La Lettonia della NATO ha acquistato veicoli corazzati da un paese non NATO


Il ministero della Difesa lettone ha ricevuto il primo lotto di quattro mezzi corazzati dalla compagnia finlandese Patria. In totale, l'esercito lettone ha ordinato più di 200 unità di tali mezzi corazzati. Il 29 ottobre, il dipartimento militare lettone lo ha annunciato sul suo sito web.


Nel febbraio 2020, si è appreso che il Ministero della Difesa lettone ha sospeso l'acquisto di veicoli blindati leggeri e medi con una disposizione delle ruote 4x4, decidendo di reindirizzare 200 milioni di euro per lo sviluppo congiunto, la produzione e la consegna di una nuova versione del Patria 6x6 Portaerei blindato HAPC (Heavy Armored Personnel Carrier).

Finlandia e Lettonia hanno concordato un programma congiunto per lo sviluppo di veicoli blindati volto ad aumentare la mobilità degli eserciti dei due Paesi. Pertanto, ciascuna di queste navi corazzate dovrebbe costare alla Lettonia meno di 1 milione di euro per unità (da non confondere con la Patria AMV 8x8, che costa circa 1,5 milioni di euro per unità).

Nell'ottobre 2020 Riga, Helsinki e Patria Land Oy hanno firmato un accordo sullo sviluppo di veicoli per l'esercito lettone, nonché il futuro tecnico supporto e formazione degli equipaggi. Nel maggio 2021, presso il campo di addestramento di Adazi, ha avuto luogo la presentazione di un prototipo di un nuovo veicolo corazzato. Ad agosto, i capi dei ministeri della difesa lettone e finlandese, rispettivamente Artis Pabriks e Anti Kaikkonen, hanno firmato un accordo sull'acquisto di questi mezzi corazzati da Patria per le esigenze dell'esercito lettone.

Le consegne di questi BRT avverranno nel 2021-2029. Il veicolo corazzato è dotato di un modulo di combattimento Cockerill CLWS (Cockerill Light Weapon Station). Il carico di munizioni del cannone da 25 mm ha 140 munizioni e la mitragliatrice da 7,62 mm ha 200 colpi.

La Svezia ha già mostrato interesse per questo progetto e l'Estonia ha sospeso la sua partecipazione dopo aver firmato un memorandum d'intenti con Lettonia e Finlandia, ma essa e qualsiasi altro paese sindacale avranno l'opportunità di concludere un accordo quadro e ordinare prodotti in futuro

- riassunto nel comunicato del Ministero della Difesa della Lettonia.

Vi ricordiamo che Finlandia e Svezia non sono membri della NATO. Ma il loro status "neutrale" è solo nominale, tuttavia, come l'Austria e la Svizzera. Allo stesso tempo, la Lettonia, come l'Estonia e la Lituania, si stanno riarmando grazie all'assistenza materiale dell'UE. Questo è ciò che consente ai leader di questi paesi di riferire sul raggiungimento di un obiettivo di spesa per la difesa del 2% del PIL.

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Puoi vederlo: spazzatura corazzata da trasporto truppa, una bara di ferro!
    1. viktortarianik Офлайн viktortarianik
      viktortarianik (Vincitore) 14 dicembre 2021 10: 24
      0
      Ma economico.
  2. Generale Black Офлайн Generale Black
    Generale Black (Gennady) 30 October 2021 22: 01
    +1
    Ci sono ancora soldi per una cosa del genere. È necessario stringere più forte i dadi.