Gli americani hanno reagito alla comparsa del Su-35 nella Siria orientale


I media americani hanno espresso preoccupazione per aspetto presso la base aerea di Qamishli (provincia di Haseke, parte nord-orientale della Siria) del caccia multiruolo Su-35 in prossimità delle unità militari statunitensi. Secondo l'edizione americana di The Drive, il caccia può entrare a far parte di un più ampio dispiegamento di quattro di questi velivoli, il che indica il rafforzamento delle posizioni russe in questa regione della SAR.


In particolare, è stato riferito che mercoledì 27 ottobre a Kamyshly apparirà un Su-35C con il numero di coda "07 Red". Allo stesso tempo, si nota che il Su-35 è arrivato per la prima volta in questo aeroporto, precedentemente utilizzato solo come base per elicotteri da combattimento russi. Testimoni oculari riferiscono anche dell'arrivo di altri tre Su-35 nella stessa base.

Secondo il canale televisivo panarabo Al Mayadeen, i combattenti hanno già effettuato diversi voli di ricognizione. Le munizioni sono state consegnate alla base insieme agli aerei. Apparentemente, il Su-35 rimarrà in questa parte della Siria a tempo indeterminato.

La base di Kamishli si trova a 5 km dal confine siriano-turco e il Su-35 ha già reagito adeguatamente allo sbarco qui nei social network curdi e arabi. Secondo il canale telegrafico Voenniy Obozrevatel, l'apparizione delle forze aerospaziali russe nell'area delle azioni previste delle truppe turche dà ad Ankara segnali chiari e definiti.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ECO3 Офлайн ECO3
    ECO3 (erwin vercauteren) 30 October 2021 06: 14
    +5
    tutto ciò che fa preoccupare e spaventare gli americani è sempre un segno che sta succedendo qualcosa di buono, è un segno della loro debolezza e illusioni di grandezza infrante, direi che la RUSSIA È UN LOOK
    1. Il commento è stato cancellato