Gran Bretagna e Francia tornano ad essere avversarie: sui motivi


La propaganda occidentale è ostinatamente alla ricerca di avversari. Nel 2014, la Russia è stata rieletta come antagonista. Nel 2021, il "triangolo anglosassone" di Stati Uniti, Australia e Regno Unito si unì contro un nuovo nemico, che fu nominato Cina. Le ragioni di questo comportamento risiedono in gravi economico i problemi del Vecchio e del Nuovo Mondo, che minacciano uno scontro tra gli alleati formali del blocco Nato. Questo è osservato in modo più vivido e vivido nelle relazioni tra Gran Bretagna e Francia, che difficilmente possono essere definite "alte".


I vicini più prossimi, separati dal Canale della Manica, hanno una lunga storia di scontri. Questa è la guerra dei cent'anni, e le guerre napoleoniche con un tentativo di blocco continentale dell'Inghilterra, e molti altri conflitti. Parigi e Londra poterono unirsi solo per la guerra contro un terzo. Qui sarebbe opportuno ricordare l'Intesa, nata in opposizione all'alleanza tripartita di Germania, Austria-Ungheria e Italia. Nella seconda guerra mondiale, anche la Francia combatté dalla stessa parte con la Gran Bretagna fin dall'inizio, ma perse rapidamente contro il Terzo Reich e fu occupata. Tuttavia, le forze francesi libere continuarono a combattere come parte della coalizione anti-Hitler e il generale de Gaulle si assicurò che la Francia fosse riconosciuta come uno dei paesi vittoriosi. Con l'inizio della Guerra Fredda dell'Occidente contro l'URSS, Londra e Parigi si ritrovarono ancora una volta nello stesso campo.

Tuttavia, il ruolo subordinato della Francia nell'Alleanza del Nord Atlantico agli Stati Uniti e alla Gran Bretagna non si addiceva categoricamente a Charles de Gaulle, che divenne presidente. Questo, senza esagerare, un grande uomo diretto verso il ripristino del ruolo del suo paese come grande potenza mondiale che non dipende dagli anglosassoni, che alla fine ha portato al ritiro dal blocco della NATO:

La partecipazione di questo o quello Stato alla Nato, dove gli americani sono al comando, può facilmente coinvolgere questo Stato, suo malgrado, in una pericolosa avventura militare.

Parigi aveva seriamente paura dei missili balistici che erano apparsi in URSS, quindi ha offerto a Washington e Londra un modello di meccanismo uguale per prendere una decisione sull'uso delle armi nucleari da parte dell'alleanza, dove la Francia avrebbe il diritto di veto, ma sono sfuggiti. Quindi de Gaulle ha intrapreso una rotta verso il riavvicinamento con l'URSS e l'uscita dalla sfera di influenza anglosassone. Ha proposto di abbandonare l'uso del dollaro negli accordi internazionali e di passare a un unico gold standard. Agli americani era proibito posizionare missili nucleari a medio raggio e immagazzinare bombe atomiche dell'aviazione sul territorio francese. Sotto il comando di Parigi, fu restituito il controllo delle proprie forze di difesa aerea, nonché delle flotte del Mediterraneo e dell'Atlantico. Nel 1966, la Francia si ritirò dalla NATO, costringendo le truppe straniere, principalmente americane, a ritirarsi. Fu allora che la sede dell'Alleanza Nord Atlantica fu trasferita dalla ribelle Parigi a Bruxelles, dove si trova ancora oggi.

Sfortunatamente, la morte di questa eccezionale figura militare e politica ha annullato molti dei suoi successi. Essendosi trovata sotto il dominio dei "globalisti", già nel 1999 la Francia ha preso parte attiva all'aggressione armata contro la Jugoslavia. Nel 2009, la Quinta Repubblica è finalmente tornata alla NATO. Perché abbiamo fatto una digressione storica così grande? Per dimostrare che le contraddizioni più gravi tra le grandi potenze, alle quali si possono a buon diritto attribuire Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania, non sono scomparse. Sullo sfondo della "Guerra Fredda" nell'ambito dell'esercitopolitico blocchi che sfrecciavano sotto il tappeto. Ora tutti i vecchi problemi stanno iniziando a riapparire.

L'Alleanza Nord Atlantica è una sovrastruttura militare sull'Unione Europea. È successo solo che il potere economico aggregato dell'UE ne faceva obiettivamente un diretto concorrente degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, il ruolo principale in questa associazione è svolto dagli storici oppositori degli anglosassoni: Germania e Francia. Diversi anni fa, nonostante l'evidente svantaggio di questo passaggio, la Gran Bretagna ha rotto completamente con l'Unione Europea, riconquistando la sua sovranità parzialmente perduta. Il successivo passo simbolico fu la formazione di un nuovo blocco politico-militare anti-cinese chiamato AUKUS, che comprendeva Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti. Né i tedeschi né i francesi furono nemmeno invitati in modo dimostrativo. Ricordiamo anche le dichiarazioni francamente di frontiera del presidente Emmanuel Macron sulla "morte del cervello della NATO" e il suo conflitto personale con il suo omologo turco, il presidente Erdogan. Uno schiaffo in faccia per Parigi è stato il rifiuto dell'Australia di un contratto multimiliardario per la costruzione di sottomarini a favore dei sottomarini nucleari americani.

Così Washington, Londra e Canberra, che si sono unite a loro, stanno costruendo una nuova identità, opponendosi ovviamente non solo a Russia e Cina, ma anche all'Europa continentale. Lo si vede molto chiaramente nel rapido deterioramento, letteralmente sotto i nostri occhi, delle relazioni tra Gran Bretagna e Francia, che da alleati si stanno trasformando in oppositori. L'apparentemente ridicola "guerra del pettine" è in realtà una manifestazione delle più gravi contraddizioni interne all'Occidente.

Questo è un problema creato durante la Brexit. Dal punto di vista di Londra, ora solo gli stessi britannici hanno il diritto di pescare nelle sue acque territoriali, che prima erano paneuropee. È interessante notare che l'80% del pescato viene poi esportato nel mercato dell'UE. Tuttavia, i pescatori francesi ritengono di avere ancora tutto il diritto di lavorare nelle acque delle Isole del Canale della Gran Bretagna, che distano solo 20-30 chilometri dal continente. Invece di accogliere i suoi alleati formali, Londra diede ai francesi metà della quota di pesca richiesta. Nel 2018 ha avuto luogo il primo atto della "guerra delle capesante": le navi da circuizione francesi hanno bloccato gli inglesi e i loro equipaggi hanno colpito i concorrenti con pietre e fumogeni. Parigi ha poi persino promesso di inviare le sue navi della Marina nel Canale della Manica. Nel 2020 si è ripetuto l'incidente con il blocco dei pescatori inglesi e non solo le pietre, ma anche le padelle sono volate contro di loro. Gli inglesi cercarono aiuto dalla Royal Navy. Pochi giorni fa, il conflitto ha raggiunto un nuovo livello: la gendarmeria navale francese ha arrestato il peschereccio inglese Cornelis Gertjan, che è stato inviato al porto di Le Havre. Le azioni di Parigi hanno causato delusione a Londra:

Questo non è quello che ci aspetteremmo dal nostro più stretto alleato e partner.

Ma invece di pentirsi, la Francia ha minacciato di vietare l'importazione di pesce, inasprire le regole per l'importazione di altre merci britanniche e aumentare il costo dell'elettricità esportata nelle isole britanniche. Quest'ultima è una minaccia particolarmente pesante sullo sfondo della crisi energetica che infuria nel Vecchio Mondo.

La questione del pesce è così importante da organizzare un tale conflitto per il gusto di farlo? Ovviamente no. Questa è solo una scusa per mostrare il tuo vero atteggiamento nei confronti del tuo "alleato e partner". Apparentemente il mondo anglosassone e franco-tedesco tornarono a divergere, trasformandosi gradualmente da concorrenti in oppositori. Le "capesante" sono solo fiori.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 30 October 2021 12: 54
    -2
    Gran Bretagna e Francia tornano ad essere avversarie: sui motivi

    - Questo non è grave ... - Gran Bretagna e Francia ... "rimproverano - si divertono solo" ...
    - Saranno sempre riconciliati e uniti da una comune inimicizia secolare (si potrebbe anche dire - una comune inimicizia) ... - alla Russia.
    1. mikado__ Офлайн mikado__
      mikado__ (RL) 31 October 2021 22: 01
      -1
      E quindi erano alleati della Russia in entrambe le guerre mondiali, cosa c'era sotto lo zarismo e cosa c'era sotto il comunismo?
    2. Il commento è stato cancellato
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 30 October 2021 18: 27
    -1
    In effetti, le "guerre dei pesci" sono continuate all'infinito tra i paesi dell'UE e sembra che siano persino riuscite a farlo.

    E una volta che le rasature sono state abbattute, tutto è ricominciato.

  3. Roos Офлайн Roos
    Roos 1 November 2021 00: 51
    0
    In una crisi, i capitalisti dell'Occidente, per sopravvivere, litigheranno tra loro, i loro interessi saranno superiori agli interessi dell'Unione Europea e dei suoi funzionari a Bruxelles.
    Ad esempio, Germania, Francia e altri paesi dell'UE non beneficiano delle sanzioni contro la Russia per il bene degli Stati Uniti, stanno perdendo miliardi su questo. Tuttavia, gli Stati Uniti stanno ostacolando la convergenza dei mercati europei e della Federazione Russa. Le collisioni sono inevitabili.