per i russi dall'Asia centrale alla Russia? E invece della terra per mostrare ai fratelli uzbeki un fico con il burro?
  13. Aleksandr Ivashkin Офлайн Aleksandr Ivashkin
    Aleksandr Ivashkin (Alexander) 12 October 2021 14: 30
    +1
    Compagni protestanti! Vi chiedo di dare un'occhiata sobria alla situazione nel paese. Siamo MORITORI! Presto non ci saremo più. Il paese non ha la risorsa principale: le persone, e quelle persone non vogliono affatto lavorare, specialmente in agricoltura. Guarda, solidi manager, promotori, operatori, venditori e aspiranti commercialisti, tutti quei contadini che vivevano nei villaggi si sono trasferiti nelle città e ora stanno padroneggiando convenzionalmente nuove professioni. L'economia è cambiata, è cresciuta, richiede molte volte più persone e la popolazione si è ridotta.

    La terra è abbandonata, davvero abbandonata, abbiamo così tanti campi nella regione di Ryazan, molti da tempo sono tornati ad essere una foresta. Solo negli ultimi anni, grazie al programma dell'attuale governatore e all'infusione di ingenti somme di denaro, un po' di destino è stato restituito all'aratura. Chi lavora lì? russi? Alcuni, perché non sono stati lì per molto tempo, se ne sono andati e si sono bevuti, si sono estinti. Anche se i redditi dei lavoratori agricoli ora non sono nemmeno molto bassi. In precedenza, lo stesso terreno poteva essere acquistato per un centesimo e persino utilizzato completamente gratuitamente, qualcuno lo ha fatto? NO!

    Gli uzbeki sono persone laboriose e ancora di lingua russa, molte famiglie moderne insegnano uzbeki nelle scuole russe. Il paese dell'URSS, il passato comune, dopotutto, si fa sentire. E forse uno dei pochi a svilupparsi in modo indipendente, a spese della principale risorsa dello stato: le persone. Le persone e solo le persone creano il PIL. Per sviluppare queste terre, ogni russo, condizionatamente russo, ha bisogno ora di dare alla luce 3 figli e i suoi figli devono anche dare alla luce almeno 3 nipoti, allora forse tra 49 anni avremo abbastanza persone per utilizzare quegli sfortunati ettari di circa che in più ci sono dieci volte più terra inutilizzata. Pertanto, penso che questo accordo non possa essere considerato dannoso, personalmente vedo solo vantaggi, anche nel fatto che alcuni uzbeki siano assimilati in Russia. Sono almeno in grado di lavorare, dare alla luce e nutrire i loro figli, in contrasto con un numero molto elevato di "uomini" e "donne" russi.
    1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
      Alexey Davydov (Alex) 12 October 2021 16: 11
      0
      Le tue parole sono un atto d'accusa contro le autorità, che hanno speso stupidamente quasi 20 (!) anni sul "salvadanaio".
      Questi uomini e queste donne sarebbero completamente diversi ora. Per non parlare del fatto che ce ne sarebbero molti di più.
    2. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
      Alexey Davydov (Alex) 12 October 2021 17: 55
      0
      Quanto a "dare un'occhiata sobria alla situazione", allora sì, è necessario.
      Vi sono, tuttavia, questioni più importanti e urgenti dell'affitto di terreni liberi agli uzbeki.
      Potrebbe aspettare un po'.
      È necessario avere una visione sobria della situazione con le autorità, con la loro inattività.
      Lo deve alle persone che la nutrono
    3. Polvere Офлайн Polvere
      Polvere (Sergey) 13 October 2021 11: 43
      -1
      E cosa stai sfruttando per gli uzbeki o sei uzbeko?
  14. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 13 October 2021 09: 48
    -2
    Citazione: polvere
    Il clima è rigido. Questo non è Kuban, non Krasnodar ... Tutti sanno come i meridionali tollerano un clima freddo ... Dove è relativamente caldo da maggio a settembre .... E cosa faranno lì per il resto dei mesi, giocare a palle di neve? Per vivere e lavorare lì, devi investire denaro colossale in progetti infrastrutturali. Il mendicante dell'Uzbekistan non ha quel tipo di denaro….

    Io stesso vivo negli Urali meridionali. Non dirmi di parlarti del clima infernale e dei soldi colossali.
    A proposito, nel povero Uzbekistan il costo della vita è più alto che in Russia. Immagina, informazioni di prima mano, mia moglie è arrivata da lì una settimana fa.
    1. Polvere Офлайн Polvere
      Polvere (Sergey) 13 October 2021 11: 49
      -1
      A proposito, nel povero Uzbekistan il costo della vita è più alto che in Russia.

      Se vivono in modo così soddisfacente, perché vanno in Russia a lavorare a frotte? Gli uzbeki ben nutriti non puliscono la spazzatura ... questo è un assioma!
  15. Termine1309 Офлайн Termine1309
    Termine1309 (Alexander) 13 October 2021 10: 14
    -1
    Citazione: Marzhetsky
    Citazione: polvere
    Il clima è rigido. Questo non è Kuban, non Krasnodar ... Tutti sanno come i meridionali tollerano un clima freddo ... Dove è relativamente caldo da maggio a settembre .... E cosa faranno lì per il resto dei mesi, giocare a palle di neve? Per vivere e lavorare lì, devi investire denaro colossale in progetti infrastrutturali. Il mendicante dell'Uzbekistan non ha quel tipo di denaro….

    Io stesso vivo negli Urali meridionali. Non dirmi di parlarti del clima infernale e dei soldi colossali.
    A proposito, nel povero Uzbekistan il costo della vita è più alto che in Russia. Immagina, informazioni di prima mano, mia moglie è arrivata da lì una settimana fa.

    Sarà necessario annunciare questa buona notizia a un paio di centinaia di uzbeki. In mattinata probabilmente lo annuncerò. Mentre i padroni danno loro un giorno di discordia. Probabilmente smetteranno immediatamente e si precipiteranno a casa.
  16. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 16 October 2021 01: 03
    0
    Ed ecco l'indizio
    Leggi l'ultimo articolo su questo canale:

    Secondo Politico, una delegazione del Pentagono e del Congresso degli Stati Uniti visiterà il Paese dell'Asia centrale in ottobre. Il tema principale dei colloqui sarà il dispiegamento delle forze antiterrorismo americane sul territorio dell'Uzbekistan (è stato membro della CSTO fino al 2012).

    https://topcor.ru/22139-v-byvshej-strane-odkb-mogut-pojavitsja-specnaz-i-udarnye-bespilotniki-ssha.html

    La cosa veramente brutta è che stiamo sprecando le nostre risorse per reagire stupidamente.
    L'iniziativa offensiva, ahimè, non è nostra.
    E un cattivo esempio per gli altri vicini. Non solo gli uzbeki si siederanno sul nostro collo in questo modo ora.
  17. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 16 October 2021 12: 48
    0
    Aggiungere altro.
    Come ho già scritto nei miei commenti, in base alla reale attività e al successo della nostra politica estera, giudicano il futuro della Russia come superpotenza regionale.
    Giudicato dal vettore finale di sviluppo. Sta salendo o scendendo.
    L'offensiva dell'Occidente su di noi è ovvia quanto la nostra ritirata dalle posizioni precedenti.
    L'iniziativa è tenuta fermamente dal nostro avversario. Come dicono i comandanti: "Così si perdono le guerre".
    Il nostro cerchio interno controlla da vicino la direzione del vettore.
    Da qui il riorientamento in corso dell'Uzbekistan e di alcuni altri paesi verso gli americani.
    Cercare di "comprare" l'amicizia in queste condizioni è dispendioso e inutile.
    È necessario "rompere" la situazione, "rompere" il nostro vettore verso l'alto.
    Per imporre l'iniziativa al nemico, almeno sul modello delle operazioni "Anadyr" e "Tulip" effettuate dall'URSS nel 1962.
    Anche se comporta un notevole rischio geopolitico.
    Il vettore al ribasso è una garanzia al 100% della morte del paese nel prossimo futuro.
  18. Il commento è stato cancellato
  19. marz Офлайн marz
    marz (Stas) 17 October 2021 05: 50
    0
    Dio che peccato!!!! Tutti gli antenati nelle loro tombe sono passati dal governo di Putin !!!!!!! Dà risorse, ha perso i suoi popoli fraterni, nel suo stesso paese le persone sono mendicanti e umiliate, costantemente terrorizzate dai caucasici, invece di pattugliare le strade delle città da musulmani insolenti, ha inviato un esercito in terre lontane bene, "Ivan Vasilyevich è cambiando professione", chissà come andrà a finire!!??