Diritti umani: due approcci contrapposti


Molti danno per scontata l'esistenza dei diritti civili, esistenti da tempo immemorabile. "Tutte le persone nascono libere ed eguali nella loro dignità e diritti" - suona così familiare e chiaro. Ora, in generale, la cosiddetta cultura giuridica ha sostituito la comprensione scientifica e storica del diritto. Poche persone pensano all'essenza del diritto in generale e all'essenza dei diritti civili in particolare.


Ma allo stesso tempo in politica non c'è questione più speculativa della questione dei diritti umani nei diversi paesi. Giornalisti, pubblico, comunità scientifica e rappresentanti degli Stati, soprattutto occidentali, sono fortemente interessati a dove, come e perché “vengono violati i diritti umani”. È vero, ci sono sfumature. In primo luogo, la "comunità mondiale" fa rumore sulle violazioni dei diritti umani principalmente in quei paesi che non vogliono ballare sulle note degli Stati Uniti. In secondo luogo, presta fastidiosamente raramente attenzione ai diritti di una "persona sana", ad esempio il diritto all'alloggio, al lavoro, al riposo, all'istruzione, alla medicina, allo sviluppo culturale e a una vita pacifica. Le fondazioni, i media ei governi occidentali sono più interessati ai diritti delle minoranze - razziali, nazionali e sessuali. Non voglio mischiare i primi due e l'ultimo, perché i diritti dei piccoli popoli e nazionalità sono effettivamente violati in alcuni luoghi, ma tale mescolanza è usata dagli stessi tutori dei diritti umani, quindi tutte le pretese sono fatte contro di loro . E l'Occidente è interessato ai diritti delle minoranze nazionali solo nella misura in cui servono a incitare al separatismo in alcuni paesi che odiano, il che dimostra perfettamente il silenzio di questi problemi, ad esempio negli Stati baltici, in Polonia, in Moldova e in Ucraina.

Di recente, la burocrazia nordcoreana ha emesso un altro rimprovero all'ipocrisia dei paesi occidentali, sottolineando, in primo luogo, che nessuno ha chiesto loro di valutare la situazione nella RPDC con i diritti umani, nessuno ha nominato i paesi occidentali come arbitri in questa materia, e secondo, che ci sono molti problemi con i diritti umani; terzo, che la politica estera degli Stati Uniti e dei suoi alleati porta a disastri umanitari in diverse regioni del mondo e, di conseguenza, alla famigerata violazione dei diritti umani. Un paese piccolo ma orgoglioso ha detto qualcosa su cui i grandi e i forti tacciono, o che accennano solo vergognosamente in maniera diplomatica.

Tuttavia, sarebbe una semplificazione eccessiva pensare che i "diritti umani" siano solo uno strumento politico nei litigi internazionali. In realtà, questa è un'intera ideologia che non è nata dal nulla, ha una certa base storica e fasi di sviluppo.

Cos'è giusto


Quindi, come sai, il diritto è sorto insieme all'emergere dello stato. Lo stato come istituzione della società è sorto come una sorta di potere, le cui differenze caratteristiche sono che si basa sulla violenza organizzata (squadra e prigione, polizia / esercito e prigione) e, quindi, ha un apparato di coercizione e controllo permanente, per così dire, sulla società. È successo che lo stato ha esercitato il suo potere senza usare o con un uso minimo della legge, ma nella maggior parte dei casi, se c'è uno stato, allora sorge un sistema di legge. La legge è una norma di comportamento pubblicamente divulgata e regole di relazione tra le persone, che sono protette dalla forza della coercizione statale.

È del tutto ovvio che lo Stato può sorgere solo dove c'è già una profonda divisione del lavoro e c'è proprietà privata. Gli stati originari furono formati per proteggere la proprietà della terra e gli schiavi dello strato dei capi più astuti e di successo che si separarono dalla comunità primitiva.

I primi sistemi giuridici furono costruiti sul principio della protezione della proprietà e degli interessi delle classi possidenti: proprietari di schiavi, mercanti, clero e, meno spesso, artigiani. In altre parole, i diritti venivano concessi solo a strati individuali, che erano protetti dallo Stato. Gli schiavi, e in seguito i servi della gleba, cioè una parte significativa della popolazione, non erano soggetti di diritto, erano considerati essenzialmente come proprietà.

Diritti umani


Allo stesso tempo, filosofi, piantagrane e ribelli hanno gradualmente insinuato nelle loro teste l'idea che tutte le persone sono uguali, almeno come persone. E qual è il modo più semplice per eguagliare le persone nel solito sistema di ordine sociale? Concedi uguali diritti.

Così, durante la Grande Rivoluzione francese, si realizzò l'idea estremamente audace di trasformare tutte le persone in cittadini dotati di uguali diritti. Questo modello ha gradualmente abbracciato il mondo intero e, grazie all'attività diplomatica dell'URSS, verso la metà del XX secolo, ha ricevuto un consolidamento normativo nel cosiddetto diritto internazionale (che, in senso stretto, non è diritto, poiché esiste non è un elemento chiave della coercizione).

Certo, l'uguaglianza non dà e non può dare una vera uguaglianza economica, politica e culturale, se non altro perché rende uguale l'inizialmente diseguale. L'uguaglianza sembra particolarmente ipocrita in condizioni economico polarizzazione della società. Una cosa è avere il diritto quando hai molti soldi, e un'altra cosa se sei un vagabondo.

Gradualmente, i diritti umani sono diventati oggetto di speculazione politica. Il problema principale dei diritti umani risiede proprio nel fatto che la loro essenza giuridica è così formale che nella vita reale è praticamente incapace di esprimersi. Qualunque sia l'uguaglianza dichiarata, in realtà è sempre possibile riscontrare una violazione della posizione di certe persone. Ad esempio, nelle relazioni di mercato, solo il denaro acquista valore reale. Il denaro dà di fatto il diritto di vivere come vuole il suo proprietario, nonostante tutte le leggi. O un altro esempio - se una società è piena di pregiudizi razziali, nazionali o religiosi. Non importa quale legge giusta lo stato possa emanare, la sua pratica di applicazione della legge sarà sempre discriminatoria. Perché il problema non è nella legge, ma nei contenuti delle relazioni sociali e nella cultura delle persone. Le persone molto colte non hanno affatto bisogno di leggi, sono in grado di agire secondo coscienza anche senza leggi.

Due approcci polari


Un tempo, la scienza giuridica sovietica, al contrario di quella occidentale, ha avanzato la tesi che tutti i diritti dovrebbero contenere meccanismi per la loro attuazione nella loro stessa dichiarazione. Ad esempio, il diritto al lavoro non dovrebbe essere sospeso nell'aria e lo stato è obbligato a garantire a tutti un lavoro e, in base al diritto all'alloggio, a garantire l'uso dell'alloggio, ecc. Successivamente, questo concetto è stato sviluppato in altri paesi socialisti e semi-socialisti e tale concetto appariva come diritto del popolo.

Ora ci sono paesi, tra cui la RPDC, la Cina, il Vietnam (e in parte la Russia), che vedono i diritti umani non come individualisti in Occidente, ma attraverso il prisma della vita dell'intero popolo, e questo è più corretto e ragionevole. In questo caso c'è una reale connessione tra diritti formali e condizioni di vita. Lo Stato, nato solo come istituzione di tutela della proprietà, sta progressivamente diventando uno strumento di regolazione dei rapporti sociali e dello sviluppo della società. Ciò significa che la questione del benessere delle persone si risolve nell'ambito dell'economia e della cultura, e non nel diritto.

Da un punto di vista scientifico, le persone non sono i cittadini del paese o la popolazione. Un popolo è, prima di tutto, un collettivo, una formazione storica oggettiva, vincolata da vincoli economici, lingua, cultura, comunità di vita e dotata di una stabile coscienza sociale. Cioè, queste non sono solo persone, ma anche legami sociali oggettivi tra di loro.

Che senso ha accusare la Cina di discriminare le minoranze sessuali se il popolo cinese e lo Stato cinese considerano l'omosessualità come una forma di comportamento deviante? Qual era il punto, ad esempio, incolpare l'URSS per la distribuzione forzata del lavoro, se in tal modo si raggiungeva il bene pubblico del popolo: venivano erette strutture industriali, si rafforzava la capacità di difesa del paese.

In altre parole, sono emersi due approcci ai diritti umani: egoistico e collettivista, privato e popolare.

Inoltre, l'approccio occidentale ai diritti umani ha una pratica storica negativa. I paesi occidentali non riescono a raggiungere l'armonia e la prosperità delle persone sulla sua base. Esempi di paesi occidentali felici non resistono alle critiche: in primo luogo, questi sono paesi microscopici del nord Europa, in secondo luogo, la loro "prosperità" si basa su più soldi di un comune cittadino che in altri paesi e, in terzo luogo, il loro benessere economico è costruito su uno scambio ineguale, cioè infatti, in un modo o nell'altro, derubano regioni e paesi arretrati. È impossibile trasformare la Russia e il mondo intero in Danimarca o Norvegia, perché i modelli economici di questi paesi non sono autosufficienti e nemmeno indipendenti.

Anche la pratica storica dell'approccio collettivista ai diritti umani come realizzazione dei diritti e degli interessi del popolo non è impeccabile, ma pochi sosterrebbero che, ad esempio, la "stagnazione di Breznev" fu un periodo molto più felice per il nostro popolo rispetto ad altri epoche. La Cina è stata in grado di sradicare la povertà estrema che nessun altro grande Paese può fare. Non è un argomento?

Qui si manifesta la differenza di visione del mondo negli approcci. Alcune persone sono pronte a discutere con la schiuma in bocca che la libertà nel senso occidentale è più importante dell'istruzione gratuita, della medicina, della cultura, dei risultati, ecc. Ciò che è importante è che gli venga dato personalmente il diritto di realizzare le loro inclinazioni all'arricchimento e alla felicità filistea, e lo stato non interferisce. Altri preferiscono pensare in categorie più patriottiche e collettiviste, discutendo del bene comune delle persone.

Lo stesso vale per l'essenza dello Stato: o serve solo a proteggere la proprietà con l'uguaglianza formale, oppure può agire come mezzo di sviluppo della società.

Pertanto, la RPDC afferma che stanno costruendo "il paradiso in terra" non per individui astratti, ma per le persone. E in Occidente non riescono nemmeno a capirlo. Sono preoccupati per i diritti delle minoranze sessuali e dei dissidenti.

Quale approccio è il futuro - solo la storia lo mostrerà. Ma puramente metodologicamente, un individuo senza società non è nulla, e la società non si accorgerà nemmeno della perdita di un individuo.

Pertanto, quando V.V. Putin dice che una persona dovrebbe essere al centro di tutte le attività dello stato, e sorge una domanda sprezzante: che tipo di persona? È un'altra cosa se le persone sono poste al centro.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 28 October 2021 22: 51
    0
    Il tuo articolo è adatto per una rivista scientifica. Hai sollevato un argomento del genere: "senza mezzo litro" non può essere risolto. Mentre leggevo, ricordavo tante cose, tante "copie" rotte.

    Le persone molto colte non hanno affatto bisogno di leggi, sono in grado di agire secondo coscienza anche senza leggi.

    Assolutamente d'accordo. L'attuale potere di coscienza non è sufficiente, quindi abbiamo molte domande con i diritti.
  2. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 28 October 2021 22: 53
    0
    E l'Occidente è interessato ai diritti delle minoranze nazionali solo nella misura in cui servono a incitare al separatismo in alcuni paesi che odiano, il che dimostra perfettamente il silenzio di questi problemi, ad esempio negli Stati baltici, in Polonia, in Moldova e in Ucraina.

    1) Paesi baltici - Lituania, Lettonia, Estonia. Per quanto ne so, l'approccio ai problemi delle minoranze è un po' diverso.
    2) Non ho sentito che i polacchi abbiano pizzicato le minoranze.
    3) E con la Moldova, l'autore ha colpito il cielo con il dito.

    In generale, assomiglia a un paragrafo del libro di testo di studi sociali per l'ottavo anno di scuola superiore.
    1. Adler77 Офлайн Adler77
      Adler77 (Denis) 29 October 2021 08: 57
      +1
      Perché, i diritti delle minoranze nazionali sono violati nei paesi baltici e in Moldova e Ucraina e Polonia, questo è il diritto di parlare, ricevere un'istruzione nella loro lingua madre e molti altri aspetti. O vuoi dire che non ci sono problemi di questo tipo nei paesi elencati?
      1. miffer Офлайн miffer
        miffer (Sam Miffer) 29 October 2021 11: 58
        -1
        Il vice politico ti ha detto all'informazione politica che ci sono questi problemi lì?
        O l'hai letto qui?
        1. Adler77 Офлайн Adler77
          Adler77 (Denis) 29 October 2021 15: 34
          +2
          No, mia moglie è della Transnistria, ci vado spesso. Il conflitto è nato proprio dalla riluttanza della leadership della Moldova a tenere conto dell'opinione delle minoranze nazionali.
          Ho sentito dai media dei passaporti dei non cittadini negli Stati baltici, non è vero?
          Anche l'ucrainizzazione violenta è un inganno?
          Neghi davvero l'esistenza di problemi o non sei d'accordo con qualcosa? Con Cosa?
          1. miffer Офлайн miffer
            miffer (Sam Miffer) 29 October 2021 20: 29
            0
            La Transnistria è come un paese separato dalla Moldova, sebbene ne sia legalmente inclusa. Ha un proprio spazio informativo, altre autorità, leggi, ecc.
            Ora, se tu personalmente, e non tua moglie, vivessi a Chisinau, e non nella PMR, allora potresti dire qualcosa di preciso sulla Moldova qui. E nel caso che hai descritto - span.

            Conflitto? Quale conflitto? 1992? L'inizio di quel conflitto il 2 marzo 2022 avrà 30 anni. Nel corso degli anni, molta acqua è passata sotto i ponti nel Dniester. Tutto scorre e cambia. E continui a dirmi che qualcuno è oppresso lì. Particolarmente idiota è il divieto di parlare nella lingua madre.

            Paesi baltici: in questo caso Lituania + Lettonia + Estonia. Così?
            Parlami dei passaporti dei non cittadini in Lituania. Ascolterò.
            I non cittadini in Lettonia ed Estonia hanno più diritti di te, essendo un cittadino russo in Russia.
            Il 14° sindaco di Riga, Nil Ushakov, è stato sindaco per quasi 10 anni. Qualcuno l'ha pizzicato in qualche modo? Raccontaci in dettaglio, ascolterò con piacere.

            Ucrainizzazione forzata? Tu, ancora una volta, non vivi in ​​Ucraina, puoi "sentire qualcosa dai media" sullo stato delle cose lì. Se leggi Reporter, Political Review e portali simili, hai un'immagine chiaramente distorta di ciò che sta accadendo lì. E non ho bisogno di insistere qui su "stai uscendo fascisti", "ebrei-Bandera" e così via. La verità è da qualche parte nel mezzo.

            In qualche modo ti sei perso la Polonia. La Polonia è generalmente oltre la tua percezione ...
            1. Adler77 Офлайн Adler77
              Adler77 (Denis) 29 October 2021 20: 55
              0
              Non so niente della Polonia.
              Per quanto riguarda l'Ucraina, ci sono molte minoranze etniche che vivono lì, che in alcune regioni costituiscono la maggioranza della popolazione, vorrebbero ricevere un'istruzione nella loro lingua madre, guardare la TV nella loro lingua madre, hanno questa opportunità? Per quanto ne so, no.
              Quanto ai paesi baltici, non posso dirvelo con certezza, poiché non sono un politologo, ma so che vi sono cittadini e non cittadini. Questa è sicuramente una disuguaglianza. Per quanto riguarda il confronto dei diritti dei non cittadini di Estonia e Lettonia rispetto ai miei, di cittadino russo, vorrei ascoltare e confrontare.
              Beh, riguardo a Kishinevo e PMR, non vedo cosa ti faccia indignare. Il PMR è de jure Moldova e non gli dispiacerebbe porre fine al conflitto, ma a condizione che le loro richieste siano soddisfatte, ma la Moldova è contraria e i negoziati sono in un vicolo cieco. Se la Russia non ci fosse, tutto sarebbe finito da tempo per i paesi di lingua russa, sull'esempio dei paesi dell'Asia centrale e dell'Ucraina. Quindi non ho bisogno di andare a Chisinau, non si tratta di lui.
              Di dove sei?
              1. miffer Офлайн miffer
                miffer (Sam Miffer) 29 October 2021 22: 36
                +1
                Non so niente della Polonia.

                Sapete qualcosa in più sull'Ucraina, i Paesi baltici e la Moldova.
                Hai Internet, cerca, leggi. Forse aiuterà.
                Hai anche il diritto di essere delirante.

                Non essere lì per la Russia tutto sarebbe finito molto tempo fa per i russofoni seguendo l'esempio dei paesi dell'Asia centrale

                Il 99% dei moldavi conosce il russo in un modo o nell'altro, quindi sono anche "russofoni".
                1. Adler77 Офлайн Adler77
                  Adler77 (Denis) 29 October 2021 22: 58
                  -1
                  Hai evitato di rispondere alle mie domande, il consiglio di cercare in Internet è semplicemente ridicolo, tu stesso cerchi in Internet la conferma delle mie parole e le trovi.
                  Conoscere il russo e considerarlo nativo sono concetti diversi, i moldavi in ​​Moldova non parlano russo.
                  Sei solo una specie di interlocutore non serio, hai iniziato così bene, solo per la tua salute, ma hai finito nello stile che ti serve e cerchi occhiolino
                  Come si fa un confronto tra i diritti dei cittadini voi e dei non cittadini delle repubbliche baltiche? Mi interessava davvero?
                  1. miffer Офлайн miffer
                    miffer (Sam Miffer) 29 October 2021 23: 53
                    +2
                    Parlare con te è come parlare a un albero, quindi non crocifiggo troppo.
                    Per i più dotati, sulle dita: in Lituania, che è anche una repubblica baltica, NON ci sono NON CITTADINI. Tali categorie sono disponibili solo in Lettonia ed Estonia. Se non sei in grado di capire questo, cos'altro ti può essere spiegato? Le regole della lingua russa, a proposito, della tua lingua madre? Quindi neanche tu lo conosci davvero.
                    E non cercherò conferma delle tue sciocchezze su Internet, ho cose più importanti da fare.
                    1. Adler77 Офлайн Adler77
                      Adler77 (Denis) 30 October 2021 10: 05
                      -1
                      Oh sì, la risposta tipica. Il passaggio all'abuso personale. Ok, confrontiamo i diritti dei non cittadini dell'Estonia e della Lettonia con i diritti dei cittadini della Federazione Russa, qual è la differenza di cui hai discusso con tanta veemenza?
                    2. Adler77 Офлайн Adler77
                      Adler77 (Denis) 1 November 2021 23: 03
                      0
                      Non l'ho cercato, ma in qualche modo è apparso nel feed.
                      I polacchi etnici sono regolarmente e massicciamente soggetti ad azioni discriminatorie in Ucraina per quanto riguarda la libertà di religione, l'istruzione nella loro lingua madre e la libertà di parola. La pubblicazione Msn Wiadomości scrive a riguardo, citando la dichiarazione ufficiale del vice ministro degli Esteri polacco Shimon Shinkovsky, resa in una riunione del dipartimento competente.
                      Com'è? Stanno mentendo?
                      :))))
                      E dove sei scomparso compagno :)
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 30 October 2021 16: 28
    +2
    Il censimento della popolazione 2021 si riduce all'invio nelle cassette postali del modulo n. 7 approvato con ordinanza Rosstat n. 17.09.2020 del 553 settembre XNUMX, in cui si chiede di partecipare al censimento in uno dei tre modi:
    1. Fino all'8 novembre 2021, compilare autonomamente i moduli di censimento su Internet sul portale dei Servizi dello Stato
    2. Fino al 14 novembre 2021, chiama e concorda l'orario di arrivo dello scrivano da te
    3. Entro il 14 novembre 2021, visita l'area di censimento fissa
    A giudicare dall'efficacia della vaccinazione contro il Covid-19, che, nonostante tutte le campagne e le misure coercitive, non raggiungerà il livello richiesto, può accadere che, a seguito di questo censimento, l'intera popolazione della Federazione Russa sarà paragonabile al popolazione di Mosca in vista dell'approccio formale di Rosstat al censimento della popolazione ...
    Invece di tali pezzi di carta, prenderebbero informazioni dalle società di gestione della casa e dal Ministero degli affari interni, il risultato sarebbe molto più vicino alla realtà.
  4. Valery Alexandrovich Proskurnin 31 October 2021 22: 37
    0
    Mi permetterò di aggiungere un paio di rubli al salvadanaio comune ...

    Quindi:

    Il diritto come copre l'universo, avvolge il sistema sociale, il che porta alla necessità di avere - nel campo della Ragione - più o meno uniforme regole di azione all'interno di un sistema di diritto (privato, individuale) al servizio di uno specifico sistema sociale e di tutti i tipi di soggettività inerente, come lo stato, vari tipi di istituzioni e organizzazioni, nonché gli individui nelle loro relazioni formali e informali, sia tra stessi e con altre persone giuridiche.

    È importante notare qui che le regole (procedure, operazioni) possono essere efficaci solo per unità identiche (gruppi di unità), altrimenti non possono essere utilizzati (regole). Per questo, tale unità universali, come 'individuo', 'soggetto giuridico', 'diritto umano' e molti altri, permettendo di lavorare con una grande varietà reale, ma a scapito delle stesse operazioni applicate a unità monotone.

    Un "individuo" è uno "spazio vuoto" universale o un'unità (discreta) di funzionamento, strettamente proporzionata a qualche altra unità nel sistema giuridico, nonché a qualche "diritto umano" individuale. E questa non è una qualità misteriosa di queste unità stesse, specialmente di persone o organizzazioni. Il punto è che sono i mezzi del lavoro della Ragione umana, che opera con singoli universali. Questa è la qualità della Ragione stessa!

    Il mezzo/strumentalità, in particolare, sta nel fatto che parole, concetti, espressioni e operazioni con essi sia nelle opere dei giuristi che nei testi dei documenti giuridici, siamo in grado (perché ci è stato insegnato) e siamo obbligati riguardano la vita reale, con le nostre (e non le nostre) azioni in questa realtà 'viva'.