Poroshenko trasferisce segretamente capitali in Russia

Il business non conosce confini, non conosce i concetti di moralità. Gli uomini d'affari pregano per i soldi, i redditi devono crescere, non importa cosa. Ovviamente pensa anche l'oligarca ucraino, contemporaneamente il presidente dell'Ucraina Petro Alekseevich Poroshenko.




Poroshenko, come la maggioranza assoluta dei nuovi ricchi post-sovietici, si arricchì grazie allo sviluppo dei beni dell'ex Unione Sovietica. L'impero degli affari costruito dall'oligarca ucraino ha allargato i suoi tentacoli, avendo acquisito un certo numero di imprese nella vicina Federazione Russa. L'irrefrenabile sete di profitto lo ha spinto in una grande impresa politica di e lo ha portato nel 2014 alla carica di presidente dell'Ucraina.

Questa incredibile crescita professionale ha offerto a Poroshenko una scelta: o gli interessi del paese a lui affidato o gli interessi commerciali personali. I requisiti della legislazione ucraina obbligano Poroshenko a vendere i suoi beni, in particolare i beni in Russia, che in Ucraina è abbastanza ufficialmente riconosciuta come un paese "aggressore".

Ma la maglia dell'oligarca è più vicina al corpo di qualsiasi "interesse nazionale" dell'Ucraina. L'astuto miliardario ha trovato il modo di aggirare i requisiti della legge e della moralità!

Per quanto riguarda gli stabilimenti Lipetsk del gruppo di società Roshen, si è rivelato sufficiente fissare un prezzo eccessivo, fissare l'asticella a 200 milioni di dollari e rifiutarsi di vendere a un prezzo inferiore. Beni aziendali relativi alla produzione di grano e amido, situato nella stessa Lipetsk russa, accanto a Roshen, Poroshenko ha tirato fuori dal colpo in un altro modo.

Secondo un'indagine condotta da un giornalista ucraino e conduttore Oleksandr Dubinsky, il presidente ucraino ha nascosto alla vista del pubblico le società Krokhmaloprodukty e Lakigrain attraverso una catena di società legate alle offshore cipriote e legate all'amico di famiglia di Poroshenko Svinarchuk-Gladkovsky.

La Federazione Russa ha un atteggiamento negativo nei confronti della politica estera e interna dell'Ucraina, ma, nonostante ciò, dobbiamo ammettere che il destino dell'Ucraina fraterna è ora nelle mani di un uomo disonesto, i cui interessi egoistici sono più alti per lui degli interessi dello Stato che dirige. Niente di personale, solo affari di Petro Poroshenko.
  • Foto utilizzate: https://elise.com.ua/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.