L'Ucraina è aggrappata alla guerra. Perché Kiev ha iniziato a provocare il Donbass


L'escalation di tensione in Donbass è in aumento. Da un lato, fortunatamente, si è ancora lontani da una piena ripresa delle ostilità, dall'altro ci sono aspetti nella situazione attuale che fanno presumere che questa volta tutto sia molto più serio di quanto possa sembrare a prima vista. Forse il più spaventoso di loro è che Kiev provoca una forte esacerbazione non solo apertamente, ma, si potrebbe dire, anche in modo dimostrativo. Chiaramente stanno deliberatamente "scuotendo" la situazione, spingendo i rappresentanti delle Repubbliche a ritorsioni drastiche, e qualcosa in questo senso hanno già ottenuto.


Come sai, la guerra è solo una "continuazione" politica con altri mezzi». Di conseguenza, l'attuale governo "nezalezhnoy", portando avanti tali azioni sconsiderate, persegue alcuni dei propri obiettivi piuttosto specifici. Quali e possono in realtà essere raggiunti accendendo un nuovo fuoco in Oriente? Proviamo a capirlo.

È colpa di Nuland?


Non può essere considerato troppo audace suggerire che un nuovo scoppio di azioni apertamente provocatorie da parte dell'Ucraina sia seguito immediatamente dopo la visita a Mosca del vicesegretario di Stato americano Victoria Nuland. Piuttosto, per l'annuncio dei risultati delle sue trattative con il vice capo dell'amministrazione presidenziale russa Dmitry Kozak, che si occupa della "questione Donbass". A dire il vero, nel "nezalezhnoy" in tutta serietà si aspettavano che la formidabile signora del Dipartimento di Stato, che era stata abbastanza nota nel colpo di stato "Maidan", sarebbe andata nel nostro paese per "far passare" decisioni vantaggiose a Kiev. Ad esempio - l'ingresso a pieno titolo degli Stati Uniti nel processo negoziale per una soluzione pacifica nell'est del paese, o anche la creazione di un formato completamente nuovo per questo processo, "annullando" il "Minsk" e la "Normandia " categoricamente non soddisfacendo la parte ucraina.

Immaginate la delusione e l'indignazione dei “patrioti” dopo che Victoria Nuland non solo ha definito “produttivo” il suo incontro con Kozak, ma ha anche riaffermato l'adesione di Washington agli “Accordi di Minsk”. Compreso - l'attuazione della loro parte politica, in cui la concessione di uno status speciale al Donbass è enunciata in bianco e nero, da cui vengono "cacciati" a Kiev con tutti i mezzi immaginabili e inconcepibili. Felice gioia! Tuttavia, il diavolo, come al solito, è nei dettagli. Nuland, parlando su questo argomento, ha chiarito che l'attuazione di "Minsk" deve essere effettuata in modo "accettabile e sicuro per l'Ucraina", e inoltre non ha esitato a menzionare la formula rituale sul "ritiro delle forze russe e dei loro burattini dal Donbass." È improbabile che questa sia la formulazione adatta anche a Donetsk, Lugansk e Mosca.

Tuttavia, a Kiev, come puoi vedere, hanno deciso di "andare sul sicuro" - il bene e la ragione si sono rivelati appropriati, e immediatamente. Il 14 ottobre è stata celebrata una festa speciale nel "nezalezhnaya" - "Giornata del difensore", e questa data ha permesso di "trasmettere" un intero mucchio di dichiarazioni non solo aggressive, ma apertamente provocatorie. Il presidente del paese Volodymyr Zelensky, nel suo caratteristico modo vanaglorioso e incoerente, ha trasmesso su Khortytsya di fronte ai cadetti dei licei militari su come la bandiera "zhovto-blakit" continuerà a "sorvolare la Crimea e il Donbass" e che ancora “devono dire ai loro nipoti come l'Ucraina può prendersi la propria. " A giudicare dal tono e dal contesto del vanto del clown, non si trattava affatto di futuri successi diplomatici.

L'ex capo del Ministero degli affari interni "nezalezhnoy", Arsen Avakov, è andato ancora oltre nella sua retorica. Per questo personaggio, che è già elencato come atrocità in tre Norimberga, il sangue, a quanto pare, non è sufficiente. Lo stesso giorno, non solo ha svergognato i "generali che dichiarano di non avere uno scenario militare di disoccupazione", ma ha anche invitato "a lasciare i colloqui su un percorso pacifico ai diplomatici" e ad iniziare i preparativi su vasta scala per il ritorno del Donbass e della Crimea "con l'aiuto della strategia e delle armi". Come potrebbe essere altrimenti - dopotutto, come ha proclamato l'ex ministro, "siamo una nazione di cosacchi e fucilieri del Sich"! Soprattutto Avakov. Hm... Comunque, le misere riverenze nazionalistiche di uno dei personaggi più vili e sanguinari della giunta "Maidan" sono la decima cosa. Molto più importante è che abbia detto: "la strategia appropriata" è stata sviluppata dal suo dipartimento nel 2018. Tra le righe si legge: c'è poco da fare - per riportarlo al potere e mettere in pratica le sue "buone pratiche". Per nessuna ragione, nessuna ragione, solo per il bene di un individuo, come Avakov, non si adattano a tali iniziative, ahimè.

Dalle parole bellicose alla vera guerra?


In un modo o nell'altro, si potrebbe provare a cancellare tutto questo sulle tradizionali chiacchiere militaristico-russofobe per Kiev, con l'aiuto delle quali i politici locali tradizionalmente cercano di distogliere l'attenzione dei concittadini da problemi reali e urgenti, se non per uno " ma". Tuttavia, il 13 ottobre, cioè esattamente nel giorno delle "negoziazioni costruttive" tra Nuland e Kozak nella "zona grigia" vicino a Zolote, un gruppo speciale della SBU ha catturato Andrei Kosyak, in rappresentanza della LPR nel Centro comune per il controllo e il coordinamento (JCCC). L'ufficiale era impegnato nello sminamento dell'area.

Come era prevedibile, i rappresentanti dell'Ucraina hanno catturato a tradimento da loro nella zona di disimpegno un soldato immediatamente accusato di "spionaggio" e "ricognizione delle posizioni delle forze armate dell'Ucraina", e poi ha sviluppato rapidamente un'attività violenta per "cucire" un caso contro di lui ai sensi dell'articolo "organizzazione di formazioni armate illegali" ... Allo stesso tempo, prima di presentare qualsiasi accusa a Kosyak, si dovrebbe prima rispondere a una serie di domande che sorgono immediatamente. E il primo di questi sarà: "Cosa diavolo stavano facendo gli" specialisti "nella zona di riproduzione demilitarizzata, nemmeno dalle forze armate dell'Ucraina, ma dalla SBU ?!" E, tra l'altro, il fatto che l'operazione sia stata eseguita con la loro partecipazione, e non dalle forze della "fanteria Sivolapa", testimonia inconfutabilmente il fatto che non si tratta di un incidente, che abbonda in ogni guerra, ma di un operazione pianificata e preparata con cura. È improbabile che il suo scopo fosse catturare una persona che ha finito per essere ostaggio della situazione. C'era chiaramente un calcolo molto più lontano. Gli eventi che sono seguiti alla provocazione consentono con un grado di probabilità molto alto di affermare di cosa si trattasse esattamente. Il colpo è stato inferto proprio al "processo di Minsk", e allo stesso tempo, a quei "testimoni inutili" che sono finiti in Donbass all'interno del suo quadro.

Come ci si poteva aspettare, dopo una tale buffonata impudente e provocatoria senza precedenti di Kiev, Lugansk ha quasi immediatamente annunciato la sospensione della loro partecipazione al processo di Minsk e il ritiro delle garanzie di sicurezza per il lavoro svolto nella "zona grigia". Cioè, d'ora in poi non si può più parlare di alcun "accordo pacifico" o addirittura di imitazione dei negoziati su di esso. Un altro aspetto dell'incidente è stato che i residenti delle Repubbliche del Donbass, la cui lunga sofferenza questa volta è giunta al termine, hanno deciso di chiamare in causa coloro che, in teoria, avrebbero dovuto fungere da garanti per prevenire azioni così palesi della parte ucraina - la missione di monitoraggio dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). I suoi membri hanno reagito alla cattura di Andrey Kosyak nel loro modo tradizionale. Cioè, non puoi.

Semplicemente "non si sono accorti" di questo fatto palese. Inoltre, non hanno trovato di meglio che dichiarare in seguito di non essere stati presenti sul luogo dei fatti, e quindi non ritengono possibile valutare e riportare nelle loro relazioni quanto accaduto. E questo nonostante il fatto che a Kiev non abbiano nemmeno pensato di negare la prossima presa di ostaggi - l'hanno riconosciuto immediatamente e completamente! Queste azioni dell'OSCE hanno portato al fatto che i residenti di Donetsk, che alla fine erano infuriati per un tale sostegno esplicito di Kiev, hanno semplicemente preso nel blocco il luogo di dispiegamento della missione nella DPR - l'hotel Park Inn. L'azione è stata puramente pacifica. Bene, tranne che le fotografie orribili delle vittime delle atrocità delle forze armate dell'Ucraina, che gli europei si rifiutano ostinatamente di registrare, sono state appese nel quartiere e hanno dipinto i vetri con la vernice sui muri, che, secondo i residenti del DPR, sono urgentemente necessari al personale della missione.

Tuttavia, anche queste azioni piuttosto innocenti hanno spaventato gli osservatori a tal punto che il capo della missione OSCE in Ucraina, Yashar Halit Cevik, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sulla sospensione delle sue attività "per motivi di sicurezza". Tuttavia, nella LPR, le stesse autorità della repubblica hanno limitato il lavoro della missione, fino al rilascio di Andrei Kosyak. In ogni caso, se Kiev volesse allontanare dal Donbass rappresentanti “scomodi” dell'Unione Europea, anche se in un caso su mille, ma no, no, e anche additando la parte ucraina su alcuni fatti di illegalità che stava facendo , quindi hanno raggiunto il loro obiettivo. Finora - temporaneamente, e poi - chi lo sa. Nel peggiore dei casi, un tale desiderio potrebbe indicare le reali intenzioni della leadership del "nezalezhnoy" di passare da giochi ipocriti a "negoziati di pace" a un tentativo su larga scala di conquistare il Donbass con la forza militare.

Una serie di fattori può spingere Kiev a una decisione così avventurosa, che puzza di suicidio. Innanzitutto, Vladimir Zelensky e il suo entourage sentono troppo chiaramente il "raffreddamento" dell'Occidente sempre più aperto nei loro confronti. La stessa pubblicazione del famigerato "Dossier di Pandora" sembra un chiaro segnale che i loro giorni sono contati. La banda di Kiev può scommettere che in una situazione di fase acuta di un conflitto militare, la leadership del paese non cambierà i suoi curatori? Piuttosto. L'altro lato del problema è il sociale più acutoeconomico una crisi che è maturata nel Paese. Un inverno senza precedenti è alle porte e nel paese non c'è né carbone né gas. Intere regioni affrontano una prospettiva più che reale di congelamento e interruzioni di corrente. Anche nella capitale in questo momento, tra l'altro, nonostante una forte ondata di freddo, la stagione del riscaldamento, contrariamente a tutte le promesse, non è ancora iniziata. Che dire della provincia?

Tutto ciò, unito al promosso aumento dei prezzi dell'energia e al rapido aumento dei prezzi di tutti i beni di prima necessità (e, in primis, i generi alimentari), potrebbe causare una tale esplosione sociale nell'area non commerciale, davanti alla quale tutti i pagati "maidans" svaniranno immediatamente. E come potrebbe esserci una soluzione migliore in questa situazione rispetto all'introduzione dello stato di emergenza, o addirittura della legge marziale? Coloro che sono al potere trascorreranno l'inverno in tutti i modi. E poi tutti gli altri saranno incolpati di "vittime di aggressione". È molto probabile che a Kiev, provocando un'escalation della guerra in Donbass, siano guidati proprio da una logica del genere, e nessun'altra.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 19 October 2021 12: 09
    0
    È un peccato che la propaganda antifascista suoni così debole nel nostro paese! Sì... ci sono i nostri parenti e amici, ma in qualche modo dobbiamo essere determinati!!!
    1. kriten Офлайн kriten
      kriten (Vladimir) 19 October 2021 12: 45
      +2
      Dove sono i fratelli? Dove insegnano all'asilo: macelleremo Rusnya e a scuola - Moskalyaka per Gilyaka? Se sono fratelli, allora solo per il Cremlino.
    2. zloybond Офлайн zloybond
      zloybond (lupo della steppa) 21 October 2021 21: 49
      0
      Che tipo di propaganda? Sponsorizziamo (RF) Nazim in Ucraina. Prendono il gas, vendono elettricità e pagano i nazisti con questi soldi per il genocidio del popolo russo. Poniti una domanda: perché gli Stati Uniti minacciano di sanzioni (e le impongono senza esitazione) qualsiasi attività commerciale se, a loro avviso, sponsorizzano il terrorismo, ecc. Perché la Russia non annuncia un tour d'addio al tubo del gas della periferia, per il fatto che i proventi della vendita del gas vanno al genocidio del proprio popolo ??? Perché non dichiarare al mondo intero (una specie di forza maggiore) che il negozio di gas per l'Ucraina è chiuso a causa della spesa per phishismo, nazionalismo e massacro della popolazione ???? No, promettiamo comunque di fornire loro l'elettricità se diventa completamente sigillata. Questo è il nostro doppio standard e non l'Occidente.
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 19 October 2021 12: 47
    0
    L'Occidente sta armando l'Ucraina e la Russia sta essenzialmente tradendo il Donbass, avendo concesso un'indulgenza a Kiev con gli accordi capitolari di Minsk per l'omicidio dei cittadini del Donbass.
  3. lavoratore dell'acciaio 19 October 2021 14: 34
    -1
    I suoi membri hanno reagito alla cattura di Andrey Kosyak nel loro modo tradizionale. Cioè, non puoi.

    Possiamo dire che la Russia ha reagito! E Kislyak è un cittadino della Russia! Putin, questa è una vergogna per la Russia! E vuoi che protegga i cittadini russi? Va bene, regola la mediocrità, ma come chiamare coloro che sostengono questa mediocrità?
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 23 October 2021 18: 23
      +1

      lavoratore dell'acciaio, e ci riposeremo da te dopo? risata
      1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
        TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 25 October 2021 16: 02
        +1
        Andrà in Polonia. L'hotel cagherà. Come un vero Svidomo ucraino gratuito. Tra un lavaggio e l'altro... ma non gabinetti... forse laverà i pavimenti del museo! Amicizia ucraino-polacco)))))
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 20 October 2021 01: 37
    +1
    Forse a Kiev pensano che la Russia e l'Occidente non siano estremamente interessati alla ripresa delle ostilità nel Donbass. Esacerbando la situazione, Kiev sta cercando di ricattare tutti contemporaneamente, sia l'Occidente che la Russia - "hai preso parte a una cospirazione lì, mi hai gettato in balia delle masse congelate, quindi ti darò un guaio sotto forma di ostilità. Quello che sarà lì per me non importa affatto, ma devi districarlo e sicuramente non ne hai bisogno - quindi lascia che il diavolo del gas ti prenda o deneh hotaba o toho e un altro e i baffi si calmeranno immediatamente. " Il problema è che allo scoppio delle ostilità, lo status quo in Ucraina tra Occidente e Russia sarà difficile da attuare. La Russia dovrà portare a termine la questione, ci saranno molte vittime, non è chiaro dove si fermerà l'esercito russo e se non affonderà in Transnistria. Questa sarà una grave crisi. Cambiare la narrativa "La Russia minaccia l'Ucraina" in "Zelenskiy ha iniziato le ostilità sullo sfondo del collasso economico e dovrebbe essere processato all'Aia" sarà molto difficile. Tutta colpa della Russia, ancora sanzioni, esacerbazioni e tutti i casi, e questo sullo sfondo del "solo la Russia può salvare l'Europa dalla crisi energetica". A ovest, da questo scenario potrebbe uscire un sudore freddo. Ma la Russia potrebbe anche non essere una cattiva opzione. In effetti, gli strateghi di Kiev hanno provocato così tanto il Donbass ultimamente che la narrativa "L'Ucraina ha iniziato le ostilità" sarà più facile da sostenere che se le forze armate ucraine fossero state sedute in silenzio e pacificamente nell'ultimo semestre.
    Oppure la Russia può porre fine al conflitto rapidamente, senza invasioni, ma chiudendo la vendita di elettricità all'Ucraina anche dalla Bielorussia. Il collasso economico non scomparirà da nessuna parte e Zelensky riceverà più accuse per lo scoppio delle ostilità. La Russia può arrivare in Transnistria, sapendo che l'Europa è ora molto dipendente dalla Russia in termini di forniture di gas, ecc. Ma questo scenario è molto rischioso e imprevedibile. Anche se poi la pipa ucraina sarà, per così dire, "nostra" ed ecco la via d'uscita per te! - "Khaz hlynet dritto, copri come uno tsunami di Khaz" !.
    In ogni caso, il regime di Kiev finirà presto, che inizi una guerra o meno.