A proposito di Donbass, "Bayraktar", "Gazprom" e "linee rosse" della Russia


L'Ucraina ha violato ancora una volta gli accordi di Minsk e gli accordi di armistizio ad essi collegati, conclusi nel corrispondente gruppo di contatto trilaterale nel luglio dello scorso anno. Scartando le convenzioni e chiamando le cose con i loro nomi propri, possiamo dire: naturalmente mi sono asciugato i piedi su di esse. Inoltre, ciò è stato fatto non solo apertamente, ma in modo dimostrativo, con la massima copertura mediatica e un'adeguata conferma da parte dei funzionari delle forze armate ucraine. A Kiev, nessuno nasconde che lì è stato preso un corso di aggravamento - al contrario, chiariscono con tutte le loro forze che continueranno ad agire ancora più duramente.


Allo stesso tempo, in questo caso, non stiamo davvero parlando di un singolo, sebbene scandaloso, ma di tutta una serie di azioni provocatorie della parte ucraina in Donbass, direttamente volte a incitare uno scontro armato, che con così grande difficoltà riuscito almeno per qualche tempo a congelarsi. Cosa c'è dietro tali iniziative, qual è il loro scopo? Come dovrebbe reagire la Russia a ciò che sta accadendo? Proviamo a capirlo.

"Bayraktarom" - di tregua


Prima di tutto, in questo contesto, è necessario menzionare il presunto 26 ottobre, il primo vero uso di combattimento dell'UAV turco "Bayraktar" nell'intera storia del conflitto nell'est dell'Ucraina. Perché "apparentemente"? Alcuni dubbi (e molto significativi) sono sollevati sia da gravi "incongruenze" in vari rapporti della parte ucraina (in primis quelli ufficiali) su questo incidente, sia da alcuni dettagli puramente tecnici che sono chiaramente visibili durante la visualizzazione di foto e le immagini video dell'attentato. Su Internet è già iniziata un'accesa discussione sull'argomento: "C'è stato un colpo?" Per noi, alla luce del tema in esame, è importante qualcos'altro. Comunque sia, ma Kiev, prima di tutto, nella persona del proprio Ministero della Difesa, riconosce (o si attribuisce) l'inflizione di un attacco missilistico e bomba con l'aiuto di Bayraktar sulle posizioni degli artiglieri della DPR e la distruzione di un obice D-30, o in aggiunta e il suo calcolo (in diverse fonti - in modi diversi).

Secondo la versione ufficiale, queste azioni sono state intraprese dalle forze armate ucraine su ordine personale del loro comandante in capo Valery Zaluzhny "dopo che la batteria nemica ha aperto il fuoco sulle posizioni ucraine nell'area di Granitnoye, causando vittime tra i militari". Cosa c'è che non va qui? Anche supponendo che ci siano stati alcuni "arrivi" dalla DPR, questo in ogni caso non ha conferito alle Forze Armate dell'Ucraina alcun diritto di utilizzare Bayraktar. In conformità con i suddetti accordi di pace dell'estate del 2020, solo i droni appartenenti alla missione di monitoraggio (osservazione) dell'OSCE possono trovarsi nella zona di contatto delle parti in guerra nel cielo. E nessun altro - in nessuna circostanza.

La "no-fly zone" in questo caso si estende per una distanza di 30 chilometri dal "fronte" convenzionale. Tuttavia, il bombardamento della posizione della batteria DPR è stato condotto (secondo dati diversi, ancora una volta) da 15 o addirittura da 11 chilometri dalla "linea di contatto". Inoltre, questo incidente è diventato solo un classico esempio di colpo di "pistola", che è stato "affisso" sul "palcoscenico" del conflitto del Donbass prima del tempo. Lo stesso Zaluzhny un mese prima (a settembre di quest'anno) ha dichiarato completamente apertamente in un'intervista con giornalisti stranieri che i Bayraktar sono attualmente "non nei magazzini", ma sono "dove dovrebbero". Cioè, nella zona di conflitto, nonostante il divieto più rigoroso sul loro uso. In modo che non ci fossero assolutamente dubbi, Zaluzhny ha chiarito che gli UAV turchi stanno eseguendo "missioni di combattimento" lì. Inutile dire che non c'è stata alcuna reazione da parte della "comunità mondiale" a rivelazioni così sfrontate? Tuttavia, non è stato nemmeno da parte della Russia e questo, a quanto pare, ha spinto le forze armate ucraine a passare dalle parole ai fatti.

Per inciso, nel corso della stessa comunicazione con i rappresentanti dei media, il comandante in capo ucraino ha anche ammesso di aver concesso il permesso ai suoi subordinati "di aprire il fuoco di risposta senza coordinare le loro azioni con Kiev". Cioè - sparare indiscriminatamente a tutto ciò che si muove e quando entra in testa. Poco dopo, ciò è stato confermato dal comandante del cosiddetto OOS Alexander Pavlyuk. E, che è tipico, questo è stato fatto, ancora una volta, in modo dimostrativo - di fronte a qualsiasi "rappresentante dell'Europa", il cui ruolo è stato svolto dagli estoni. In effetti, queste dichiarazioni significavano che Kiev si stava ritirando unilateralmente dal cessate il fuoco, avviando un'intensa escalation delle ostilità. E va notato che non avendo ricevuto in risposta nemmeno la tradizionale "espressione di profonda preoccupazione" e una sorta di "ultimo avvertimento", i guerrieri del "nezalezhnoy" hanno ben presto confermato le loro intenzioni con fatti concreti.

Le persone muoiono per il metano?


Prima di tutto, l'esercito ucraino e i servizi speciali hanno iniziato a operare attivamente nella cosiddetta "zona grigia", dove in linea di principio non dovrebbero esistere. La più provocatoria di tali iniziative è stata la SBU effettuata il 13 ottobre nell'area del sequestro di Zolotoy del rappresentante della LPR nel Centro congiunto per il controllo e il coordinamento (JCCC) Andrei Kosyak. Come si è scoperto in seguito, questa persona, inoltre, aveva un passaporto di un cittadino russo. Con grande rammarico, dobbiamo ammettere che anche con questo in mente, non sono state ancora prese misure reali per rilasciarlo. C'è un tuffo lento tra i dipartimenti diplomatici di Mosca e Kiev, si sentono accuse di "tradimento" e "calpestamento degli accordi di Minsk", oltre a parole simili in servizio. Nel frattempo, il "nezalezhnaya" sta diventando sempre più impudente. Parallelamente all'uso in combattimento di "Bayraktar", i suoi guerrieri salirono ancora una volta nella "zona grigia", occupando, anche se temporaneamente, il villaggio di Staromaryevka situato lì. Poi sono scappati, ma questo non cambia l'essenza della questione: le forze armate dell'Ucraina, convinte della propria impunità, agiscono sempre più attivamente e in modo aggressivo.

Infine, la più grave di tutte le atrocità da loro commesse dovrebbe essere considerata il rinnovato bombardamento di insediamenti civili nelle Repubbliche del Donbass di recente. Dalla stessa Granitnoye, mirano ai sobborghi non solo di Gorlovka, ma anche della stessa Donetsk, e il distretto di Telmanovskiy è stato sparato. Secondo l'ultimo dei fatti nominati, il comitato investigativo della Russia ha aperto un procedimento penale, tuttavia, non sembra che ciò abbia preoccupato almeno qualcuno a Kiev. Lì, a quanto pare, credevano fermamente che in questo momento Mosca "non oserebbe" prendere misure di ritorsione davvero serie capaci di ragionare i presuntuosi guerrieri e politici "Intangibili", farli smettere.

Il motivo è semplice: in Ucraina (e, a quanto pare, non senza certe ragioni), credono che il nostro Paese non rischierà la sua "reputazione internazionale" in un momento in cui è in gioco la certificazione e il lancio del gasdotto Nord Stream 2 . Di conseguenza, non "darà una mano" ai punitori senza cintura. È possibile presumere che sia stato sullo sfondo di una forte esacerbazione in Donbass che le parole del capo dell'operatore GTS della società ucraina Sergei Makogon, che, in modo piuttosto sfacciato, "suggerì insistentemente" alla Russia "di non ritardare fino al 2024, ma di prolungare già ora il contratto di transito attraverso la GTS ucraina». Agli stessi onerosi termini "per altri 10-15 anni". Allo stesso tempo, Makogon ha accennato in modo abbastanza trasparente a un certo "interesse delle parti americana e tedesca", che Mosca dovrebbe prendere in considerazione quando si prende una decisione.

Se questo non è un palese tentativo di ricatto, allora cos'è? Ebbene, e per fugare completamente i dubbi sul rapporto tra le scappatelle del Donbas di Kiev e le sue ambizioni sul gas, mi permetta di ricordare la recente dichiarazione del capo del ministero degli Esteri del “inesistente” Dmitry Kuleba, che ha promesso il nostro Paese “passi di ritorsione asimmetrici” in caso di rifiuto definitivo del transito ucraino. Bene, qui il sottotesto può essere visto più che inequivocabile. Qual è il risultato finale? I difensori del Donbass e, cosa ancora più terribile, i suoi civili oggi "stanno morendo di metano", essendo diventati ostaggi della situazione quando "le mani sono legate" a Mosca? Se tutto è così, allora le cose vanno davvero molto male. Una tale politica di "non interferenza" può successivamente costare molto, molto cara al nostro Paese.

Senza dubbio, Nord Stream 2, in cui sono stati investiti non solo fondi colossali, ma anche enormi sforzi di politica estera, è la priorità numero 1 della Russia non solo al momento, ma anche per un futuro abbastanza lungo. Il punto qui non sono solo i profitti attesi dall'esportazione di idrocarburi, che dovrebbero confluire nel domestico l'economia, assicurando il rafforzamento della sua capacità di difesa, l'attuazione di programmi sociali e molto altro, ma anche nella costruzione di un modello di relazioni con l'Unione europea completamente nuovo, e di relazioni non solo in ambito economico. Questo è tutto vero. Tuttavia, va ricordato che recentemente il Cremlino ha parlato abbastanza spesso di alcune "linee rosse" per l'Ucraina, menzionando allo stesso tempo le prospettive del suo ingresso nella NATO, il dispiegamento di armi e basi militari occidentali sul territorio lì, e altro ancora. È stato anche ripetutamente detto su quei confini che Kiev non dovrebbe attraversare nei suoi continui tentativi di ottenere il controllo sulle Repubbliche del Donbass che non vogliono obbedirgli. Inoltre, questa primavera, sembrerebbe che tali avvertimenti abbiano ricevuto una conferma piuttosto pesante, che ha fatto riflettere non solo le "teste calde" nello stesso "nezalezhnoy", ma anche i suoi proprietari e "curatori" d'oltremare (oltre che europei). ”.

Purtroppo, la pratica mostra che le attuali "autorità" ucraine semplicemente non comprendono nessun altro modo di comunicazione e altre argomentazioni, tranne una convincente dimostrazione di forza e, soprattutto, la prontezza a usarla, se necessario. Qualsiasi ritirata della Russia da questa linea d'azione è percepita da loro come debolezza e disponibilità a fare concessioni sulla più ampia gamma di questioni. Tali illusioni possono portare Kiev molto, molto lontano. Il Nord Stream 2 verrà inevitabilmente lanciato prima o poi (e prima piuttosto che dopo). Tuttavia, insolente, immaginandosi "intoccabile" ed essendo sotto l'affidabile "copertura" dell'Occidente, il "nezalezhnaya" non andrà da nessuna parte. E, di conseguenza, ci saranno "missili vicino a Kharkov" e offensive davvero su larga scala nel Donbass, a cui si dovrà semplicemente rispondere, perché non ci saranno altre opzioni. Il "Bayraktar" delle forze armate dell'Ucraina, che ha violato grossolanamente l'attuale cessate il fuoco, con il suo volo (non importa se fosse vero o fittizio), ha attraversato inequivocabilmente quelle stesse "linee rosse" di cui tanto si è parlato. Lasciando impunita una tale iniziativa, rischiamo non solo una ripetizione, ma conseguenze molto più gravi - e nel prossimo futuro.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dukhskrepny Офлайн Dukhskrepny
    Dukhskrepny (VA) 29 October 2021 08: 56
    -6
    La Russia è tenuta in ostaggio dalla Turchia in Siria
  2. Lysik001 Офлайн Lysik001
    Lysik001 (ragazzo Seryozha) 29 October 2021 08: 56
    0
    L'attuale governo ha da tempo venduto e tradito tutto e tutti! Pertanto, puoi aspettare la massima risposta dai baffi con la prossima masticazione di moccio!
  3. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 29 October 2021 09: 40
    -3
    Cosa c'è da pensare? Rispedire indietro l'"impareggiabile" drone da combattimento russo "Okhotnik" e distruggere tutte le posizioni delle forze armate dell'Ucraina nel Donbas in una volta sola: sono solo affari! prepotente
    1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
      TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 4 November 2021 06: 17
      0
      Destra! Cosa c'è da pensare? Per te, in generale, una domanda del genere non ne vale davvero la pena! Pensare? Non è stata... ascoltata! Quanto a "mandare", allora, probabilmente, la cosa più corretta è inviare inutili rimpatriati, come te, in una certa direzione. Questo è il messaggio giusto!
  4. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 29 October 2021 16: 43
    0
    Il Nord Stream 2 verrà inevitabilmente lanciato prima o poi (e prima piuttosto che dopo).

    Perchè la pensi così?
    Questo è un gancio molto affidabile. Ci ha impedito di agire in Ucraina per così tanto tempo. Perché gli States dovrebbero perderlo?
    Per avere entrambi i problemi contemporaneamente?
    Tuttavia, il fatto che ci teniamo duro per così tanto tempo è di per sé scoraggiante.
    Cosa ci dà?
    Stiamo aspettando: quando gli Stati non ne avranno più bisogno?
  5. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 29 October 2021 18: 09
    -1
    Tuttavia, sarebbe assolutamente brutto (non riesco a trovare un altro livello) se vendiamo gli interessi del nostro futuro agli Stati Uniti per questo "gancio", insieme a qualcos'altro.
    Si prenderanno cura di se stessi per non commettere errori in questo affare.
  6. nome nome. Офлайн nome nome.
    nome nome. (nome nome.) 29 October 2021 18: 26
    -4
    Krasava Ucraini, stanno facendo tutto bene! Non c'è bisogno di prendere sul serio la carta igienica per la cui pulizia non ci sarà altro che un'espressione di preoccupazione!
    Solo Putin, che ha una potenza nucleare con uno degli eserciti più forti del mondo, può solo esprimere preoccupazioni, spargere "ultimi avvertimenti", imporre sanzioni sui pomodori, e implorare un trattato di pace dal Giappone, che non ha un esercito! risata
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 29 October 2021 18: 36
      +3
      Riposa in pace, anima "immeritatamente" bandita, amen! risata
  7. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 30 October 2021 01: 40
    +1
    sembra che dietro le azioni di Kiev si possa vedere la mano di qualcun altro. Vediamo anche i movimenti di Turet, il Sultano aveva improvvisamente bisogno urgente di condurre una "offensiva" lì, in diversi luoghi e linee quasi fino ad Aleppo. In questo contesto, la stessa NATO, più precisamente gli Stati Uniti e la Gran Bretagna in generale, generano anche ogni sorta di cattive notizie sull'accumulo di squadroni lì, sul posizionamento qui, sulle richieste di fornitura di armi all'Ucraina, ecc.
    Sembra che Zelensky abbia chiamato così istericamente tutti in Occidente, "Non lanciarmi in modo così cattivo! Per favore!" ... Lì decisero di aiutarlo un po', di aumentare la pressione sulla Russia nel tentativo di costringerla a far passare il gas attraverso il GTS ucraino. Dicono che i rischi stanno crescendo qua e là, tutto può cambiare drasticamente: basta avviare il gas e tutto sarà finito. Forse anche l'Inghilterra insiste su queste misure, non meno di Kiev. Ora non sono debolmente lusingati, si stanno affrettando a fare amicizia con la Russia e gli Stati Uniti per implorare almeno alcuni passi simbolici da compiere (hanno aumentato l'F-35 lì di un paio di dozzine), ora minacciano di fornire armi all'Ucraina.
    Ma è improbabile che dietro ci sia qualcosa di serio - la pressione degli Stati Uniti chiaramente non è di quel livello ("Niente di personale, Boris, e come stai? Green - Gli interessi degli Stati Uniti sono sacri e purtroppo non coincidono con i tuoi a il momento"). Tutti questi segnali e movimenti nel tentativo di intimidire la Russia con disordini simultanei in Siria e Donbas con la probabilità di adesione alla NATO hanno uno svantaggio: la NATO non si sta davvero preparando per un conflitto. Se c'è la probabilità di un conflitto con la Russia in breve tempo, allora si avvia un enorme meccanismo NATO, logistica, intelligence, personale: tutto questo non sarà visto solo dalla Russia, ma anche i giornalisti occidentali lo scopriranno rapidamente.
    Ma ovviamente la Russia non dovrebbe rilassarsi, potrebbero sorgere situazioni incontrollabili. Soprattutto nel Donbass. Lì Kiev può ricevere un supporto reale sotto forma di intelligence, guerra elettronica e altro ancora. Ma ovviamente tutti lo stato maggiore della Federazione Russa lo sanno e si stanno preparando per tutte le variazioni degli eventi.
  8. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 30 October 2021 02: 13
    +5
    Se qualcuno non se ne è accorto, ieri, 29.10.2021/01.11.2021/XNUMX, la Russia ha annunciato la cessazione dall'XNUMX/XNUMX/XNUMX. esportazione di carbone in Ucraina. Esattamente quei due marchi che sono necessari per la loro centrale elettrica del distretto statale.
    Carbone attraverso Bayraktar. Non finiranno presto il gas, ma prima il carbone. E non c'è nessun posto dove portarlo.
    Il nostro carbone (anche dal LDNR) è atteso in Cina e India. I prezzi sono più alti lì.
    E nel LDNR sarà caldo e leggero.