Stati Uniti e UE finalmente si uniscono contro la Russia


Gli Stati Uniti e l'UE prevedono di tenere incontri bilaterali ad alto livello entro la fine del 2021 al fine di coordinare le loro politica di in relazione alla Russia. Lo si è saputo durante i colloqui tra il segretario di Stato Usa Anthony Blinken e il capo della diplomazia europea Josep Borrell, tenutisi il 14 ottobre a Washington.


Il Segretario di Stato e l'Alto Rappresentante Borrell (...) attendono con impazienza l'inizio di un dialogo ad alto livello USA-UE sulla Russia

- osserva nella dichiarazione del capo del servizio stampa del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, pubblicata sul sito ufficiale del dipartimento.

Come sapete, la decisione di principio di istituire un formato speciale per le consultazioni è stata presa in occasione del vertice USA-UE di giugno tenutosi a Bruxelles. L'obiettivo chiave del lancio di una piattaforma per l'interazione bilaterale è stato quindi chiamato sviluppo di una posizione comune nei confronti della Russia. Pertanto, gli Stati Uniti e l'UE hanno chiarito che intendono finalmente unire gli sforzi della politica estera diretta verso la Federazione Russa. E, in base all'esperienza passata, è improbabile che sia amichevole. Ma prima le cose principali.

Interessi americani e insurrezione europea


Il presupposto principale per la formazione del formato "USA e UE contro la Russia" (e questo è proprio il suo scopo reale) è la situazione intorno a Nord Stream 2. Come sapete, gli Stati Uniti hanno compiuto a lungo ogni sforzo per garantire che non fosse completato. Hanno premuto politicamente, diplomaticamente, economicamente. Eppure, le espulsioni di massa apparentemente casuali dei diplomatici russi, così come le sanzioni contro le società coinvolte nella posa del gasdotto, non hanno sortito l'effetto sperato. Il risultato si è rivelato zero, assolutamente disastroso per la parte americana. Nord Stream 2 è pronto al cento per cento, è solo questione di certificazione e lancio. Bruxelles, d'altra parte, si è rifiutata di obbedire a Washington e si è semplicemente rifiutata di annullare il progetto. E alcuni nell'establishment americano la percepirono chiaramente come un'insurrezione.

È per questo che gli Stati Uniti hanno ora fatto pressioni per la formazione di una piattaforma americana-europea separata sulla Russia. La posizione di politica estera americana dovrebbe essere chiaramente elaborata da Washington e trasmessa ai burocrati europei in modo che si raccolgano definitivamente e continuino a schiacciare sul nascere situazioni spiacevoli per gli States (come Nord Stream 2, per esempio). Apparentemente, una parte del deep state americano ha deciso che era tempo di insegnare agli europei a esitare insieme alla linea generale del partito: in modo che non andassero oltre le linee rosse.

La dualità della politica americana


Dovrebbe essere chiaro che nella politica interna degli Stati Uniti, come in qualsiasi altro grande stato, di regola, non c'è consenso su questioni chiave. E anche all'interno dei due partiti americani più influenti, a volte ci sono correnti completamente polari. Dopotutto, a volte si svolge una feroce lotta politica non solo tra democratici e repubblicani, ma anche nelle riunioni interne del partito. Ci sono partiti di "pace e guerra" in entrambi i paesi ei loro interessi spesso si sovrappongono, indipendentemente dall'appartenenza al partito.

In parte, questo spiega perché Biden si rifiuta di imporre nuove sanzioni a Nord Stream 2 e sta cercando di iniziare almeno a ristabilire i contatti con la Russia. Quattro mesi fa, ha incontrato Vladimir Putin a Ginevra e, a quanto pare, ha tratto alcune conclusioni dai risultati dei negoziati, decidendo che un'ulteriore escalation, tenendo conto del riavvicinamento tra Russia e Cina, sarebbe controproducente.

Tuttavia, Biden non può semplicemente prendere e parlare da un'alta tribuna, proclamando un cambiamento nella politica estera nei confronti della Russia - questo sarà immediatamente utilizzato dai suoi avversari, e non solo dai repubblicani guidati da Donald Trump, ma anche dai democratici. Lascia che la posizione di Biden, grazie a fughe di notizie sulla stampa, sia nota da tempo al grande pubblico. Di conseguenza, lo "stato profondo" americano, rendendosi conto della vulnerabilità della posizione del suo presidente, sta facendo di tutto per impedire che le relazioni russo-americane salgano sopra lo zero.

In effetti, è improbabile, ad esempio, che l'iniziativa per il mancato rilascio dei visti ai diplomatici russi provenga dall'amministrazione Biden. Inoltre, iniziò sotto il suo predecessore. Piuttosto, qui vediamo azioni da parte degli aderenti al "partito della guerra", che ha bisogno di escalation dopo escalation per poter aumentare ulteriormente la spesa militare.

Mentre provocano Mosca a una risposta, vogliono consapevolmente una cessazione quasi completa delle relazioni diplomatiche. Per loro, peggiori sono i rapporti con la Russia, meglio è. Più precisamente, più redditizio: più contratti per l'acquisto di armi, più finanziamenti per l'industria della difesa. Come sapete, negli Stati Uniti i principali fornitori di armi per i bisogni dell'esercito sono tradizionalmente aziende private. E la lobby dei grandi affari nella politica americana è stata sempre estremamente forte. C'è da meravigliarsi che la lotta contro la Russia "aggressiva" negli Stati Uniti negli ultimi anni sia stata trasformata in una bandiera che a volte si erge al di sopra degli altri interessi statali del paese?

Allo stesso tempo, Biden, ovviamente, capisce tutto, ma ha le mani legate lui stesso. Arrivato al potere, non solo ha compiuto il tradizionale gesto democratico: ha aumentato le tasse per le società, ma è andato anche oltre, per il bene dell'ambiente, vietando alle aziende americane di sviluppare nuovi giacimenti di petrolio e gas nei territori federali e completando il Keystone-XL gasdotto che porta dal Canada agli Stati Uniti.

Naturalmente, questo ha causato una reazione immediata da parte del grande business e di una parte dell'apparato statale ad esso fedele. A metà marzo, venti stati degli Stati Uniti hanno intentato una class action contro l'amministrazione Biden, chiedendo il permesso di costruire un oleodotto canadese-americano. Secondo i querelanti, si trattava di un grave abuso di potere da parte del governo federale.

Altri quattordici stati in seguito hanno intentato un'altra causa congiunta contro l'amministrazione Biden, per revocare il divieto di produzione di gas e petrolio. La seconda censura è stata accolta. Il primo non è ancora. La lotta dell'amministrazione Biden con le grandi imprese nel quadro della politica interna continua.

Tuttavia, come sapete, nessun processo politico è completo senza concessioni e compromessi. Quindi c'è da meravigliarsi che Biden stia perseguendo la politica estera degli Stati Uniti principalmente negli interessi aziendali della comunità militare-industriale americana? Dopotutto, il deterioramento delle relazioni con la Russia e la creazione di nuovi blocchi militari (AUKUS) soddisfano principalmente i loro interessi finanziari.

risultati


Pertanto, Mosca non dovrebbe aspettarsi nulla di buono dal dialogo UE-USA sulla Russia. Da un lato, il congelamento delle relazioni bilaterali è estremamente vantaggioso per il "partito della guerra" americano. D'altra parte, il quadro generale può essere un po' più ampio.

Il definitivo deterioramento delle relazioni con la Russia consentirà agli Stati Uniti e all'UE di completare la formazione nella mente dei loro cittadini dell'immagine di un forte avversario, contro il quale devono essere scagliate tutte le forze. Dopotutto, come sai, in una crisi non c'è niente di meglio che trovare un nemico esterno e incolparlo di tutti i guai. Che dire, se alcuni funzionari europei in questo momento accusano seriamente la Russia, che sta salvando dal freddo i cittadini dell'UE con forniture che richiedono una produzione al limite, di creare l'attuale crisi energetica in Europa?

Tuttavia, le relazioni con la Russia sono una questione di politica estera troppo legata agli interessi politici interni. Inoltre, sia negli Stati Uniti che nell'UE. Quindi c'è un tentativo da parte delle élite americane ed europee di risolvere i loro problemi a spese della Russia. Alcuni di loro vogliono un radicale deterioramento delle relazioni, mentre altri, al contrario, sono sostenitori della de-escalation. L'unica domanda è chi di loro vincerà.

Tuttavia, chiunque abbia vinto la battaglia per determinare la rotta esterna verso la Russia al prossimo vertice, è necessario capire molto chiaramente che queste persone stanno perseguendo i propri obiettivi. E anche quando discutono della necessità di normalizzare l'interazione bilaterale, pensano prima di tutto a quali vantaggi politici promette loro. E non dimenticarlo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 17 October 2021 13: 29
    +2
    E cosa, qualcuno ne ha dubitato? Il compito principale dell'intera EuroUSA è di rimettere in ginocchio la Russia, come era sotto Gorbaciov-Eltsin, e ricominciare a dividerla in piccoli principati e ulus, come hanno fatto con l'URSS, e quindi appropriarsi delle nostre terre a seconda lo status di Washington e dei suoi branchi - che otterranno dei gustosi bocconcini - il territorio della Russia, ma il principale contendente per tutta la nostra naturale abbondanza saranno gli Stati Uniti, e anche la Cina e il Giappone non mancheranno il momento di strappare la Siberia e il A est da noi secondo il proverbio: L'Oriente è un affare vile. nel mondo assomiglia ai mesi prebellici del 1941, quando la Germania di Hitler con i suoi partner europei, riunì le loro truppe ai nostri confini, e noi timidamente e codardi coprimmo i nostri occhi a tutto questo, proprio come adesso, e solo minacciosamente minacciati con un dito ed esprimiamo le nostre preoccupazioni per la loro armata di truppe ai nostri confini.Durante le esercitazioni, il nostro esercito ha mostrato la sua potenza, e ora ha bisogno di essere mostrato in azione, cioè. in un'operazione in Ucraina per costringerlo alla pace, che minaccia direttamente e chiaramente la sicurezza del nostro paese, e c'è già un carro e un carretto per questo, per raggiungere i confini dell'Ucraina occidentale, e fermarsi lì, e lasciare che l'Europa e gli Stati Uniti vanno in crisi isterica, non siamo estranei a questo, perché prima o poi con l'Ucraina, ma dovremo fare qualcosa, è solo un peccato per la miopia dei nostri "Garantori" che non l'hanno fatto di nuovo in 2014.
  2. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 17 October 2021 15: 15
    +2
    le elezioni si sono svolte in Germania, un paio di settimane prima della crisi del gas. I Verdi (+6%) salgono fortemente, mentre gli oppositori di rifugiati e immigrati perdono il 3%. Cioè, la situazione politica in Germania è stabile e la rotta è verso la decarbonizzazione. I prezzi dell'energia non possono più diventare un fattore politico, così come il tema dei rifugiati. Ma non è così ovunque in Europa, ci sono ancora Francia, Spagna, Italia e l'inverno è sull'orlo della penuria di gas e coronavirus in più. Fino a che punto l'UE può permettersi attacchi contro la Russia è una grande domanda, e perché ne hanno bisogno? Con gli Stati Uniti, dovranno risolvere la questione dell'Ucraina, o meglio, come sbarazzarsi di Zelensky senza gravi sconvolgimenti lì. Tutti vogliono tornare allo status quo, dove l'Ucraina avrà qualcosa come Yanukovich, ma con un pregiudizio europeo. Riforme, lotta alla corruzione, ma senza fanatismo antirusso e slogan sull'adesione alla Nato e all'Ue. Zelensky è già come un osso in gola per tutti, ma come rimuoverlo? Questo è ciò che gli Stati Uniti, l'UE e ciascuno di loro discuteranno a turno con la Russia.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 17 October 2021 18: 32
      0
      Zelensky è già come un osso in gola per tutti, ma come rimuoverlo?

      Gli Stati Uniti hanno una vasta esperienza nello sbarazzarsi di presidenti con una maggiore autostima.
      Perché Zelensky è migliore dei fratelli Kennedy? Lincoln? Sì, ce n'erano molti ...
  3. oracul Офлайн oracul
    oracul (leonide) 18 October 2021 08: 16
    0
    Un corvo non beccherà gli occhi di un corvo, e quindi la possibilità di collusione tra gli Stati Uniti e l'UE è sempre lì. È vero, tocca qualcos'altro. Impongono costantemente sanzioni alla Russia, bloccano le sue iniziative e risultati (vaccino, distruzione di armi chimiche, SP-2), interferiscono con le relazioni di mercato, il che li costringerà semplicemente a iniziare una guerra del gas.
  4. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 18 October 2021 14: 31
    0
    Non dimenticare. E allora? Per fare ciò che? Mangia un cactus? C'è una via d'uscita? Il potere sovietico durò 70 anni. Questa potenza è già 30. Altri 40?
  5. Se non funziona, rosicchiano e si disperdono: l'America non ha soldi per comprare l'Europa!